Etiopia

Presentato modello di auto elettrica assemblato localmente

ETIOPIA – Il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha presentato un’auto elettrica assemblata localmente da Marathon Motor.

(154 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • AfricaCamerunCosta AvorioEtiopiaSenegal Free

    Moody’s (2): debito, previsioni “negative” per...

    AFRICA/SENEGAL/ETIOPIA/CAMERUN/COSTA D’AVORIO -  (segue) Per quanto riguarda il Senegal, invece, “l'outlook negativo riflette i rischi associati al carico relativamente elevato del debito del governo centrale, che Moody's prevede raggiungerà circa il 65% del PIL nel 2021 dal 56% nel 2019 e il 325% delle entrate. Lo shock del coronavirus sta esacerbando una tendenza al rialzo dell'onere del debito iniziato prima dello shock. Una tale traiettoria del debito per un'economia con bassi livelli di ricchezza come quella del Senegal (che limitano la sua capacità di assorbimento degli shock) fa emergere il rischio che il governo diventi sempre più vincolato nella sua capacità di sostenere l'economia e / o procurarsi finanziamenti a costi bassi e stabili”.

    Per quanto riguarda il Camerun, Moody’s ha confermato il rating di B2 e una previsione “stabile”.

    “L'outlook stabile - si legge nella nota - riflette l'opinione di Moody's secondo cui le pressioni che il debito sovrano deve affrontare sulla scia dello shock del coronavirus e le prospettive per le sue metriche di credito in generale rimarranno probabilmente coerenti con l'attuale livello di rating, data l'economia relativamente più diversificata del Camerun rispetto ai vicini, il rinnovo del programma FMI che fornisce un sostegno e l'adesione del Camerun all'Unione economica e monetaria centrafricana (CEMAC) che attenua i rischi di vulnerabilità esterna”.

    Anche per la Costa d’Avorio rischio di previsione “stabile” e conferma del racing Ba3. “L'outlook stabile . scrive Moody’s -  riflette l'opinione di Moody's secondo cui le pressioni che il debito sovrano deve affrontare sulla scia dello shock del coronavirus e le prospettive per i suoi parametri di credito in generale dovrebbero rimanere coerenti con l'attuale livello di rating".

  • AfricaCamerunCosta AvorioEtiopiaSenegal Free

    Moody’s: debito, previsioni “negative” per...

    AFRICA/SENEGAL/ETIOPIA/CAMERUN/COSTA D’AVORIO - L’agenzia di racing statunitense Moody’s ha pubblicato nel fine settimana i risultati delle revisioni del debito di quattro paesi africani: Etiopia, Senegal, Camerun e Costa d’Avorio.

    Lo si apprende dalle note pubblicate dalla stessa agenzia di rating, dalle quali emerge una revisione al ribasso sia per l’Etiopia che per il Senegal (due delle economie più vibranti del continente negli ultimi anni) mentre resta stabile la previsione per Camerun e Costa d’Avorio.

    Secondo Moody’s la partecipazione sia di Etiopia che di Senegal  “alla G20 Debt Service Suspension Initiative (DSSI) ha aumentato il rischio che i creditori del settore privato subiscano perdite”.

    Nelle ultime settimane, Moody's ha considerato le prove dell'attuazione del DSSI per una serie di titoli sovrani valutati e le dichiarazioni dei funzionari del G20. Sebbene Moody's continui a ritenere che l'implementazione in corso di DSSI presenti rischi per i creditori privati, la decisione di concludere la revisione e confermare il rating riflette la valutazione di Moody's secondo cui, in questa fase, tali rischi si riflettono adeguatamente nell'attuale rating B2 dell’ Etiopia e nel Ba3 del Senegal.

    “Non è chiaro - si legge nella nota di Moody’s - quale influenza venga applicata all'Etiopia e agli altri paesi sovrani partecipanti per trattare i creditori privati ​​in modo paragonabile ai creditori ufficiali del settore. Tuttavia, una serie di elementi suggerisce che la probabilità di un coinvolgimento ad ampio raggio del settore privato è diminuita. Questi includono l'apparente assenza di progressi nelle discussioni su come il coinvolgimento del settore privato ("PSI") sarebbe effettuato nella DSSI in generale; indicazioni del G20 secondo cui il PSI richiederebbe il sostegno del governo mutuatario; la continua affermazione del governo etiope che il PSI non è contemplato; e la prova di alcuni pagamenti del debito effettuati ai creditori del settore privato in regime DSSI”.

    L'outlook negativo riflette l'opinione di Moody's secondo cui le vulnerabilità fiscali ed esterne dell'Etiopia che erano aumentate prima dello shock del coronavirus saranno esacerbate dallo shock e raggiungeranno potenzialmente un grado di gravità coerente con un rating inferiore.(continua)

  • Tanzania Free

    Primo ministro annuncia piena “autosufficienza...

    TANZANIA - La Tanzania è autosufficiente dal punto di vista alimentare, procedendo internamente circa il 120% del suo fabbisogno.

    Lo ha detto nel fine settimana il primo ministro Kassim Majaliwa, nel discorso di chiusura della Mostra nazionale dell'agricoltura di Nane Nane (tenutasi nella regione di Simiyu per una settimana), trasmesso in diretta dalla televisione pubblica Tanzania Broadcasting Corporation.

    Majaliwa ha affermato che la produzione il cibo nel paese è rimasto stabile, che ”il fabbisogno alimentare per la stagione 2019/2020 è di circa 13,8 milioni di tonnellate”  e che il Paese ha registrato un surplus alimentare di circa 2,8 milioni di tonnellate.

    Secondo i dati citati dal primo ministro dal 2015 al 2019 si è registrato anche un aumento della produzione nelle colture commerciali e da reddito, come cotone, caffè, tè, tabacco, anacardi, sisal e canna da zucchero.

  • Somalia Free

    Attentato di Al Shabaab contro militari

    SOMALIA – Un attentato rivendicato dal movimento radicale al Shabaab (o Shebab) ha colpito sabato 8 agosto una caserma militare nella capitale somala, Mogadiscio, causando morti e feriti. Secondo al Shabaab, il bilancio sarebbe di 24 soldati uccisi e 32 feriti. Fonti di polizia hanno comunicato ieri un numero minore di vittime, 8 morti e 14 feriti, ma hanno precisato che il bilancio era destinato a salire. Sarebbe stato un kamikaze a far saltare in aria un veicolo imbottito d’esplosivi all’ingresso della Brigata militare 12 aprile, nei pressi dello stadio del distretto di Warta Nabadda. Lunedì scorso, era stato un ristorante di Mogadiscio ad essere preso di mira da un attentato, costato la vita ad almeno due civili. Gli Shebab sono un movimento radicale islamista in lotta dal 2008 contro ogni tentativo di stabilire un’autorità nazionale in Somalia. I ribelli continuano a colpire indistintamente obiettivi amministrativi, civili o forze di sicurezza, nonostante la presenza in Somalia di forze armate internazionali a sostegno delle autorità ufficiali. Nel paese del Corno d’Africa sono presenti soldati africani dell’Amisom, la missione militare dell’Unione africana, che operano con il sostegno di Stati Uniti e Unione Europea. [Africa Rivista/CC]
  • Kenya Free

    Riorganizzato il settore logistico statale

    KENYA - Con un ordine immediatamente esecutivo, il presidente Uhuru Kenyatta ha dato il via alla riorganizzazione delle società logistiche statali, fondendole in un'unica entità. L'obiettivo è migliorare l'efficienza e consolidare lo status del Kenya come hub di trasporto regionale. Dall'unione di Kenya Ports Authority (Kpa), Kenya Railways Corporation (Krc), Kenya Pipeline Company (Kpc) è nato il Kenya Transport and Logistics Network. Il settore sarà coordinato dalla Industrial and Commercial Development Corporation (Icdc). Entro 30 giorni, le società dovranno stipulare un'intesa per dar vita a programmi congiunti all'interno dei quali ogni entità riorganizzerà le proprie strutture, risorse, operazioni e servizi, ha affermato il presidente Kenyatta.  Il minitero del Tesoro dovrebbe aiutare l'Icdc nella riorganizzazione del suo portafoglio in modo da facilitare l'effettiva attuazione dell'accordo quadro. [EC]
  • Rwanda Free

    Approvato nuovo piano regolatore per uso e sviluppo del...

    RWANDA - Il governo di Kigali ha approvato un nuovo Piano regolatore nazionale per l’utilizzo e lo sviluppo del territorio, che guiderà le modalità di utilizzo dei suoli in Rwanda nei prossimi 30 anni.

    A riportarlo sono i media locali, sottolineando come il nuovo documento si proponga di promuovere un uso ottimale delle terre per stimolare la trasformazione economica nel Paese.

    Secondo il responsabile della pianificazione dell'uso del suolo presso l’Autorità ruandese per la gestione e l’uso del territorio, Alexis Rutagengwa, il sostegno allo sviluppo del paese dipende fortemente dall'uso efficiente delle risorse del territorio: “Realizzare ciò richiede una solida pianificazione e gestione dell'uso del suolo a livello nazionale, regionale e distrettuale”.

    In base alle informazioni disponibili, il piano regolatore introduce nuove politiche e misure strategiche pertinenti per far fronte a sfide quali la crescita della popolazione, i problemi di insediamento e la scarsità di terreni agricoli coltivabili.

    E’ stata inoltre stabilita una “gerarchia dell’urbanizzazione” con la popolazione stimata e le dimensioni dei territori urbani previste per i prossimi trent’anni: Kigali capitale, tre città satellite ((Bugesera, Rwamagana e Muhanga) per ridurre al minimo la pressione sulla capitale, otto città secondarie (Musanze, Rubavu, Rusizi, Nyagatare, Huye, Karongi, Kayonza e Kirehe) che avranno una popolazione compresa tra 300.000 e 650.000 abitanti, 16 capoluoghi distrettuali e 73 "insediamenti urbani o centri emergenti" che svolgeranno il ruolo di collegare le aree rurali con i maggiori centri urbani.

    Secondo il nuovo piano generale, gli insediamenti informali esistenti saranno migliorati e i principi di densificazione saranno applicati alle città e ai centri esistenti prima di utilizzare o sviluppare nuove terre. [MV]