Mali

Conclusa visita Del Re a Bamako, l’Italia al fianco del Mali

MALI – Si è conclusa la visita della Vice Ministra Emanuela Del Re in Mali che ha avuto un incontro con il Primo Ministro, Moctar Ouanee. Tra i principali temi discussi: lo sviluppo, la sicurezza e le questioni di buon governo nel Paese. Lo riferisce la Farnesina in un comunicato reso noto ieri.

«Ho annunciato con gioia e soddisfazione al Capo del Governo l’imminente apertura di un’Ambasciata italiana a Bamako. Ciò rafforzerà le relazioni e la collaborazione tra il Mali e l’Italia. I due paesi hanno già in comune una lunga storia di amicizia e di partenariato.» – ha detto Del Re – «La visione illustratami dal Primo Ministro maliano si propone di collocare la persona, il cittadino, il benessere del popolo al centro dell’azione politica dell’esecutivo di transizione. Nel perseguimento di questa piattaforma il Mali avrà l’Italia al suo fianco».

Incontro fruttuoso anche con Bouaré Bintou Founé Samake, Ministra per la Promozione delle Donne, dei Bambini e delle Famiglie. La Vice Ministra ha registrato una convergenza di opinioni sulla promozione e la tutela dei diritti umani e, in particolare, sulle donne e sulle ragazze e sui gruppi più vulnerabili.

«L’Italia riconosce la promozione dei diritti delle donne come un bene fondamentale in tutti i settori e ci impegniamo a creare un ambiente favorevole alla parità di genere in ambito politico, economico, sociale, culturale e civile. » – ha dichiarato Del Re – «L’Italia conferma il suo sostegno alla protezione degli strati vulnerabili in Mali in coordinamento e sinergia con i programmi condotti in altri paesi della regione e con le organizzazioni regionali, tra cui ECOWAS, la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale.»

Con la Ministra Founé Samake, Del Re ha partecipato all’evento di presentazione dell’iniziativa sul “Rinforzo della capacità delle istituzioni e delle comunità a reagire contro le violenze basate sul genere nei distretti di Gao, Tombouctou, Kidal, Mopti e Bamako” finanziata dalla Cooperazione italiana. [Farnesina]

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Senegal Free

    Webinar su opportunità di business in Senegal

    SENEGAL - Si terrà mercoledì prossimo 9 dicembre un webinar dal titolo "Business Focus: Senegal" per approfondire le opportunità d'affari nel Paese dell'Africa occidentale.

    Organizzato dal Dipartimento per l’internazionalizzazione delle imprese dello Studio EXP Legal, l'evento online intende presentare il piano di sviluppo Senegal Emergent (PSE), lanciato dal governo di Dakar nel 2014 e che nella sua seconda fase attualmente in corso di implementazione prevede investimenti nei settori dell'energia, dell'agricoltura, dei trasporti e delle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni ICT, nonché una serie di riforme amministrative e giudiziarie e misure volte a migliorare il contesto imprenditoriale e favorire l’afflusso di investimenti dall’estero.

    Al webinar, che si svolgerà dalle ore 15 alle ore 16:30, parteciperanno tra gli altri il responsabile del marketing dell'Agenzia senegalese per la promozione degli investimenti (APIX) Moustapha Diop e il console generale del Senegal a Milano Mamadou Lamine Diouf. L'incontro sarà moderato dall'avvocato Antonello Corrado, senior partner dello Studio EXP Legal.

    In base alle informazioni comunicate, nei prossimi mesi lo Studio EXP Legal si propone di organizzare una missione imprenditoriale in Senegal, multisettoriale, dedicata ad un selezionato numero di imprese. Le aziende possono inviare la propria manifestazione di interesse alla partecipazione scrivendo all’email info@explegal.it.

    Per partecipare al webinar si prega di registrarsi al seguente link https://bit.ly/2UKi4kt

  • Ghana Free

    Società packaging Usa avvia attività in partnership

    GHANA - Ha ampliato le sue attività anche al Ghana la società statunitense ePac Flexible Packaging. In una prima fase gli ordini di ePac Ghana saranno presi in carico da un impianto di base in Gran Bretagna, ma sono già in corso piani per stabilire una struttura nel Paese dell’Africa occidentale.  ePac è tra le società nel settore degli imballaggi flessibili stampati digitalmente al servizio di marchi di tutte le dimensioni e in particolare delle piccole e medie imprese. La società americana ha avviato in Ghana una collaborazione con ePac Holdings LLC, azienda gestita da Victor Sosah, un imprenditore ghanese con una vasta esperienza negli imballaggi flessibili. [MS]
  • Sierra Leone Free

    Al via riabilitazione della rete elettrica nel sud-est

    SIERRA LEONE – L’avvio dei lavori di riabilitazione e d’espansione della rete elettrica di Bo-Kenema, nel sud-est della Sierra Leone, è stato inaugurato dal presidente della Repubblica, Julius Maada Bio, che ha sottolineato l’importanza della fornitura di energia nello sviluppo della nazione. Tra i principali finanziatori del progetto ci sono il Dipartimento britannico per lo sviluppo internazionale e la Banca africana per lo sviluppo. La realizzazione dei lavori è affidata alla Alpha Tnd Limited, una multinazionale con sede ad Accra, in Ghana, e guidata dall’indiano Avinash Dadhich. Circa 500.000 persone, aziende e privati, beneficeranno dei miglioramenti alla rete elettrica nelle città di Kenema, Bo e Blama. L’accesso all’elettricità in Sierra Leone è ancora molto limitato, soprattutto nelle zone rurali, dove si aggirerebbe attorno al 2%. [CC]
  • Costa Avorio Free

    L’opposizione boicotta l’Assemblea, denuncia la...

    COSTA D’AVORIO – Tre gruppi parlamentari dell’opposizione politica ivoriana hanno boicottato, ieri, i lavori dell’Assemblea nazionale riunita in plenaria per discutere alcune leggi. I rappresentanti del Pdci-Rda, del gruppo Vix Populi e del Rassemblement, hanno denunciati un «contesto socio-politico deleterio, che non garantisce la sicurezza dell’opposizione, nonostante l’immunità parlamentare di cui godono». In una dichiarazione, gli esponenti dell’opposizione hanno ricordato i casi dei leader detenuti: il deputato Pascal Affi N’Guessan del Fpi, arrestato il 6 novembre, e il deputato Maurice Kakou Guikahué, presidente del gruppo parlamentare Pdci-Rda, arrestato lo scorso 3 novembre. In manette, i due sono anche ex ministri e primo ministro, nel caso di N’Guessan, e dovrebbero essere sottoposti a procedure particolari, ricordano gli esponenti dell’opposizione. Il clima politico si è fortemente degradato prima e dopo le elezioni presidenziali del 31 ottobre scorso, a causa della candidatura controversa per un terzo mandato del presidente Alassane Dramane Ouattara. La rielezione del capo di Stato non è riconosciuta dall’opposizione. Poco dopo i risultati Affi N’Guessan aveva decretato la fine della presidenza di Ouattara e l’istituzione di un consiglio di transizione. Un’iniziativa fallita che è costato l’arresto del leader per complotto contro l’ordine costituzionale. [CC]
  • Nigeria Free

    Ngozi Okonjo-Iweala è la personalità africana dell...

    NIGERIA - La nigeriana Ngozi Okonjo-Iweala è la personalità africana dell’anno secondo la rivista economica internazionale Forbes. Il ‘titolo’ è stato annunciato ieri dal bisettimanale statunitense, che all’economista nigeriana riconosce un grande impegno per «rendere accessibili i vaccini ai Paesi poveri e consentire un accesso equo al vaccino contro il covid-19». Ngozi Okonjo Iweala vanta 25 anni di carriera alla Banca Mondiale, culminata con un incarico da direttrice responsabile di un portfolio da 81 miliardi di dollari. « stata due vole ministra delle Finanze della Nigeria, dal 2003 al 2006 e dal 2011 al 2015. Dal 2011 al 2014 è stata nella classifica di Forbes tra le 100 donne più influenti del pianeta. La rivista Fortune l’ha posizionata nel 2015 tra i 50 più grandi leader mondiali. Ques’anno, A 66 anni, l’esperta  nigeriana è arrivata alla fase finale per la selezione alla carica di direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC/WTO), istituzione con sede a Ginevra in Svizzera. [CC]
  • Ghana Free

    Voto anticipato per elettorali speciali

    GHANA - Sono più di 100.000 i cittadini ghanesi che hanno già votato ieri per le elezioni generali, perché lunedì 7 dicembre saranno impegnati a supervisionare le operazioni di voto.

    A segnalarlo è stata la Commissione elettorale (EC), precisando che tra gli elettori speciali che hanno già votato funzionari elettorali, personale di sicurezza, giornalisti e tutte le altre persone che svolgono compiti legati alle operazioni elettorali.

    Alle elezioni generali di lunedì prossimo sono registrati circa 15 milioni di cittadini ghanesi che dovranno scegliere tra 12 candidati presidenziali, votare per i 275 membri dell'assemblea parlamentare e rinnovare le amministrazioni locali.

    Tra i candidati alla massima carica dello Stato, sono due però i favoriti: il presidente in carica Nana Akufo Addo New del Patriotic Party (NPP) e l'ex presidente John Mahama del National Democratic Congress (NDC), attualmente principale forza dell'opposizione.

    Il sistema elettorale prevede che se nessun candicato alle presidenziali ottenga il 50% più uno dei voti validi si ricorrerà a un secondo turno da tenersi entro 21 giorni dallo svolgimento del primo. Le elezioni parlamentari e quelle amministrative si svolgono invece sulla base di un sistema uninominale secco a turno unico. [MV]