Senegal

Crisi money transfer, idee per rilanciare il settore

SENEGAL – MicroSave Consulting (Msc), in collaborazione con la Fondazione Mastercard, ha presentato i risultati del suo studio sull’impatto del Covid-19 sugli agenti di trasferimento di denaro in Senegal, dove ci sono 54.638 agenti attivi.

(393 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    Ouattara-Gbagbo: Ambasciatore italiano, "dare voce alla...

    COSTA D'AVORIO - L’incontro preannunciato per il 27 luglio in Costa d’Avorio fra il presidente Alassane Dramane Ouattara in carica, e il suo predecessore e rivale politico, Laurent Gbagbo, è “senz’altro un incontro storico per la Costa d’Avorio, che potrebbe avviare a compimento un lungo processo di riconciliazione nazionale mai realmente consolidatosi”. È l’auspicio dell’ambasciatore d’Italia, Stefano Lo Savio, che unisce la propria voce agli appelli per un’autentica riconciliazione nel Paese africano, dove il diplomatico è in carica dal 2017. “I presupposti ci sono tutti”, ha detto Lo Savio a InfoAfrica, ricordando che l’anno scorso è stato un difficile e delicato anno elettorale, in cui è stato riconfermato il presidente in carica ed è stata rinnovata l’Assemblea nazionale. “Pur con tutte le difficoltà e le tensioni che hanno accompagnato le elezioni presidenziali, bisogna anche sottolineare che quelle legislative si sono svolte in modo pacifico e giusto”, ma soprattutto, sottolinea ancora Lo Savio, “hanno visto la partecipazione dei principali partiti della Costa d’Avorio, ivi compreso il Front Populaire Ivorien (Fronte popolare ivoriano, Fpi) che fa capo a Gbagbo, che rappresenta una parte importante del Paese e che non prendeva parte alle elezioni da quando l’ex Presidente era stato trasferito all’Aja”. All’Aja, presso la Corte penale internazionale, Gbagbo ha affrontato un lungo processo per crimini di guerra e contro l’umanità, al termine del quale è stato assolto sia in primo grado, il 15 gennaio 2019, che in appello, lo scorso 31 marzo. Dal 17 giugno scorso, Gbagbo è nuovamente in patria, con un’agenda piuttosto ricca di incontri e impegni, sia personali che di natura politica. La riconciliazione, ha osservato l’ambasciatore d’Italia ad Abidjan, “è sicuramente un percorso difficile perché anni di conflitti e tensioni hanno seminato lo scetticismo e il sospetto reciproco su tutti gli attori politici”. Ma adesso la Costa d’Avorio e il Presidente Ouattara “hanno cinque anni davanti a loro ed un contesto favorevole per mettere definitivamente la parola fine all’instabilità” nel Paese. “Ci auguriamo tutti – ha concluso l’ambasciatore –  che il presidente in carica e tutti gli attori politici coinvolti, innanzitutto gli ex presidenti Henri Konan-Bédié e Gbagbo, siano in grado di mettere da parte i rispettivi tatticismi e di dare voce al desiderio di pace che predomina in Costa d’Avorio”. Il braccio di ferro fra Gbagbo e Ouattara alle elezioni del dicembre 2010 ha dato luogo a oltre tre mesi di violenze, in cui sono state coinvolte anche forze straniere (dell’Onu e francesi) allorché le elezioni dovevano segnare la chiusura della precedente guerra scoppiata nel 2002 e che aveva letteralmente diviso il Paese per diversi anni.
  • Senegal Free

    Exim Bank indiana finanzia nuova linea interconnessione...

    SENEGAL - Il governo indiano ha concesso un finanziamento di oltre 30 milioni di dollari per la costruzione di una nuova linea di trasmissione elettrica nel sud del Senegal.

    Lo riferisce la stampa locale, precisando che la Export-Import (Exim) Bank of India ha concesso alla Repubblica del Senegal un credito acquirente (finanziamento concesso da una banca a un acquirente straniero, che le consente di pagare un fornitore di beni e servizi in contanti) di 35,26 milioni di dollari per la costruzione di una nuova linea di trasmissione elettrica da 225 kV da Tanaff a Ziguinchor.

    Il contratto è stato firmato a Dakar, capitale del Paese dell'Africa occidentale, tra Selva Kumar, rappresentante residente di Exim Bank India ad Abidjan, e Amadou Hott , ministro senegalese dell'Economia, della pianificazione e della cooperazione.

    Il progetto prevede la costruzione di una linea di trasmissione elettrica aerea di circa 92 chilometri da Tanaff a Ziguinchor, nonché estensioni di baia a Tanaff e Ziguinchor.

    Sarà implementato da Kalpataru Power Transmission Ltd , una consociata di Kalpataru Group e uno dei maggiori attori indiani nel settore della trasmissione di energia e delle infrastrutture EPC.

    Il progetto mira a garantire la fornitura di energia elettrica alla parte meridionale del Senegal, in particolare Tambacounda, Ziguinchor e Tanaff, una volta completato, e ridurre i costi operativi e il prezzo per chilowattora.

    Inizierà inoltre l'interconnessione della linea di trasmissione di potenza a 225 kV con il progetto energetico dell'Organizzazione per lo sviluppo del bacino del fiume Gambia (OMVG), costituito dagli impianti idroelettrici di Sambangalou (128 MW) – in Senegal – e Kaléta (240 MW) – in Guinea -, nonché una linea di interconnessione a 225 kV e relative sottostazioni.

  • Costa Avorio Free

    Governo annuncia misure contro rincaro prezzi prima...

    COSTA D'AVORIO – Il governo ivoriano durante l'ultimo Consiglio dei ministri ha affrontato la questione dei recenti aumenti dei prezzi di prima necessità e il conseguente rincaro del costo della vita, al centro da settimane delle preoccupazioni e delle proteste di larghe fette della popolazione. Come spiegato alla stampa nazionale da Amadou Coulibaly, portavoce del governo e ministro delle Comunicazioni, “per fornire risposte immediate alle preoccupazioni delle popolazioni ivoriane riguardo all’alto costo della vita il governo ha adottato una serie di misure. Misure che prevedono lo svolgimento di incontri con i vari settori, al fine di trovare soluzioni per contenere l’aumento dei prezzi, e in particolare regolamentare il prezzo del riso, dell’olio di palma raffinato, delle carni bovine e della farina”. Secondo le anticipazioni del ministro il governo intende inoltre rafforzare la sorveglianza del mercato attraverso il controllo dell’esposizione dei prezzi, istituire comitati locali per combattere l’alto costo della vita e rafforzare la lotta al racket in tutte le sue forme. Nei giorni scorsi si era svolto un incontro tra il ministro del Commercio e dell’Industria, Souleymane Diarrassouba e i coordinatori dell’Iniziativa dei cittadini contro il carovita (Icc), che hanno tenuto una manifestazione mercoledì 21 luglio scorso. I coordinatori hanno confermato che resteranno mobilitati finchè non verranno rese note  le misure concrete attuate o da realizzare e il calendario stabilito dal governo perchè i prezzi scendano.
  • Liberia Free

    Arrestato Direttore generale dell’autorità dei...

    LIBERIA - La Liberia anti-corruption commission ha ordinato oggi l’arresto di Herbert Macaulay, direttore generale della National Transit Authority (Nta). L’arresto avviene il giorno dopo che i lavoratori della Nta, l’autorità dei trasporti del governo di Monrovia, hanno dichiarato uno sciopero ad oltranza pr protestare contro il mancato pagamento degli arretrati di stipendio da parte della stessa Nta. Lo riporta il quotidiano liberiano Front Page. I lavoratori, che da ieri hanno messo in piedi un sit-in di fronte alla sede della società, sostengono che i soldi siano spariti nelle tasche dei dirigenti ed accusano apertamente Macaulay: “Vogliamo un manager non un criminale” scandivano ieri i lavoratori in rivolta. I lavoratori lamentano mesi di stipendi arretrati: nonostante i finanziamenti governativi e gli introiti la Nta sostiene di essere sull’orlo della bancarotta.
  • Liberia Free

    Usaid, 15 Mln per formazione in ambito Sanitario

    LIBERIA - L'Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (Usaid) ha annunciato nuovi finanziamenti per creare centri di ricerca e innovazione in Liberia e Guatemala, un progetto da 30 milioni di dollari nei prossimi cinque anni volto a creare nuove capacità di formazione per affrontare le sfide del sistema sanitario. Lo si apprende da un comunicato Usaid. Nell’ambito del programma Bringing research to impact for development, global engagement, and utilization (Bridge-U), la Yale University, il College of health sciences dell’Università della Liberia e la Vanderbilt university creeranno il Centro per l’insegnamento, l’apprendimento e l’innovazione (Ctli) in Liberia. Questo progetto, da 15 milioni di dollari, è volto alla creazione di un hub pubblico-privato-accademico per l’utilizzo della ricerca nel settore sanitario liberiano. Devastato dalla guerra civile, dall’epidemia di Ebola e ora dal covid, il sistema sanitario della Liberia ha dovuto far fronte a gravi limitazioni delle risorse, carenza di operatori sanitari e altre sfide sistemiche, comprese le lacune nella formazione e nelle pratiche mediche basate sull’evidenza. Attraverso partnership con parti interessate del settore pubblico e privato, Ctli promuoverà la formazioneper il personale sanitario, l’assistenza ai pazienti e la politica sanitaria. Svilupperà inoltre la capacità di ricerca locale e farà progredire la comprensione di come e quando la ricerca può essere efficacemente tradotta in programmi, politiche e pratiche nel settore sanitario.
  • Costa Avorio Free

    Porto Abidjan, secondo terminal pronto nel 2022

    COSTA D'AVORIO - I lavori di costruzione del Côte d’Ivoire Terminal (Cit), il secondo terminal container del porto di Abidjan in Costa d’Avorio, dovrebbero essere completati entro luglio 2022. Ad affermarlo in una dichiarazione alla stampa nazionale Bellerose Pierre, direttore regionale di Bolloré Logistics, durante una visita del ministro dei trasporti ivoriano Amadou Koné. Il terminal ha l’obiettivo di migliorare la competitività del porto di Abidjan e dovrebbe dare vita a 450 posti di lavoro diretti e migliaia di posti di lavoro indiretti. “Nonostante i tanti vincoli legati alla pandemia di covid-19, siamo ancora sulla strada giusta” ha assicurato Pierre Bellerose. “Per rispettare la scadenza di 18 mesi – ha aggiunto – abbiamo aumentato il nostro personale. Abbiamo più di 150 persone che lavorano 24 ore al giorno sul sito e prevediamo di consegnare i lavori entro luglio 2022”.