Nigeria

Ministro del Commercio promette prossima ratifica dell’AfCFTA

NIGERIA – Un comitato speciale è stato nominato dal ministero del Commercio per studiare il processo di ratificazione dell’accordo per la Zona di libero scambio continentale (AfCFTA), affinché la Nigeria possa trarre vantaggio dalla grande novità.

(127 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Burkina Faso Free

    Air Burkina comprata dal gruppo statunitense AGD

    BURKINA FASO – Sarà venduta in parte al gruppo statunitense African Global Development (AGD) la compagnia aerea di bandiera Air Burkina. L’accordo di privatizzazione è stato firmato nei giorni scorsi a Ouagadougou dal ministro dell’Economia e delle Finanze, Lassané Kaboré, e dal direttore generale dell’ADG, Phil Smartt. Secondo la stampa locale, la convenzione prevede un investimento da parte del compratore americano di 250 miliardi di franchi Cfa, circa 380 milioni di euro, per rilanciare la compagnia, acquisire nuovi velivoli e costruire un centro di manutenzione. La privatizzazione sarà effettiva dal 1° gennaio prossimo. Lo Stato e investitori locali dovrebbero mantenere il 20% di capitale. La compagnia aerea era già stata parzialmente privatizzata dal 2001 al 2017, anno in cui si ritirò il Fondo Aga Khan per lo sviluppo economico. [CC]
  • Niger Free

    Nuove strade e un cementificio in costruzione nella...

    NIGER - Dopo 48 mesi di lavoro, è stata inaugurata la strada tra Illela e Bagaroua, un tratto di 107 chilometri nella regione di Tahoua, nel centro-sud del Niger. Realizzati dall’azienda burkinabè L’Africaine des travaux publics, i lavori sono stati il frutto di un partenariato pubblico-privato, per un costo di 73,5 miliardi di franchi Cfa, pari a 112 milioni di euro. Nella stessa regione, dove si è recato per l’inaugurazione il presidente della Repubblica Mahamadou Issoufou, è stato dato il via ufficiali ai lavori di costruzione di un cementificio, nella località di Kao. Sulla carta, la fabbrica di cemento dovrebbe essere pronta tra 28 mesi e dare lavoro a centinaia di dipendenti. Sotto la supervisione del ministero dell’Industria, il progetto di cementificio mira a soddisfare la forte domanda di cemento del Niger e dei Paesi circostanti. Con la stessa occasione, è stato dato il via ufficiale ai lavori di ristrutturazione della strada Tahoua-Abalak – un tratto di 135 chilometri - e a quelli di riabilitazione e di asfaltatura della strada RTA-Kao Tchintabaraden. «Si sposano l’industria e le infrastrutture stradali, si sposano la produzione e la strada» ha detto il presidente Issoufou, ricordando che uno degli obiettivi del programma di rinascita è di produrre e trasportare prodotti a costi ridotti «per il mercato domestico e per l’esportazione, anche per il mercato unico che ci offre la zona di libero scambio continentale africana». [CC]
  • Burkina Faso Free

    Un nuovo ospedale per Bobo-Dioulasso

    BURKINA FASO - I lavori di costruzione di un ospedale al servizio di Bobo-Dioulasso sono stati avviati nel corso di una cerimonia tenuta dal primo ministro del Burkina Faso, Christophe Marie Joseph Dabiré, e dall’ambasciatore della Cina a Ouagadougou.  Il progetto prevede investimenti per 108 milioni di dollari e sarà concluso nell’arco di tre anni; il finanziamento è stato messo a disposizione dalla Cina.  L’ospedale sarà realizzato su una superficie di 30 ettari, alle porte della città, e avrà una capacità di 500 posti letto. [MS]
  • Nigeria Free

    Ancora scontri, la situazione resta critica a Lagos

    NIGERIA - In Nigeria continuano gli scontri: i manifestanti hanno attaccato la prigione di Lagos e si sono scontrati con le forze dell’ordine nonostante il coprifuoco imposto dalle autorità. La polizia ha confermato l’attaccato al penitenziario nell’esclusivo quartiere di Ikoyi. Scontri si sono registrati anche in altre città e, in particolare, ad Abuja, la capitale. La comunità internazionale, compresa l’Unione africana, ha condannato la violenza. L’esercito nigeriano ha detto che le sparatorie erano fake news e il ministro della polizia, Muhammad Maigari Dingyadi, ha dichiarato alla Bbc che agli agenti non è stato ordinato di aprire il fuoco sui manifestanti. "Non posso dire chi è stato coinvolto nella sparatoria – ha affermato -, sicuramente non la polizia. I soldati negano il loro coinvolgimento". Il presidente Buhari ha invitato alla calma mentre il vicepresidente della Nigeria ha promesso giustizia per le vittime. Yemi Osinbajo ha detto che il suo "cuore è con le vittime della sparatoria, con i poliziotti e con chiunque abbia perso la vita".
  • Mali Free

    Ex presidente IBK di nuovo a Bamako

    MALI – L’ex presidente Ibrahim Boubacar Keita è tornato ieri sera a Bamako, dopo un soggiorno negli Emirati Arabi Uniti per ragioni mediche. Keita è stato accolto da qualche decina di sostenitori felici di vederlo tornare a casa «da buon padre di famiglia». Fortemente contestato per la sua gestione del Paese, “IBK” era stato arrestato da militati ammutinati il 18 agosto scorso e costretto alle dimissioni. Dopo un paio di settimane sotto la custodia dei golpisti, Keita era stato autorizzato a lasciare il Paese per curarsi dopo una caduta, forse provocata da un lieve accidente vascolare cerebrale. Da allora, IBK è stato sostituito da un presidente di transizione, Bah N’Daw, assistito dal vicepresidente colonnello Assimi Goita e da un primo ministro di transizione, Moctar Ouane. Ieri, i tre hanno ricevuto il viceministro tedesco della Difesa, Thomas Silberhorn, per parlare della cooperazione bilaterale.[CC]    
  • Guinea Free

    Almeno 9 morti in violenze post-elettorali, si...

    GUINEA – Arrivano progressivamente i risultati parziali delle elezioni presidenziali in Guinea, mentre nel Paese è salita la tensione tra i simpatizzanti del presidente uscente Alpha Condé e quelli del suo principale rivale Cellou Dalein Diallo. Quest’ultimo è accerchiato in casa dalle forze di sicurezza, da quando, all’indomani del voto di domenica, ha autoproclamato la sua vittoria al primo turno, suscitando l’indignazione della parte avversa. Intanto, secondo un comunicato del ministero della Sicurezza civile, almeno nove persone, tra cui un poliziotto, sono state uccise in episodi di violenza post-elettorale fino a ieri. Il ministero accusa il partito di Dalein, l’Ufdg, di orchestrare una strategia del caos. All’indomani dell’autoproclamazione della vittoria di Dalein, «i militanti del partito hanno invaso alcune strade di Conakry, hanno eretto barricate, e minacciato cittadini che stavano svolgendo le proprie attività quotidiane (…) All’interno del Paese, in particolare a Kissidougou e a Coyah, sono stati registrati incidenti tra simpatizzanti dell’Ufdg e di altre formazioni politiche (…) a Coyah militanti dell’Ufdg hanno attaccato il domicilio del capo quartiere di Friguiadi, hanno saccheggiato la stazione di polizia, prima di essere dispersi (….) In altre località sono state attaccate rappresentanze del partito di governo» si legge nel comunicato del ministero. A Kissidougou si contano tre morti, quattro a Conakry, oltre a un agente linciato Secondo il giornale Aminata, sono invece le forze dell’ordine che si rendono responsabili di abusi e violenze, in particolare nelle zone in cui è forte il sostegno all’oppositore Dalein. La pubblicazione deplora inoltre l’uccisione di due ragazzine innocenti, colpite da pallottole vaganti. Gli oppositori al regime di Condé e alla sua terza candidatura consecutiva a un mandato presidenziale attribuiscono all’anziano leader politico la responsabilità del clima di violenza. I risultati completi delle elezioni potrebbero essere annunciati domani dalla Commissione elettorale nazionale indipendente. [CC]