Africa

E-Africa Business Lab: ancora aperte le iscrizioni per il percorso moda

Accesso Completo, Africa

Il settore Moda nella sua accezione più ampia di filiera tessile-abbigliamento e pelle è uno dei più interessanti nel medio periodo in Africa, con molte opportunità anche nel breve periodo.

Africa Business Lab, il nuovo progetto di accompagnamento gratuito e on line, promosso dall’Agenzia ICE in collaborazione con SACE SIMEST, Confindustria Assafrica & Mediterraneo, Assolombarda, Assindustria Venetocentro, Confindustria Emilia Romagna e Confindustria Firenze, è rivolto alle PMI italiane interessate a scoprire le opportunità esistenti nei mercati africani.

Il settore in Africa mette insieme filiere diverse, tra cui la produzione di materia prima (cotone), la sua trasformazione e lavorazione, il confezionamento, lo styling, il pellame e le sue lavorazioni, i macchinari per il settore tessile e per la lavorazione della pelle.

Sul piano dei consumi si registra una forte crescita della classe media negli ultimi vent’anni, e grazie al boom dei moderni centri commerciali in giro per il Continente, fino all’imporsi dell’e-commerce, l’Africa sarà potenzialmente uno dei principali mercati in crescita per il settore abbigliamento con una gran voglia di prodotti Made in Italy, già oggi molto ricercati dal segmento alto della popolazione che spesso però preferisce fare i propri acquisti a Dubai, piuttosto che Parigi, Londra o Lisbona.

Anche il settore della produzione - tanto della materia prima con la diffusione di cotone e fibre biologiche - quanto quello del confezionamento, è indirizzato a conoscere una crescita anche grazie alla diversificazione delle filiere rispetto all’Estremo Oriente, ai regimi preferenziali di libero commercio per alcuni prodotti con UE e USA, e alla volontà dei governi locali di rilanciare la produzione interna rispetto alle importazioni a basso costo cinesi.

I collegamenti crescenti dell’Africa nelle catene commerciali internazionali e regionali (rispetto ad un mercato africano che già conta 1,3 mld di persone ma che raddoppierà nei prossimi 30 anni), il basso costo della manodopera e la volontà post-Covid di diversificare le proprie produzioni avvicinandole, rendono alcuni paesi africani nuovamente attraenti per il settore.

Discorso a parte anche quello del pellame, dove molti paesi stanno cercando di dare impulso ad un settore in cui l’Africa è conosciuta anche in Italia come fornitore di pelli grezze, ma che si vuole rilanciare con una crescente produzione interna per i mercati locali.

L’Africa è poi presente anche nella parte più creativa del settore, quella del Fashion e del Design, con fantasie, stilisti e influenze africane che ormai hanno contagiato alcuni dei più grandi brand globali e che sono sempre più presenti sui grandi mercati internazionali.

Insomma sono molti gli ingredienti del percorso formativo sul settore Tessile e Moda di E-Africa Business Lab che si avvarrà in tre giornate di lavori dell’esperienza di molti professionisti del settore (dagli aspetti doganali e logistici, a quelli contrattualistici, da quelli finanziari a quelli di cross-cultural management) coordinati da Stefano Gallucci, ex dirigente di alcuni dei più grandi e noti gruppi italiani del settore tessile.

Le iscrizioni per il percorso formativo dedicato al Tessile e Moda sono ancora aperte, per iscriversi cliccare qui: t.ly/rhWh



© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Obiettivo Huawei, digitalizzare continente

    AFRICA - Il colosso delle telecomunicazioni Huawei ha tenuto ad Abidjan il suo primo vertice per l’Africa occidentale e centrale dedicato alla condivisione di esperienze tecnologiche, durante il quale ha espresso l’ambizione di contribuire al processo di digitalizzazione dell’Africa. “La nostra ambizione è creare sempre più connessione, promuovere la digitalizzazione per ogni persona, famiglia e organizzazione. Vorremmo contribuire allo sviluppo del digitale in Africa e ciò a beneficio delle popolazioni africane”, ha dichiarato il presidente e direttore generale di Huawei dell’Africa occidentale e centrale (WCA), Jean Sun. L’azienda ha anche mostrato ai suoi partner i suoi risultati di successo nel campo della sicurezza e dell’istruzione in Costa d’Avorio. “Abbiamo invitato i nostri partner dall’estero a vedere le buone esperienze di successo della digitalizzazione in Costa d’Avorio per accompagnarci a completare insieme la nostra missione”, ha aggiunto Sun. Fondata in Africa dal 1997, Huawei è presente in tutto il continente con oltre 5.000 dipendenti e quasi 400 partner. [GT]
  • Africa Free

    Il lento cammino dei diritti umani, un incontro a Roma

    AFRICA - Si propone di approfondire in che stato versano i diritti fondamentali nel continente africano e in che modo la loro violazione influenzi il fenomeno delle migrazioni l'incontro promosso dall'Associazione dei cristiani per l'abolizione della tortura (Acat) che si terrà il 12 dicembre a Roma.

    L'incontro intitolato "Africa, il lento cammino dei diritti umani: sfide, prospettive, testimonianze" si colloca come evento conclusivo del progetto Premio di Laurea Acat Italia 2022 “Un premio per fermare la tortura e per i diritti dei migranti”, supportato grazie ai fondi dell’Otto per mille della Chiesa Valdese.

    All'evento, che sarà moderato dal direttore responsabile di Africa e Affari Massimo Zaurrini, è prevista la partecipazione in qualità di relatori di Michel Kalemba, membro di Acat Repubblica Democratica del Congo e componente della Federazione internazionale delle Acat (Fiacat), Lyonel Grassy, directeur de plaidoyer di Fiacat e attivo su diversi progetti nel continente africano, Suor Paola Vizzotto, missionaria dell’Immacolata, volontaria per molti anni presso le carceri del Camerun e attualmente a Rebibbia e il giornalista Luca Attanasio.

    L'incontro si terrà lunedì 12 dicembre dalle ore 17 nei locali dell'Aula Magna della Facoltà Valdese di Teologia a Roma. [MV]

  • AfricaEgittoKenyaMalawiMozambicoNamibiaTanzaniaZambia Free

    Sette Paesi nella prima piattaforma Nature, People and...

    AFRICA - Egitto, Kenya, Zambia, Malawi, Mozambico, Namibia e Tanzania sono tra i nove Paesi che parteciperanno alla prima piattaforma Nature, People and Climate. Lo ha annunciato il Climate Investment Funds (CIF), precisando che su 55 candidature, anche la Repubblica Dominicana e le Fiji sono state selezionate nel programma, che beneficerà di 350 milioni di dollari in finanziamenti e altro supporto per soluzioni basate sulla natura. “Estendo la nostra gratitudine all'Italia, al Regno Unito e alla Svezia per l'incredibile partnership. Congratulazioni a questi Paesi. Non vediamo l'ora di iniziare e questo è solo l'inizio. Sosterremo anche l'Etiopia, il Rwanda, la Namibia e il Brasile per la preparazione del piano di investimento, in previsione di ricevere ulteriori contributi", ha affermato l'amministratore delegato di The Funds, Mafalda Duarte. Nei nove Paesi suddetti, la piattaforma Nature, People and Climate implementa soluzioni basate sulla natura che riconoscano i collegamenti tra l'uso del suolo, la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici e il miglioramento delle fonti di sostentamento delle comunità rurali e delle popolazioni indigene. Copre l'agricoltura sostenibile, l'approvvigionamento alimentare, le foreste, i sistemi costieri resilienti e gli sforzi per responsabilizzare le popolazioni indigene e le comunità locali. Come passo successivo, i Paesi partecipanti svilupperanno piani di investimento in collaborazione con una serie di banche multilaterali di sviluppo partner. La piattaforma collabora anche con le banche di sviluppo multilaterali per ridurre i rischi e ridimensionare gli investimenti sulla base di un approccio a livello di sistema piuttosto che a livello di progetto.  Secondo il  Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, gli investimenti annuali in soluzioni rispettose dell’ambiente delle sole nazioni del G20 devono aumentare di ulteriori 165 miliardi di dollari all'anno - un aumento del 140% rispetto ai livelli esistenti - per raggiungere la biodiversità, il ripristino del territorio e gli obiettivi climatici entro il 2050. [CN]  
  • Africa Free

    Onu spinge per digitalizzazione del continente

    AFRICA - L’accesso a internet è fondamentale per la trasformazione economica e sociale dell’Africa, il che rende vitale per i governi investire nelle tecnologie digitali. E’ quanto osservato da Antonio Pedro, segretario ad interim della Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa (Uneca). “La digitalizzazione è la chiave per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2063 e il raggiungimento di ciò richiede il contributo di tutte le parti interessate”, ha affermato Pedro, intervenendo all’Internet forum 2022 ad Addis Abeba, in Etiopia. Pedro ha sottolineato l’importanza dei partenariati e della collaborazione per promuovere la connettività digitale in Africa, che è sulla via della trasformazione economica con l’operatività dell’Africa continental free trade area. [GT]
  • Africa Free

    Perso il 12,4 per cento collegamenti marittimi diretti

    AFRICA - L’Africa ha perso il 12,4% dei suoi collegamenti marittimi diretti tra il terzo trimestre del 2020 e il secondo trimestre del 2022 a causa della congestione dei suoi porti. Lo ha rivelato la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (Unctad) in un rapporto pubblicato da poco. Il documento spiega, tuttavia, che la perdita di collegamenti marittimi diretti nel periodo in esame non è un fenomeno specifico dell’Africa. La regione dell’America Latina e dei Caraibi ha perso il 13,5% dei suoi collegamenti marittimi diretti, rispetto al 3,7% dell’Europa, al 2,9% dell’Asia e dell’Oceania e al 2,6% del Nord America. Queste perdite erano dovute alla congestione dei porti che faticavano a far fronte all’aumento della domanda nella ripresa post-Covid, spesso privi di attrezzature, manodopera e strutture di stoccaggio. Le difficoltà associate alla congestione portuale erano inizialmente concentrate in tre regioni: Cina, Europa settentrionale e costa occidentale degli Stati Uniti. Tuttavia, poiché le compagnie di navigazione hanno riallocato le loro navi su rotte più trafficate e più redditizie, altre regioni sono state colpite più duramente. Inoltre, i vettori hanno modificato le rotte delle loro navi per aumentare i profitti e hanno smesso di fare scalo in alcuni porti. Nel 2021, la carenza di capacità di trasporto e le perturbazioni causate dalla pandemia di coronavirus, unite alla ripresa del volume del commercio marittimo, hanno spinto i noli per i carichi containerizzati a livelli record. A metà del 2021, i tassi erano quattro volte superiori a quelli precedenti la pandemia. Anche i vettori di container hanno dovuto affrontare spese aggiuntive, ma hanno registrato profitti record. I noli per le merci containerizzate sono aumentati sulla maggior parte delle rotte, comprese quelle verso le regioni in via di sviluppo. Tra dicembre 2020 e dicembre 2021, la tariffa per Teu è passata da 2521 a 6450 dollari per la rotta Shanghai-Sudafrica (Durban) e da 2521 a 7452 dollari per la rotta Shanghai-Africa occidentale (Lagos). Il rapporto rivela anche che la quota dell’Africa nelle importazioni mondiali via mare, misurata in base al volume delle merci scaricate, era del 5% nel 2021. La quota del continente nelle esportazioni marittime mondiali, misurata in base al volume dei carichi imbarcati, ha raggiunto il 7%. L’Asia, la regione principale per le operazioni di carico e scarico, continua ad essere in testa con il 42% delle esportazioni mondiali e il 64% delle importazioni, seguita dall’America continentale, dall’Europa, dall’Oceania e dall’Africa. Nel complesso, il commercio marittimo internazionale ha registrato una significativa ripresa nel 2021 con una crescita stimata del 3,2%, dopo un calo del 3,8% nel 2020. Nel 2022, tuttavia, questa ripresa ha perso slancio, soprattutto a causa del rallentamento dell’economia globale, delle nuove ondate di Covid-19 che hanno portato alla chiusura di fabbriche in Cina e delle tensioni geopolitiche dovute alla guerra in Ucraina. La crescita del commercio marittimo internazionale dovrebbe diminuire dell’1,4% quest’anno. Per il periodo 2023-2027, si prevede che il settore, che rappresenta l’80% del commercio mondiale, cresca a un tasso medio annuo del 2,1%, più lento rispetto alla media dei tre decenni precedenti (3,3%). Per quanto riguarda le compagnie di navigazione, il rapporto dell’Unctad indica che il settore del trasporto marittimo di container si è consolidato orizzontalmente nel tempo attraverso fusioni e acquisizioni. Inoltre, i vettori hanno adottato strategie di integrazione verticale investendo nelle operazioni di terminal e in altri servizi logistici. Inoltre, sempre più spesso collaborano in consorzi e alleanze. Di conseguenza, tra il 1996 e il 2022, la quota dei primi 20 vettori sulla capacità totale di trasporto di navi portacontainer è passata dal 48% al 91%, mentre i primi quattro vettori controllano ora più del 50% di tale capacità. [VGM]
  • Africa Free

    Webinar su sfide e opportunità logistiche

    AFRICA - Nell’ambito del suo progetto Africa Business Lab, l’Agenzia per la promozione e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (Agenzia Ice) organizza il prossimo 13 dicembre alle ore 10 un webinar gratuito sulle opportunità e le sfide della logistica in Africa rivolto alle Pmi italiane interessate ad operare sui mercati del continente con una strategia di internazionalizzazione più strutturata. “Che si commerci con il continente o si produca, che si lavori per esportare all’estero o per vendere in altri Paesi limitrofi, la logistica è uno dei nodi centrali da sciogliere per operare in Africa”, affermano gli organizzatori dell’evento in un comunicato. “La vastità del continente, i gap infrastrutturali, ma anche il fatto che l’Africa sia continuamente terra di sperimentazioni e innovazioni rendono il settore della distribuzione fondamentale da comprendere e conoscere”, aggiunge ancora il documento. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell’Agenzia ICE cliccando qui. [CN]