Mauritius

Mauritius classificato Paese ad alto reddito

MAURITIUS – La Banca mondiale ha classificato per la prima volta Mauritius come Paese ad alto reddito.

(88 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Al via la produzione di farmaci ad Athi River

    KENYA - Inizierà nei prossimi quattro mesi la produzione di farmaci nell’impianto dell’azienda farmaceutica Square Pharmaceuticals situato nell’Export Processing Zone (Epz) di Athi River, nell’area della capitale Nairobi, in Kenya. Lo ha annunciato il colosso del farmaco, uno dei maggiori in Bangladesh, dopo il completamento dei lavori della fabbrica, iniziati nel 2018 con un investimento iniziale di 25 milioni di dollari, per rispondere alla domanda in Kenya, Tanzania, Rwanda, Burundi, Uganda e Sud Sudan. "Speriamo di poter iniziare la produzione nello stabilimento entro luglio o agosto", ha detto questa settimana Tapan Chowdhury, amministratore delegato di Square Pharmaceuticals, precisando che la produzione di prova nella nuova struttura dovrebbe iniziare il 31 luglio. Tra i farmaci in linea per la produzione ci sono farmaci per il diabete, la malaria, le malattie cardiovascolari e le malattie antipsicotiche. Il nuovo impianto produrrà generici di marca presenti nell'elenco dei farmaci pre-qualificati per il trattamento delle malattie prioritarie dell'Organizzazione mondiale della sanità. In Bangladesh, Square Pharmaceuticals produce 637 prodotti farmaceutici esportati in oltre 43 paesi. [CN]
  • KenyaSomalia Free

    Nairobi e Mogadiscio riallacciano rapporti diplomatici

    KENYA / SOMALIA - Il governo di Mogadiscio ha ripristinato le relazioni diplomatiche con il vicino Kenya. L’annuncio è stato dato nel corso di una conferenza stampa nella capitale somala, dal viceministro dell’Informazione della Somalia, Abdirahman Yusuf al-Adala. I rapporti tra i due Paesi si erano interrotti lo scorso anno e sono ripresi dopo lunghi colloqui diplomatici mediati dal Qatar. “Il governo federale della Somalia, in linea con gli interessi del buon vicinato, annuncia di aver ripristinato le sue relazioni amichevoli con il Kenya – ha detto al-Adala -. L’accordo è basato sui principi del rispetto reciproco della sovranità e dell’integrità territoriale, non interferenza negli affari interni, uguaglianza, mutuo vantaggio e coesistenza pacifica”. Il presidente keniano Uhuru Kenyatta non ha commentato ufficialmente, ma ha dichiarato su Twitter di aver incontrato l’inviato del Qatar per l’antiterrorismo e la mediazione per la risoluzione dei conflitti, Mutlaq bin Majed al-Qahtani. Il diplomatico qatariota Qahtani è nella regione dal 1° maggio. Ambienti della diplomazia affermano che è stato inviato da Doha per aiutare a mediare la crisi politica della Somalia A novembre, la Somalia aveva espulso l’ambasciatore del Kenya e aveva richiamato il proprio da Nairobi accusando il vicino di interferenze con la sua politica interna riguardo al processo elettorale. Accuse che il Kenya ha costantemente negato. Alla base delle diffidenze anche la controversia sui diritti marittimi di un’ampia area ricca di petrolio e gas. [EC]
  • Uganda Free

    A dicembre gara per sviluppo risorse petrolifere

    UGANDA - I siti di Tilenga e Kingfisher e la costruzione dell'East African Crude Oil Pipeline (Eacop) saranno i progetti coinvolti nella gara d’appalto che l'Autorità petrolifera statale dell'Uganda (Paou) lancerà a dicembre con l’obiettivo di accelerare l'esplorazione e lo sviluppo delle risorse petrolifere e la costruzione delle infrastrutture associate. Lo ha annunciato l’ente governativa, precisando che le fasi iniziali dei lavori di gara comprenderanno la costruzione di una raffineria, l'Eacop che collega l'Uganda alla Tanzania e il completamento di una rete stradale petrolifera nell'Albertine Graben dove è stato scoperto il petrolio greggio. "Le aziende che vinceranno le gare chiave inizieranno i lavori di costruzione dei pozzi Kingfisher e Tilenga, poi altri pozzi verranno sviluppati durante la seconda fase", ha dichiarato Peninah Aheebwa, direttore dei servizi di supporto tecnico presso la Paou. Si stima che i siti upstream di Tilenga e Kingfisher, nell’area occidentale del Lago Albert, forniranno un totale combinato di 230.000 barili di petrolio al giorno. [CN]
  • Etiopia Free

    Firmata intesa con DP World per sviluppo corridoio di...

    ETIOPIA - Il ministero dei Trasporti di Addis Abeba e l'emiratina DP World hanno firmato un memorandum d’intesa (MoU) con l’obiettivo di sviluppare il lato etiope della strada che collega l’Etiopia a Berbera, in Somaliland, in uno dei principali corridoi commerciali e logistici delle rotte commerciali internazionali del Paese. Lo annuncia la stampa locale precisando che il memorandum – firmato ieri ad Addis Abeba da Dagmawit Moges, ministro etiope dei Trasporti, e Sultan Ahmed Bin Sulayem, presidente e Ceo di DP World – segue una decisione delle due parti di esplorare le potenzialità per lo sviluppo di infrastrutture logistiche e la fornitura di servizi logistici end-to-end lungo il corridoio. L’intesa prevede che per l’esportazione, DP World offrirà servizi dall’origine in Etiopia fino al porto di Berbera, mentre per le importazioni, offrirà servizi dal porto di carico alla consegna delle spedizioni in uno degli interporti dell’entroterra o alla destinazione finale. Berbera è una città della regione del Saaxil del Somaliland, la regione della Somalia che di fatto è indipendente da Mogadiscio. La Dp World è una multinazionale che opera nel settore del trasporto e della logistica, con sede a Dubai negli Emirati Arabi Uniti. È specializzata in logistica merci, operazioni portuali, servizi marittimi e zone di libero scambio. [VGM]
  • Uganda Free

    Ad azienda austriaca la riabilitazione della centrale...

    UGANDA - Un contratto da 1,4 milioni di dollari per la riabilitazione della centrale idroelettrica di Kiira, situata nell’area della città di Jinja, nell’Est dell’Uganda, è stato assegnato alla società austriaca Andritz Hydro da Eskom Uganda, controllata della compagnia energetica sudafricana Eskom, che gestisce l’impianto dal 2003. "Si tratta di un nuovo investimento nella centrale di Kiira, in linea con il mandato di Eskom per la manutenzione e la gestione delle centrali di Kiira e Nalubaale", ha affermatoThozama Gangi, amministratore delegato di Eskom Uganda, precisando che le operazioni affidate ad Andritz Hydro sono finalizzate al potenziamento del regolatore nelle unità 14 e 15 della centrale idroelettrica. L'azienda austriaca fornirà e installerà le nuove apparecchiature, che avranno un ciclo di vita di 15 anni. Il vecchio sistema di controllo elettronico era stato installato nel 2007 dalla società tedesca Siemens. La centrale idroelettrica di Kiira opera dalla diga di Owen Falls, sul Nilo Bianco, tra il lago Vittoria e il lago Kyoga. L'impianto è stato realizzato nei primi anni 2000 ed è composto da cinque turbine Francis, ciascuna con una capacità di 40 MW, per una capacità totale di 200 MW.  [CN]
  • KenyaTanzania Free

    Annunciata costruzione di un gasdotto tra Dar es Salaam...

    KENYA-TANZANIA - La presidente della Tanzania Samia Suluhu Hassan e il suo omologo del Kenya, Uhuru Kenyatta, hanno firmato un memorandum d'intesa sulla cooperazione nel trasporto di gas naturale con l’obiettivo di iniziare a lavorare su un gasdotto tra la capitale tanzaniana Dar es Salaam e la città portuale keniana di Mombasa. Lo hanno annunciato in una conferenza stampa congiunta tenutasi a Nairobi i due capi di Stato, precisando che il progetto rientra nell’ambito di un piano a lungo termine per condividere le risorse energetiche. “Abbiamo concordato sulla necessità di facilitare il trasporto delle principali risorse energetiche e abbiamo concluso tale accordo sul trasporto del gas. Quello che dobbiamo fare ora è iniziare ad attuare il progetto del gasdotto Dar es Salaam-Mombasa”, ha dichiarato la presidente Suluhu Hassan. Con il memorandum d’intesa firmato dai capi di Stato, ora i rispettivi ministri dell'Energia potranno iniziare a negoziare la progettazione, i costi e altre esigenze logistiche per la costruzione del gasdotto. Il Kenya ambisce a importare gas dalla Tanzania. [CN]