Marocco

Accordo di cooperazione militare tra Rabat e Washington

MAROCCO – Un accordo di cooperazione militare di durata decennale è stato firmato nel fine settimana a Rabat da Marocco e Stati Uniti. A concludere l’intesa per gli Stati Uniti è stato il segretario di Stato alla Difesa, Mark Esper, che con la tappa a Rabat ha chiuso un tour che nei giorni precedenti lo aveva portato anche a Tunisi e ad Algeri. 

(156 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Tunisia Free

    Un percorso cinematografico per rilanciare il turismo

    TUNISIA - La Tunisia ha ideato un percorso turistico-cinematografico per attirare visitatori e produzioni. Il progetto, in fase di creazione, dovrebbe prendere il via entro la fine del 2021 e ha come perno la visita alle location dove sono stati girati film famosi. "La Tunisia è piena di siti culturali da valorizzare. Al di là delle spiagge, degli hotel all-inclusive e dei pochi musei nazionali, un intero patrimonio è ancora in attesa di essere evidenziato, o restaurato", ha detto alla stampa locale Mouna Methlouthi, direttore generale della Cooperazione internazionale del ministero tunisino del Turismo. Dagli studi cinematografici tunisini alle numerose ambientazioni naturali che abbondano nel Paese, sono stati selezionati 18 siti di riprese di lungometraggi di fama internazionale per comporre il percorso. I visitatori avranno la possibilità di visitare i luoghi dove sono state girate scene di film cult come: ‘Star Wars’ (diretto da George Lucas), ‘Monty Python: The Life of Brian’ (Terry Jones), ‘Indiana Jones’ (Steven Spielberg), ‘The English Patient’ (Anthony Minghella), ‘The Last Legion’ (Doug Lefler) e ‘Black Gold’ (Jean-Jacques Annaud).  [VGM]
  • Algeria Free

    Via libera alla costruzione di 140.000 nuovi alloggi su...

    ALGERIA - I lavori per la costruzione di 140.000 nuovi alloggi in diverse province dell’Algeria da mettere in vendita a prezzi calmierati con la sottoscrizione di mutui agevolati inizieranno tra qualche giorno. Ad annunciarlo è stato il direttore generale dell’Agenzia nazionale per l’Ammodernamento e lo Sviluppo degli Alloggi (Aadl), Belaaribi Mohamed Tahar, ricordando che altre 30.000 unità abitative saranno complessivamente assegnate in tutto il paese entro la fine dell’anno. “Con la pandemia del coronavirus, abbiamo attuato un programma quotidiano di assegnazione a pochi acquirenti alla volta, tra i 50 e gli 80 al giorno”, ha ancora precisato Tahar, a margine della cerimonia di attribuzione di 1800 unità abitative nella wilaya di Ain Defla, su un totale di 7000 previste per la provincia. L’Aadl è un’agenzia governativa che fa capo al ministero dell’Habitat e dell’Urbanismo ed è incaricata dello sviluppo del mercato immobiliare in Algeria. Il governo persegue un ambizioso programma per la costruzione di nuove unità abitative per fare fronte alla crisi degli alloggi che colpisce il paese. [CN]
  • Libia Free

    A Misurata, azienda turca ricicla i rifiuti

    LIBIA - Il Comune di Misurata affiderà la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti a una società turca. La decisione è stata presa nel corso di un incontro tra i membri del Consiglio municipale e i rappresentanti della società turca Partner Teknik, specializzata nei settori dell'industria, del riciclaggio dei rifiuti e della produzione di energia. All'incontro hanno partecipato anche il presidente del Consiglio di amministrazione della Libyan Iron and Steel Company e il direttore della Società generale per la pulizia e i servizi pubblici a Misurata. La Partner Teknik non solo si occuperà di raccogliere la spazzatura quotidiana, ma anche di gestire i materiali riciclabili e di utilizzare il residuo nella produzione e generazione di energia elettrica. Si tratta di un progetto di economia circolare ed ecocompatibile. [EC]
  • Algeria Free

    Situazione idrica preoccupante

    ALGERIA - Sempre più preoccupante la situazione idrica. Le poche precipitazioni in estate e in autunno stanno mettendo a rischio la disponibilità di acqua potabile. Anno dopo anno, le precipitazioni diminuiscono drasticamente a causa dei cambiamenti climatici. La scorsa estate, la grande diga di Taksebt in Cabilia era completamente asciutta. E, con le piogge deboli osservate dall'inizio di questo autunno, la situazione è lungi dall'essere ristabilita. Secondo gli ultimi dati, il bacino è pieno solo al 17% della sua capacità, stimata di 181 milioni di metri cubi di acqua. Una quantità sufficiente per soli 45 giorni di pompaggio a una velocità di 270.000 metri cubi al giorno. “È prematuro parlare di siccità, visto che siamo solo all'inizio della stagione delle piogge. Oggi parliamo di una mancanza di precipitazioni a causa del cambiamento climatico. Tenendo conto di questa nuova situazione ambientale, abbiamo implementato una serie di misure che saranno svelate nei prossimi giorni. Negli ultimi anni abbiamo avviato diverse azioni con l'obiettivo di controllare la possibile mancanza di acqua potabile. Nella sola  Algeri, per esempio, abbiamo costruito 68 pozzi”, ha dichiarato dichiara Moustiri Abdelatif, direttore della fornitura di acqua potabile presso il ministero di Risorse idriche. Secondo lui, il tasso di riempimento delle dighe dev'essere considerato solo alla fine della stagione, cioè a marzo o ad aprile. Opinione in parte diversa quella di Fares Kessasra, docente all'università di Jijel, esperto di questioni ambientali e consulente dell'Unesco, interpellato dalla stampa locale. “L' Algeria è sotto stress idrico da quasi 20 anni esacerbato dai cambiamenti climatici - ha detto -. Questa è una realtà scientifica che nessuno può nascondere. Il cambiamento climatico non è visibile dalla mancanza di piogge, ma anche dai picchi di calore che favoriscono l'evaporazione dell'acqua dalle dighe. Anche se piove in grande quantità, l'evaporazione è enorme. Questo per non parlare dell'insabbiamento delle dighe, dei bacini idrici collinari e di altre aree di stoccaggio dell'acqua”. Servirebbe, secondo Fares Kessasra, lo sviluppo di piani d'azione che seguano una vera strategia per l'adattamento ai cambiamenti climatici. A suo parere inoltre sarebbe necessaria anche una migliore distribuzione dell'acqua su tutto il territorio nazionale. [EC]
  • Egitto Free

    Al via la quarta linea della metropolitana al Cairo

    EGITTO - Un consorzio tra Orascom Construction PLC e la Mitsubishi Corporation ha firmato un contratto del valore di 800 milioni di dollari con l'Autorità nazionale per i tunnel per costruire la prima fase della linea quattro della metropolitana del Cairo. Il contratto include la costruzione dell'opera, il sistema di segnaletica, la riscossione automatica delle tariffe, la realizzazione di un deposito. La prima fase di questa linea sotterranea si estenderà per i 19 chilometri tra il centro del Grande Cairo e l'area delle Piramidi a Giza e avrà 16 stazioni. “Questo contratto è una testimonianza della nostra forza nel settore dei trasporti e si basa sulla nostra presenza nella rete metropolitana del Cairo», ha affermato Osama Bishai, Ceo di Orascom Construction. [EC]
  • Marocco Free

    Fondo danese acquisisce quota in gruppo cerealicolo

    MAROCCO - Il fondo danese AP Moller Capital ha acquisito una quota di partecipazione del 49% nel gruppo marocchino Mass Céréales al Maghreb, che offre servizi logistici e di stoccaggio per le aziende impegnate nella commercializzazione di materie prime agricole.

    A renderlo noto è stata la stessa AP Moller Capital, sussidiaria del gruppo marittimo Maersk, precisando che l’investimento è compreso tra i 50 e i 150 milioni di dollari.

    Mass Céréales al Maghreb gestisce da oltre un decennio i servizi di movimentazione e stoccaggio dei cereali e di altri prodotti agricoli presso i porti marocchini di Casablanca e Jorf Lasfar.

    "Oggi, Mass Céréales al Maghreb si occupa dei servizi logistici per più della metà di tutto il grano importato in Marocco - si legge nel comunicato diffuso da AP Moller Capital - L’ambizione è di espandersi ulteriormente e diventare uno dei principali player della logistica nel continente africano”. [MV]