Etiopia

Governo punta su infrastrutture digitali

ETIOPIA – Il governo di Addis Abeba è intenzionato a porre solide infrastrutture digitali: a farlo sapere è il sottosegretario alle Finanze, Eyob Tekalign, il quale, come riferisce la stampa locale, ha detto che “l’Etiopia mentre costruisce la sua economia digitale è intenzionata a posare solide infrastrutture digitali”.

(227 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Etiopia Free

    Al via costruzione impianto lavorazione oro

    ETIOPIA - La costruzione dell’impianto di lavorazione dell’oro di Kumruk è stata avviata nello stato regionale di Benishangul Gumuz. Lo riferisce la stampa locale precisando che al lancio del progetto erano presenti Takele Uma, ministro delle Miniere e del Petrolio, e Ashadli Hassen, amministratore capo dello stato regionale di Benishangul Gumuz. Costruito al costo di 355 milioni di dollari, una volta completato, l’impianto lavorerà 7.500 kg d’oro all’anno, secondo il ministero delle Miniere e del Petrolio. Come precisa la stampa locale, l’impianto di lavorazione sarà terminato entro un anno e, quando inizierà la produzione, dovrebbe creare opportunità di lavoro per più di 750 persone. [VGM]
  • Tanzania Free

    Pareri contrastanti dopo decisione della Russia di...

    TANZANIA - Dovrebbe avere un impatto minimo la decisione della Russia di interrompere i voli con la Tanzania dal 15 aprile al 1 giugno 2021, annunciata dal vice Primo ministro russo, Tatiana Golikova, evocando lo stato della pandemia di coronavirus nel paese africano. "Non solo questa sospensione influenzerà gli investitori del settore e il reddito del governo, ma anche l'intera catena del valore", ha affermato il presidente della Zanzibar Association of Tourism Investors (Zati), Seif Miskry. Tuttavia, la decisione della Russia interviene in un momento in cui l’industria del turismo in Tanzania è in bassa stagione, a causa delle piogge. "I turisti inizieranno a fluire a giugno perché gli aerei e gli hotel hanno già ricevuto prenotazioni da giugno a dicembre", ha garantito da parte sua il presidente della Zanzibar Association of Tour Operators (Zato), Hassan Mzee. Secondo la Commissione per il turismo di Zanzibar, la Russia ha dominato il mercato nel 2021, rappresentando il 41,3% dei 101.442 visitatori per i mesi di gennaio e febbraio. Anche se gli arrivi di turisti a Zanzibar sono aumentati del 3,4% nel febbraio 2021 rispetto al mese precedente, la Commissione osserva che il loro numero è diminuito del 16,5% rispetto a febbraio 2020. Il governo russo ha affermato che riesaminerà la sospensione dei voli tra i due paesi se la situazione pandemica in Tanzania si stabilizzerà. [CN]
  • Etiopia Free

    Autorizzata importazione prodotti di base in franco...

    ETIOPIA - Il ministero delle Finanze di Addis Abeba ha autorizzato l'importazione di prodotti alimentari di base in regime di franco valuta al fine di ridurre il gap tra domanda e offerta e contenere l'aumento dell'inflazione.

    A darne notiza è l'agenzia di stampa ufficiale Ena citando una dichiarazione del ministero delle Finanze etiopico, in cui viene precisato che tra i prodotti la cui importazione in regime di franco valuta è stata autorizzata figurano olii alimetari, zucchero, riso, grano e latte.

    L'autorizzazione è valida per i prossimi sei mesi.

    L'importazione in regime di franco valuta ha come scopo quello di diminuire la pressione esercitata sulla bilancia dei pagamenti nazionale dall’esborso di valuta per l’acquisto di merci all’estero. In forza di tale meccanismo all’importatore viene rilasciata una licenza di importazione franco valuta, che gli consente di ricevere e sdoganare la merce senza il pagamento del controvalore di divisa estera. L’importatore, dunque, si impegna a non richiedere né anticipatamente né successivamente assegnazioni di divisa per il regolamento all’estero della merce acquistata. È compito dell’importatore trovare all’estero l’operatore disposto a cedergli contro moneta nazionale le divise necessarie per effettuare il pagamento all’esportatore. Si crea così un canale per il rientro dei capitali esportati clandestinamente, mobilitandoli per il finanziamento delle importazioni. [MV]

  • Kenya Free

    Crea malcontento il progetto di aumentare dazi su...

    KENYA - Quattro produttori di cemento hanno chiesto un incontro urgente con il Tesoro nazionale dopo che la Kenya Association of Manufacturers (Kam) ha proposto di passare dall’attuale 10% al 25% la quota dei dazi da pagare per il clinker importato o anzi di imporre un divieto totale di importazione con l’obiettivo di proteggere i produttori locali e di creare nuovi posti di lavoro. "A nome di Bamburi Cement e dei miei colleghi di Savannah Cement, Ndovu Cement e Rai Cement, stiamo cercando un incontro urgente con il vostro stimato ufficio quanto prima secondo il vostro programma", ha detto il Ceo di Bamburi, Seddiq Hassani, in una lettera al Tesoro, invocando il rischio di concorrenza sleale e di minacce agli investimenti. "La nostra posizione comune è che, sebbene crediamo che a lungo termine questa sia la giusta direzione per salvaguardare la produzione locale, in questo momento siamo contrari a una revisione al rialzo", prosegue Hassani, affermando che alle quattro società dovrebbe essere concesso un periodo di quattro-cinque anni per creare le proprie strutture per la produzione di clinker. Attualmente, in Kenya, solo National Cement e Mombasa Cement producono il proprio clinker. Tutte le altre società importano quel componente base per la produzione del cemento. [CN]
  • Sudan Free

    Darfur, preoccupa la crisi umanitaria

    SUDAN - Preoccupazione a livello internazionale per il flusso di profughi dal Darfur verso il Ciad. L’esodo è iniziato dopo l’esplosione di violenza tra gruppi di etnia masalit e delle tribù arabe che combattono per la terra e le risorse idriche. Gli scontri hanno causato decine di morti. Il portavoce delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) Babar Baloch afferma che la maggior parte dei rifugiati sono donne, bambini e anziani che vivono in villaggi vicino al confine con il Ciad. Dice che hanno attraversato il confine vicino alla città di Adre, nella provincia di Ouaddai. “I rifugiati che arrivano in Ciad – ha detto – raccontano di case e proprietà distrutte, e di siti che ospitano sfollati che sono stati presi di mira. Alcuni dei nuovi arrivati ​​erano già stati sfollati a causa degli scontri precedenti lo scorso anno e anche nel gennaio di quest’anno”. Le agenzie umanitarie delle Nazioni Unite stanno sollecitando il governo sudanese a dispiegare rapidamente le forze di sicurezza per mantenere la pace in Darfur. Balloch ha chiesto che la sicurezza sia ripristinata rapidamente in Darfur, osservando che la provincia di Ouaddai in Ciad ospita già 145.000 rifugiati dal Darfur. L’Unhcr si sta affrettando a ricevere e assistere i rifugiati appena arrivati. [EC]
  • Etiopia Free

    Al via lavori per campus medico ad Addis Abeba

    ETIOPIA - Hanno un valore economico pari a 300 milioni di dollari i lavori per la costruzione di una struttura sanitaria integrata avviati ad Addis Abeba dalla Roha Medical Campus, sussidiaria del gruppo statunitense Roha.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che la struttura prevede la realizzazione di cinque ospedali con oltre 1100 posti letto complessivi per fornire servizi specialistici e chirurgici avanzati, tra cui anche trapianti di organi e trattamenti oncologici.

    Il campus medico dovrebbe fornire cure di alta qualità e convenienti a oltre 100.000 pazienti all'anno, riservando il 10% di posti disponibili al servizio sanitario nazionale in modo da garantire che le strutture siano accessibili al maggior numero possibile di etiopi, indipendentemente dal reddito.

    Il campus medico è la quarta iniziativa portata avanti in Etiopia dal gruppo Roha, il cui portafoglio include inoltre Juniper Glass, uno stabilimento di produzione di bottiglie di vetro da oltre 100 milioni di dollari a Debre Birhan; Ethio Lease, la prima società di leasing di attrezzature private dell'Etiopia; e Raxio Data Center, che sta costruendo il primo data center di livello III in Etiopia, carrier-neutral, nell'ICT Park di Addis Abeba. [MV]