Libia

Esercito nazionale annuncia uccisione del capo dell’Isis in Nord Africa

LIBIA – L’Esercito nazionale libico ha dato notizia di aver ucciso il capo del gruppo Stato islamico in Africa settentrionale Abu Moaz al-Iraqi, anche noto come Abu Abdullah al-Iraqi.

(145 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Tunisia Free

    Bers finanzia la Banque de Tunisie

    TUNISIA - La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) aumenterà da 20 milioni a 50 milioni il finanziamento al commercio destinato alla Banque de Tunisie (Bt). Una misura che dovrebbe sostenere gli esportatori e gli importatori tunisini aiutandoli nelle loro attività commerciali durante la pandemia di coronavirus. Mantenere il commercio funzionale nell'attuale crisi è vitale per l'economia globale, secondo la Bers che in risposta alla forte domanda, ha ampliato il suo limite di finanziamento al commercio a 3 miliardi di euro solo per il 2020. L'aumento dei finanziamenti al commercio forniti alla Banque de Tunisie contribuirà a mitigare i blocchi del flusso commerciale e delle catene di approvvigionamento causate dalle attuali condizioni di mercato. Dall'inizio delle sue operazioni in Tunisia nel 2012, la Bers ha investito 945 milioni di euro in 46 progetti e fornito assistenza tecnica a quasi 1.200 piccole imprese, due terzi delle quali si trovano in regioni decentrate del Paese. [EC]
  • Egitto Free

    Metallurgia e materiale da costruzione, export in...

    EGITTO - Le esportazioni di materiali da costruzione, refrattari e quelle delle industrie metallurgiche hanno raggiunto i 3,9 miliardi di dollari nei primi otto mesi del 2020 con un incremento di 700 milioni rispetti ai 3,2 miliardi di dollari nello stesso periodo del 2019. Secondo il rapporto mensile dell'Export Council for Building Materials, Refractory and Metallurgy Industries (Ecbm), le esportazioni di gioielli e pietre preziose del Paese hanno raggiunto i 2,1 miliardi di dollari nel periodo gennaio-agosto 2020, rispetto ai 1,2 miliardi nello stesso periodo nel 2019. Nel frattempo, le esportazioni di ceramica sono diminuite del 30 percento, raggiungendo i 78 milioni di dollari. [EC]
  • Algeria Free

    Massiccio acquisto di grano

    ALGERIA - Nonostante i prezzi in forte aumento sul mercato dei cereali, l'Algeria ha acquistato all'estero tra le 700 e le 770.000 tonnellate di grano, rivolgendosi principalmente a fornitori francesi e tedeschi e dei Paesi baltici. Il maggiore fornitore rimane la Francia che, secondo indiscrezioni rilasciate dai broker, garantirebbe i due terzi dell'attuale partita. Per il momento, la Russia non sarebbe quindi riuscita a strappare un contratto all'Algeria, come prevedevano gli esperti del settore. Proprio per favorire i prodotti di Mosca, Algeri, nel suo bando di gara, apriva infatti alle specifiche del frumento russo e, in modo particolare, a quello del Mar Nero. Ma ciò non è bastato. Secondo indiscrezioni diplomatiche,  Mosca avrebbe chiesto che l'Algeria riduca ulteriormente le pretese tecniche, anche se il nodo più grande è il prezzo del grano russo, che è alto e ha subito un incremento a ottobre. [EC]
  • Egitto Free

    Strade migliori, meno incidenti mortali

    EGITTO - Gli investimenti in infrastrutture hanno contribuito alla diminuzione del numero di decessi causati da incidenti stradali. Lo ha dichiarato il Hala El-Said, ministro della Pianificazione e dello sviluppo economico. El-Said ha spiegato che gli effetti degli investimenti per la manutenzione e la costruzione di strade e ponti negli ultimi quattro anni hanno mostrato le loro benefiche ricadute nel biennio 2018-2020 con la diminuzione delle morti per incidenti stradali del 5% nel 2018-2019 e del 44% nel 2019-2020. Il ministro ha affermato che lo Stato sta prestando grande attenzione al settore dei trasporti, compresa la rete di strade e ponti, spiegando che gli investimenti in infrastrutture sono stati pari a circa 14 miliardi di pound egiziani (750.000 euro) nel 2018, a 26 miliardi nel 2019 , e 28 miliardi nel 2020. Parallelamente, il numero di morti per incidenti stradali è sceso dai 13.000 del 2018, a 12.000 nel 2019 e 7.000 nel 2020. Ciò ha fatto sì che, secondo quanto dichiarato dal ministro, l'Egitto abbia migliorato il suo ranking nella lista della qualità delle strade e delle infrastrutture, balzando in avanti di 90 posizioni, dalla 118a posizione nel 2014 alla 28a nel 2019. [EC]
  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Unione Africana fa ripartire colloqui a tre per diga...

    ETIOPIA / EGITTO / SUDAN - Riprenderanno oggi, su iniziativa dell’Unione Africana, i colloqui tra Egitto, Sudan ed Etiopia in merito alla diga sul Nilo Blu che quest’ultima ha realizzato e che ora intende utilizzare per la produzione di energia elettrica. La questione da risolvere e sulla quale è nata la disputa riguarda i tempi di riempimento del bacino formato dalla diga ma non solo.  L’Etiopia vorrebbe riempire il bacino nel più breve tempo possibile, l’Egitto chiede che il riempimento avvenga nell’arco di più anni e che la gestione tenga comunque conto dei livelli dell’acqua anche negli anni successivi. Il Cairo è infatti preoccupata che la diga possa portare a una riduzione significativa delle risorse d’acqua a sua disposizione. Più mitigata è la posizione del Sudan che però dalla caduta di Omar Hassan al-Bashir ha tenuto una posizione più vicina a quella egiziana.  I colloqui di oggi fanno seguito a pressioni significative esercitate dagli Stati Uniti sull’Etiopia. Ai colloqui, annunciati dal capo di Stato sudafricano Cyril Ramaphosa, presidente di turno dell’Unione Africana prenderanno parte il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi, il primo ministro etiopico Abiy Ahmed, e il primo ministro sudanese Abdalla Hamdok.  Nei giorni scorsi il presidente americano Donald Trump aveva ipotizzato un raid egiziano per distruggere la diga. Affermazioni pesanti che avevano incontrato dure reazioni da parte di Addis Abeba. La diga, nei piani etiopici, sarà in grado di produrre 6000 MW di energia da utilizzare in parte per il proprio fabbisogno e in parte da vendere per ricavarne valuta pesante. [MS]
  • Tunisia Free

    Sostegno della Bers per la filiera import-export

    TUNISIA – La filiera import-export tunisina è la beneficiaria di nuovi finanziamenti da parte della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers).   L’istituto finanziario europeo ha aumentato da 20 milioni a 50 milioni di euro il finanziamento al commercio destinato alla Banque de Tunisie (Bt) al fine di aiutare gli esportatori e gli importatori tunisini a continuare le loro attività commerciali durante la pandemia di coronavirus.   Questa decisione rientra nel programma di facilitazione del commercio della Bers (denominato Tfp), dedicato alla promozione del commercio estero verso, da e all'interno delle economie in cui investe la Bers. Dall'inizio delle sue operazioni in Tunisia nel 2012, la Bers ha investito 945 milioni di euro in 46 progetti e fornito assistenza tecnica a quasi 1.200 piccole imprese, due terzi delle quali si trovano in regioni decentrate del Paese. [CC]