Tunisia

Pil in crescita del 2% nel 2021

TUNISIA – Il prodotto interno lordo reale della Tunisia dovrebbe crescere del 2% nel 2021 e del 3,9% nel 2022, sempre se la pandemia globale da coronavirus mitigherà i suoi effetti consentendo una ripresa economica globale, in particolar modo in Europa. È quanto emerge dal capitolo dedicato alla Tunisia nell’ultima edizione dell’African Economic Outlook della Banca africana di sviluppo (AdDB).

(214 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Libia Free

    Presto al via lavori i lavori per l'autostrada costiera

    LIBIA - Il gruppo industriale italiano Webuild (ex Salini) comincerà presto i lavori di costruzione dell'autostrada costiera libica tra Ras Agedir e Imsaad, concordata con l’Italia nel 2008: lo ha dichiarato il ministro dei Trasporti Mohamed al-Shhoubi in una nota inviata ieri al Libya Observer. Nel 2013, allora in consorzio, Salini e Impregilo si erano aggiudicate il contratto per i lavori di costruzione della prima sezione dell'autostrada, che percorre 400 chilometri dalla città di Al Marj a Imsaad sul confine egiziano, ma i lavori non sono mai cominciati in attesa di adeguate garanzie di sicurezza per gli appaltatori. Nel comunicato citato da Libya Observer, Al-Shhoubi ha precisato che questa prima fase del progetto sarebbe stata avviata non appena completati l’adeguamento dei prezzi e l’inventario dei terreni.  Al-Shhoubi ha inoltre ricordato che a giugno era stata lanciata la gara per il lotto relativo al tratto di autostrada dal confine tunisino a Ras Agedir e Misurata, lunga 400 chilometri, e che entro la fine del mese di ottobre sarebbe stata resa nota l’azienda italiana che si è aggiudicata l’attuazione di questa fase dei lavori. [TM/MV]
  • MaroccoNigeria Free

    Accordo tra Abuja e Rabat su ricerca biotecnologie

    NIGERIA / MAROCCO - Il governo di Abuja ha firmato nella capitale nigeriana, nella giornata di lunedì, un memorandum d’intesa per la ricerca e lo sviluppo di prodotti e processi biotecnologici, compresa la produzione di biofertilizzanti e biofungicidi con un'azienda marocchina. Lo riporta l’Agence maroccaine de presse. Secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa nazionale nigeriana (Nan) ‘accordo è stato firmato, da parte nigeriana, dal ministero della Scienza, Tecnologia e Innovazione, e, da parte marocchina da Rahad Global Investment Limited, la controllata nigeriana della società marocchina Rvd Equipements Industries. L’accordo copre una serie di sforzi di ricerca e sviluppo in molti prodotti biotecnologici e riguarda prodotti e processi relativi, tra gli altri, al trattamento dell’acqua potabile e delle acque reflue, ai disinfettanti, al trattamento dei gas, alla riduzione dell’anidride solforosa, alla biodegradazione del suolo, alla riduzione dello zolfo batterico e all’uso di cellule staminali per diabetici e malattie legate al cancro. Il ministro nigeriano della Scienza, della tecnologia e dell’innovazione Ogbonnaya Onu ha affermato che “è importante che i due Paesi collaborino nel campo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione perché la Nigeria vuole utilizzare tutto questo per aggiungere valore alle abbondanti risorse naturali del Paese e trasformarle in ricchezza e lavoro per i nigeriani”. Ogbonnaya Onu ha affermato che “l’Africa non ha carenza di minerali e metalli per usi industriali, ma il continente deve schierare la ricerca e l’innovazione come altri paesi sviluppati nel mondo”. Mouad Lahyani, diplomatico marocchino d’ufficio ad Abuja, ha parlato a nome dell’ambasciatore del Marocco in Nigeria Moha Ou Ali Tagma, sottolineando in una dichiarazione diffusa da Map che “la firma di questo memorandum d’intesa segna l’inizio di una lunga e fruttuosa collaborazione e costituisce una nuova tappa nello sviluppo della cooperazione tra i due Paesi”. Il diplomatico marocchino ha anche osservato che “questo tipo di partnership di portata ecologica consentirà uno sviluppo sostenibile in Nigeria sfruttando al contempo il suo potenziale per quanto riguarda l’agricoltura”. Chbihi Drias, il presidente di Rahad Global Investment citato da Nan, ha detto che “l’azienda ha un reale interesse a collaborare e lavorare con la Nigeria per rendere l’accordo un successo”. [ASB]
  • Algeria Free

    Gas, forniture per la Spagna solo attraverso Medgaz

    ALGERIA - Il ministro dell’Energia algerino Mohamed Arkab ha confermato ieri che tutte le consegne di gas alla Spagna avverranno attraverso il gasdotto Medgaz. Lo riporta l’Algerie presse service. “Ci impegniamo a garantire che tutte le consegne avvengano attraverso gli impianti situati in Algeria, attraverso il gasdotto Medgaz e i complessi di conversione del gas” ha dichiarato Arkab al termine di un incontro con la ministra spagnola per la Transizione ecologica e la sfida demografica Teresa Ribera Rodriguez, in visita ad Algeri. Durante l’incontro i due ministri hanno analizzato anche di altri punti relativi alla cooperazione bilaterale in campo energetico, tra cui i progetti di interconnessione elettrica e gas tra i due Paesi, secondo quanto riporta un comunicato del ministero dell’Energia algerino. A tal proposito il ministro Arkab ha annunciato la realizzazione di un progetto di posa di un cavo elettrico sottomarino che collegherà l’Algeria alla Spagna: “Siamo molto interessati a questo progetto e all’uso delle moderne tecnologie in campo energetico con il partner spagnolo”. Con la dichiarazione sulle consegne di gas il ministro algerino, senza mai nominarlo direttamente, ha di fatto annunciato l’abbandono del tratto di gasdotto Maghreb-Europa (Gme) che attraversa il Marocco, rassicurando il partner spagnolo sulla fornitura del gas: “L’Algeria è pronta a discutere con il suo partner spagnolo ulteriori consegne di gas e ad impostare un programma per garantire tali consegne”. [ASB]
  • Egitto Free

    Investimenti pubblici, progetti verdi in crescita

    EGITTO - Il governo del Cairo sta pianificando di aumentare la quantità di progetti verdi nell’ambito del piano di investimenti nazionale dello Stato, rendendoli circa il 50-60% degli investimenti complessivi del Paese entro l’anno fiscale 2024/2025, in aumento rispetto all’attuale 15%. Lo ha dichiarato la ministra della Pianificazione e dello sviluppo economico dell’Egitto Hala El-Said, ripresa dall’Ahram online, in occasione della 12esima edizione del Forum economico arabo-austriaco, organizzato dalla Camera di commercio austro-araba in collaborazione con l’ambasciata egiziana a Vienna. Questi progetti si concentreranno sulla gestione dell’impatto del cambiamento climatico, sulla fornitura di trasporti puliti, sul miglioramento dei sistemi idrici e igienico-sanitari, sulla creazione di impianti di desalinizzazione e sul miglioramento dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili, ha detto El-Said, sottolineando anche che il governo sta lavorando alla stesura di una strategia nazionale per l’idrogeno che promuova l’uso dell’idrogeno verde e blu come fonti di energia pulita. Il governo del Cairo sta inoltre finalizzando la strategia nazionale per il cambiamento climatico. Per quanto riguarda la performance macroeconomica del Paese, il ministro ha osservato che la crescita del Pil reale egiziano dovrebbe salire al 5,2%, dal 3,3% dello scorso anno, nonostante le dure ripercussioni della pandemia. El-Said ha fatto inoltre riferimento al ruolo svolto dal Fondo sovrano d’Egitto nel promuovere la partnership con il settore privato e creare opportunità di investimento in settori in rapida crescita e promettenti, tra cui manifatturiero, sanità, istruzione e turismo, con un’attenzione particolare al digitale, fintech, investimenti immobiliari e infrastrutture. [ASB]
  • Africa OrientaleEgitto Free

    Il Cairo promuove “corridoio” Lago Vittoria...

    EGITTO - Il ministro dei Trasporti egiziano Kamel al-Wazir ha sottolineato, durante un evento pubblico, che “il progetto del corridoio di navigazione tra il Lago Vittoria e il Mar Mediterraneo sarà importante per raggiungere gli obiettivi di sviluppo in Africa” e che il progetto “rappresenta un’arteria di trasporto vitale per lo sviluppo del commercio intraregionale tra i paesi del bacino del Nilo, collegando il nord e il sud del continente”. Le dichiarazioni di Wazir sono giunte durante la sessione di apertura della tavola rotonda dei donatori per il progetto del corridoio di navigazione tra il Lago Vittoria e il Mar Mediterraneo. Wazir ha indicato che gli studi di fattibilità, sono stati completati con una sovvenzione fornita dalla Banca africana di sviluppo, stimata in 650 mila dollari. Questi studi sono stati approvati nell’ottobre del 2018. Wazir ha affermato che il progetto “è stato incluso nell’elenco delle iniziative prioritarie del programma infrastrutturale africano, che si spera troverà sostegno dai partner del Nepad e del Comesa”. [GT]
  • Egitto Free

    Governo stanzia fondi per progetti infrastrutturali

    EGITTO - La ministra della Cooperazione Internazionale dell’Egitto Rania al-Mashat ha reso noto di prevedere la realizzazione di 143 progetti nel campo delle infrastrutture, per un valore complessivo di 18 miliardi di dollari. Questi progetti rappresentano oltre il 70% del portafoglio totale e implementeranno iniziative nei settori delle energie rinnovabili, dell’acqua e dei servizi igienico-sanitari e dei trasporti al fine di migliorare la sostenibilità delle comunità locali. L’annuncio è avvenuto durante la partecipazione di al-Mashat a una tavola rotonda organizzata dalla Federazione delle imprese francesi e dal Consiglio d’affari egiziano-francese, per discutere dei grandi progetti nel campo delle infrastrutture realizzati in Egitto. La tavola rotonda è stata organizzata nell’ambito della visita in Francia del primo ministro Mostafa Madbouly. Al-Mashat ha osservato che il Ministero della Cooperazione internazionale “gestisce il portafoglio di finanziamenti per lo sviluppo dell’Egitto, che ammonta a circa 25 miliardi di dollari, e comprende 377 progetti distribuiti in tutte le aree di sviluppo del Paese. L’Egitto sta continuando ad attuare importanti riforme e progetti nazionali per sviluppare infrastrutture per liberare il potenziale latente dell’economia egiziana, migliorare la sua competitività, creare opportunità di lavoro e fornire un ambiente adatto per la comunità imprenditoriale, gli investitori e gli imprenditori”, ha assicurato. [GT]