Egitto

Assegnato contratto per sviluppo infrastrutture a Sheikh Zayed City

EGITTO – E’ stato assegnato alla società locale Hassan Allam Construction (HAC) l’incarico per la progettazione e la costruzione di tutte le infrastrutture stradali e accessorie nel progetto di sviluppo urbano a Sheikh Zayed City nel governatorato di Giza.

(151 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Marocco Free

    Prestito dalla BEI a sostegno del settore agricolo

    MAROCCO - Ha un valore pari a 200 milioni di euro l’accordo di prestito siglato dalla Banca europea per gli investimenti (BEI) con l’istituto marocchino Crédit Agricole per sostenere la bioeconomia e le aziende agricole marocchine.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che il prestito si propone di accompagnare l’attuazione della nuova strategia agricola governativa “Green Generation 2020-2030”.

    In base alle informazioni rese note, il prestito riguarderà finanziamenti per sviluppare le catene del valore agricole e tutte le attività legate al sistema della produzione, inclusi stoccaggio, logistica, imballaggio, marketing e trasformazione industriale.

    Secondo i dati a disposizione, l’agricoltura è ancora uno dei settori chiave per l’economia marocchina rappresentando il 15% della formazione del prodotto interno lordo, occupando circa il 40% della forza lavoro nazionale e generando il 10% del valore delle esportazioni. [MV]

  • Egitto Free

    Al via gara per valutazione progetto interconnessione...

    EGITTO - La Compagnia egiziana per la trasmissione dell’elettricità (EETC) ha lanciato un bando di gara per la realizzazione degli studi di valutazione sull’impatto ambientale e sociale del progetto di interconnessione tra Egitto e Arabia Saudita.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che la gara riguarda la linea aerea ad alta tensione da 500 kV, lunga 335 chilometri, tra le stazioni di trasformazione di Badr e Sakakin.

    Le aziende interessate hanno tempo fino al 1° ottobre 2020 per presentare le proprie offerte, che dovranno avere un periodo di validità di 90 giorni.

    L'EETC si riserva il diritto di aumentare o diminuire i l volume dei lavori del 25% a prezzi costanti durante il periodo di esecuzione del contratto. Il lavoro può essere aumentato o ridotto fino al 100% durante il periodo di implementazione, con il consenso di entrambe le parti.

    Il progetto di interconnessione elettrica tra Egitto e Arabia saudita includerà la costruzione di linee di trasmissione aeree tra i due Paesi e un cavo elettrico sottomarino, nonché diverse sottostazioni elettriche: al termine dei lavori, il cui valore economico totale è stimato in una cifra pari a 1,6 miliardi di dollari, è previsto che sarà operativa la più grande rete elettrica congiunta del mondo arabo. [MV]

  • Algeria Free

    Mega piano di sviluppo dei fosfati, la nuova strategia

    ALGERIA – Un nuovo piano di sviluppo dell’estrazione, della trasformazione e della commercializzazione di prodotti derivati dei fosfati, in particolare i fertilizzanti agricoli, è stato definito durante una riunione ministeriale ad Algeri. Secondo Maghreb Emergent, è stato il ministro dell’Energia, Abdelmajid Attar, a svelare i contorni di questo piano di sviluppo che necessita complessivamente sei miliardi di dollari d’investimenti. La strategia prevede tre fasi quinquennali e coinvolge tre wilaya dell’Est del Paese, Tebessa, Souk Ahras e Annaba. Nella prima area geografica, verrà costruito l’impianto d’estrazione, mentre la seconda sarà dedicata alle unità di trasformazione in acido solforico, acido fosforico, ammoniaca, acido nitrico, nitrate d’ammonio. La terza fase prevede la realizzazione di nuove infrastrutture portuali ad Annaba per l’esportazione. Il governo ritiene che il progetto fosfati possa aiutare l’Algeria a uscire dalla dipendenza dagli idrocarburi. Sono già diversi anni che il progetto di espansione dell’industria dei fosfati è in gestazione. Algeri si era dato fino al 2022 per entrare nella top 5 mondiale dei grandi produttori, un obiettivo che non sarà raggiunto secondo questa tabella di marcia. [CC]
  • Egitto Free

    Nel 2021 apre una filiale permanente di Ikea

    EGITTO - Ikea, il marchio svedese di mobili e accessori per la casa, ha annunciato che inaugurerà una filiale permanente al Cairo entro marzo 2021. Nel frattempo il colosso scandinavo specializzato nella vendita di mobili e complementi d'arredo ha lanciato, per la prima volta in Egitto, il suo catalogo online 2021-2020 che include sconti su oltre 1.000 prodotti e complessivamente più di 1.700 nuovi prodotti. Ha anche lanciato la sua prima App mobile che consente ai clienti di controllare da remoto se mobili e accessori sono adatti alle case dei clienti semplicemente  utilizzando i cellulari. Thomas Surgy, capo di Ikea Egypt, ha affermato che il 2020 è un anno difficile per il business dell'arredamento in tutto il mondo a causa della pandemia Covid-19, ma con le soluzioni di trasformazione digitale l'azienda è riuscita a superare le sfide immediate. [EC]
  • Egitto Free

    Nuova scoperta di gas naturale per Eni nel mar...

    EGITTO - Il gruppo energetico Eni ha annunciato, insieme alla britannica bp, una nuova scoperta a gas nell’area precedentemente definita come “Great Nooros Area”, nella licenza Abu Madi West nelle acque convenzionali del Delta del Nilo al largo delle coste egiziane.

    Questa nuova scoperta, avvenuta attraverso il pozzo esplorativo Nidoco NW-1, si trova a 16 metri di profondità d’acqua, a 5 chilometri dalla costa e a 4 chilometri a nord del campo di Nooros, scoperto a luglio 2015.

    Il pozzo esplorativo Nidoco NW-1 ha incontrato mineralizzazione a gas per uno spessore complessivo di circa 100 metri netti, dei quali 50 metri nelle arenarie Plioceniche della formazione Kafr-El-Sheik e gli ulteriori 50 metri nelle arenarie di età Messiniana della formazione Abu Madi. In entrambi i livelli sono state riscontrate buone proprietà petrofisiche. In particolare è stato attraversato  un nuovo livello nella formazione Abu Madi sinora non incontrato nel campo di Nooros, provando sia il  potenziale aggiuntivo della “Great Nooros Area” e l’estensione verso nord dello stesso campo di Nooros già in produzione dal 2015.

    Le valutazioni preliminari dei risultati del pozzo, che considerano l’estensione verso nord del reservoir e il comportamento dinamico del campo di Nooros, i nuovi livelli scoperti, oltre che le  scoperte limitrofe recentemente annunciate, portano  le stime di gas in posto nella “Great Nooros Area” a circa 120 miliardi di metri cubi.

    Eni avvierà assieme al partner bp, in coordinamento con l’Egyptian Petroleum Sector, le opzioni di sviluppo della nuova scoperta beneficiando della sinergia con le infrastrutture già presenti nell’area.

    Eni, attraverso la sua controllata in Egitto IEOC, detiene il 75% di interesse nella concessione Abu Madi West, mentre bp detiene il restante 25%. La licenza è operata da Petrobel, una joint venture paritetica tra IEOC e la compagnia di Stato egiziana Egyptian General Petroleum Corporation (EGPC). [MV]

  • Algeria Free

    Sonatrach affida a partner locali la rete di gasdotti...

    ALGERIA – Il gruppo Sonatrach ha firmato con sei aziende algerine contratti per la realizzazione di infrastrutture necessarie alle attività nei siti d’estrazione gasiera del sudovest dell’Algeria.   I lavori previsti, secondo la Sonatrach, dovrebbero generare 3.000 posti di lavoro. Le imprese selezionale dal colosso degli idrocarburi sono le seguenti: ENGCB, SARPI, ENGTP, ENAC, KANAGHAZ e COSIDER Canalisations. A questi partner sarà affidata la costruzione di 700 km di reti e canalizzazioni di raccolta e trasporto di gas, con la relativa messa in sicurezza.   La rete di gasdotti è prevista per 11 milioni di metri cubi di idrocarburi al giorno, una volta operativa. [CC]