Nigeria

Verso aumento contenuto locale in industria petrolifera

NIGERIA – Il governo federale nigeriano intende aumentare la quota prevista di contenuto locale nell’industria petrolifera e del gas naturale dall’attuale 10% al 40% entro il 2027.

(104 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Nigeria Free

    Shell condannata a risarcire gli Ejama Ebubu

    NIGERIA - La comunità Ejama-Ebubu, nello stato di Rivers della Nigeria, vince una battaglia storica: dovrà essere compensata dalla Shell con una somma di 400 milioni di euro, per i danni legati a una fuoriuscita di petrolio che, 50 anni fa, aveva distrutto i mezzi di sussistenza, inquinato le acque e provocato numerose malattie. La Corte Suprema nigeriana ha infatti respinto la richiesta della Shell di ribaltare la sentenza emessa nel 2010, dopo nove anni di processo, sentenza che aveva accertato le responsabilità della multinazionale anglo-olandese. Accusata di diverse fuoriuscite di petrolio nel Delta del Niger, la società deve attualmente affrontare vari procedimenti legali in Nigeria, ma anche nel Regno Unito e nei Paesi Bassi, essendo stata posta sotto accusa da diverse ONG ambientaliste per non avere rispettato l’accordo di Parigi sul clima. [Africa Rivista]
  • Costa AvorioGhana Free

    Cacao, ira dei produttori contro acquirenti americani

    COSTA D’AVORIO/GHANA - I Consigli del caffè e del cacao dei primi due produttori mondiali, il Ghana e la Costa d’Avorio, si sono ritirati dalla Cocoa merchants association of America (Cmaa), accusandola di proteggere società che  stanno cercando di evitare il versamento di un premio dovuto ai produttori. Lo scrive la Reuters dicendo di aver preso visione di una lettera di dimissioni degli enti regolatori. Nel mirino dell’ira dei fornitori africani sono due grandi aziende, la Hershey e la Mars, che stanno comprando cacao in grandi quantità in depositi certificati a termine, una manovra che non solo sta facendo impennare il prezzo del cacao, ma che evita agli acquirenti di versare un premio da 400 dollari a tonnellata, il “differenziale di reddito dignitoso” in vigore dal 1° ottobre sulla nuova produzione. Comprando a depositi le fave prodotte prima della nuova normativa, le aziende si sottraggono al versamento. L’atteggiamento ha suscitato l’indignazione dei Consigli ivoriano e ghanese. [CC]
  • Costa Avorio Free

    Nuovo stabilimento di trasformazione del cacao a Du...

    COSTA D’AVORIO - Fino a 72.000 tonnellate di cacao trasformate, 400 nuovi posti di lavoro e circa un migliaio di impieghi indiretti: questo l’obiettivo da raggiungere per l’unità di trasformazione di cacao che la società Promont SA ha avviato negli ultimi giorni a Duékoué, capoluogo della regione di Guemon, nella parte occidentale della Costa d’Avorio. “Realizzeremo il condizionamento, l’esportazione e la trasformazione delle favi di cacao, migliorando le condizioni di vita e di lavoro nel settore agricolo nazionale”, ha dichiarato il Ceo di Promont, Johaness Hesselmans, aprendo le porte dello stabilimento alle autorità amministrative ed economiche della regione, nuovo passaggio obbligatorio nel paese nella produzione di cacao, che il governo del presidente Alassane Ouattara intende trasformare al 100% entro il 2025. La Costa d’Avorio è il primo produttore mondiale di favi di cacao, con una produzione media di 1,2 milioni di tonnellate ogni anno, ossia il 41% dell’offerta mondiale. La filiera del cacao partecipa al 10% al Prodotto interno lordo del paese. [CN]
  • Mali Free

    Attaccate tre basi dei soldati francesi e dei ‘caschi...

    MALI – Tre basi militari sono state colpite da spari d’obici ieri mattina, quasi simultaneamente, a Menaka, Kidal e Gao, nel nordest del Mali. Le basi ospitano soprattutto i soldati francesi dell’operazione Barkhane, e ‘caschi blu’ della Minusma, la forza dell’Onu per la stabilizzazione. Non sono registrati vittime né danni materiali importanti, poiché i lanci di ordigni avrebbero mancato gli obiettivi. Resta che il coordinamento degli attacchi, avvenuti tra le 5:30 e le 7:00 del mattino,  è stato sorprendente, in una zona sorvegliata dalle forze internazionali e nazionali. Le azioni sarebbero state rivendicate dal Jnim/Gism, il “gruppo di sostegno all’islam e ai musulmani” di Iyad Ag Ghaly  affiliano ad Al Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi) di Abu Obeida Youssef al-Annabi, successore del defunto Abdel Malek Droukdel. Nella rivendicazione di cui parlano i media francesi, il Gism avrebbe identificato l’obiettivo nell’«esercito francese e i suoi crociati». Il sito aBamako ritiene che dopo la trattativa per la liberazione di ostaggi  - tra cui due italiani - in cambio di prigionieri affiliati ai terroristi e di riscatto, l’8 ottobre scorso, sarebbe stato prevedibile assistere a un peggioramento in ambito d sicurezza.  [CC]
  • Niger Free

    Verso rafforzamento esercito, previsto raddoppio...

    NIGER - L’esercito nigerino sarà rafforzato con l’obiettivo di raddoppiare gli uomini ora a disposizione entro cinque anni. A dirlo è stato il ministro della Difesa nazionale, Issoufou Katembe, davanti al parlamento.  Secondo le dichiarazioni rese dal ministro, gli effettivi passeranno dagli attuali 25 mila a 50 mila. In occasione dell’adozione di una nuova legge di regolamentazione delle forze armate, Katembe ha riportato il pensiero dell’attuale capo di Stato Mahamadou Issoufou.   Affinché questo impegno diventi realtà, si stanno già compiendo dei passi, ha riferito il ministro della Difesa. Tra questi l’aumento dei centri di addestramento militare nelle otto regioni del Paese per formare al meglio le nuove reclute, l’aumento del numero dei supervisori militari e la creazione di scuole di addestramento per ufficiali e sottufficiali.  Altre importanti innovazioni saranno prese in considerazione nello sviluppo della carriera dei militari, tra cui l’età per andare in pensione che passerà da 47 a 52 anni. [MS]
  • Ghana Free

    Il Goldman Environment Prize all’attivista che imped...

    GHANA – L’attivista ghanese Chibeze Ezekiel è uno dei vincitori del prestigioso premio internazionale dedicato ai difensori dell’ambiente,  il Goldman Environment Prize, che sarà consegnato proprio oggi nel corso di una cerimonia virtuale. Chibeze Ezekiel è il vincitore dell’edizione 2020 per l’Africa, assieme a cinque altri difensori internazionali premiati per il proprio impegno in Europa, in Asia, in America del Nord, America centrale e meridionale e negli Stati insulari o isole. L’attivismo di Ezekiel ha costretto il governo di Accra a bloccare il progetto di costruzione di una centrale a carbone da 700 megawatt e di un porto dedicato all’importazione del carbone che sarebbe stato necessario per il funzionamento. L’impianto sarebbe stato il primo del genere nella nazione africana. Chibeze Ezekiel è il coordinatore dell’iniziativa “350 Ghana Reducing our Carbon (G-ROC)” che fa parte del movimento internazionale 350.org «La crisi dei cambiamenti climatica ci spinge a interrogarci sulle cause principali dell’impennata del surriscaldamento, come ad esempio sull’uso delle fonti d’energia fossili. Persone come Chibeze, che organizzano campagne locali di sensibilizzazione per individuare soluzioni a lungo termine, sono i nostri veri leader per il clima», ha commentato May Boeve, la direttrice di 350.org  [CC]