Gabon

Firmato decreto per Zone agricole ad alta produttività

GABON – Stanno prendendo il via le Zone agricole ad alta produttività (Zap). Istituite con decreto presidenziale e adottate dal consiglio dei ministri del 13 ottobre, le attività stanno diventando realtà grazie a due accordi siglati nei giorni scorsi dai ministri delle Foreste, Lee White, e dell’Agricoltura, Biendi Maganga Moussavou.

(158 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • AfricaComoreGhanaRepubblica Congo Free

    Gli operatori portuali in aiuto delle tartarughe marine

    AFRICA - Programmi per la conservazione della biodiversità e la sostenibilità degli spazi dove vengono svolte attività portuali: questo l’impegno preso dalla compagnia Bolloré Ports, operatore di concessioni portuali, particolarmente orientato alla salvaguardia delle tartarughe marine nel continente. “Bolloré Ports attribuisce importanza alla sostenibilità ambientale e sociale delle sue attività. È per questo motivo che tutti i nostri terminal portuali attuano una politica ambientale volta a preservare gli ecosistemi delle nostre strutture. Con l'aiuto di Ong ed esperti ambientali, i nostri team identificano e gestiscono i rischi ambientali e sociali associati alle nostre attività. A tal fine, stiamo implementando metodi innovativi per garantire la conservazione della flora e della fauna", ha affermato Olivier De Noray, direttore generale delle concessioni di Bolloré Ports. E così da una parte all’altra del continente: Congo Terminal, operatore del terminal container del porto di Pointe Noire, in Repubblica del Congo, Meridian Port Services (Mps), ad Accra, in Ghana, e il terminal Moroni, nelle Comore, sono impegnati in programmi e iniziative di sensibilizzazione sulla conservazione della biodiversità, e più particolarmente a favore della protezione delle tartarughe marine, sui danni del bracconaggio e sulle implicazioni dell'acqua per il pianeta. Inoltre, i terminal gestiti da Bolloré Ports sono impegnati nel processo di certificazione ambientale ISO 14001/2015. [CN]
  • Gabon Free

    A compagnia danese licenza esplorazione per blocco in...

    GABON - È la prima volta che opererà in Gabon: Maersk Drilling ha vinto un contratto di esplorazione in acque ultra profonde da 24 milioni di dollari per il blocco F13. Lo ha reso noto la compagnia danese, che ha ricevuto l’incarico da Pc Gabon Upstream SA (Pcgusa), una controllata di Petroliam Nasional Bhd (Petronas), "Siamo lieti di espandere la nostra relazione internazionale con Petronas, con la quale abbiamo lavorato su pozzi di acque profonde in Estremo Oriente, nelle Americhe e ora nell'Africa occidentale. Non vediamo l'ora che inizi la nostra prima stagione in Gabon", ha affermato Morten Kelstrup, direttore operativo di Maersk Drilling. La nave di perforazione di settima generazione Maersk Viking verrà utilizzata per perforare un pozzo di esplorazione a circa 2100 m di profondità nel blocco F13, al largo del Gabon. [CN]
  • Camerun Free

    Aumenta produzione di cotone, vola l’export

    CAMERUN - La produzione di cotone in Camerun, relativamente alla stagione 2020-2021 che si concluderà nei prossimi giorni, dovrebbe registrare una nuovo record. A riportare le stime la Compagnia per lo sviluppo del cotone, precisando che è attesa una produzione record di 350.000 tonnellate, in crescita di oltre 20.000 tonnellate rispetto alla campagna precedente ( 328.000 tonnellate). La maggior parte della produzione verrà esportata nei Paesi asiatici, in particolare in Cina, che è stata per molti anni la principale destinazione del cotone camerunese rappresentando il 38% delle esportazioni . Paesi come il Bangladesh, il Vietnam e l’Indonesia sono anche tra i principali importatori. Nell'ordine, i tre principali mercati esteri sono Cina, Italia ed India. [GT]
  • R.D. Congo Free

    Istituito un fondo di garanzia per imprenditorialità

    REP DEM CONGO - Un Fondo di garanzia per l'imprenditorialità in Congo (Fogec) destinato a facilitare il finanziamento delle piccole e medie imprese (Pmi). Lo ha ufficialmente annunciato il ministro delle Classi medie, delle Pmi e dell'artigianato della Repubblica Democratica del Congo, Justin Kalumba, dopo che il Fogec, creato nel novembre 2020, ha raccolto circa 500.000 dollari negli scorsi mesi. "L’importanza del Fogec poggia su tre assi: la garanzia dell'accesso al finanziamento e della condivisione dei rischi con le banche tradizionali che possono finanziare le Pmi; il crowdfunding in cui lo Stato porta risorse nel capitale delle Pmi che non hanno finanziamenti; e le sovvenzioni a un progetto che può o non può essere soggetto a credito o a crowdfunding, ma che può essere sovvenzionato dallo Stato", ha detto il ministro. Nel 1973 esisteva un Fondo di garanzia dotato delle sole risorse del bilancio pubblico come fonte di finanziamento. Al contrario, le principali fonti di approvvigionamento di Fogec sono particolarmente indipendenti dal bilancio dello Stato, e ogni provincia del paese potrà individuare un progetto chiave in cui lo Stato inietterà fondi come sovvenzione. [CN]
  • Camerun Free

    Obiettivo governo sviluppare pesca in diga Lom Pangar

    CAMERUN - Il ministro del Bestiame, della Pesca dell’Allevamento del Camerun Taïga ha incontrato Théodore Nsangou, amministratore della Electricity Development Corporation, società di gestione patrimoniale pubblica nel settore elettrico, che gestisce in particolare le dighe. Obiettivo di questo incontro – informa la stampa nazionale – sviluppare l’attività di pesca su scala industriale nella diga di Lom Pangar, nella regione orientale, al fine di soddisfare il fabbisogno ittico del Paese e ridurre così le importazioni. Secondo fonti del ministero, lo sviluppo della pesca industriale sulle acque nella diga di Lom Pangar, con una capacità di 6 miliardi di metri cubi d’acqua, dovrebbe essere il primo passo verso l’estensione di questa iniziativa a tutte le dighe del Paese . La diga ha attirato ufficialmente più di 6.000 pescatori, per lo più stranieri, che riforniscono i circuiti di distribuzione del pesce al di fuori del Paese. [GT]
  • Ciad Free

    Morte Deby avrà effetti regionali, analisi

    CIAD - Quanto avvenuto in Ciad ovvero la morte del presidente Idriss Deby Itno in circostanze ancora da chiarire ma nell’ambito di scontri fra esercito e ribelli “non potrà non avere effetti” su un Paese da tempo considerato come il braccio armato dell’occidente in un contesto regionale instabile come quello saheliano. Ad affermarlo a InfoAfrica è Giovanni Carbone, responsabile del Programma Africa dell’Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi) e docente dell’Università degli studi di Milano. “L’arrivo di Mahamat Déby, ovvero del figlio del defunto capo di Stato, alla guida del Paese mi ricorda per certi versi Joseph Kabila, che subentrò al padre in Repubblica democratica del Congo” dice Carbone. Paesi diversi, e in maniera diversa complessi il Ciad e il Congo, secondo l’africanista dell’Ispi solo il tempo dirà se il Paese convergerà su questa figura come a suo tempo fece il Congo su Kabila. Una fase di transizione che dipende da diversi fattori, tra cui la portata del movimento ribelle giunto fino alle porte della capitale ciadiana N’Djamena. “Ancora una volta, così come era avvenuto per lo stesso Deby quando arrivò al potere nel 1990, è stato un movimento ribelle proveniente dal nord a cambiare le carte del potere a N’Djamena” prosegue Carbone. Ma al di là delle vicende interne, un Ciad instabile significa che salta un pezzo importante in una scacchiera già traballante: “Il Ciad è attorniato da contesti di instabilità e benché non fosse il fulcro della regione era un partner ricercato in virtù di una tradizione di impiego militare e di efficienza del proprio esercito. Il paradosso è che mentre N’Djamena è stata chiamata come elemento capace di contrastare Boko Haram e di sostenere il G5 Sahel, non è stata invece in grado di fermare questo gruppo ribelle”. La morte di Deby apre in definitiva degli interrogativi di tenuta interna e più in generale di capacità militare a livello regionale di fronte alle sfide poste alla sicurezza: “Un ruolo quello finora giocato dal Ciad per il quale non vedo sostituti” conclude Carbone. [MS]