Zambia

Debito alle stelle (2), una mano arriva dalla Cina

ZAMBIA – Il governo zambiano ha riferito di aver ottenuto una dilazione dei pagamenti dovuti alla China Development Bank.

(139 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Attesa registrazione di milioni di proprietà al...

    ANGOLA - Oltre tre milioni di proprietà saranno registrate entro il 2026 nell'ambito del Programma di massificazione del catasto, che prevede inoltre la creazione di 27 uffici catastali in tutti i capoluoghi di provincia e in alcuni comuni. Lo ha annunciato la portavoce del programma, Yara de Carvalho, che ha precisato che l'Amministrazione fiscale generale (Agt) e le amministrazioni comunali sono ormai integrati in una piattaforma online, che semplifica e velocizza il processo di registrazione degli immobili.  "L'obiettivo è portare il servizio del catasto in tutti i comuni e portare i cittadini ad aderire al programma di massificazione, in modo che possano recarsi presso un ufficio del registro fondiario, l'amministrazione comunale o l'ufficio delle imposte per ottenere maggiori informazioni in caso di dubbio", ha detto la de Carvalho, secondo la quale il Programma di Massificazione del Catasto consentirà allo Stato di avere un migliore controllo dei propri beni e di raccogliere "maggiori entrate per le sue casse".  Il Land Registry Massification Program, lanciato nello scorso marzo, nasce con l’obiettivo di regolamentare il patrimonio abitativo dello Stato, poiché gran parte delle proprietà nel Paese non è registrata. La prima fase del programma attualmente in corso ha una durata di 18 mesi e include sia il patrimonio dello Stato sia le proprietà dei cittadini e imprese. [CN]
  • Namibia Free

    Verso riapertura confine con Angola

    NAMIBIA - La Namibia è pronta a riaprire i propri confini con l’Angola. Lo ha dichiarato qualche giorno fa l'ambasciatore della Namibia in Angola, Patrick Nandago, precisando di aspettarsi una posizione simile dal paese vicino, con tutte le condizioni riunite per porre un termine alla chiusura della frontiera comune, decisa nel marzo 2020 per frenare la propagazione del covid-19. “La chiusura del confine ha influenzato negativamente la vita dei nostri due popoli, in particolare nelle province di Cuando Cubango, Cunene, Namibe [tutte situate province angolane meridionali limitrofe della Namibia, Ndlr] e, in una certa misura, Huila”, ha detto l'ambasciatore Nandago a margine del 21° incontro bilaterale dei ministri degli Interni di entrambi i paesi, attualmente in corso a Lubango, precisando che molti studenti di quelle province studiano in Namibia: “Questi giovani, nel 2020, non hanno potuto studiare, a causa della chiusura del confine. Abbiamo anche un numero considerevole di Angolani che cercano assistenza medica in Namibia, perché sebbene ci siano alcuni modi per facilitare l'ingresso dei cittadini, ci sono ancora alcuni ostacoli”, ha aggiunto. Durante il vertice di Lubango, i ministri degli Interni cercheranno di definire i meccanismi da attuare per la riapertura dei confini, così come la Namibia ha già fatto con i suoi vicini del Sudafrica, Botswana e Zambia. [CN]
  • Mozambico Free

    Solo 8000 chilometri di strade classificate asfaltate

    MOZAMBICO - Solo 8000 chilometri: questa la quota in Mozambico delle strade asfaltate su un totale di 30.000 chilometri di strade classificate in tutto il paese. Lo ha detto al parlamento il ministro dei Lavori pubblici, dell'Edilizia abitativa e delle Risorse idriche, João Machatinel, spiegando che il governo ha scelto di gare la priorità alle strade economicamente sostenibili. “Non è possibile asfaltare tutte le strade rimanenti in un solo ciclo di governo e daremo la priorità a quelle con un maggiore impatto sullo sviluppo del paese”, ha giustificato il ministro Machatinel, sottolineando che la manutenzione ordinaria delle strade in condizioni percorribili sono di primaria importanza per le autorità. Il ministro dei Lavori Pubblici, che ha indicato che quest'anno sono stati stanziati circa 600 milioni di dollari per la riabilitazione della National Road Number One (EN1), ha anche ribadito che le concessioni stradali rimarranno un elemento imprescindibile per contribuire alla manutenzione. [CN]
  • Angola Free

    Verso riduzione produzione di diamanti

    ANGOLA - Il governo di Luanda intende ridurre del 20% la produzione nazionale di diamanti, aumentando al tempo stesso la capacità di lavorazione degli impianti per tagliare le pietre preziose in Angola.

    A dirlo è stato il ministro delle Risorse minerarie, del petrolio e del gas naturale, Diamantino de Azevedo, ricordando che il 99,5% dei diamanti estratti in Angola sono esportati nella loro forma grezza.

    De Azevedo ha inoltre ricordato che negli ultimi quattro anni sono stati installati tre stabilimenti di lucidatura, tutti a Luanda, e che il governo si propone di inaugurare quest'anno un hub dedicato specificatamente ai diamanti a Saurimo, nella provincia di Lunda Norte, dove installare 26 impianti per il taglio e la lucidatura delle pietre, anche attraverso investimenti privati. [MV]

  • Sudafrica Free

    Lanciato piano di ripresa del turismo

    SUDAFRICA - Il governo di Pretoria, in collaborazione con il settore privato, ha lanciato Piano di ripresa del settore turistico (TSRP) per delineare le misure necessarie a  rianimare il comparto.

    A riportarlo sono i media locali, dai quali si apprende che il piano prevede di affrontare i fattori abilitanti del turismo a breve e lungo termine che includono il miglioramento dell'uso della tecnologia e il miglioramento della sicurezza affinché i turisti si sentano al sicuro quando visitano il Sudafrica.

    "Abbiamo monitorato alcune tendenze che dimostrano che i viaggiatori vogliono un'esperienza unica e sostenibile - ha detto il ministro del Turismo Mmamoloko Kubayi-Ngubane - I turisti vogliono garantire che ci sarebbe un rimborso o flessibilità per cambiare le date se necessario".

    "Vogliamo fare un pacchetto con i paesi vicini quando vendiamo le offerte per il Sudafrica - ha aggiunto Kubayi-Nguban - I turisti non possono venire da lontano per vedere solo una cosa, quindi diremo loro visitare il nostro paese e poi di visitare le Cascate Vittoria in Zimbabwe o  gli oceani del Mozambico".

    Secondo le informazioni rese note, sono state inoltre accelerate le procedure per il rilascio di visti elettronici a viaggiatori provenienti da mercati turistici chiave come per esempio Cina, India e Nigeria.

    Kubayi-Ngubane ha dichiarato che gli interventi previsti dal piano di ripresa del settore turistico prevedono la mobilitazione di investimenti per un valore pari a circa 12,6 miliardi di dollari entro il 2023. [MV]

  • Sudafrica Free

    Amazon annuncia la sua prima sede in Africa

    SUDAFRICA - Il colosso statunitense dell'e-commerce Amazon aprirà il suo primo ufficio nel continente africano a Città del Capo in Sudafrica con un investimento del valore pari a oltre 230 milioni di euro.

    A segnalarlo sono i media locali, che riportano la notizia dell'approvazione del progetto da parte delle autorità municipali di Città del Capo.

    Secondo quel che è stato reso noto, Amazon ha richiesto una licenza per sviluppare un progetto immobiliare nell'area di River Club su un lotto di 15 ettari. Il progetto prevede la costruzione di due complessi, il primo occuperà 60.000 metri quadrati e sarà destinato a diversi livelli di sviluppo mentre il secondo occuperà 70.000 metri quadrati e ospiterà la sede di Amazon nel continente.

    Amazon è già presente a Città del Capo con i data center che offrono servizi di cloud-computing attraverso Amazon Web Services (AWS), ma finora non ha ancora reso disponibili in nessun Paese del continente i suoi servizi di e-commerce. [MV]