Burkina Faso

Tamat, Croce Rossa Monegasca e Croce Rossa Burkinabé insieme per lavoro e formazione

BURKINA FASO – Un accordo di collaborazione in materia di lavoro e formazione è stato firmato a Ouagadougou dall’ong italiana Tamat, dalla Croce Rossa Monegasca e dalla Croce Rossa Burkinabé. Le tre organizzazioni hanno sottoscritto un progetto denominato ‘Pour un impact communautaire positif autour du Centre de Formation Polyvalent de Loumbila’ (Cfpl).

Il progetto è finanziato della Sezione Cooperazione Internazionale del Gouvernement Principier de la Principauté de Monaco e ha come capofila la Croce Rossa Monegasca e come partner operativi in Burkina Faso la Croce Rossa Burkinabé e Tamat che in Burkina Faso è rappresentata da Denisa R. Savulescu.

Il progetto, che durerà 34 mesi, è rivolto ad azioni concrete per contribuire alla sicurezza alimentare della popolazione burkinabé, lottare contro l’insicurezza alimentare attraverso il sostegno all’allevamento contrattuale e all’agricoltura familiare di sussistenza, creando integrazione tra allevatori e agricoltori. “Il tutto – si legge in un comunicato – per un miglioramento dell’accesso ai prodotti agro-alimentari per la popolazione più povera e vulnerabile della zona rurale di Loumbila. Si tratta insomma di un vero e proprio rafforzamento del partenariato tra Tamat e le due CR, partenariato lanciato nel mese di marzo 2017 attraverso il progetto ‘Soutien à l’agriculture familiale et au tourisme vert’”.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Nigeria Free

    Una piattaforma digitale di soluzioni aziendali per le...

    NIGERIA - Fornire servizi innovativi alle micro, piccole e medie imprese per sviluppare la loro competitività e raggiungere i consumatori, attraverso un accesso esteso ai finanziamenti e ai mercati: questo l’obiettivo che si propone di raggiungere Excite Enterprise, una società interamente digitale che fornisce soluzioni per le aziende e che è approdata in questi giorni nel mercato nigeriano. “L’unico modo per fare crescere l’economia è di fornire posti di lavoro ai cittadini: questo potrà accadere solo risolvendo i molti problemi che incontrano le Pmi in Nigeria, soprattutto nell’area dell’accesso ai finanziamenti e delle difficoltà legate alla produttività, concentrando e semplificando tutti i processi in un’unica piattaforma”, ha dichiarato un direttore di Excite Enterprise, Bolaji Okusaga, durante la conferenza di lancio della compagnia sul mercato nigeriano, spiegando che la piattaforma consentirà agli imprenditori di incontrare gli interlocutori giusti per ogni livello del processo di sviluppo aziendale, dal finanziamento e dai servizi di contabilità, a strumenti per l’assunzione e la formazione, passando dalla creazione di siti web e da iniziative di marketing per raggiungere il numero più alto di clienti.  “Ci saranno immense opportunità di lavoro per tutti se ogni Pmi è in grado di assumere solo una persona”, ha aggiunto Okusaga, specificando che i servizi disponibili sulla piattaforma potranno diffondersi in tutto il territorio, incluso nelle aree rurali del paese, anche grazie a uno spazio di e-commerce gratuito per gli utenti. Excite Enterprise è nata dalla necessità di dare un impulso forte allo sviluppo del continente attraverso la tecnologia e il commercio, sfruttando il potenziale dell’ampio settore informale esistente e creando un vasto mercato virtuale africano. [CN]
  • Gambia Free

    Richiesti indennizzi per le attività di una compagnia...

    GAMBIA - Piantagioni invase dall’acqua salata e recinti per allontanare gli animali abbattuti: questo il quadro che descrivono le coltivatrici di riso dell’area di Sanyang Kayanko, a sud della capitale Banjul, accusando le attività minerarie di una compagnia privata di estrazione di sabbia, la Gach Mining, di essere la causa dei danni. Anche se la Gach, per bocca del suo capo delle operazioni, Kawsu Jatta, aveva promesso indennizzi finanziari entro la fine della stagione delle piogge, in coincidenza con il raccolto previsto del riso, le produttrici hanno lamentato presso il Comitato per lo Sviluppo del Villaggio di non aver ancora ricevuto nulla dalla compagnia mineraria per i danni recati alle coltivazioni, unico mezzo di sostentamento di quelle donne. La Gach Mining Company è una società a responsabilità limitata nata a giugno del 2017. Accusata di collusioni con il governo dell’attuale presidente Adama Barrow, è operativa dal 2018 dopo aver ricevuto la licenza mineraria nel tempo record di quattro mesi. [CN]
  • Togo Free

    In Togo la prima rete 5G dell'Africa occidentale

    TOGO - La società finlandese Nokia ha annunciato di essere stata selezionata dalla compagnia locale Togocom per sviluppare la rete nazionale di telefonia mobile in 5G.

    A darne notizia sono i media internazionali, precisando che grazie a questo accordo di durata triennale il Togo è il primo Paese nella regione dell'Africa occidentale a sviluppare una rete telefonica in 5G.

    L'accordo, che prevede anche il potenziamento delle reti in 2G, 3G e 4G, si propone di rafforzare la posizione di Togocom come principale operatore telefonico in Togo rendendo la sua infrastruttura già pronta per la prossima generazione di servizi digitali.

    Secondo le informazioni rese note, l'accordo prevede che Nokia fornisca a Togocom apparecchiature e soluzioni per offrire esperienze 5G all'avanguardia, oltre a fornire reti ad alte prestazioni per il cosiddetto Internet delle Cose (IoT). [MV]

  • Nigeria Free

    Il Forum degli anziani del Nord chiede le dimissioni di...

    NIGERIA – Il Forum degli anziani del Nord (Northern Elders Forum, Nef) ha chiesto le dimissioni del presidente Muhammadu Buhari, dopo il massacro di decine di contadini nello Stato di Borno, avvenuto lo scorso fine settimana.   Spesso critico nei confronti dell’operato del presidente per quanto riguarda l’insicurezza, e non solo quella legata al gruppo terrorista Boko Haram ma anche alla criminalità comune, il consiglio degli anziani ha ribadito che manca al capo dello Stato la volontà politica di combattere l’insurrezione e di proteggere la vita dei propri cittadini. Il Nef ha deplorato la risposta «insensibile» dell’ufficio della Presidenza dopo la strage.   «Queste uccisioni e la situazione che si è creata a seguito dell’accaduto costringeranno i cittadini a dover cambiare zona e sarà anche molto difficile far ripartire le attività economiche» ha sottolineato il Nef, un consiglio di personalità che si sono distinte durante la loro carriera. Il massacro di contadini e pescatori, che lavorano per l’alimentazione dei cittadini locali, crea anche un problema a livello di sicurezza alimentare.   Decine di civli innocenti sono stati uccisi da un centinaio di assalitori armati mentre stavano nei campi. Il coordinatore dell’Onu aveva parlato domenica di un bilancio di circa 110 vittime, Tale bilancio non è stato confermato dalle autorità amministrative locali poiché ancora numerose persone mancano all’appello dopo l’attacco.   L’episodio ha riacceso i riflettori sulla violenza e sulle lacune del governo a contrastarla, nella scia delle proteste #endsars #endpolicebrutality che a ottobre avevano sollevato un’ondata di malcontento nazionale e internazionale. [CC]
  • Senegal Free

    Webinar su opportunità di business in Senegal

    SENEGAL - Si terrà mercoledì prossimo 9 dicembre un webinar dal titolo "Business Focus: Senegal" per approfondire le opportunità d'affari nel Paese dell'Africa occidentale.

    Organizzato dal Dipartimento per l’internazionalizzazione delle imprese dello Studio EXP Legal, l'evento online intende presentare il piano di sviluppo Senegal Emergent (PSE), lanciato dal governo di Dakar nel 2014 e che nella sua seconda fase attualmente in corso di implementazione prevede investimenti nei settori dell'energia, dell'agricoltura, dei trasporti e delle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni ICT, nonché una serie di riforme amministrative e giudiziarie e misure volte a migliorare il contesto imprenditoriale e favorire l’afflusso di investimenti dall’estero.

    Al webinar, che si svolgerà dalle ore 15 alle ore 16:30, parteciperanno tra gli altri il responsabile del marketing dell'Agenzia senegalese per la promozione degli investimenti (APIX) Moustapha Diop e il console generale del Senegal a Milano Mamadou Lamine Diouf. L'incontro sarà moderato dall'avvocato Antonello Corrado, senior partner dello Studio EXP Legal.

    In base alle informazioni comunicate, nei prossimi mesi lo Studio EXP Legal si propone di organizzare una missione imprenditoriale in Senegal, multisettoriale, dedicata ad un selezionato numero di imprese. Le aziende possono inviare la propria manifestazione di interesse alla partecipazione scrivendo all’email info@explegal.it.

    Per partecipare al webinar si prega di registrarsi al seguente link https://bit.ly/2UKi4kt

  • Ghana Free

    Società packaging Usa avvia attività in partnership

    GHANA - Ha ampliato le sue attività anche al Ghana la società statunitense ePac Flexible Packaging. In una prima fase gli ordini di ePac Ghana saranno presi in carico da un impianto di base in Gran Bretagna, ma sono già in corso piani per stabilire una struttura nel Paese dell’Africa occidentale.  ePac è tra le società nel settore degli imballaggi flessibili stampati digitalmente al servizio di marchi di tutte le dimensioni e in particolare delle piccole e medie imprese. La società americana ha avviato in Ghana una collaborazione con ePac Holdings LLC, azienda gestita da Victor Sosah, un imprenditore ghanese con una vasta esperienza negli imballaggi flessibili. [MS]