Guinea

Si chiude la campagna elettorale, alle urne domenica per le presidenziali

GUINEA – Si sta concludendo la campagna elettorale in vista delle elezioni presidenziali di domenica 18 ottobre in Guinea.

(273 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Mali Free

    Vice ministra Del Re a Bamako (2)

    MALI - “La scelta dell'Italia di venire in Mali in un momento particolarmente complesso come quello attuale e di aprire una Ambasciata è un gesto d’amore”. Con queste parole, il presidente della transizione in corso in Mali, Bah N’Daw, ha accolto la vice ministra Emanuela Del Re.  “L'Italia - ha detto a sua volta Del Re - sostiene il processo politico in atto in Mali e intende collaborare con l’esecutivo di transizione che porterà il Paese alle elezioni. Il Mali è un partner importante per l’Italia e il rafforzamento delle istituzioni statuali costituisce una priorità della nostra azione nel Paese”. Successivamente, come riferisce una nota della Farnesina, la vice ministra è stata ricevuta da Zeiny Moulaye, ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, con cui sono stati discussi diversi temi d’interesse comune, nonché i necessari adempimenti per l’apertura dell’Ambasciata italiana a Bamako deliberata dal Consiglio dei Ministri il 18 ottobre. “L’apertura dell’Ambasciata consentirà il rafforzamento di tutti gli aspetti delle relazioni bilaterali, inclusi quelli economico-commerciali, culturali, scientifici e universitari” ha detto Del Re.
  • Benin Free

    Metà del bilancio per spese sociali

    BENIN - Il governo del Benin ha deciso di assegnare il 47,24% del suo prossimo bilancio a spese di natura sociale. In un documento pubblicato ieri, il governo sostiene che gli stanziamenti serviranno a rafforzare strategie e misure per migliorare le condizioni di vita della popolazione e assistere le fasce più vulnerabili.  In definitiva, questa parte del bilancio sarà dedicata a coprire le spese per la protezione sociale e sanitaria, compresa la vaccinazione gratuita contro meningite ed epatite, l’igiene e la protezione dell’ambiente, le attività ricreative, la cultura e lo sport.  La decisione del governo è legata alla necessità di rafforzare inoltre un sistema sanitario impreparato ad affrontare la pandemia che sta interessando il mondo quest’anno. Una situazione che sta allo stesso tempo avendo effetti economici.  Rispetto alle previsioni di inizio anno, secondo la Banca africana di sviluppo il pil reale dovrebbe rallentare all’interno di una forbice compresa tra i 3,4 punti percentuali e i 5,5 punti. La pandemia dovrebbe comportare un calo delle esportazioni di cotone (57% delle esportazioni) e una riduzione degli investimenti diretti esteri, in particolare dalla Cina, che ha rappresentato il 36% dei flussi di investimenti diretti netti nel 2018. [MS]
  • Nigeria Free

    Gruppo di Dubai pronto a investire in resort turistico...

    NIGERIA - Calas Vegas, isola situata a Calabar, al largo della costa dell’Oceano atlantico, è destinata a diventare una destinazione turistica grazie a un team di investitori di Dubai che ha annunciato il proprio coinvolgimento in un progetto del governatore Ben Ayade. Parlando dopo un tour dell'isola, Emad Jamal Musa di Lacasa Architect and Engineering Consultant ha sostenuto che l’obiettivo è quello di “portare Dubai a Calabar”. Musa ha spiegato che lo splendido scenario dell'isola e altri elementi naturali presenti rendono Calas Vegas una potenziale destinazione turistica di alto livello e ha promesso l’impegno del suo gruppo nell’iniziativa. [MS]
  • Mali Free

    Vice ministra Del Re incontra governo di transizione a...

    MALI - Non si ferma l’azione diplomatica nel Sahel condotta dalla vice ministra degli esteri italiana Emanuela Del Re. La vice ministra, che ha la delega per la cooperazione, è giunta ieri in Mali per incontrare i rappresentanti del nuovo governo emerso in seguito alla fase di transizione mediata tra la comunità internazionale e litari che lo scorso agosto avevano rovesciato il capo di Stato Ibrahim Boubakar Keita.  La visita - si legge in una nota della Farnesina - è l’occasione per condividere con le autorità maliane “l’approccio multidimensionale italiano alla stabilizzazione del Sahel, anche in vista della prossima apertura di una Ambasciata italiana a Bamako”. Gli incontri, si legge ancora nella nota, sono stati pensati per porre le basi per il rilancio delle attività di cooperazione allo sviluppo italiane nel Paese.    Oltre agli incontri con i vertici del governo di transizione, la vice ministra si intratterrà con i rappresentanti delle organizzazioni della società civile italiana attive nel Paese, con il capo delegazione dell’Unione Europea a Bamako, Bart Ouvry, con il capo della missione Eucap, Philippe Rio, e con il comandante della missione Eutm, il generale František Ridzák. La Vice Ministra presenzierà quindi l’evento di presentazione dell’iniziativa (finanziata dall’Italia in collaborazione con il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione) sul “Rinforzo della capacità delle istituzioni e delle comunità a reagire contro le violenze basate sul genere nei distretti di Gao, Tombouctou, Kidal, Mopti e Bamako”, alla presenza della Ministra dello Sviluppo, della Donna e della Famiglia.
  • Guinea Free

    Orange denuncia l’interruzione di Internet, mediatori...

    GUINEA - Nel clima di tensione che circonda il contesto elettorale in Guinea, la compagnia telefonica Orange denuncia di aver subito, con evidenti conseguenze sulla clientela, un’interruzione di Internet da almeno tre giorni. «Senza alcun preavviso», scrive Orange in un comunicato, sono stati tagliati i collegamento in uscita presso la Guilab, l’operatore di infrastruttura di telecomunicazioni. «Fino a questo momento non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione. Tale situazione crea disagi nella foRnitura dei nostri servizi, alcuni dei quali sono totalmente impossibili verso l’internazionale», denuncia l’azienda. Molte strade e negozi di Conakry sono deserti stamani a Conakry, che si aspetta una manifestazione promossa dal Fronte nazionale per la difesa della Costituzione (Fndc). Non è chiaro, tuttavia, se la popolazione scenderà in piazza, consapevole della repressione delle forze dell’ordine che dovrà affrontare. Intanto, sono all’opera i mediatori di una missione congiunta Ecowas-Unione Africana-Onu, impegnata questo lunedì nella capitale per tentare di placare la tensione. [CC]
  • Nigeria Free

    Oltre due miliardi di perdite economiche per i...

    NIGERIA - Ammonterebbero ad almeno due miliardi di dollari le perdite economiche nelle oltre due settimane di proteste e scontri del movimento #endSars, contro le violenze della polizia e il malgoverno in Nigeria. La stima proviene dalla Camera di commercio e d’industria di Lagos (Llci), ed era persino precedente ai numerosi saccheggi che questo fine settimana hanno avuto luogo a Lagos e in altre zone del Paese. La Llci, che si fa portavoce delle piccole e medie imprese, deplora la cancellazione forzata di numerosi appuntamenti d’affari e chiede al governo azioni per riportare la calma e provvedere al sostegno delle imprese in difficoltà. Chiede inoltre al presidente Muhammadu Buhari di ricevere i protagonisti del movimento #endSars per decidere insieme di un piano d’azione per il futuro, e di attuare le riforme necessarie non solo per la polizia, ma per tutto l’ecosistema del settore pubblico. L’economia nigeriana è inoltre ancora presa nella morsa delle conseguenze della pandemia di covid-19. Intanto, la coalizione dei movimenti di protesta ha fatto sapere di sospendere le manifestazioni, ma di voler mantenete viva e attiva l’iniziativa. «Siamo più che mai decisi a far pressione non solo per la giustizia, ma per una Nigeria rinnovata e migliore, in cui tutti i nigeriani possano vivere in sicurezza e prosperare» scrive la coalizione. Nuovi obiettivi e nuove modalità di sensibilizzazione sono annunciate: aiutare a ripulire e ricostruire ciò che è stato danneggiato durante le proteste, proseguire la campagna online, lavorare sulla sensibilizzazione comunitaria attraverso l’educazione, fissarsi una scadenza entro la quale le rivendicazioni dovranno essere soddisfatte elaborare strategie a breve, medio e lungo termine e creare una struttura, dotata di rappresentanti, per dare corpo e organizzazione al movimento. «Queste proteste  – sottolinea la coalizione – non sono mai state politicamente motivate. Non è una questione etnica o tribale. I giovani in tutto il Paese stanno chiedendo giustizia, buon governo, trasparenza e riforme. Queste proteste non hanno uno sponsor, non hanno un’agenda, se non quella che abbiamo sempre esposta: una migliore governance, un maggiore senso delle responsabilità, e la fine della brutalità».[CC]