Africa Australe

E-Africa Business Lab: Africa Australe, non solo minerario, tante opportunità per tutti i settori

“E-Africa Business Lab continua”, ha esordito giovedì 28 maggio Alessandra Rainaldi, responsabile del progetto per l’Agenzia Ice, in apertura dei lavori del webinar dedicato all’Africa Australe, ultimo di quattro incontri informativi rivolti alle Pmi italiane, prima dell’inizio dei quattro percorsi settoriali, ciascuno dei quali sarà diviso in tre giornate formative e incentrato su una filiera e due mercati africani (3-4-5 giugno: Agribusiness in Etiopia e Angola; 9-10-11 giugno: Infrastrutture e Costruzioni in Nigeria e Uganda; 16-17-18: Energia in Kenya e Mozambico; 23-24-25: Moda in Ghana e Etiopia). Ma il progetto di ICE Agenzia offrirà anche ai partecipanti, a fine percorso, l’opportunità di arricchire la propria agenda  di contatti operativi da utilizzare alla volta dei mercati subsahariani e prima di tutto di carattere istituzionale: “Il sistema-Italia c’è, è a disposizione e va sfruttato”, ha dichiarato, ancora la Rainaldi a conclusione del suo intervento.

Ribadendo la necessità di conoscere i contesti locali in un continente caratterizzato da molte realtà diverse ma anche da tante opportunità per il modello imprenditoriale italiano, Mariangela Siciliano, responsabile del programma Education to Export di Sace Simest, partner dell’E-Africa Business Lab, ha evidenziato “la sinergia ideale per affrontare i mercati africani” offerta dal progetto, attraverso la collaborazione di due attori pubblici con Confindustria Assafrica & Mediterraneo, terzo partner dell’iniziativa, allo scopo di conferire un “patrimonio di formazione e conoscenze” alle aziende italiane aderenti. Durante il suo intervento, il direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, Pier Luigi D’Agata, ha nuovamente ringraziato Ice e Sace Simest per l’ideazione dell’E-Africa Business Lab e evocato il coinvolgimento dell’Associazione per la regione australe del continente in tre importanti progetti in Angola, Zimbabwe e Congo-Kinshasa, nei settori della formazione professionale, dell’agribusiness, della pesca e dell’industria.

Moderatore dell’incontro, Massimo Zaurrini, direttore di InfoAfrica/Africa e Affari, ha poi introdotto il topic dell’incontro e precisato che nonostante l’impatto del Covid, la riduzione dei prezzi del settore minerario – in una regione a forte vocazione mineraria, oil&gas, diamanti e oro in primis -, il tasso di crescita più basso del continente e le gravi ripercussioni causate dai cambiamenti climatici, l’Africa Australe si presenta come l’area più stabile, caratterizzata da un’integrazione regionale in seno alla Sadc (Comunità di sviluppo dell’Africa Australe) seconda solo all’Africa Orientale, dalla presenza di servizi finanziari avanzati (in particolar modo per il Sudafrica e Mauritius) e da ottime prospettive e potenzialità nelle filiere delle energie rinnovabili, del turismo, dell’agricoltura, della pesca e del gas naturale con la recente scoperta delle immense riserve del Mozambico.

Durante l’outlook sui rischi e le opportunità individuati per la regione, Ivano Gioia dell’Ufficio Studi Sace ha indicato che l’export italiano in Africa Australe era ammontato a 2,5 miliardi di euro nel 2019 – di cui quasi un terzo rappresentato dalla sola meccanica strumentale – sottolineando in particolare un calo del 31,5% per i beni intermedi in Sudafrica, compensato da un eccezionale +431% registrato in Zambia per commesse concluse nel campo dell’aeronautica. Partendo dalla disamina di tre Paesi della regione, Gioia ha sottolineato il rimbalzo previsto per il Sudafrica dopo la forte recessione del prossimo anno, i 3,7 miliardi di dollari sbloccati nel 2019 dal Fmi nell’ambito di un programma per la diversificazione dell’economia dell’Angola, il cui Pil è ancora troppo correlato all’andamento dei prezzi del petrolio, e il prossimo ingresso del Mozambico nella cerchia dei maggiori produttori e esportatori di gas naturale del mondo, attraverso progetti che vedono anche il coinvolgimento di imprese italiane.

Dall’ufficio regionale di Luanda, la direttrice di ICE,  Maria Elisabetta Merlino ha d’altra parte specificato le potenzialità offerte dall’Angola, inclusi settori proponendo un ampio margine alle aziende di piccole dimensioni. Dopo aver evocato i recenti emendamenti alla Legge sugli investimenti privati varati dal governo ma anche sui fondi pubblici stanziati in vari settori, la Merlino ha posto l’accento sull’emergenza crescente di una classe media che determina trasformazioni nei consumi interni e nuove opportunità nel turismo, nell’agroalimentare – tra cui il vino -, nella moda e nell’arredamento.

Il direttore Ice di Maputo, Gianni Loreti, ha poi ricordato le altissime prospettive attese sul medio periodo in Mozambico per l’imminente sfruttamento delle nuove risorse di gas naturale, con previsioni di crescita all’8,6% per il 2023 e addirittura all’11% per il 2024. Loreti ha anche ricordato l’opportunità offerta dagli Accordi di Partenariato Economico (Ape) per il libero scambio tra l’Ue e la Sadc che esonerano di imposte le importazioni provenienti dall’Africa Australe e di diritti doganali il 74% dell’export europeo in quei Paesi.

Ricchi di indicazioni utili gli interventi delle testimonianze aziendali, che hanno sollecitato le imprese interessate ai mercati africani a fare sistema, ad adeguare i propri prodotti alle esigenze e ai contesti locali, a mostrarsi flessibili, a investire in progetti di medio e lungo termini ma anche soprattutto a allestire uno showroom o aprire una sede in loco. In questo incontro sono state tre le testimonianze di aziende attive nella regione: la Sunchem, con Sergio Tommasini, la MA AG, per la quale è intervenuta Serena Ruggeri, spiegando come anche una piccola azienda italiana attiva nel settore dei macchinari per l’agricoltura possa lavorare sui mercati africani, e infine quella di Simone Santi, presidente di Leonardo Group & Ccmi, azienda attiva in Mozambico in vari settori dall’Oil & Gas all’immobiliare e all’agroalimentare, passando per le rinnovabili.

L’ultima parte dell’incontro è stata dedicata alle domande dei partecipanti , post agli  esperti che hanno risposto in modo esauriente a molti interrogativi sulla regione, tra cui l’impennata del terrorismo islamista, i progetti per l’acquacoltura e la pesca, le prospettive per il tessile o ancora il funzionamento del sistema bancario.

In considerazione del successo riscosso dell’E-Africa Business Lab che ha raggiunto quasi 300 iscrizioni, l’ICE Agenzia ha annunciato che è in cantiere, per il prossimo anno,  una seconda edizione dell’iniziativa. [CN]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Cabo Delgado (2), quali perché dietro la...

    MOZAMBICO - Perché i miliziani stanno destabilizzando la regione? Su questo aspetto non c’è nulla di certo. Secondo alcuni esperti di terrorismo internazionale, al-Shabab sarebbe uno strumento in mano a gruppi di potere che cercano di impossessarsi dei ricchi giacimenti di idrocarburi della provincia oppure sarebbero la pedina che alcuni politici muovono da Maputo per contrastare il governo legittimo. «Le ricchezze del sottosuolo possono essere la causa di questa ribellione? - si chiede mons. Luis Fernando Lisboa, vescovo di Pemba -. Difficile dirlo. In merito non abbiamo certezze. Sappiamo che altrove, in Nigeria, ma anche in Iraq e in Siria, gruppi jihadisti hanno sempre cercato di impossessarsi dei campi petroliferi. Qui nel Nord del Mozambico abbiamo grandi giacimenti di gas. Può essere che ci sia qualcuno che sfrutta queste milizie per impossessarsi di queste aree. A mio parere, però, ci sono altre ragioni. Il Mozambico è uno dei Paesi più poveri al mondo e la provincia di Cabo Delgado è sempre stata emarginata. Questa povertà spinge i giovani nelle braccia di fondamentalisti, tanto più che al-Shabab paga i miliziani e offre loro cibo». Di fronte a queste minacce le aziende energetiche coinvolte nello sviluppo del bacino del Rovuma hanno cercato di isolarsi. Le imprese di sicurezza ricevono più di un milione di dollari al mese per tenere al sicuro i lavoratori. Queste guardie arruolano scorte armate provenienti dai reparti migliori delle forze governative.  Oltre a propagandare un Islam feroce e fanatico, i miliziani di al-Shabab controllano anche una serie di traffici illeciti e il contrabbando di merci con la Tanzania. «Tutti hanno puntato gli occhi verso i giacimenti di gas - osserva un missionario del posto -, ma questa zona è ricchissima di risorse naturali: rubini, legno pregiato, ecc. La gestione di queste risorse fa gola a molti. Voci dal territorio parlano anche di traffici di sostanze illecite e, addirittura, di organi umani. Sono voci e non mi sento di sottoscriverle, ma tutto è verosimile in questo contesto». A subire questi attacchi è tutta la popolazione locale sia essa di fede islamica o cristiana. Le prime vittime di questi attacchi – spiegano i missionari - sono proprio i musulmani. La comunità islamica locale è terrorizzata. Fin dall’inizio i musulmani del Mozambico hanno preso le distanze da questi attacchi. I leader hanno condannato le uccisioni e le violenze affermando che tutto ciò non ha nulla a che fare con l’Islam. «Come fantasmi – conclude mons. Lisboa -, i ribelli compaiono e scompaiono senza farsi vedere, lasciando dietro di loro i resti dei disastri compiuti. Ma sappiamo che i fantasmi non esistono. È un pezzo di lenzuolo che nasconde qualcosa o qualcuno. Dobbiamo togliere questo lenzuolo per smascherare chi si nasconde dietro». [EC]
  • Mozambico Free

    Cabo Delgado, quella nebbia che avvolge al-Shabab

    MOZAMBICO - Di certo ci sono solo le vittime (ormai un migliaio), i feriti, gli sfollati e la paura. Tutto il resto è avvolto da una fitta nebbia. Chi sono gli al-Shabab, i guerriglieri che da due anni attaccano villaggi e cittadine della provincia di Cabo Delgado in Mozambico? Chi li fornisce di armi e mezzi? Quali sono i loro obiettivi? Nessuno lo sa di preciso. Al di là delle dichiarazioni degli stessi miliziani di appartenere allo Stato islamico, non ci sono certezze. Per cercare di capire che cosa sta travolgendo il Nord del Paese, bisogna mettere insieme i pochi elementi a disposizione. Il primo tassello è la fondazione, una decina di anni fa, del gruppo Ahlu sunnah wa jamo/Ansar al-Sunna. A crearlo sono Nur Adremane e Jafar Alawi, musulmani originari di Mocimboa da Praia. A ispirarli è Aboud Rogo, un predicatore islamico tra gli organizzatori dell’attentato all’ambasciata Usa a Nairobi (1998) e tra i finanziatori di al-Shabaab in Somalia (prima di essere assassinato a Mombasa). I due predicatori mozambicani iniziano a frequentare le moschee di Cabo Delgado incoraggiando i giovani a lasciare le scuole e ad accettare «borse di studio» per frequentare scuole coraniche nei Paesi del Golfo. Arruolarli non è difficile. Cabo Delgado è una delle province più povere del Mozambico, uscita distrutta dai combattimenti delle guerra civile e con tassi di disoccupazione elevatissimi. Da qui la storia diventa più incerta. Al gruppo originario si sarebbero aggiunti miliziani provenienti da Tanzania, Somalia e Grandi Laghi. Da questo gruppo radicalizzato, che promuove un’applicazione rigida della legge islamica, nel 2013 avrebbe preso forma al-Shabab. Nessuno però sa dove questo gruppo trovi i finanziamenti e le armi per dar vita alla lotta armata. Ciò che è certo è che nel 2015 sono iniziati le prime azioni. Inizialmente, siamo nel 2017, si tratta di attacchi ai villaggi rurali di Cabo Delgado. I miliziani li assaltano e uccidono uomini, donne e bambini. Incendiano le capanne e i raccolti. E, una volta compiuta l’azione, spariscono. Molte famiglie, spaventate, fuggono dalle proprie abitazioni per cercare riparo in zone più protette al Sud. Il governo mozambicano tarda a intervenire. Vengono inviati rinforzi alle stazioni di polizia, ma sono insufficienti. Poi vengono mandati militari. I reparti che salgono al Nord sono composti da ragazzi di leva, male armati, male equipaggiati e demotivati. Gli attacchi continuano. Sempre più cruenti. I machete lasciano il posto alle armi automatiche. I vecchi motorini a moderni fuoristrada. E, all’inizio del 2020, si registra «un salto di qualità». Gli obiettivi non sono più i villaggi o le stazioni di polizia, ma centri importanti: Mocimboa da Praia, Kisongo e Mudimbe. Attaccano le cittadine, le occupano e issano la bandiera nera dell’Isis. Lo stesso Daesh rivendica le azioni e riconosce i miliziani come suoi «soldati». [SEGUE]
  • eSwatini Free

    Prorogato divieto vendita alcolici

    ESWATINI - E’ stato prolungato fino a novembre il divieto di vendita  di alcol in Eswatini. E’ stato lo stesso  Re Mswati III a prendere la decisione andando anche contro le posizioni del governo e di una serie di influenti ministri.  La misura è stata giustificata nell’ambito delle azioni intraprese per contrastare l’avanzata del coronavirus nel piccolo Paese dell’Africa australe.  Il dipartimento affari legali e societari di Eswatini Beverages, guidato da Mpumelelo Makhubu, ha rilasciato una dichiarazione sui social media, che sottolinea la frustrazione dell’azienda per la questione, avvertendo che l'industria degli alcolici nel Paese non sarà in grado di sopravvivere alla prolungata sospensione delle vendite di alcolici. [MS]
  • Botswana Free

    Pari opportunità, anche donne sposate potranno...

    BOTSWANA - Un passo avanti lungo il sentiero delle pari opportunità è giunto negli ultimi giorni dal Botswana. Il capo dello Stato Mokgweetsi Masisi ha infatti firmato la legge che d’ora in avanti consentirà anche alle donne sposate di essere proprietarie di terre ovvero indipendenti e con gli stessi diritti dei mariti.  Di fatto, è stata emendata una legge del 2015 (Land Policy) che aveva privato le mogli di questo diritto. Finora le norme sulla proprietà terriera in Botswana avevano sempre impedito alle donne sposate di possedere terre se già il marito ne possedeva. Solo le vedove o le mogli di un uomo non ancora in possesso di terreni potevano acquistarne. Queste norme hanno lasciato milioni di donne senza possibilità di accesso ad appezzamenti dove vivere e lavorare. “La Botswana Land Policy 2015 era discriminatoria nei confronti delle donne sposate e non ha concesso loro la parità di trattamento con gli uomini, e sono felice di annunciare che questa parte della legge discriminatoria è stata abrogata”, ha detto il presidente in un briefing virtuale. Masisi ha detto su Twitter che la nuova politica proteggerà anche le vedove e gli orfani. [MS]
  • Sudafrica Free

    In preparazione un piano nazionale per le...

    SUDAFRICA - Il ministero dei Lavori pubblici sudafricano sta lavorando alla redazione di un piano nazionali per gli investimenti infrastrutturali nel Paese.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che il governo ha recentemente istituito una nuova entità - denominata Infrastructure South Africa (ISA) - che sarà responsabile della progettazione, della presentazione, delle modalità di finanziamento e della supervisione strategica di tutti i progetti inseriti nel piano.

    Secondo le informazioni rese note dal ministro dei Lavori pubblici sudafricano, Patricia de Lille, il piano nazionale delle infrastrutture ha un arco temporale di 25 anni per fornire una strategia a lungo termine e dovrebbe contenere 276 progetti per un valore economico complessivo stimato pari a  circa 150 miliardi di euro.

    Obiettivo del governo è raddoppiare la spesa destinata alla realizzazione di nuove infrastrutture, attualmente equivalente a una percentuale del 5,8% rispetto al prodotto interno lordo. [MV]

  • Sudafrica Free

    Conferenza virtuale su una 'just energy transition'

    SUDAFRICA - RES4Africa Foundation organizza un evento virtuale incentrato su una “Just Energy Transition” in Sudafrica, il più grande mercato di energia elettrica in Africa, ancora fortemente dipendente dal carbone e la cui domanda energetica è influenzata da frequenti carenze di approvvigionamento, aumento delle tariffe e minore intensità energetica. Durante l’evento virtuale, sarà presentato lo studio “Development of a reskilling framework a support of a just energy transition”, sviluppato per RES4Africa Foundation da CSIR ed ERM.  Lo studio si propone di valutare il numero di nuovi posti di lavoro che verranno creati da fonti rinnovabili e il relativo fabbisogno di competenze, nonché di disegnare un piano quadro di riqualificazione che evidenzi i fattori abilitanti per renderlo attuabile.  Lo studio presenta anche le lezioni apprese dai Paesi in cui è già avvenuta la transizione a un sistema energetico a basse emissioni di carbonio, concentrandosi sui principali risultati socio-economici in termini di SDGs, evidenziando somiglianze e consigliando possibili azioni utili per il caso sudafricano. Per iscriversi al webinar seguire questo link cliccando qui.