Marocco

Poste, lanciata prima carta pagamento 100% digitale

MAROCCO – Al Barid Bank, la filiale finanziaria delle Poste marocchine, ha lanciato la prima carta di pagamento completamente digitale nel mercato marocchino. La carta, con il marchio Klik Visa E-card, è disponibile esclusivamente sulla app della banca e può essere utilizzata per i pagamenti sia nazionali che internazionali.

(186 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Manutenzione rotabili, Bers finanzia formazione

    EGITTO - La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) in collaborazione con Hyundai Rotem  hanno lanciato un programma per migliorare le competenze dei giovani in Egitto fornendo formazione certificata nella manutenzione delle infrastrutture di trasporto e del materiale rotabile. La formazione è stata erogata in cinque lotti a 80 giovani donne e uomini nell’ambito del programma Bers-Rotem, incentrata su argomenti relativi alla manutenzione del materiale rotabile per la linea II della metropolitana del Cairo. La formazione ha consentito ai tirocinanti di acquisire competenze rilevanti ed esperienza pratica nella gestione del materiale rotabile, preparandoli all’impiego in settori ad alta intensità di risorse come la metropolitana, le ferrovie e l’industria dei servizi di trasporto. [GT]
  • Libia Free

    Italia dona trattori ad associazione agricola di Sebha

    LIBIA - L’Ambasciata d’Italia in Libia ha annunciato la donazione di due trattori all’Associazione centrale di Macchine agricole di Sebha. Secondo l’ambasciata, l’iniziativa è stata implementata nell’ambito del progetto “Migliorare l’occupazione agricola dei migranti nel Fezzan”, progetto finanziato dal Fondo Migrazione italiano e attuato dal Centro internazionale di studi agronomici mediterranei avanzati (Ciheam), con l’Ara Pacis Initiatives for Peace. L’ambasciata ha aggiunto che nella seconda fase del progetto avverranno ulteriori finanziamenti e la fornitura di macchinari agricoli per la coltivazione del grano. All’inizio di agosto, il governo italiano ha deciso di stanziare 3 milioni di euro in aiuti urgenti, per aiutare a curare le vittime dell’esplosione del serbatoio di carburante di un camion, avvenuta la scorsa settimana nel sud della Libia. In un comunicato, il governo ha annunciato che l’Italia riceverà 15 casi di feriti critici. Il Ministero degli Affari Esteri italiano ha inoltre varato un pacchetto di 37,2 milioni di euro per contribuire alla stabilizzazione dei flussi migratori in Nord Africa, Sahel e Africa occidentale. Secondo un comunicato della Farnesina, tre progetti sono stati finanziati in Libia, due in Niger e un altro nella regione del Sahel, con l’obiettivo di migliorare la gestione delle frontiere e combattere la tratta di esseri umani. Peraltro, campagne di informazione saranno avviate nel Sahel sui pericoli dell’immigrazione clandestina. [CN]
  • Tunisia Free

    Digitalizzazione e innovazione per rafforzare sviluppo

    TUNISIA - L’elaborazione di un piano aggiuntivo per il programma di visione strategica Tunisia 2035 e il piano di sviluppo 2023/2025, che si baserà su linee guida e programmi di digitalizzazione e innovazione, è stata al centro di una sessione di lavoro tenutasi nei giorni scorsi sotto la presidenza del ministro dell’Economia, Samir Saied. Nell’ambito del piano è stato posto l’accento sulla necessità di rispondere ai cambiamenti tecnologici e digitali e di lavorare per ampliarne l’uso in diversi ambiti, compresi i programmi di sviluppo e quelli settoriali e regionali. L’obiettivo è quello di beneficiare delle opportunità offerte da questi programmi per creare ricchezza, stimolare la crescita, sviluppare la competitività dell’economia nazionale e migliorare la sua posizione nelle catene del valore regionali e globali. L’incontro è stato anche l’occasione per discutere del ruolo che possono svolgere le startup nella realizzazione di questo approccio. I partecipanti hanno anche discusso dell’esistenza di reali opportunità di sviluppo in diversi settori, sia nel mercato nazionale che in quello estero, basate sulla digitalizzazione e sull’espansione dei suoi usi. Il ministro dell’Economia ha dichiarato che questa iniziativa sarà ricettiva alle visioni e agli approcci degli stakeholder del settore per sviluppare un piano aggiuntivo che arricchirà i contenuti della visione strategica Tunisia 2035 e del piano di sviluppo. L’obiettivo è presentare raccomandazioni che aiutino a concretizzare i concetti di innovazione e digitalizzazione nei programmi e nei piani di sviluppo, per migliorare e rafforzare le capacità dei settori o delle parti di integrarsi nelle catene del valore. [MS]
  • Algeria Free

    Verso stop import sementi dal 2023

    ALGERIA - Il primo ministro algerino Aimene Benabderrahmane ha annunciato, nei giorni scorsi ad Algeri, che l’Algeria eliminerà gradualmente l’importazione di sementi da orto a partire dal prossimo anno. Parlando a margine della cerimonia di inaugurazione della Banca nazionale delle sementi, Benabderrahmane ha sottolineato l’importanza di sensibilizzare tutti gli agricoltori e gli operatori agricoli sulla decisione dell’Algeria di abbandonare le importazioni di sementi da orto. “Questa decisione non è motivata da una mancanza di risorse finanziarie, ma piuttosto dalla necessità di porre fine al consumo di energie algerine, soprattutto perché gli istituti e le università formano un gran numero di studenti in diverse specialità agricole”, ha spiegato il premier. È quindi importante, ha proseguito Benabderrahmane, “promuovere le competenze algerine e gli sforzi dello Stato in termini di formazione agricola, in particolare limitando le importazioni”. [MS]
  • Libia Free

    Ricostruzione costerà 100 miliardi di dollari

    LIBIA - Il ministro di Stato libico per gli affari economici, Salama al-Ghwail, ha affermato che la Libia ha bisogno di circa 102,5 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni per potersi ricostruire. In un’intervista a Sky News Arabia, il ministro ha sottolineato che l’entità delle perdite subite dall’economia non può essere stimata con precisione. Ha confermato che “il Paese è stato danneggiato a causa della mancanza di sviluppo interno e dell’assenza di sicurezza, oltre che alla stagnazione economica e al mancato sviluppo degli investimenti del settore privato nel Paese”. Al-Ghwail ha peraltro osservato che “l’assenza di stabilità politica e di sicurezza nel Paese è stato il fattore più importante che ha impedito alla Libia di beneficiare degli alti prezzi del petrolio”. Tuttavia ha spiegato che “la Libia dispone di risorse naturali che possono contribuire allo sviluppo e alla ricostruzione del Paese”. Ha infine affermato che la Libia “impiegherà manodopera egiziana e lavorerà per sviluppare relazioni con i Paesi vicini ed europei come Germania, Italia e Francia, oltre a Cina e Turchia, in concomitanza con il lavoro per attrarre investimenti nel Paese”. [CN]
  • Egitto Free

    Inflazione core oltre il 15 per cento a luglio

    EGITTO - La Banca Centrale d’Egitto ha annunciato che il tasso annuo di inflazione core è salito al 15,6% nel mese di luglio, rispetto al 14,6% del mese precedente. Per quanto riguarda la media mensile, l’indice dei prezzi al consumo core ha segnato un tasso dell’1,5% a luglio 2022, rispetto allo 0,6% registrato nello stesso mese del 2021 e all’1,2% dello scorso giugno. La Banca Centrale ha inoltre indicato che il tasso di inflazione generale annuo è salito al 13,6% a luglio 2022, rispetto al 13,2% del mese precedente, mentre l’indice generale dei prezzi al consumo urbani ha raggiunto l’1,3%, rispetto a una media dello 0,9% per lo stesso mese dell’anno precedente e un tasso mensile negativo dello 0,1% a giugno 2022. L’Agenzia Centrale per la Mobilitazione Pubblica e la Statistica del governo in Egitto ha attribuito l’aumento dell’inflazione “all’aumento dei prezzi del dipartimento alimentare e delle bevande del 23,8%, del pane del 45,9%, del pesce del 34,2%, degli oli del 31,6 %, latticini, formaggio e uova del 27,2%, zucchero del 24,3%, carne del 23,9% e frutta dell’11,6%. Invece i prezzi degli alloggi, dell’elettricità e del gas sono aumentati del 5,8%, i prezzi dei trasporti e delle comunicazioni del 15,4%, dell’assistenza sanitaria del 6,4%, dell’istruzione del 13,9% e dell’intrattenimento del 27%. L’Egitto ha dovuto far fronte a crescenti pressioni finanziarie dall’inizio della guerra russa in Ucraina, poiché le riserve di valuta estera hanno continuato a diminuire per il terzo mese consecutivo alla fine di luglio. Secondo i dati emessi dalla Banca centrale, le riserve sono diminuite durante i primi sette mesi di quest’anno di circa 7,8 miliardi di dollari, per raggiungere 33,14 miliardi di dollari alla fine del mese scorso, rispetto ai 40,93 miliardi di fine dicembre 2021, con una diminuzione di 19 miliardi di dollari.  [CN]