Camerun

Decolla il prezzo dei pomodori

CAMERUN – L’epidemia di coronavirus ha portato al crollo della produzione e a un forte aumento dei prezzi dei pomodori. Prima della diffusione del virus, una cassa costava 2.000 franchi Cfa (circa tre euro), oggi ne costa 12.000.

(149 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Camerun Free

    Energie rinnovabili, formazione all'università di...

    CAMERUN - Un centro d’eccellenza dedicato alla formazione sulle energie rinnovabili potrebbe presto vedere la luce all’università pubblica di Yaoundé. Il progetto nasce da un partenariato con l’azienda tedesca Lucas-Nülle GmbH, che si occuperà di fornitura di attrezzature didattiche, ma si occuperà anche del finanziamento. Sarà la facoltà di scienze a dare spazio alla formazione degli studenti in materia di energie rinnovabili, a cominciare dal fotovoltaico. A breve termine, l’università di Yaoundé spera di poter creare moduli di formazione professionale e di specializzazione, in un momento in cui è sempre più grande il bisogno di energia elettrica e che il peso delle rinnovabili è sempre più significativo. Il laboratorio avrà a disposizione materiali per la pratica e la formazione tecnica, forniti dal partner tedesco, mentre l’università si occuperà del programma pedagogico. Un’iniziativa simile è già stata sviluppata dalla Lucas-Nülle GmbH in Repubblica Democratica del Congo. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Verso gestione in concessione operatori ferroviari

    REP DEM CONGO - Il governo di Kinshasa ha approvato una bozza di legge per assegnare a privati la gestione in concessione delle tre principali società ferroviarie pubbliche che operano in Repubblica democratica del Congo.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che la proposta adottata salvo intese dal governo congolese “ha lo scopo di definire il quadro generale del progetto e definire i rispettivi diritti e obblighi dell’ente concedente e della società concessionaria la cui missione sarà quella di assicurare la progettazione, il finanziamento, l’ammodernamento, la costruzione, l’esercizio e la manutenzione di una rete ferroviaria integrata di 10.000 chilometri nella Repubblica Democratica del Congo, nonché la realizzazione di nuovi progetti”.

    Tre sono le società ferroviarie pubbliche interessate da questo progetto di concessione: la Société des chemins de fer Uélé-Fleuve (SCFUF), la Société nationale des chemins de fer du Congo (SNCC) e la Société commerciale des transports et des ports (SCTP). [MV]

  • CamerunCiadNigerNigeria Free

    Diplomazia dell’acqua e cultura della sostenibilità,...

    SAHEL - Dal 9 al 13 novembre prossimi, il Centro piemontese di studi africani (CSA) organizza una settimana di riflessione sull’emergenza climatica intorno al bacino del lago Ciad.

    L’iniziativa, che potrà essere seguita in presenza e online, prevede un convegno scientifico, interviste, incontri, mostre fotografiche, rassegna di documentari e musiche per proporre un dialogo su più livelli tra le principali parti in causa, gli esperti in materia, i rappresentanti della diaspora e le organizzazioni internazionali.

    L'evento è organizzato in collaborazione con Ihe Delft, Hydroaid, Istituto Affari Internazionali, Cespi, con il sostegno della Città Metropolitana di Torino, Incontro fra i popoli e Coopi e realizzato con il contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e di ATO3 Torinese.

    Maggiori informazioni sul programma e sulle modalità di partecipazione sono disponibili qui. E’ obbligatoria la prenotazione.

  • R. Centrafricana Free

    Ristrutturazione aeroporto di Bangui, approvati fondi...

    R CENTRAFRICANA  - Un contributo a fondo perduto del valore di 9,5 milioni di euro destinati alla ristrutturazione dell’aeroporto di Bangui è stato approvato dal consiglio d’amministrazione della Banca africana per lo sviluppo (AfDB). I fondi andranno a coprire parte della seconda fase del progetto di sostegno alla modernizzazione dell’aeroporto internazionale di Bangui-Mkopo (Pamab-II). Tale fase del progetto si dedica soprattutto all’aspetto della sicurezza. Il contributo dell’AfDB copre circa l’80% della spesa, mentre il restante 20% è garantito dal governo locale. Anche la fase 1, in corso di realizzazione, gode dell’appoggio finanziario della banca. L’essenziale del traffico aereo della Repubblica Centrafricana transita dallo scalo di Bangui M’poko, inaugurato nel 1967. [CC]
  • Repubblica Congo Free

    A Brazzaville il Salone africano dell'invenzione e...

    REP CONGO – Il Salone africano dell’invenzione e della proprietà intellettuale (Saiit) si terrà dal 15 al 17 ottobre al Palazzo dei congressi di Brazzaville. Sarà l’VIII edizione di questo evento, che mira a promuovere e divulgare i migliori risultati di ricerche, invenzioni, innovazioni tecnologiche, facendosi vetrine di nuovi prodotti, servizi e di nuove potenziali aziende. Il tema dell’edizione 2020 è «Proprietà intellettuale, innovazione e sfide sanitarie». Un concorso premierà le migliori invenzioni nel settore prioritario della sanità. Una ventina di Paesi dovrebbero essere presenti a questo salone, che si svolge ogni due anni in una delle capitali dei Paesi membri dell’Organizzazione africana della proprietà intellettuale (Oapi), organizzatrice dell’iniziativa, insieme, in questo caso, al governo della Repubblica del Congo. L’Oapi è l’organismo che rilascia titoli di proprietà intellettuale, brevetti, registrazioni di marchi, di disegni industriali e tutto quel che riguarda le invenzioni. [CC]
  • Camerun Free

    Introdotta piattaforma elettronica per pagare dazi...

    CAMERUN - Il pagamento dei dazi doganali per importare in Camerun prodotti tecnologici come i telefoni cellulari  avverrà da adesso attraverso una piattaforma elettronica online.

    A comunicarlo sono stati il ministero delle Finanze e quello delle Telecomunicazioni camerunesi, precisando che la piattaforma è disponibile dallo scorso 1° ottobre.

    "Oltre a essere un mezzo per garantire un processo di riscossione delle entrate doganali più sicuro, questo metodo innovativo di pagamento per lo sdoganamento dei prodotti tecnologici è anche volto a migliorare la sicurezza delle comunicazioni mobili in Camerun”, si legge nel comunicato diffuso dai due ministeri.

    Il Camerun ha un mercato in forte espansione per i telefoni cellulari e altri dispositivi mobili con un tasso di penetrazione pari a circa il 90% della popolazione nazionale. [MV]