Niger

Ministro del Turismo,«strage imprevedibile, ma non vincerà il terrorismo»

NIGER – «Non si è trattato di negligenza, ma di un’azione davvero inaspettata. I terroristi sono in difficoltà sul nostro territorio, hanno subito sconfitte. Evidentemente hanno deciso di intervenire laddove non era prevedibile. Non si capisce dove questi criminali vogliono arrivare. È impossibile concepire il perché di così tanta violenza cieca». Afflitto dall’attacco letale alla comitiva francese dell’ong Acted e alla loro guida locale, il ministro nigerino del Turismo Ahmed Botto, raggiunto telefonicamente da InfoAfrica incassa un altro duro colpo. «Ci stavamo appena riprendendo dalla crisi legata al covid-19, c’era entusiasmo. C’era voglia di prepararsi per le prossime manifestazioni turistiche e artigianali che nel nostro Paese hanno un grande potenziale, e che l’anno scorso avevano portato turisti dall’estero».

 

«È chiaro che un episodio del genere non ci aiuterà a ripartire. Ma siamo fiduciosi, supereremo anche questa situazione e con le dovute cautele ci risolleveremo». Botto ricorda che il suo ministero, così come le autorità nigerine in generale, raccomanda sempre una scorta ai visitatori interessati a gite fuori porta, ed è sempre pronto ad aiutare nell’organizzazione. Non è infatti ben chiaro perché il gruppo di francesi, operatori umanitari ben al corrente della situazione di sicurezza nel Sahel, abbia deciso di uscire domenica senza un proprio servizio di sicurezza benché la zona del parco di Kouré sia considerata più sicura del resto del Paese e la visita alle giraffe sia un’attività usuale per gli espatriati a Niamey.

 

La barbara imboscata che ha preso di mira il veicolo dell’ong francese Acted, con a bordo sette operatori dell’organizzazione (sei francesi dipendenti e un volontario internazionale basato a Niamey) e una guida locale, è costata la vita a quattro uomini e quattro donne, di età comprese tra i 25 e i 50 anni. La direttrice generale di Acted, Marie-Pierre Caley, ha deplorato un «dramma senza precedenti per l’organizzazione» e ha ricordato che le aree tra Niamey e Kouré erano classificate in giallo. Il co-fondatore dell’ong, Frederic Roussel, ha dal canto suo lamentato il fatto che la comunità internazionale non garantisca la sicurezza del personale umanitario chiamato a intervenire nei Paesi a rischio. Acted ha annunciato che sporgerà denuncia affinché si faccia chiarezza sull’accaduto.

 

L’attacco, messo a segno da uomini in moto che hanno crivellato di pallottole il 4×4 dell’ong, ritrovato interamente bruciato, non è stato ancora rivendicato. Si sospetta il ramo dell’Isis nel Grande Sahara, protagonista di una vera e propria guerra contro i soldati francesi e nigerini, che avrebbe agito proprio in chiave anti-francese per una dimostrazione di forza. Un consiglio di difesa è in programma domani in Francia. La procura antiterrorismo francese ha aperto un’inchiesta. [CC]

 

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Mali Free

    Ex ministro Esteri Ouane scelto per guidare governo

    MALI - L’ex ministro degli Esteri Moctar Ouane è stato nominato primo ministro ad interim del Mali. Lo ha riferito ieri la televisione di stato, dando così notizia di uno sviluppo che potrebbe portare alla revoca delle sanzioni imposte dall’Ecowas - l’organizzazione che riunisce i Paesi dell’Africa occidentale - all’indomani del colpo di stato militare del mese scorso. Diplomatico di lungo corso, Ouane, 64 anni, è stato ambasciatore del Mali presso le Nazioni Unite nel 1995-2002 e ha servito come ministro degli Esteri dal 2004 al 2009. L’Ecowas aveva chiesto che fosse scelto un esponente civile alla guida del governo come condizione per la revoca delle sanzioni. La nomina di Ouane arriva due giorni dopo che l’ex colonnello Bah Ndaw ha prestato giuramento come presidente del Paese e il colonnello Assimi Goita, leader del golpe, come vicepresidente. Con Ouane si completa dunque il trittico che avrà il compito di supervisionare la transizione di 18 mesi seguita al rovesciamento del 18 agosto del presidente Ibrahim Boubacar Keita. [MS]
  • Togo Free

    Si dimettono premier e governo

    TOGO - Il primo ministro Komi Selom Klassou e il suo governo si sono dimessi in un rimpasto politico atteso da tempo e ritardato dalla pandemia di coronavirus. Il presidente del Paese, Faure Gnassingbe, rieletto a febbraio, nominerà a breve un nuovo premier. La notizia è stata riferita dall’ufficio di presidenza.  Gli ultimi sviluppi erano attesi dalla vittoria di Gnassingbe a febbraio per un quarto mandato, ma i cambiamenti sono stati ritardati dalla pandemia. Komi Selom Klassou era primo ministro dal 2015. Gnassingbe guida il Togo dal 2005, anno in cui subentrò al defunto padre Gnassingbe Eyadema, che aveva governato nei precedenti 38 anni. [MS]
  • Burkina Faso Free

    Aiuti sviluppo, nel 2019 superati 1,5 miliardi di...

    BURKINA FASO - Gli aiuti allo sviluppo al Burkina Faso sono ammontati a 907 miliardi di franchi Cfa (quasi 1,55 miliardi di dollari) nel 2019. A riferire il dato è stato il Ministero dell'Economia e delle Finanze del Paese, in un rapporto reso noto nel fine settimana. Il dato rappresenta un aumento del 4% rispetto all’anno precedente, secondo la stessa fonte. I primi dieci partner del Burkina Faso nel 2019 sono stati il Gruppo della Banca Mondiale, le Nazioni Unite, il Fondo Globale, l’Unione Europea, la Banca Islamica per lo Sviluppo, la Germania, gli Stati Uniti, la Francia, la Svezia e la Banca Africana di Sviluppo. La delegata del ministero per la gestione del territorio, Pauline Zoure, ha affermato che il 65,6% delle risorse è stato concesso sotto forma di sovvenzioni. Ha aggiunto che le sovvenzioni sono state incanalate principalmente in settori quali salute, agricoltura, ambiente, approvvigionamento idrico, occupazione e istruzione. [MS]
  • Africa OccidentaleCosta Avorio Free

    Introduzione nuova valuta Eco slitterà di diversi anni

    COSTA D’AVORIO / AFRICA OCCIDENTALE - Il danno economico causato dalla pandemia di coronavirus costringe a rinviare di diversi anni i piani per introdurre una nuova valuta regionale in Africa occidentale. A dirlo è stato il presidente della Costa d’Avorio, Alassane Dramane Ouattara, che ha anche quantificato questo rinvio in almeno tre anni.  Il blocco dell’Unione economica e monetaria ovest-africana - che riunisce otto paesi per lo più di lingua francese - aveva deciso lo scorso dicembre di iniziare a eliminare gradualmente il franco Cfa, da sette decenni valuta comune. Un’operazione che avrebbe dovuto cominciare già quest’anno.  All'inizio di questo mese, il blocco aveva annunciato l’intenzione di lavorare su una nuova tabella di marcia, a causa dei danni economici inferti dalla pandemia.  Il deficit di bilancio della regione dovrebbe ammontare a circa l’8% del pil quest’anno, rispetto al 3% previsto nei criteri di convergenza che devono essere soddisfatti prima dell’introduzione della nuova valuta, secondo la stessa Ueoma. “Sappiamo che l’eco (questo il nome della nuova valuta, ndr)  non può essere introdotto quest’anno a causa di covid e delle difficoltà che abbiamo nei diversi Stati”, ha detto ai giornalisti Ouattara. “Pensiamo che sarà difficile rientrare nel deficit del 3% per due o tre anni, quindi personalmente non vedo l’eco arrivare prima di tre o anche quattro anni”. [MS]
  • Mali Free

    Restano in vigore le sanzioni Ecowas

    MALI - La Comunità economica dell’Africa occidentale (Ecowas) ha dichiarato ufficialmente che non revocherà le sanzioni imposte al Mali dopo il colpo di stato militare di cinque settimane fa.

    I responsabili dell’organizzazione hanno detto che manterranno le misure finché non sarà nominato un primo ministro civile.

    L’annuncio è arrivato dopo il giuramento, che si è tenuto venerdì, di Bah Ndaw a nuovo presidente del Mali. Ex ministro della difesa, nelle intenzioni degli ufficiali golpisti, rimarrà al potere finché non saranno indette nuove elezioni (probabilmente fra 18 mesi).

    Il nuovo presidente è stato scelto dal leader del golpe, il colonnello Assimi Goita, ora a capo del governo di transizione. Nella stessa cerimonia del giuramento del capo dello Stato, Goita ha giurato come vicepresidente.

    I corrispondenti della stampa internazionale affermano che il nuovo presidente dovrà subito affrontare la crisi economica e porre fine alla violenza jihadista e intercomunitaria che da anni sconvolgono il Nord e il centro del Paese. [Africa Rivista]

  • Mali Free

    Ndaw e Goita, primo tandem ufficiale della transizione

    MALI - Il presidente designato Bah Ndaw e il vicepresidente, colonnello Assimi Goita, hanno prestato giuramento come annunciato, oggi nella capitale Bamako, per una transizione di 18 mesi. Le nuove istituzioni che d’ora in poi saranno insediate sono eredi dell’estromissione del presidente eletto Ibrahim Boucakar Keita, costretto alle dimissioni il 18 agosto da militari ammutinati nella scia di un’ondata di proteste antigovernative. Sebbene la giunta militare abbia goduto di una grande simpatia popolare in un primo tempo, l’avere a che spartire con i soldati non piace a una parte dell’opposizione politica né dell’opinione che teme una manomessa dei militari sulla via politica del Paese. Per altri invece, i nuovi militari portano un vento di novità che potrebbe essere di buon auspicio per riassestare la situazione. «Il Mali è scosso, calpestato, indebolito, umiliato dai propri figli, da noi stessi, e da nessun altro che noi stessi» ha sottolineato l’ex ufficiale dell’Aviazione militare, oggi in pensione, nel suo discorso d’investitura. Tra le linee guida annunciate dal presidente di transizione, la buona gestione delle  - poche – risorse dello Stato, la lotta all’impunità contro la corruzione, giustizia per i dirottamenti di fondi pubblici, la lotta al covid-19. A fianco del presidente, ha giurato il capo della giunta golpista uscente, Assimi Goita, alla carica di vice presidente. La loro nomina è il risultato di consultazioni nazionali, organizzate dalla stessa giunta, alla quale hanno partecipato quasi tutti i rappresentanti delle forze vive della nazioni. Le conclusioni, tuttavia, non sono state accettate in maniera consensuale e alcuni lamentano che sulla scelta dei due leader non ci sia stata scelta. [CC]