Niger

Impegno di Cbm onlus in Niger, una terra difficile

NIGER – Ferito dalla violenza jihadista, indebolito da una profonda crisi politica, minacciato dai cambiamenti climatici, il Niger sta attraversando una fase delicata della sua storia e la popolazione deve affrontare i problemi della povertà e dell’insicurezza alimentare. Nel Paese opera un’organizzazione umanitaria impegnata nella prevenzione e cura della disabilità e dell’inclusione delle persone più vulnerabili.

“Nonostante i molteplici problemi, guardiamo al futuro con ottimismo, dice Adamou Boureima, Country Director di Cbm Italia Onlus in Niger: “Il 60% della popolazione nigerina è giovane. I giovani con le loro energie e capacità rappresentano una risorsa: sono loro il punto di rottura con il passato. Educazione, formazione, accesso ai servizi, opportunità di lavoro dovrebbero diventare le parole d’ordine se vogliamo che restino qui e non cerchino altrove un futuro”.

Un approccio di speranza caratteristico di Cbm Italia Onlus che opera in Niger dal 2017, prima con un progetto di agricoltura sostenibile e inclusiva, poi con uno di educazione inclusiva. Obiettivo: spezzare il ciclo invisibile che nei Paesi in via di sviluppo lega la povertà alla disabilità.

Cambiamenti climatici e sicurezza alimentare rendono quasi impossibile la vita a coloro che vivono in condizioni di vulnerabilità e povertà. È a loro che Cbm Italia ha rivolto l’attenzione a partire dal 2017 quando, con il sostegno dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, nella Regione di Zinder, la seconda in Niger maggiormente colpita da insicurezza alimentare e malnutrizione, ha avviato il progetto “Coltivare la resilienza: agricoltura sostenibile e inclusiva”.

Con l’obiettivo di rendere indipendenti le persone con disabilità, in particolar modo le donne, che per stigma sociale e scarso accesso ai mezzi di produzione, sono ancora più a rischio di malnutrizione, sono stati avviati percorsi di formazione per far sì che i beneficiari imparassero un lavoro nell’agricoltura o nell’allevamento che permettesse loro di essere autonomi. Formazione, inclusione e migliore qualità della vita hanno guidato in questi anni l’organizzazione.

A oggi sono 130 gli orti realizzati. Oltre 700 le persone che beneficiano dei prodotti di cui 130 beneficiari diretti, uno per ogni orto, e le loro famiglie. Per ogni orto è stato costruito un pozzo per irrigare, 12 quelli comunitari. Il kit donato prevedeva sementi di pomodori, peperoncino verde, cipolle, zucchine, cavoli, lattuga, angurie, peperoni e moringa. Oltre agli orti, le 130 famiglie beneficiarie hanno ricevuto in dotazione anche dei kit caprini al fine di promuovere l’allevamento dei piccoli ruminanti. Grazie al progetto sono stati costruiti 5 centri di trasformazione dei prodotti agricoli all’interno dei quali lavorano 250 donne. 7 i centri realizzati per la vendita di prodotti e sementi.

L’impegno di Cbm in Niger non si ferma a Zinder, ma arriva a Diffa dove l’obiettivo è favorire l’accesso e l’inclusione di bambini e adolescenti nelle strutture educative della Regione e contrastare l’abbandono scolastico. Per questo nel comune di Chétimari l’organizzazione sta promuovendo attività di sensibilizzazione sull’inclusione e lavorando alla riduzione delle barriere architettoniche in 24 classi affinché siano accessibili agli studenti con disabilità.

Il progetto, sostenuto dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, prevede anche la costruzione di 13 nuove classi, di servizi igienici e interventi strutturali per garantire l’accesso all’acqua. Le classi costruite saranno equipaggiate con arredamento e materiali essenziali allo svolgimento delle attività educative.

I progetti in Niger rientrano nella nuova campagna “Break the cycle”, nata con l’obiettivo di contribuire a spezzare il ciclo che lega povertà e disabilità nei Paesi in via di sviluppo. 26 i progetti sostenuti in 12 Paesi di Africa, Asia e America Latina. Progetti di salute, educazione e inclusione sociale, capaci di mettere al centro le persone con disabilità e i loro diritti grazie all’approccio Community Based Inclusive Development (Cbid): uno sviluppo inclusivo su base comunitaria che permette di lavorare insieme alle comunità.

Cbm Italia Onlus è un’organizzazione umanitaria impegnata nella prevenzione e cura della cecità e della disabilità evitabile e nell’inclusione delle persone con disabilità in Africa, Asia, America Latina e in Italia. Cbm Italia fa parte di Cbm (Christian Blind Mission), organizzazione internazionale attiva dal 1908 per includere e contribuire a una migliore qualità della vita delle persone con disabilità che vivono nei Paesi in via di sviluppo. Nel 2019 Cbm Italia ha realizzato 48 progetti in 17 Paesi, raggiungendo circa 1,9 milioni di beneficiari.  Globalmente Cbm ha realizzato 540 progetti in 51 Paesi di tutto il mondo raggiungendo oltre 10,7 milioni di beneficiari.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    Al via programma sostegno a Pmi

    COSTA D'AVORIO - Il primo ministro ivoriano Patrick Achi ha dato il via ieri al Programma economico per l’innovazione e la trasformazione delle imprese (Pepite), considerato uno dei programmi chiave della strategia “Visione 2030” del presidente della Repubblica, Alassane Ouattara, per il rafforzamento delle catene del valore domestiche. Il programma Pepite mira a sostenere l’imprenditorialità e far emergere le piccolissime, piccole o medie imprese ivoriane e startup ad alto potenziale. L’obiettivo principale del programma è consolidare le catene del valore domestiche dei 15 poli strategici individuati nella “Visione 2030”. A tal fine, il sostegno pubblico consisterà nel rafforzare e razionalizzare gli ecosistemi di business dei settori definiti e nel contribuire a rendere le aziende selezionate leader nei loro segmenti di business. Secondo il comunicato ufficiale, Pepite mira, a medio e lungo termine, al progresso economico attraverso il consolidamento delle catene del valore, al rafforzamento della produttività, al progresso sociale, attraverso un migliore accesso a un’occupazione formale di qualità per i giovani, le donne e gli uomini. Così come punta al progresso ambientale, diffondendo norme per la protezione della natura. Mira inoltre a rafforzare il settore privato, al fine di promuovere la crescita di una classe media. Una volta selezionate, le aziende beneficeranno di un sostegno pubblico su misura per accelerare la loro crescita. Potranno così soddisfare le esigenze del mercato interno per poi conquistare i mercati internazionali e rafforzare la posizione competitiva della Costa d’Avorio. [CC]
  • CamerunNigeria Free

    Cooperazione su produzione di banane

    CAMERUN / NIGERIA - I produttori camerunesi e nigeriani di banane e piantaggine hanno deciso di collaborare per incrementare la produzione di queste colture. Come riferisce la stampa locale, l’accordo è stato raggiunto martedì a Yaounde, capitale del Camerun, dopo che i produttori hanno incontrato il ministro dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale del Paese, Gabriel Mbairobe. “Siamo lieti che oggi gli attori del settore delle banane e della piantaggine stiano iniziando a trovare il modo di trasformare il settore”, ha dichiarato Mbairobe ai giornalisti dopo l’incontro. “La Nigeria è una grande economia africana con un’enorme popolazione e il Camerun, un grande Paese agricolo, può nutrire questa popolazione. Rinnoveremo l’economia locale e aumenteremo l’occupazione”, ha dichiarato da parte sua Albert Agha Ngwana, che ha guidato la delegazione nigeriana. La banana è il terzo prodotto d’esportazione del Camerun, dopo il petrolio e il legno, ma il Paese sta lavorando per far sì che diventi il primo prodotto d’esportazione entro il 2025, ha dichiarato Samuel Tony Obam Bikoue, rappresentante di una cooperativa agroforestale locale, che ha accolto la delegazione nigeriana in Camerun. Il Camerun ha esportato 13.203 tonnellate di banane a luglio, con un aumento di circa il 6% rispetto all’anno precedente, secondo le statistiche pubblicate dall’Associazione banane del Camerun. [VGM]
  • Capo Verde Free

    Primo contratto di concessione per la francese Vinci in...

    CAPO VERDE - Il gruppo francese Vinci ha firmato una concessione di 40 anni per gestire sette aeroporti nell'arcipelago di Capo Verde. Il contratto copre quattro aeroporti internazionali (nella capitale Praia, a Sal, a São Vicente e a Boa Vista) e tre aeroporti nazionali (São Nicolau, São Filipe e Maio). Vinci Airports e la sua controllata portoghese ANA (che possiedono rispettivamente il 70% e il 30% delle quote della società concessionaria) saranno responsabili del finanziamento, della gestione, della manutenzione, dell'ampliamento e del potenziamento degli aeroporti fino al 2063. Si tratta del primo contratto di concessione firmato da Vinci Airports in Africa. Gli accordi finanziari per il progetto dovrebbero essere finalizzati entro la metà del 2023, quando la nuova società di concessione inizierà a gestire gli aeroporti. Il piano di Vinci è aiutare a far crescere il turismo nelle isole e inserire l'energia solare ed eolica negli aeroporti. [CN]
  • Ghana Free

    A settembre Conferenza internazionale petrolio ad Accra

    GHANA - Si terrà ad Accra, in Ghana, dal 28 al 30 settembre, la Conferenza internazionale del petrolio del Ghana (GhipCon), presso il Kempinski Hotel Gold Coast City. Come riferisce la stampa locale, l’evento è organizzato dalla National petroleum authority (Npa) in collaborazione con l’African refiners and distributors association (Arda) sotto gli auspici del ministero dell’Energia e della Ghana chamber of bulk oil distributors (Cbod). La conferenza, intitolata “Energy transition in the african petroleum downstream context: prospects, challenges and the way forward” (La transizione energetica nel contesto del downstream petrolifero africano: Prospettive, sfide e prospettive), vedrà riuniti i leader dell’industria dell’Africa occidentale, gli esperti e i responsabili delle decisioni nel settore del downstream petrolifero. [GT]
  • Togo Free

    Fondi da Ifc a società di gas petrolio liquefatto

    TOGO - L’International finance corporation ha fornito a Zener, una società togolese di gas di petrolio liquefatto, un finanziamento di 16,2 milioni di euro per espandere il suo terminal nel porto di Lomé. L’investimento di 16,2 milioni di euro sostenuto da Ifc a beneficio  del settore del gas di petrolio liquefatto in Togo, comprende un prestito di 8,1 milioni di euro di fondi Ifc in conto proprio e un prestito parallelo di 8,1 milioni di euro attraverso la partecipazione di altri partner dell’Istituto finanziario” ha precisato Ifc in una dichiarazione rilasciata negli scorsi giorni.

    Oltre ad espandere il suo terminale gpl, Zener utilizzerà parte dei fondi per aumentare la disponibilità di bombole di gas per ulteriori 3.600 tonnellate in tutto il Paese e dotare cinque future stazioni di servizio di cambio bombole di gpl, di kit solari.

    In definitiva, l’obiettivo del braccio operativo del settore privato della Banca Mondiale è che il Togo riduca l’uso della biomassa (legna da ardere) come fonte di energia e “aumenti l’accesso al gpl come fonte di energia domestica, in risposta alle preoccupazioni sulla protezione dell’ambiente. In Togo, sottolineiamo che oltre il 90% della popolazione utilizza biomasse – carbone e legna da ardere in particolare – per cucinare”. [GT]

  • GabonTogo Free

    Presto abolizione roaming tra Gabon e Togo

    GABON / TOGO - L’abolizione delle tariffe di roaming tra Gabon e Togo sarà presto effettiva: lo ha annunciato l’Authority delle telecomunicazioni togolese. L’attuazione di questo accordo comporterà una drastica riduzione dei prezzi delle comunicazioni mobili (voce, dati e sms) in roaming, favorendo così la mobilità dei cittadini tra i due Paesi, ha affermato la stessa Authority. In concreto, sarà possibile utilizzare una carta sim togolese in Gabon e viceversa senza pagare le tariffe di roaming che rendono estremamente costose queste comunicazioni. La ricezione delle chiamate sarà gratuita e le chiamate effettuate nel Paese visitato saranno addebitate alle tariffe locali. I due operatori nazionali (Togocom e Moov Africa) sono associati a questa operazione. [MS]