Africa

Crimini impuniti contro giornalisti, la Somalia ancora numero uno

AFRICA – Con 26 uccisioni di giornalisti non elucidate per 15,4 milioni di abitanti, la Somalia guida per la sesta volta la classifica mondiale dell’impunità 2020. Pubblicato nei giorni scorsi dal Comitato per la protezione dei giornalisti (Cpj), l’indice fa da cornice all’odierna “Giornata Internazionale per mettere fine all’impunità per i crimini commessi contro i giornalisti”, istituita dalle Nazioni Unite nel dicembre del 2013.

Il 2 novembre dello stesso anno furono uccisi in Mali, nei pressi di Kidal, due reporter di Radio France Internationale (Rfi), Ghislaine Dupont, 57 anni, e Claude Verlon, 55 anni, rapiti mentre stavano realizzando un reportage, a pochi mesi dall’avvio dell’operazione francese Serval contro i jihadisti. Sette anni dopo, rimangono incerti i motivi e le circostanze dei sequestri e delle uccisioni. I mandanti e gli autori sarebbero stati identificati: alcuni sono morti nel frattempo, altri sono a piede libero. L’associazione degli amici di Dupont e Verlon si è inoltre indignata dal fatto che «uno dei presunti responsabili, addirittura considerato dalla Francia il co-organizzatore del rapimento letale, sia stato l’interlocutore jihadista dei negoziatori della recente liberazione degli ostaggi (tra cui i due italiani padre Gigi Macalli e  Nicola Chiacchio, Ndr) in cambio della liberazione di circa 200 prigionieri».

Tra i 12 Paesi classificati nell’indice 2020 dell’impunità per i crimini commessi contro i giornalisti spicca un altro Paese africano, il Sud-Sudan (con 5 casi non elucidati per 11,1 milioni di abitanti), separato dalla Somalia solo dalla Siria e dall’Iraq.

L’indice viene stilato in base alla percentuale di popolazione e comprende gli omicidi motivati dal lavoro dei giornalisti, non elucidati, commessi tra il 1° settembre 2010 e il 30 agosto 2020. Con meno di 5 casi, la Nigeria è uscita quest’anno dalla classifica.

Secondo il Cpj, in quel periodo sono stati assassinati nel mondo 277 giornalisti a causa del proprio lavoro e nell’83% dei casi, nessun autore dell’omicidio è stato perseguito con successo.

«L’indice mondiale annuale dell’impunità del Cpj non è cambiato molto rispetto all’anno scorso» precisa il Comitato con sede a New York, facendo notare che i primi quattro classificati sono teatro di un ciclo di violenza e di anarchia fomentati dalla guerra e dall’instabilità politica. «Ma ogni anno, includiamo nell’indice Paesi più stabili, dove gruppi criminali e politici, esponenti politici, imprenditori e altri attori potenti ricorrono alla violenza per far tacere i giornalisti critici e d’investigazione» denuncia il Cpj, puntando il dito contro la corruzione, la debolezza delle istituzioni, e l’assenza di volontà politica di condurre inchieste solide.

L’ultimo omicidio mirato in Somalia, secondo Reporter senza frontiere, risale allo scorso 4 maggio: è stato quello di Said Yusuf Ali, reporter del canale privato Kalsan Tv, ucciso a Mogadiscio.

Vittime dimenticate della repressione violenta contro i giornalisti sono spesso i fixer, accompagnatori locali dei reporter, che si ritrovano a volte coinvolti in episodi letali.

Della sensibilizzazione per la fine dell’impunità contro i crimini commessi contro i giornalisti si riparlerà il 9 e 10 dicembre prossimo in occasione di una conferenza organizzata dall’Unesco e dai Paesi Bassi, che celebrerà anche la Giornata mondiale per la libertà di stampa, che non si è potuta celebrare il 3 maggio scorso a causa dell’emergenza covid-19. [Con Africa rivista]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • AfricaComoreGhanaRepubblica Congo Free

    Gli operatori portuali in aiuto delle tartarughe marine

    AFRICA - Programmi per la conservazione della biodiversità e la sostenibilità degli spazi dove vengono svolte attività portuali: questo l’impegno preso dalla compagnia Bolloré Ports, operatore di concessioni portuali, particolarmente orientato alla salvaguardia delle tartarughe marine nel continente. “Bolloré Ports attribuisce importanza alla sostenibilità ambientale e sociale delle sue attività. È per questo motivo che tutti i nostri terminal portuali attuano una politica ambientale volta a preservare gli ecosistemi delle nostre strutture. Con l'aiuto di Ong ed esperti ambientali, i nostri team identificano e gestiscono i rischi ambientali e sociali associati alle nostre attività. A tal fine, stiamo implementando metodi innovativi per garantire la conservazione della flora e della fauna", ha affermato Olivier De Noray, direttore generale delle concessioni di Bolloré Ports. E così da una parte all’altra del continente: Congo Terminal, operatore del terminal container del porto di Pointe Noire, in Repubblica del Congo, Meridian Port Services (Mps), ad Accra, in Ghana, e il terminal Moroni, nelle Comore, sono impegnati in programmi e iniziative di sensibilizzazione sulla conservazione della biodiversità, e più particolarmente a favore della protezione delle tartarughe marine, sui danni del bracconaggio e sulle implicazioni dell'acqua per il pianeta. Inoltre, i terminal gestiti da Bolloré Ports sono impegnati nel processo di certificazione ambientale ISO 14001/2015. [CN]
  • Africa Free

    Aperta a Kinshasa Assemblea Generale Unione...

    AFRICA - Si è aperta martedì a Kinshasa, in Repubblica Democratica del Congo, alla presenza di rappresentanti di 19 paesi membri dell’Unione dei Consigli degli Spedizionieri Africani (Ucca) la 12a Assemblea Generale dell'Ucca, organizzata in collaborazione con l'Ufficio di Gestione merci multimodal (Ogefrem). I lavori dell’incontro sono stati inaugurati da Félix Tshisekedi, nella sua duplice veste di presidente della Repubblica Democratica del Congo e dell'Unione Africana, Félix Tshisekedi. L’obiettivo dei lavori di Kinshasa è di partecipare all’integrazione economica del continente attraverso la firma di un memorandum d'intesa tra l'Ucca e il segretariato generale dell’Area continentale africana di libero scambio (AfCFTA); la concessione dello status di osservatore all'Ucca all'interno dei vari comitati dell’AfCFTA; il sostegno all'Ucca da parte del Segretariato AfCFTA in modo che Consigli di Spedizionieri siano creati in tutti gli Stati membri. “Invece di continuare a perpetuare l'estroversione delle nostre economie e favorire il commercio con i partner tradizionali dell'Africa, è giunto il momento di intensificare il commercio intra-africano. È quindi tempo di pensare a ridurre la dipendenza economica e commerciale esterna dell'Africa se vogliamo davvero creare una vera area di libero scambio all'interno del nostro continente”, ha spiegato ai partecipanti Patient Sayiba, nuovo presidente dell’Ucca, organismo specializzato dell’Organizzazione Marittima dell’Africa Occidentale e Centrale (Omaoc), creato nel febbraio 1977 con la missione di promuovere i trasporti e il commercio estero degli Stati membri e garantire gli interessi degli importatori ed esportatori. I lavori di Kinshasa si chiuderanno sabato 24 aprile presso il Congo River Hotel. [CN]
  • Africa Free

    Partnership Ue-Africa Cdc, vaccini per tutti

    AFRICA - Il commissario europeo per la gestione delle crisi Janez Lenarčič ha visitato nei giorni scorsi il Centro africano per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa Cdc) ad Addis Abeba, in Etiopia, segnando ufficialmente con questa visita l’inizio dell’attuazione della nuova iniziativa umanitaria dell’Ue a sostegno delle campagne di vaccinazione anti-covid in Africa. Lo rende noto la Commissione Europea con un comunicato stampa. L’iniziativa è volta a “garantire un accesso equo ai vaccini per le persone vulnerabili, anche nelle zone di conflitto o di difficile accesso” reputato dall’Ue e dal commissario Lenarčič “un dovere morale”. L’iniziativa, annunciata a febbraio dalla commissaria Ursula Von Der Leyen alla riunione del G7, destina 100 milioni di euro per sostenere un’introduzione rapida e sicura dei vaccini covid in Africa tramite l’istituzione di partnership con l’Africa Cdc ed altri enti internazionali. “Questo finanziamento aggiuntivo dell’Ue a sostegno del lancio di campagne di vaccinazione contro la pandemia di coronavirus in Africa contribuirà a garantire che nessuno venga lasciato indietro” ha spiegato il commissario europeo a margine dell’incontro con John Nkengasong, a capo dell’Africa Cdc: ”Attendo con impazienza una cooperazione ancora più stretta con l’Africa Cdc in futuro, al fine di rafforzare la nostra disponibilità e garantire una preparazione efficiente per rispondere insieme alle sfide di domani”. L’iniziativa sosterrà due dimensioni complementari delle campagne di vaccinazione africane: un primo percorso di finanziamento, di circa 25 milioni di euro, mirerà a sostenere il lancio della campagna di vaccinazione nei paesi africani mentre un secondo, da 65 milioni, è volto a sostenere il lancio di campagne di vaccinazione in contesti umanitari specifici, in particolare in aree di conflitto e difficili da raggiungere, attuate attraverso attività specifiche. Infine, altri 10 milioni di euro sono in riserva, da destinare a uno qualsiasi dei due binari, qualora fosse necessario. I 100 milioni di euro sono mobilitati come parte della Riserva per la solidarietà e gli aiuti d’urgenza dell’Ue, un finanziamento che si aggiunge ai quelli già mobilitati dall’Ue e dai suoi Stati membri nell’ambito dell’approccio Team Europe. [ASB]
  • Africa Free

    Appuntamenti con l'Africa, due webinar con E4Impact...

    AFRICA - Le prospettive dell'Italia in Africa e le opportunità d'affari che il continente offre sono i temi al centro di due eventi online che la fondazione E4Impact organizza rispettivamente il 28 e il 29 aprile prossimi.

    La prima conferenza sarà occasione per discutere il piano strategico "Partenariato con l'Africa" adottato lo scorso dicembre dal ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale per definire e priorità su cui la politica estera del nostro Paese intende focalizzarsi nei prossimi anni.

    Per approfondire il programma è possibile cliccare qui, mentre la partecipazione all'evento è gratuita previa registrazione cliccando qui.

    La seconda conferenza ha l’obiettivo di fornire un'informazione corretta e aggiornata sulle opportunità d’affari che l’Africa offre alle imprese italiane e di presentare alcuni suggerimenti su come muoversi per affrontare mercati molto promettenti, ma complessi.

    Per approfondire il programma è possibile cliccare qui, mentre la partecipazione all'evento è gratuita previa registrazione cliccando qui.

  • AfricaEtiopia Free

    Da Shanghai a Brasilia, la lotta al covid di Ethiopian...

    AFRICA - Oltre 20 milioni di dosi di vaccino consegnate in più di 20 paesi del mondo: questo il risultato dell’impegno nella lotta contro la diffusione del covid-19 assunto dalla compagnia aerea Ethiopian Airlines, che ha appena trasportato 3,5 milioni di vaccini contro il coronavirus da Shanghai a San Paolo, in Brasile, via Addis Abeba. “Sono lieto che abbiamo iniziato ad andare oltre l'Africa e continueremo a fare la nostra parte nella distribuzione globale dei vaccini. I nostri sforzi di collaborazione sono l'unica via d'uscita in questo momento critico in cui è auspicabile una distribuzione e un trasporto equi dei vaccini”, ha affermato Tewolde GebreMariam, Ceo di Ethiopian Airlines Group, che ha rafforzato la propria capacità di spedizione cargo riconfigurando i suoi aerei passeggeri e introducendo nuove tecnologie.  Il ruolo esemplare svolto dalla compagnia nella distribuzione dei dispositivi di protezione individuale (Dpi) in tutto il mondo ha portato alla selezione dell'aeroporto internazionale Bole di Addis Abeba come hub aereo umanitario da parte delle agenzie delle Nazioni Unite. Attualmente, Ethiopian sta sviluppando un impianto di produzione di ghiaccio secco interno con  una capacità di produzione di 9000 kg giornalieri per soddisfare la necessità di refrigeranti aggiuntivi per i vaccini prodotti da Pfizer-BioNTech e Moderna che richiedono un ambiente ultra freddo per il trasporto. [CN]
  • Africa Free

    Libertà di stampa sempre più vulnerabile

    AFRICA - È più che mai vulnerabile in Africa, con la crisi sanitaria in atto, la libertà di stampa secondo l’ultimo rapporto di Reporter senza frontiere (Rsf). Giornalisti aggrediti e arrestati, media indeboliti dalla disinformazione, leggi che uccidono la libertà, calo dei redditi dei giornalisti, sono elementi messi in avanti dall’Rsf Index 2021, che sottolinea come la pandemia di coronavirus ha riflesso le immense difficoltà e sfide che il giornalismo deve affrontare nell’Africa sub sahariana. Nella regione, 23 paesi su 48  – due in più rispetto al 2020 – ora appaiono in rosso o nero sulla mappa dell’indice della libertà di stampa mondiale. “Piuttosto che consentire ai giornalisti di esercitare la loro missione di informazione, più essenziale che mai in questo periodo, le autorità hanno intensificato gli atti volti a controllare la comunicazione su questo argomento e spesso hanno permesso loro di prosperare, o addirittura contribuito direttamente all’ostilità e alla sfiducia di coloro che hanno ha cercato di produrre informazioni in modo indipendente”, affermano gli autori del rapporto, che analizza e classifica 180 paesi sulla base di criteri quali l’indipendenza dei media, la qualità del quadro giuridico relativo all’esercizio della loro professione e la sicurezza dei giornalisti. Tra il 15 marzo e il 15 maggio 2020, Rsf ha registrato tre volte più arresti e aggressioni di giornalisti nell’Africa sub-sahariana rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La Namibia è il Paese che più rispetta la libertà dei giornalisti. Si colloca al 24 ° posto nel mondo, molto più avanti rispetto ai paesi più sviluppati come Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Italia e Giappone. Questa democrazia dell’Africa meridionale è seguita nel continente da Capo Verde, Ghana, Sud Africa e Burkina Faso, campione tra i Paesi francofoni. L’Eritrea è il paese africano in cui la libertà di stampa è maggiormente minacciata. Il paese è classificato al 180 ° e ultimo posto nel mondo. Il secondo Paese africano più ostile ai giornalisti Gibuti, al 176 ° posto Insieme a Cina, Turkmenistan e Corea del Nord, completano la lista dei cinque Paesi più repressivi nei confronti dei giornalisti nel mondo. In Nord Africa, la pressione persistente su giornalisti e media mantiene tre Paesi della regione, Algeria, Marocco e Libia, nelle aree rosse e nere della mappa della libertà di stampa nel 2021, vale a dire dove la situazione è considerata difficile, anche molto grave per l’esercizio della professione. I cittadini della regione non hanno cessato, dalle rivoluzioni del 2011, di chiedere maggiore libertà di stampa e più libero accesso alle informazioni. Secondo Rsf, le molestie giudiziarie nei confronti dei giornalisti sono diventate un metodo di repressione ricorrente in Algeria. Giornalisti e media nella regione nordafricana operano in un ambiente sempre più complesso e persino ostile. La Tunisia (73a, -1), piuttosto ben posizionata negli ultimi anni rispetto ai suoi vicini, perde un posto nella Classifica 2021, in particolare a causa dell’aumento dei discorsi d’odio contro i media alimentati dai parlamentari di estrema destra. Dalla sua elezione nel 2019, il leader della coalizione islamista e populista Al Karama, Seifeddine Makhlouf, ha regolarmente attaccato verbalmente i giornalisti all’interno dell’Assemblea dei rappresentanti del popolo e sui social network. In Libia (165 °, -1), è la persistente impunità di cui godono i predatori della libertà di informazione nel Paese negli ultimi dieci anni che ostacola il lavoro giornalistico e mantiene il paese in fondo alla classifica. [CC]