Uganda

BEI finanzia progetto ENGIE per energia nelle zone rurali

UGANDA – Un finanziamento da oltre 12 milioni di dollari è stato fornito dalla Banca europea per gli investimenti (BEI), a una consociata del gruppo ENGIE per la realizzazione di un progetto per portare energia elettrica in alcune zone rurali dell’Uganda.

(212 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Sudan Free

    Emergenza esondazioni, aiuti umanitari dall'Italia

    SUDAN - E' partito ieri dalla Base di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (Unhrd) di Brindisi, con destinazione Khartoum, un volo umanitario della Cooperazione Italiana, con un carico di quasi 10 tonnellate di beni di prima assistenza e soccorso destinati a sostenere la popolazione colpita dall'emergenza esondazioni nel Paese. L’emergenza, secondo stime correnti, ha provocato oltre 100 morti, decine di feriti, e circa mezzo milione di sfollati.  “La spedizione umanitaria - si legge in una nota della Farnesina - organizzata su impulso della vice ministra Emanuela Del Re, risponde alla richiesta di sostegno pervenuta dalle Autorità sudanesi attraverso l'attivazione del Meccanismo Europeo di Protezione Civile”.  Il Meccanismo è uno strumento di coordinamento degli aiuti all'estero tra Unione europea e Stati membri. La spedizione per Khartoum è stata realizzata grazie alla collaborazione del Dipartimento della Protezione Civile italiana.
  • Rwanda Free

    In crescita flussi mobile money, ma anche frodi

    RWANDA - Il valore dei fondi trasferiti attraverso i servizi di telefonia mobile è cresciuto del 450% in Rwanda nei primi quattro mesi dell’anno raggiungendo i 42 milioni di dollari. Contemporaneamente sono cresciuti pure i casi di frode. Per questo motivo Mtn Rwanda ha applicato da ieri un nuovo protocollo per il ritiro di contanti  che richiederà d’ora in avanti la digitazione di un codice per pre-autorizzare qualunque richiesta di ritiro contanti.  La crescita dei flussi è legata alle restrizioni imposte dalla pandemia, ma secondo molti osservatori è destinata a restare lungo un solco di crescita. [MS]
  • Tanzania Free

    Progetto a favore di 6.000 contadini per incrementare...

    TANZANIA - Il Climate Resilient Agribusiness for Tomorrow (Craft), progetto condotto insieme al settore privato, andrà a beneficio di 6.000 contadini. Obiettivo è quello di incrementare la produttività e di conseguenza i redditi.  Craft attraverso il suo Fondo per l'innovazione e gli investimenti per il clima (Ciif) mira a sfruttare gli investimenti degli attori del settore privato promuovendo al contempo soluzioni e innovazioni intelligenti per il clima in filiere agricole mirate. “Il progetto Craft ha consentito a numerose aziende di trarre vantaggio dalle opportunità disponibili nel settore agricolo” ha detto Aloyce Kamuzora, Marketing Manager della Rogimwa, società privata coinvolta nel progetto. “Con i fondi aggiuntivi del progetto, siamo stati in grado di investire in essiccatori solari e sementi di qualità da vendere ai nostri agricoltori. Una volta che i nostri agricoltori avranno messo in pratica le buone pratiche agronomiche che hanno appreso dai nostri orti dimostrativi, saranno in grado di ottenere una resa migliore e aumentare il loro reddito” ha aggiunto Kamuzora. Il progetto Craft sostiene le imprese e le cooperative tanzaniane che lavorano nelle filiere di girasole, patate, fagioli e sorgo. Il progetto è realizzato in Tanzania, Kenya e Uganda, con il finanziamento del Ministero degli Affari Esteri dei Paesi Bassi. [MS]
  • Somalia Free

    Parlamento approva nuovo primo ministro

    SOMALIA - Il Parlamento di Mogadiscio ha approvato all’unanimità la nomina di Mohamed Hussein Roble a nuovo primo ministro.

    Ne danno notizia i principali media internazionali, ricordando che Roble era stato incaricato la settimana scorsa dal presidente Mohamed Abdullahi Farmajo dopo che il precedente primo ministro Hassan Ali Khaire era stato sfiduciato a fine luglio dal parlamento somalo.

    Roble, considerato un volto nuovo della politica in Somalia, ha studiato ingegneria civile e in precedenza ha lavorato per l’Organizzazione internazionale del lavoro.

    Tra i compiti che attendono il neo-primo ministro figura la questione chiave dell’organizzazione delle prossime elezioni presidenziali e parlamentari, che si dovrebbero svolgere prima della fine del prossimo mese di febbraio. [MV]

  • Tanzania Free

    Allo studio ponti per collegare isole di Zanzibar

    TANZANIA - Il governo della regione semi-autonoma di Zanzibar intende costruire una serie di ponti sul mare per collegare tra loro le due isole principali di Unguja e Pemba, con le isole minori dell’arcipelago.

    A segnalarlo sono i media locali, precisando che obiettivo del piano è aumentare le attività economiche nell’arcipelago e favorire il commercio.

    Seppur collegato alle reti elettrica e idrica nazionali, l’arcipelago di Zanzibar resta infatti spesso isolato durante i periodi di maltempo a causa delle difficoltà dei trasporti marittimi.

    La costruzione dei ponti - che dovrebbero collegare le isole di Unguja e Pemba con le altre isole abitate dell’arcipelago come Tumbatu, Fundo, Kojani, Kisiwapanza, Kokota e Makoongwe - rientra nel piano ‘New Vision 2050’ che delinea la strategia di sviluppo a lungo termine del governo regionale di Zanzibar. [MV]

  • Mauritius Free

    Riapertura dei confini il 1° ottobre

    MAURITIUS - Dal primo ottobre la Repubblica di Mauritius riaprirà i confini con misure di sicurezza molto rigorose volte a contenere il contagio da covid-19. Tra i provvedimenti vi è la quarantena obbligatoria, di 14 giorni e a proprie spese, per chiunque arrivi. Gli avventori possono scegliere se trascorrere le due settimane in albergo a tre o cinque stelle e si stima che la spesa complessiva possa essere di 1.300 dollari a persona, un prezzo ritenuto da molti troppo alto. Per gli abitanti dell’isola che tornano dopo cure mediche all’estero, invece, i costi saranno coperti dal governo. Le prenotazioni aeree e di camere d’albergo potranno essere effettuate solo online. Il governo ha detto che la priorità sarà data, nell’ordine, al ritorno dei cittadini di Mauritius, dei residenti autorizzati, delle persone impiegate nell’isola e in ultimo dei turisti. Nessun contagio è stato localmente rilevato da più di 150 giorni, ma sono stati registrati alcuni casi importati. Mauritius segnala a oggi 10 decessi per Coronavirus dall’inizio della pandemia. [Africa Rivista]