Nigeria

Il parere dell’esperto, la sostenibilità come chiave di successo

NIGERIA – A seguito della pandemia da covid-19, il 30 marzo 2020 il governo della Nigeria ha varato il Nigeria Economic Sustainability Plan e ha istituito la Commissione per la sostenibilità economica per affrontare e superare con successo il periodo di crisi che si prospetta nel prossimo futuro. In questo articolo vogliamo quindi proporre un esempio africano di risposta alla pandemia, incentrato – come vedremo – su interventi volti a incentivare le attività domestiche e coerenti rispetto agli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Gli obiettivi generali del piano possono essere riassunti in cinque punti:

1) stimolare l’economia prevenendo il collasso delle imprese e garantendo la liquidità necessaria;

2) mantenere e creare posti di lavoro utilizzando modelli ad alta intensità di manodopera in aree chiave come agricoltura, infrastrutture ed edilizia abitativa;

3) realizzare investimenti in strade, ponti, energia solare e tecnologie di comunicazione;

4) promuovere la manifattura e la produzione locale a tutti i livelli e sostenere l’uso di beni e servizi Made in Nigeria, per creare opportunità di lavoro locale, raggiungere l’autosufficienza in settori critici dell’economia e frenare la domanda di valuta estera, che potrebbe esercitare pressioni sul tasso di cambio; 

5) estendere la protezione ai più poveri e ad altri gruppi di persone vulnerabili – comprese donne e persone con disabilità – attraverso una spesa a favore dei poveri.

Il piano si basa su tre pilastri: il primo, Misure di settore reali, consiste nella creazione di posti di lavoro in agricoltura e trasformazione agroalimentare, sicurezza, edilizia abitativa, energie rinnovabili, infrastrutture, manifattura ed economia digitale. L’obiettivo è proteggere le micro, piccole e medie imprese ed estendere la capacità produttiva locale, favorendo opportunità di innovazione. Il secondo pilastro, Misure fiscali e monetarie, individua i passaggi per massimizzare le entrate del governo, ottimizzare la spesa e sancire un regime di prudenza nel raggiungimento dell’efficienza del rapporto entrate e spese. L’obiettivo principale è mantenere l’economia attiva attraverso interventi normativi attentamente calibrati volti a ridurre i rischi ambientali, stimolare fonti esterne di finanziamento, razionalizzare le obbligazioni di debito esistenti e spingere gli investimenti in settori strategici colpiti dalla pandemia. Il terzo pilastro è L’attuazione, chiave del successo del piano. Ogni ministro sarà responsabile della supervisione dei piani di competenza dei propri ministeri, attraverso il Comitato ministeriale di attuazione presieduto dal ministro. Il Comitato avrà il compito di garantire la sinergia tra le parti interessate, in particolare il settore pubblico e quello privato. I comitati devono inoltre guidare l’esecuzione di progetti specifici, coordinare l’intera catena del valore settoriale e garantire la realizzazione dei progetti.

Le principali linee di intervento presentate dai vari ministeri si snodano quindi lungo i settori agricolo, infrastrutturale, edilizio ed energetico, e prevedono anche azioni trasversali.

Un programma agricolo di massa. È considerato il “punto forte” della reazione governativa alla crisi da covid. Il programma dovrebbe portare tra 20.000 e 100.000 ettari di nuovi terreni agricoli coltivati ​​in ogni Stato della Nigeria. Esigenza fondamentale è creare opportunità di lavoro e sostentamento alimentare alla popolazione. Un numero significativo di nigeriani sarà incentivato ​​a dedicarsi all’agricoltura e alla trasformazione dei prodotti.

Grandi opere pubbliche e costruzioni stradali. Il programma è incentrato sulla realizzazione di arterie principali e strade rurali. Poiché il Paese non può permettersi di continuare a importare bitume per la costruzione di strade, verranno utilizzati materiali disponibili localmente, come cemento e granito. Il programma prevede l’assunzione di un numero significativo di lavoratori.

Programma di alloggi di massa. In base alle stime governative, i nuovi cantieri forniranno fino a 300.000 case all’anno, coinvolgendo giovani professionisti e artigiani, che avranno in tal modo la possibilità di costituire piccole e medie imprese nel settore delle costruzioni.

Installazione di sistemi solari domestici. Il progetto Solar Home Systems dovrebbe portare beneficio fino a cinque milioni di famiglie, attualmente non connesse alla rete nazionale. I produttori di pannelli solari saranno impegnati a realizzare impianti di produzione in Nigeria, offrendo così opportunità di lavoro aggiuntive. Inoltre, le attività di installazione e manutenzione creeranno altri posti di lavoro.

Nel piano governativo, un’attenzione particolare viene data, come si accennava, al settore agricolo, che dovrà garantire cibo per tutti. Le iniziative collegate copriranno un periodo di dodici mesi e puntano a espandere la produzione esistente e stimolare la creazione di nuove aziende in partnership con il governo, il settore privato e i cittadini. L’aumento della terra coltivata, grazie alle migliaia di ettari di terreno messi a disposizione dai governi statali, dovrebbe portare cinque milioni di nuovi posti di lavoro. L’ampio ventaglio di interventi previsti interesserà l’intera catena del valore agricolo “dalla fattoria alla tavola”, per così dire: i piccoli coltivatori saranno supportati direttamente o tramite schemi di crescita con servizi e azioni di sostegno come disboscamento, aratura, fornitura di semi, piantine, fertilizzanti, pesticidi e servizi di stoccaggio per mitigare le perdite post raccolta. Gli agricoltori potranno inoltre usufruire di un sistema di finanziamenti a basso tasso di interesse. La maggior parte della produzione sarà acquistata da cooperative di privati o da operatori impegnati nella trasformazione agricola, inoltre, qualsiasi prodotto invenduto sarà acquistato a un prezzo di riserva dalle agenzie competenti per conto del governo federale. Sono previste, infine, anche opere infrastrutturali: nelle aree rurali saranno costruite infatti nuove strade, per facilitare le comunicazioni e l’accesso alle fattorie. 

Sembra quindi che il piano sia proteso al raggiungimento di diversi obiettivi sostenibili: riduzione della povertà (1), riduzione della fame (2), energia pulita (7), lavoro dignitoso e crescita economica (8), industria, innovazione e infrastrutture (9), città e comunità sostenibili (11), consumo e produzione responsabili (12), partenariato per lo sviluppo sostenibile (17). [di Alessandro Moretti, Andersen Tax & Legal]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    Gbagbo in patria dopo dieci anni

    COSTA D'AVORIO - L’ex presidente Laurent Gbagbo è tornato in Costa d’Avorio nel tardo pomeriggio di ieri dopo dieci anni di assenza. Gbagbo si è detto “felice di ritrovare la Costa d’Avorio e l’Africa”, in un discorso pronunciato ieri dopo il suo arrivo, presso la sede del suo partito, il Fronte popolare ivoriano (Fpi). Durante il periodo in carcere “tutta l’Africa mi ha sostenuto, sia i popoli che la maggior parte dei capi di stato. I capi di stato mi hanno aiutato a resistere, i popoli mi hanno aiutato a resistere”, ha detto Gbagbo. L’ex presidente ha chiesto al segretario generale del Fpi qualche giorno di tempo prima di mettersi a disposizione del partito. Gbagbo nel 2010 aveva rifiutato di concedere la vittoria alla elezioni presidenziali al suo sfidante, l’attuale presidente Alassane Ouattara; una decisione di Gbagbo che aveva portato a proteste e violenze che hanno provocato più di 3.000 morti. Per questo motivo Gbagbo era stato estradato nel 2011 alla Corte internazionale dell’Aja dove ha aspettato 8 anni l’esito del processo nei suoi confronti per crimini di guerra. Nel 2019 un giudice l’ha assolto e l’esito è stato confermato in appello a marzo di quest’anno, consentendogli di lasciare il Belgio, dove aveva vissuto negli ultimi due anni. Il suo ritorno in patria è stato approvato dal suo ex rivale, Ouattara, che però non ha accolto Gbagbo al suo arrivo all’aeroporto di Abidjan. L’ex presidente, che aveva ottenuto quasi il 46% dei voti nel 2010, ha ancora una solida base di sostenitori. [TM]
  • NigeriaSudafrica Free

    In crescita interscambio tra Nigeria e Sudafrica

    NIGERIA / SUDAFRICA - Il volume degli scambi commerciali tra la Nigeria e il Sudafrica ha raggiunto i 2,9 miliardi di dollari l’anno scorso con l’aspettativa di un ulteriore aumento grazie alla progressiva implementazione dell’accordo per l’Africa Continental Free Trade Area. Il console generale della Nigeria, Malik Abdul, in una dichiarazione alla stampa ha osservato che la Nigeria rappresenta il 64% del commercio del Sudafrica in Africa occidentale ed è una delle tre principali fonti di petrolio greggio del suo Paese. Il console ha inoltre aggiunto che nel 2020 il Sudafrica ha importato dalla Nigeria merci per un valore di 2,48 miliardi di dollari, principalmente petrolio greggio, ed ha esportato beni e servizi per un valore di 425 milioni di dollari in Nigeria. [GT]
  • Mauritania Free

    Sostegno per occupazione giovanile e pmi

    MAURITANIA - La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha annunciato la concessione di un finanziamento del valore di 4,3 milioni di dollari a favore del governo della Mauritania per realizzare un progetto a sostegno dell’occupazione e dell’integrazione sociale ed economica dei giovani più vulnerabili. Secondo le informazioni rese note dall’istituto finanziario panafricano, l’operazione mira a fornire competenze ai giovani disoccupati e non scolarizzati nella regione di Brakna, nel sud-ovest del Paese, oltre che stimolare le dinamiche imprenditoriali locali. Nello stesso Paese la Mauritanian Bank for International Trade, primaria banca mauritana impegnata nello sviluppo delle piccole e medie imprese e la Invest in Africa, realtà rivolta al non profit e focalizzata sulla crescita delle imprese locali in Africa, hanno firmato un accordo di partnership per favorire l’accesso ai finanziamenti per le pmi mauritane, in particolare quelle attive nell’industria estrattiva. La partnership mira ad accelerare la partecipazione delle pmi locali alla filiera del petrolio e del gas. Secondo la stampa nazionale migliorare l’accesso ai finanziamenti consentirà di rispondere in modo efficace e sostenibile ai vincoli strutturali che le pmi mauritane devono affrontare, come la difficoltà di accesso a capitali o l’assenza di credito. Questa partnership consentirà inoltre alle pmi di beneficiare di consulenza e formazione in materia di finanziamento per ottimizzare la propria solidità. [GT/MV]
  • Costa Avorio Free

    Produzione di caffè in netto calo

    COSTA D'AVORIO -  La produzione di caffè in Costa d’Avorio è diminuita da 180mila a 70mila tonnellate in dieci anni e sarebbe ulteriormente in calo, secondo un rapporto preliminare del ministero delle Finanze, a circa 40mila tonnellate a marzo 2021. Questa situazione è stata definita "una seria minaccia”, il ministro ivoriano dell’Agricoltura e dello sviluppo rurale, Adjoumani Kouassi, secondo il quale il calo è legato a una minore resa delle piante per la loro età e che il governo ha lanciato alla fine dello scorso anno un programma per la loro sostituzione. Le dichiarazioni di Kouassi sono state rese durante una visita a uno stabilimento Nestlé a sud di Abidjan, che trasforma solo caffè prodotto localmente. L’incontro con i vertici della fabbrica mira a trovare soluzioni per aumentare la trasformazione locale del caffè espandendo l'impianto, la cui capacità è attualmente stimata in 9mila tonnellate.[TM]
  • Ghana Free

    Economia in ripresa

    GHANA - L’economia del Ghana ha registrato un tasso di crescita del 3,1% su base annua nel primo trimestre del 2021 rispetto al 7% nello stesso periodo dello scorso anno. Lo riferisce l’agenzia nazionale Gna. Il tasso di crescita del Pil non petrolifero per il primo trimestre del 2021 è del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2020 con un tasso di crescita del 7,9%. Il settore Agricoltura ha registrato la crescita più elevata (4,3%) ed è stato seguito dal settore dei servizi (4%). Anche il settore dell’Industria è cresciuto anche se solo dell’1,3%. Il settore dei servizi è stato il più grande settore dell’economia ghanese nel primo trimestre del 2021 con una quota del 53% del Pil a prezzi base. La quota del Pil dell’industria e dell’agricoltura era rispettivamente del 25% e del 22%.  [SR]
  • Nigeria Free

    Stretta del governo sui media on line

    NIGERIA - Il ministro nigeriano dell’Informazione e della Cultura, Lai Mohammed, ha chiesto alla Camera dei Rappresentanti di mettere tutte le trasmissioni via Internet sotto il controllo della Nigerian Broadcasting Commission (Nbc), che è l’autorità di regolamentazione delle trasmissioni della Repubblica Federale della Nigeria. La richiesta era contenuta nella sua presentazione di un disegno di legge volto a modificare il Nigerian Broadcasting Commission Act. Mohammed ha affermato che tutti gli enti di trasmissione online e Internet dovrebbero essere inclusi nella sezione due del disegno di legge. La sezione 2 riguarda il conferimento alla Nbc dei poteri per “ricevere, elaborare e prendere in considerazione le domande per l’istituzione, la proprietà di stazioni radiofoniche e televisive” e anche dei siti internet e dei media on line. Il disegno di legge, se approvato con la raccomandazione di Mohammed, fisserà il principio secondo cui testate online e social network dovranno tutti ottenere l’approvazione dalla Nbc prima di operare Il direttore esecutivo dell’Institute of Media and Societies, Akin Akingbulu, ha espresso la sua contrarietà all’inclusione di piattaforme digitali online, affermando che essa soffocherebbe ulteriormente lo spazio civico. “L’inclusione di quanto segue tra le categorie di licenze dei servizi di trasmissione sarà dannosa per lo spazio civico, la libertà di espressione e la libertà dei media in Nigeria”, ha affermato. La proposta di Mohammed sta destando molta preoccupazione nel Paese. Il governo ha recentemente avviato il processo di regolamentazione delle piattaforme di social media dopo aver bandito Twitter, due giorni dopo che il sito di microblogging ha cancellato un controverso tweet del presidente Muhammadu Buhari. Il governo ha accusato la piattaforma di social media di permettersi di essere utilizzata contro l’interesse della Nigeria, affermando che parte delle condizioni per annullare il divieto è che deve determinare ciò che i nigeriani possono pubblicare sulla piattaforma di social media. Da allora il governo ha chiesto a tutte le piattaforme di social media di registrarsi presso la Nbc e ha ordinato a tutte le emittenti di smettere di usare Twitter. [SR]