Africa

Logistica, spedire in Africa nonostante le complessità (success story)

AFRICA – Spedire merci è il mestiere di Logimar, riuscire a farlo anche in contesti complessi come quelli africani è una specializzazione sviluppata negli anni che in pochi possono vantare. Eppure, per questa azienda bergamasca, tutto è nato da una sfida e da una brutta esperienza. La sfida di garantire la qualità dei servizi e il raggiungimento delle destinazioni in un continente sempre più al centro della scena mondiale e quindi dei commerci; la voglia di rispondere a un episodio negativo – un partner sbagliato costato tempo e soldi – con una iniziativa che ha poi preso la forma dell’Africa Logistics Network, presieduta da Marcello Saponaro che è anche l’amministratore delegato di Logimar. 

 

Partiamo da Logimar e dall’attenzione che state ponendo sull’Africa. Come mai questa scelta? 

Quello dello spedizioniere è un lavoro che va cambiando, che si va semplificando, che si va standardizzando sempre più. Con delle eccezioni, però, come quelle rappresentate dall’Africa e dal project cargo, i trasporti eccezionali, le cose difficili. Quindi, pur senza dimenticare il resto, abbiamo cercato di specializzarci in questi ambiti, perché siamo una pmi e per crescere dobbiamo differenziarci.

 

Qual era la situazione in Africa quando siete arrivati? Quali erano cioè le criticità e come le avete risolte?

Ovviamente ci sono tante Afriche: quando parliamo di Nordafrica in termini di logistica, per la qualità dei servizi offerti, stiamo parlando di una realtà diversa da quella subsahariana. Poi ci sono Paesi dove in alcuni casi è veramente difficile selezionare la qualità degli operatori locali. Noi quindi offriamo innanzitutto noi stessi: abbiamo fondato l’Africa Logistics Network per dare la possibilità a Logimar di lavorare meglio, di arrivare a mercati irraggiungibili per il 95% degli spedizionieri italiani, che in alcune aree dell’Africa non se la sentono, non riescono o non possono andare. Oggi Africa Logistics Network è una rete di cui fanno parte 249 spedizionieri nel mondo. Eravamo partiti sei anni fa da Bergamo con un meeting a cui parteciparono circa 45 aziende: agenti di Logimar che per amicizia, per fiducia, avevano aderito al network. Lo scorso anno, al meeting di Istanbul eravamo 150 aziende, un livello pari a quello dei più grandi network mondiali come partecipazione. Solo che la nostra è una rete fatta soprattutto di spedizionieri africani, oltre che asiatici, americani ed europei.

 

Questa è una prima particolarità.

Ed è stata anche una prima difficoltà, poi superata. Consideri che i network nella logistica esistono da trent’anni perché danno la possibilità di evitare lunghi e frequenti viaggi nel mondo per incontrare i propri agenti; tramite la formazione di queste reti, ci si incontra invece una-due volte all’anno dopo dodici mesi di contatti continui. Così buona parte del lavoro è fatta.

 

Stabilire una rete consente di avere anche delle omogeneità, di avere a che fare con attori che conoscete. Ed è partito tutto da una brutta esperienza.

Sì, un problema che abbiamo avuto come Logimar e che risale a circa sei anni fa. Avevamo in carico la spedizione di tre container partiti dall’Italia per il sud del Ciad, per un campo profughi gestito dalle Nazioni Unite. I container erano stati sbarcati a Douala, in Camerun, e pensavamo di avere scelto, dietro consiglio di un altro spedizioniere, un agente affidabile per la consegna e invece questo si è rivelato un criminale, che si è fatto pagare metà dell’incarico in anticipo e poi non si è fatto più vedere. Siamo stati costretti a rivolgerci a un secondo spedizioniere e quindi a pagare una seconda volta per portare a termine il lavoro. Da lì è nata l’idea e l’esigenza di creare un network di piccole e medie aziende di spedizioni in grado di competere con le più grandi multinazionali del settore in Africa.

 

Altre criticità con cui dovete confrontarvi?

In alcuni casi sono criticità infrastrutturali, come la dimensione dei porti. Nel nord del Mozambico un piccolo porto, Mocimboa da Praia, in questi giorni al centro delle cronache perché caduto in mano a un gruppo armato, sta servendo uno dei più grossi investimenti globali nell’oil & gas. Anche solo pensando al deficit stradale e ferroviario o agli inconvenienti per fare manutenzione nel deserto, possiamo capire quali siano le grandi difficoltà esistenti.

 

Eppure voi riuscite, lì dove altri nemmeno provano a entrare…

Ho fatto trasporti che prima dell’Africa Logistics Network sarebbero stati impensabili. Duecento camion nel deserto del del Niger per 1.500 km, cinquecento dei quali senza strada e con tante buche nella stagione delle piogge: si può immaginare questo in un altro continente? Alcuni avrebbero mollato, invece si è fatto, e i camion sono tutti arrivati a destinazione. Devo dire che gli africani hanno una buona resilienza. 

 

L’Africa, a parte quest’ultimo periodo segnato dalla pandemia di covid, sta crescendo e ci sono fenomeni incalzanti come l’urbanizzazione e la crescita demografica. Cosa vedete dal vostro osservatorio?

Vediamo grande attivismo nel Corno d’Africa e c’è molta aspettativa anche per Ghana e Nigeria. L’Africa è un continente molto dinamico, credo vedremo grossi investimenti, per esempio, nel tessile nel Corno d’Africa.

 

Per un Paese come l’Italia che vive di export, potersi affidare a uno spedizioniere che conosce l’Africa significa avere la concreta possibilità di veder crescere il proprio business?

Significa aumentare la sicurezza del proprio business. Per molti Paesi i rischi sono ancora numerosi e affidarsi a uno spedizioniere che sa come muoversi in quel luogo perché lo ha già fatto molte altre volte e ha agenti fidati, finanziariamente stabili e professionali, è il requisito minimo per un’azienda che deve iniziare o crescere nel commercio con l’Africa. Questo vale tanto per le piccole quanto per le grandi aziende. Il rischio è proporzionale ai soldi che si investono. Diciamo che, in genere, i colossi si affidano ai colossi; però una rete di piccole-medie aziende professionali può rivelarsi più competitiva, più flessibile e in alcune situazioni anche più affidabile. Il network lo abbiamo costruito proprio per questo, partendo da un’esperienza negativa oggi dopo sei anni abbiamo selezionato partner di alta qualità in ogni Paese dell’Africa.

 

L’Africa sta facendo passi avanti anche in termini di integrazione regionale. Dal prossimo anno entrerà in vigore l’Area di libero scambio che promette di riunire l’intero continente in un’unica area di libero commercio con immediate ripercussioni per esempio sulle dogane e sui regolamenti transfrontalieri. Riflessi quindi ci saranno anche nella logistica e nei trasporti.

Sicuramente. Qualcuno magari è un po’ più intimorito dai cambiamenti e pensa che se l’Africa semplifica le norme al proprio interno avrà meno bisogno di importare o esportare; questo forse in parte è vero, ma credo che la cooperazione sia un bene per tutti, quindi maggiore cooperazione all’interno del territorio africano significa maggiore stabilità e maggiore pacificazione laddove i conflitti sono sempre latenti. Tutto il mondo ne avrà benefici. Un continente che cresce ha bisogno di tecnologie, di crescere culturalmente, socialmente, di diventare un grande continente in relazione agli altri, pur sapendo che probabilmente la supply chain – anche per motivi indipendenti dall’unificazione doganale africana – andrà a ridursi nei prossimi anni.

 

L’Africa è anche terra di sperimentazioni. Le tecnologie aiutano la logistica per fare salti in avanti.

Da sempre le tecnologie hanno fatto fare passi da gigante anche al mondo della logistica. Come dicevo, la logistica sta cambiando tanto e si sta muovendo verso una maggiore semplificazione, grazie soprattutto alla tecnologia, che viene applicata nella gestione, nel tracciamento, nel controllo, quindi gli operatori si ridurranno ulteriormente e le grosse compagnie marittime e aeree sempre più offriranno agli esportatori e importatori un servizio chiavi in mano. Lavoreranno in maniera diretta, tagliando il filtro degli spedizionieri. Il fatto di specializzarsi nei mercati difficili, nei trasporti più complessi, nasce proprio da questa considerazione; in certi luoghi una compagnia marittima non può arrivare perché è difficile semplificare così tanto un trasporto che prevede un tragitto di un migliaio di chilometri nel deserto o un trasporto singolo di 180 tonnellate. Ecco, questo non è standardizzabile.

 

L’Africa Logistics Network è quindi una risposta strategica.

Sì, significa dare a un mondo di piccole e medie imprese la possibilità di operare anche nel mercato più difficile. Oggi per fare un esempio uno dei partner turchi dell’Africa Logistics Network può spedire da Istanbul a Niamey in tutta sicurezza contando su un partner affidabile, e così pure in Senegal o in Camerun o in Liberia. Ovunque. E dopo la nostra rete, lo dico con orgoglio, sono nati almeno altri tre-quattro network di impronta africana, che hanno cercato di replicare il nostro stesso schema. Questo, lo dico serenamente, mi sembra positivo: siamo tanti nel mondo delle spedizioni ma c’è posto per tutti e la competizione aiuta a migliorarsi continuamente.

 

Ogni anno l’Africa Logistics Network organizza tre giorni di meeting in una città diversa, un anno in Africa, un anno in uno degli altri continenti. Come vi siete organizzati nel 2020?

Avrebbe dovuto essere l’anno di Nairobi 2020, con sponsor importanti e una partecipazione che avrebbe segnato un nuovo record, sicuramente superiore alle 150 presenze. E francamente non vedevo l’ora di partecipare al leisure day in un grande parco keniano. Ovviamente non ci sarà nulla di tutto questo ma c’è ancora più bisogno di costruire amicizia e senso di comunità all’interno del network, tra la Logimar e le altre 248 “Logimar” che ne sono parte. E quindi il meeting 2020, a novembre, sarà together in the air. Con l’aiuto di software come Zoom e Mojo ci sarà la conferenza, ci sarà la diretta Awards e ci saranno i tanti incontri one-to-one.

 

Ci sono dati che indicano se il volume di affari delle singole aziende sia aumentato dopo la nascita della rete?

È molto difficile tenere sotto osservazione questo dato per 250 membri, posso però dire che per Logimar siamo passati da un’incidenza dell’Africa sul fatturato del 10-15% al 30-35%.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Codeway: Agenda 2030 e Accordo di Parigi i pilastri...

    AFRICA - “Per la prima volta in vent’anni, la crisi innescata dalla pandemia ha portato a un aumento delle persone in stato di povertà assoluta - +71 milioni rispetto all’inizio del 2020 -, e un ulteriore incremento del numero di persone esposte a insicurezza alimentare”: lo ha detto ieri la vice ministra degli Esteri Emanuela Del Re intervenendo a Codeway - Cooperation and Development Expo.  Ci troviamo di fronte a una “crisi multi-dimensionale senza precedenti” ha detto la vice ministra  che “ha messo a nudo le vulnerabilità dei nostri modelli di sviluppo”.  In primo luogo, bisogna sconfiggere il virus con gli strumenti messi a disposizione dalla scienza, ha detto ancora Del Re: “Saranno poi necessari strumenti innovativi per finanziare la ripresa e lo sviluppo, trovando un equilibrio complessivo tra politiche fiscali, economiche e sociali” e incoraggiando la collaborazione tra “governi, privati e organismi della società civile”. I pilastri di qualunque intervento, ha concluso Del Re restano gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 che costituiscono “la cornice universale di riferimento per quello che chiamiamo la 'migliore ripresa', il 'recover better', di cui si parla molto nel quadro delle Nazioni Unite e in altri fori internazionali”. [CO]
  • Africa Free

    Internazionalizzazione sostenibile: prospettive e...

    AFRICA - L’Italia, con la legge 125/2014 sulla cooperazione, favorisce, tra l’altro, il supporto finanziario di progetti di cooperazione proposti da imprese profit, inoltre con i recenti accentramenti in capo al Maeci sia degli strumenti per la promozione che di quelli per la cooperazione internazionale, sta stimolando l’evoluzione degli approcci ai mercati esteri verso una nuova combinazione tra internazionalizzazione e cooperazione sostenibile allo sviluppo.  Anche le grandi istituzioni finanziarie mondiali spingono il sistema produttivo globale verso i principi della sostenibilità ambientale, sociale ed economica, anticipando che in futuro l’erogazione di parte dei finanziamenti sarà subordinata al rispetto di tali principi coerentemente con gli obiettivi del millennio dell’Agenda 2030.  L’Africa rappresenta per l’Italia sia una grande opportunità per lo sviluppo dei rapporti commerciali che un formidabile laboratorio per la modellizzazione di approcci partecipati in grado di cogliere il doppio obiettivo di creare opportunità di business per le imprese italiane e contribuire alla crescita strutturale dei sistemi economici locali, sviluppando anche cultura imprenditoriale e competenze tecniche. Quindi, imprese, aggregazione di imprese, università, sistema finanziario, uniti in progetti di sviluppo locale finalizzati alla organizzazione e gestione di iniziative mirate al trasferimento di soluzioni tecnologiche integrate per affrontare le problematiche legate, per esempio, anche al cambiamento climatico.  Quest’ultimo genera infatti nuove necessità di interventi complessi e combinati che riguardano la lotta alla desertificazione, l’efficientamento della gestione idrica, il potenziamento del ricorso alle energie rinnovabili, gli interventi sulla riorganizzazione agronomica delle produzioni.  In questi ambiti l’Italia può giocare la sua parte. Le eccellenze tecnologiche italiane e le straordinarie esperienze maturate in questi ambiti costituiscono certamente un fattore di competitività rilevante che, per poter essere espresso con tutta la sua efficacia, presuppone una capacità di risposta sistemica in grado di proporre soluzioni integrate e sostenibili nel tempo.    [Questo articolo è stato firmato da Enzo Faloci sul numero di novembre di Africa e Affari. Esperto di internazionalizzazione del settore profit e progetti di cooperazione internazionale, in 25 anni di attività Faloci ha gestito e coordinato progetti di promozione e di assistenza tecnica in oltre 45 Paesi. Attualmente è direttore di Umbria Export Scarl]
  • Africa Free

    Internazionalizzazione sostenibile: prospettive e...

    AFRICA - Il tentativo di accostare due termini complessi e articolati come quelli di internazionalizzazione e sostenibilità del business può essere per certi versi azzardato, ma senza dubbio intercetta e descrive un processo inesorabile e quanto mai attuale.  Non è più il tempo, infatti, di considerare i mercati esteri solo come destinazioni di prodotti o, magari, come opportunità per lo sfruttamento dei differenziali dei costi produttivi e di sistema. Non solo export, quindi, ma internazionalizzazione combinata con la cooperazione allo sviluppo sostenibile, soprattutto in alcune aree del pianeta, come l’Africa.  Le imprese in grado di proporre prodotti e servizi sostenibili saranno maggiormente competitive a livello globale soprattutto nel contesto dei mercati emergenti dove, sempre di più, saranno richieste collaborazioni commerciali e industriali internazionali in grado anche di trasferire modelli organizzativi e processi produttivi ispirati alla sostenibilità ambientale e sociale.  Le coscienze mondiali hanno un’attenzione crescente verso queste tematiche e le nuove generazioni, che fra qualche anno esprimeranno la domanda a livello globale, tendenzialmente sembrano dimostrarsi sempre più sensibili ai temi della sostenibilità e quindi a un business inclusivo capace di contribuire anche a un processo di redistribuzione globale della ricchezza e alla conseguente crescita di aree geo-economiche che rappresenteranno mercati strategici con cui il nostro Paese potrà collaborare. Saranno inoltre i progetti di sistema che combineranno e proporranno soluzioni articolate e integrate a problemi e necessità complesse di sviluppo ad avere maggior capacità di penetrazione e a essere in grado di creare opportunità economiche per le imprese che avranno maturato questa modalità di approccio. [SEGUE]
  • Africa Free

    Start-up e Pmi innovative nel Mediterraneo, inaugurato...

    Investmed – Start-up innovative e sostenibili nel Mediterraneo, è il nome del nuovo progetto co-finanziato dall’Unione Europea dedicato alle eccellenze imprenditoriali di sei Paesi dell’area euro-mediterranea e inaugurato ufficialmente dalla Presidente di Businessmed, Barbara Beltrame Giacomello. Beneficiarie dell’iniziativa promossa da Business med e da un consorzio di 13 partner provenienti da Egitto, Grecia, Italia, Libano, Spagna e Tunisia sono start-up innovative mediterranee.  “E nostro dovere supportare i giovani imprenditori ad accedere ai mercati internazionali e generare nuove opportunità di crescita economica e nuovi posti di lavoro nell’area euro-mediterranea”  ha detto Beltrame Giacomello. “Dobbiamo guardare al futuro - ha aggiunto - e ciò che ci aspetta sarà ancora più impegnativo poiché continueremo a promuovere la diversità di genere dando ampio spazio alle donne imprenditrici perché possano costruire il business del futuro, progetti resilienti, sostenibili e innovativi. L’uguaglianza di genere è un prerequisito fondamentale per lo sviluppo economico e Investmed permetterà di rivisitare il nesso tra imprenditorialità e sostenibilità per il viaggio imprenditoriale dei giovani del Mediterraneo”. Tra i risultati attesi del progetto, sottolinea una nota, 315 giovani laureati, imprenditori, aspiranti imprenditori e start-up guidate da giovani donne imprenditrici beneficeranno di un programma di formazione ad hoc che permetterà lo sviluppo di 42 nuove idee imprenditoriali, 40 nuovi contratti di lavoro firmati e il lancio di 30 nuovi prodotti e servizi. Investmed permetterà altresì la formazione di 10 dipendenti delle autorità pubbliche dei Paesi del Mediterraneo che orienteranno le imprese recentemente create alla tutela dei diritti della protezione intellettuale. [CO]
  • Africa Free

    Quella “crisi delle tre C” che richiede una...

    AFRICA - La chiama la Crisi delle tre C – conflitti, cambiamenti climatici, Covid-19 – una tempesta quasi perfetta che segnerà la vita di oltre cento milioni di persone nell’arco di due anni, spingendoli nella povertà estrema, e che se non affrontata con gli strumenti più adeguati porterà a un mondo ancora molto lontano dagli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dalla comunità internazionale nell’Agenda 2030. Co-autore insieme a Michael Woolcock del rapporto Poverty and Shared prosperity 2020: Reversals of Fortune, Samuel Freije-Rodríguez, è lead economist di Banca Mondiale nell’ambito della Poverty and Equity Global Practice, e dal suo osservatorio guarda con preoccupazione quanto sta avvenendo come dice in un’intervista rilasciata a Oltremare, il magazine dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. “Possiamo dire che si tratta di una sorta di tempesta perfetta nel senso che quelle che noi chiamiamo le ‘tre C’ - appunto conflitti, covid e cambiamenti climatici, spiega Freije-Rodríguez - hanno effetti che sono aggravanti l’una dell’altra. Inoltre, questi tre elementi quest’anno si stanno mostrando in contemporanea ma hanno orizzonti temporali differenti. La questione dei conflitti armati è ricorrente e, come si evince dai nostri rapporti in Nord Africa e Medio Oriente, il livello di prosperità ha fatto passi indietro negli ultimi cinque anni. La pandemia è cominciata quest’anno, è ancora una situazione in evoluzione, adesso siamo di fronte alla seconda ondata. Avremo pesanti conseguenze sul piano economico e su quello sanitario. Il terzo elemento, che si sta muovendo lentamente ma progressivamente, è quello dei cambiamenti climatici: esso impatterà sul prossimo decennio. La gestione dei rischi – il rischio dei conflitti, il rischio dei cambiamenti climatici e i rischi legati alla salute come quelli della pandemia che era stata da tempo ipotizzata – è un pezzo fondamentale delle politiche di sviluppo”. Nella sua analisi Banca Mondiale propone un approccio fondato su tre differenti linee strategiche. “Forse - prosegue Freije-Rodríguez - lo strumento più importante è la cooperazione sia interna che internazionale [...]. La seconda principale strategia riguarda la necessità di dover imparare rapidamente: molti di questi fattori sono nuovi, la pandemia è nuova… di conseguenza abbiamo bisogno di dati migliori, dobbiamo avere a bordo e senza vincoli la comunità scientifica (sociologi, economisti, statistici…). Abbiamo bisogno di ogni possibile insegnamento e di ogni possibile dato per rispondere a questioni che sono globali e che necessitano di risposte complesse. La terza strategia è avere una migliore implementazione sul campo. [MS]
  • Africa Free

    Codeway, Del Re: pandemia amplificatore di fragilità,...

    AFRICA - La pandemia è stata un amplificatore di fragilità che ha avuto un impatto sulla salute globale e non soltanto. Una situazione nuova rispetto alla quale l’Italia si è attivata da subito e rispetto alla quale non si era mai vista così tanta cooperazione attivata a livello globale. E’ quanto ha sottolineato oggi la vice ministra degli Esteri Emanuela Del Re aprendo i lavori di Codeway, l’expo dedicata alla cooperazione e organizzata da Fiera di Roma.  “L’Italia - ha detto Del Re - è stata fin da subito protagonista proponendo una grande alleanza internazionale, e assumendo un ruolo di guida nella risposta sanitaria, con uno sguardo rivolto ai Paesi più vulnerabili”.  Una linea che sarà tenuta anche durante la presidenza italiana del G20, prossima all’avvio, e per la quale si seguirà una strategia, ha detto ancora la vice ministra, fondata sulle tre P: persone, pianeta, prosperità. “La sfida - ha concluso - è proporre un modello di sviluppo che possa ridurre e portare a zero la fame, la povertà e tutti gli altri fattori di instabilità”.  Nel corso della sessione di apertura si sono susseguiti diversi interventi, che hanno posto l’accento anche sul coinvolgimento del settore privato nelle dinamiche di cooperazione. E che hanno sottolineato il valore delle partnership come quelle avviate per esempio dal Global Green Growth Institute con vari attori, compreso il ministero dell’Ambiente italiano, come sottolineato dal suo direttore generale, Frank Rijsberman.  Codeway si concluderà il 27 novembre. Diversi sono gli eventi in programma dedicati al mondo della cooperazione. La partecipazione è libera previa registrazione su www.codewayexpo.it