Burkina Faso

Tamat, Croce Rossa Monegasca e Croce Rossa Burkinabé insieme per lavoro e formazione

BURKINA FASO – Un accordo di collaborazione in materia di lavoro e formazione è stato firmato a Ouagadougou dall’ong italiana Tamat, dalla Croce Rossa Monegasca e dalla Croce Rossa Burkinabé. Le tre organizzazioni hanno sottoscritto un progetto denominato ‘Pour un impact communautaire positif autour du Centre de Formation Polyvalent de Loumbila’ (Cfpl).

Il progetto è finanziato della Sezione Cooperazione Internazionale del Gouvernement Principier de la Principauté de Monaco e ha come capofila la Croce Rossa Monegasca e come partner operativi in Burkina Faso la Croce Rossa Burkinabé e Tamat che in Burkina Faso è rappresentata da Denisa R. Savulescu.

Il progetto, che durerà 34 mesi, è rivolto ad azioni concrete per contribuire alla sicurezza alimentare della popolazione burkinabé, lottare contro l’insicurezza alimentare attraverso il sostegno all’allevamento contrattuale e all’agricoltura familiare di sussistenza, creando integrazione tra allevatori e agricoltori. “Il tutto – si legge in un comunicato – per un miglioramento dell’accesso ai prodotti agro-alimentari per la popolazione più povera e vulnerabile della zona rurale di Loumbila. Si tratta insomma di un vero e proprio rafforzamento del partenariato tra Tamat e le due CR, partenariato lanciato nel mese di marzo 2017 attraverso il progetto ‘Soutien à l’agriculture familiale et au tourisme vert’”.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Il porto di Takoradi ha un nuovo terminal per rinfuse...

    GHANA – Un terminal per rinfuse liquide è stato inaugurato nel porto di Takoradi, lo scalo che serve la regione industriale dell’ovest del Ghana e che ambisce a diventare un crocevia per il trasporto di merci nell’Africa Occidentale.   Il nuovo terminal, destinato soprattutto alla manutenzione di prodotti petroliferi, è stato realizzato dalla Amandi Ghana Limited, un’azienda di costruzioni e ingegneria basata in Ghana, insieme alla IbisTeck, con il sostegno finanziario del Ghana Infrastructure Investment Fund e della Consolidated Bank Ghana. Il cossto dell’opera è stato di 56,7 milioni di dollari.   Il terminal pet rinfuse liquide offre un molo di 303 metri di lunghezza e 14 metri di profondità.   Con un uso ottimale, l’infrastruttura dovrebbe essere in grado di gestire il 50% del consumo nazionale di carburante e di migliorare il trasbordo di prodotti liquidi verso altri Paesi.   In occasione dell’inaugurazione, è stato dato il via alla costruzione del terminal per finfuse secche, che si chiamerà Atlantic Terminal Limited. La sua apertura è prevista nel secondo trimestre del 2022. [CC]
  • Togo Free

    Accordo per promuovere digitalizzazione e...

    TOGO - Il governo di Lomé ha stretto un accordo con i due principali operatori della telefonia mobile nazionali, TogoCel e MoovTogo, per offrire piccoli prestiti agli agricoltori togolesi per promuovere l’innovazione del settore primario.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che l’intesa prevede la realizzazione di una piattaforma digitale in collaborazione con la società ghanese TROTRO Tractor per consentire agli agricoltori di noleggiare macchinari per il tempo necessario alle loro attività.

    Il progetto, denominato YOLIM, si propone di sviluppare una "piattaforma di economia condivisa" per la meccanizzazione dell’agricoltura in Togo, garantendo ai produttori locali l'accesso immediato al credito da remoto attraverso una semplice richiesta tramite telefono cellulare.

    In base alle informazioni a disposizione, gli agricoltori potranno fare richiesta di crediti per un valore pari a circa 150 euro da utilizzare sotto forma di voucher sulla piattaforma YOLIM per noleggiare i macchinari e acquistare fertilizzanti, semi, pesticidi e altri input dai fornitori partner. [MV]

  • GhanaNigeria Free

    Qatar Airways vola verso Accra via Lagos

    GHANA / NIGERIA – A partire dal 29 settembre saranno quattro i collegamenti settimanali tra l’aeroporto di Hamad e la capitale del Ghana, Accra, via Lagos, capitale commerciale della Nigeria. Lo ha annunciato la Qatar Airways, che con queste due destinazioni africane segna la quarta ripresa di voli internazionali dopo il lockdown. L’intenzione di lanciare voli verso Accra era stata inizialmente annunciata per gennaio scorso. Akbar Al Baker, direttore esecutivo della compagnia, ha ringraziato il governo del Ghana per il sostegno all’iniziativa, che si prevede possa incentivare la ripresa del commercio e del turismo. «Siamo lieti di lanciare i voli verso la capitale del Ghana, una delle economie in più rapida crescita della regione, famosa per l’ospitalità locale e per le esportazioni agricole molto ricercate. Abbiamo annunciato per la prima volta la nostra intenzione di lanciare i voli per Accra nel gennaio 2020 e, sebbene la pandemia abbia leggermente ritardato questi piani, non ci ha impedito di adempiere al nostro impegno nei confronti dei passeggeri del Ghana e in tutto il mondo. Con la forte diaspora ghanese, soprattutto in Europa, nel Regno Unito e negli Stati Uniti, siamo grati al governo del Ghana per il sostegno che ci ha dato nell'aiutarci a lanciare questi voli, offrendoci l'opportunità di riunire famiglie e amici con i propri cari. Non vediamo l'ora di lavorare a stretto contatto con i nostri partner in Ghana per far crescere costantemente questa rotta e sostenere la ripresa del turismo e del commercio nella regione» ha detto il responsabile. Per metà ottobre, la Qatar Airways intende garantire 46 voli settimanali verso 14 destinazioni in Africa, tra cui Addis Abeba, Dar es Salaam e Gibuti.[CC]
  • Ghana Free

    Una centrale solare per la nuova città d’Appolonia

    GHANA – È iniziata la costruzione di una centrale solare da 5 megawatt per fornire elettricità alla nuova città di Appolonia City, nei pressi della capitale Accra. Il fornitore della centrale è la Axcon Energy, una società specializzata in soluzioni che sfruttano le fonti d’energia rinnovabili, con sede ad Accra. L’elettricità prodotta dai pannelli fotovoltaici saranno iniettati nella rete attraverso una sottostazione da 11 kV. Ad essere serviti potranno essere sia i residenti e gli uffici della città, sia le unità della zona industriale che si sta costituendo accanto all’area dedicata alle abitazioni, ai servizi e ai negozi. Appolonia City prevede 25.000 alloggi per 100.000 persone a 28 km a nordest da Accra. [CC]
  • Niger Free

    Attacco di Kouré rivendicato dall’Isis

    NIGER - È stato rivendicato dallo Stato Islamico (Isis) l’attacco del parco delle giraffe di Kouré, in Niger, in cui sei francesi e i loro due accompagnatori nigerini sono stati assassinati lo scorso 9 agosto. La rivendicazione è riferita dalla stampa francese, che cita come fonte un comunicato diffuso dall’organo di propaganda dell’Isis, Al-Naba, autentificato dal Site Intelligence Group Entrerprise, un’azienda basata negli Stati Uniti specializzata nell’analisi delle comunicazioni dei gruppi terroristi. Il comunicato fa riferimento ad un attacco lampo contro un gruppo di «crociati» francesi e due «apostati» nigerini. Giunta oltre cinque settimane dopo la strage, secondo un esperto consultato dall’Afp, non è chiaro dal comunicato se l’operazione era stata preparata in anticipo né se la rivendicazione è puramente opportunista. Sette delle otto vittime lavoravano per l’Ong francese Acted. L’ultima vittima era il presidente dell’associazione delle guide delle giraffe di Kouré, a un’ora di strada dalla capitale, Niamey. [CC]
  • Nigeria Free

    Più stazioni di gas per ridurre dipendenza da benzina

    NIGERIA - A seguito della deregolamentazione del settore a valle dell'industria petrolifera e del gas con conseguente aumento dei prezzi alla pompa dei prodotti petroliferi, la Nigerian National Petroleum Corporation (Nnpc), ha riferito che le fonti di energia alternative, in particolare le stazioni di gas naturale compresso (CNG) saranno costruite in tutto il Paese. L’amministratore delegato del gruppo Nnpc, Mele Kyari, ha dichiarato in un'intervista che il suo gruppo ha già inserito in agenda operazioni per una migliore presenza commerciale. Essendo una compagnia energetica focalizzata su fonti di carburante più pulite ed economiche, Kyari ha detto che l'azienda petrolifera nazionale continuerà a lavorare con altre parti interessate del settore per fornire valide alternative alla benzina, cosa che alla fine porterebbe a una riduzione della domanda per il prodotto e l'eventuale riduzione del prezzo.