Angola

Verso autosufficienza in produzione sale marino

ANGOLA – Un aumento dell’8% rispetto al 2019: questa la crescita registrata per lo scorso anno nella produzione di sale marino dall’Associazione dei produttori e trasportatori di sale dell’Angola (Aprosal) con un totale di almeno 140.000 tonnellate, ossia poco meno dell’obiettivo di 160.000 tonnellate all’anno fissato nel Piano Nazionale di Sviluppo 2018-2022.

(228 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Africa AustraleNamibiaSudafricaZambia Free

    Andersen apre il ‘ponte’ tra Europa e Africa...

    AFRICA - Il 2021 è un anno chiave per le energie rinnovabili in Africa Australe. Quest’anno, per la prima volta dal 2015, il governo del Sudafrica riaprirà una nuova finestra di gare internazionali per l’acquisto di energia da produttori indipendenti, oltre ad aver annunciato una serie di modifiche al quadro normativo di settore che dovrebbero dare al mondo delle rinnovabili (sia la produzione che i servizi) un nuovo impulso destinato a durare per anni. Anche lo Zambia e la Namibia, recentemente, hanno rilanciato il proprio piano di sviluppo di energia da fonti rinnovabili. E’ proprio per questo che lo studio legale Andersen ha deciso di organizzare un webinar  dedicato al mondo delle rinnovabili in Africa Australe. L’incontro che si terrà giovedì 20 maggio dalle 10:00 alle 12:30 prevede gli interventi di istituzioni (aprirà il webinar una tavola rotonda con gli ambasciatori di Namibia, Sudafrica e Zambia in Italia e con gli ambasciatori italiani nei tre paesi dell’Africa Australe) aziende del settore, fondi di investimento. L’incontro è rivolto alle aziende africane ed europee che operano nel settore e agli investitori e prevede la presentazione di progetti concreti e idee strategiche, nonchè opportunità per espandersi ed essere attivi nei mercati dell’area. La conferenza - a cui parteciperanno in qualità di relatori o discussant Enel Green Power, BEI, NeOn Energy L-investment, E4Impact Foundation, Cassa Depositi e Prestiti (CDP),  Empower New Energy, ReSkill Consulting, NatPower, OICE, Talisman Fund,  Moshes Partner Fund Management, Enertronica Santerno - rientra nell’ambito del progetto The Bridge Africa-Europe, il programma che riunisce le professionalità Andersen (saranno coinvolti gli studi di Italia, Sudafrica, Namibia, Zambia e quelli europei) impegnate ad assicurare un servizio omogeneo in tutti i Paesi e una consulenza di prim’ordine per l’avviamento e l’espansione del business nei due continenti. Una mediazione, quella dei professionisti di Andersen, che sarà pratica e visibile nelle sessioni B2B (dal pomeriggio del 20 maggio al 28 maggio) che i vari studi coinvolti metteranno a punto. Questi appuntamenti – organizzati su specifica richiesta dei partecipanti e coordinati dall’organizzazione – daranno la possibilità ai partecipanti di incontrare altre aziende. Se necessario, i professionisti di Andersen sosterranno il dialogo, offrendo la loro esperienza in ambito fiscale e legale. “I professionisti Andersen sia in Africa che in Europa promuovono le relazioni tra le aziende e la cooperazione internazionale, migliorando lo sviluppo del business sostenibile. E i contatti su cui Andersen può far leva con le istituzioni e altri consulenti possono supportare le imprese, implementando strategie trasversali alle organizzazioni per promuovere la crescita e aumentare gli utili” scrivono gli organizzatori della conferenza in una nota. L’incontro è gratuito e per iscriversi basta cliccare sul seguente link: https://www.surveymonkey.com/r/crossingthebridge Qui invece il programma
  • Namibia Free

    Quasi 24.000 turisti da settembre

    NAMIBIA - La Namibia è riuscita ad attirare 23.997 turisti dal lancio dell'Iniziativa di rilancio del turismo internazionale nel paese, avviata il 1° settembre 2020 per sopperire alla battuta d’arresto subita dal settore con la pandemia covid-19. Lo ha dichiarato il vice ministro dell'Ambiente, delle Foreste e del Turismo, Heather Sibungo. "Il turismo è un pilastro socio-economico per la Namibia e quindi sono necessari sforzi collettivi per trovare soluzioni e mappare la via da seguire per salvaguardare il futuro del turismo durante e dopo il covid-19", ha affermato Sibungo, precisando che da settembre la Namibia ha migliorato la capacità in aree pertinenti come i test di laboratorio per il covid-19 ai fini del viaggio, mentre il processo di vaccinazione è stato avviato in tutto il paese. "La task force sul turismo continua a coinvolgere le parti interessate strategiche per interventi rilevanti come e quando richiesto", ha aggiunto il vice ministro. La Namibia ha registrato un calo di circa l'87% degli arrivi di turisti internazionali nel 2020 e una perdita di oltre 1000 posti di lavoro, con alcuni stabilimenti che hanno chiuso definitivamente. [CN]
  • Mozambico Free

    Firmato piano con Portogallo per cooperazione in...

    MOZAMBICO - I governi di Lisbona e Maputo hanno firmato il programma quadro per la cooperazione in materia di difesa fino al 2026 in un incontro bilaterale svoltosi lo scorso lunedì tra i ministri della Difesa nazionale di Portogallo e Mozambico. I due ministri "hanno riconosciuto l'importanza di questo strumento di cooperazione, che ha rinnovato il quadro politico-strategico delle relazioni bilaterali tra il Portogallo e il Mozambico, mantenendo ambiti più tradizionali, ma aprendo anche nuove strade per il lavoro congiunto che coinvolge il settore della Difesa", si legge in una dichiarazione trasmessa al termine della cerimonia. L'incontro si è svolto presso il Forte São Julião da Barra, in Portogallo, con il ministro della Difesa Nazionale portoghese, João Gomes Cravinho, alla guida della delegazione del Portogallo, mentre il ministro della Difesa Nazionale mozambicano, Jaime Bessa Augusto Neto, ha guidato la delegazione venuta dal Mozambico. Lunedì prossimo inizierà anche l'addestramento e il potenziamento delle capacità delle forze armate di difesa del Mozambico da parte di esperti militari portoghesi. [CN]
  • Botswana Free

    Confermata partecipazione a Expo 2020 Dubai

    BOTSWANA - Il Botswana parteciperà all'Expo 2020 Dubai che si terrà dal 1 ° ottobre 2021 al 31 marzo 2022 negli Emirati Arabi Uniti e avrà come tema per questa edizione "Connecting Minds, Creating the Future".

    A confermare la partecipazione del Botswana a Expo 2020 Dubai è stato Kutlo Moagi, direttore degli Affari aziendali presso il Botswana Investment Trade Center (BITC), aggiungendo che il Paese utilizzerà l'expo come piattaforma per attrarre investimenti diretti esteri e opportunità per dialogare con gli altri Paesi sui temi alla creatività, l'innovazione, l'umanità e le culture del mondo.

    Moagi ha osservato che la partecipazione del Botswana sarà ancorata a un approccio multidimensionale, coinvolgendo le diverse parti del tessuto produttivo nazionale interessate. [MV]

  • Angola Free

    Diminuite esportazioni di petrolio nel primo trimestre...

    ANGOLA - Un calo del volume esportato di petrolio e gas del 17,42% per i primi tre mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2020: questo il risultato delle esportazioni dell’Angola  rese pubbliche in questi giorni e secondo le quali il paese ha esportato 97,8 milioni di barili di petrolio greggio, nel primo trimestre 2021, e ha raccolto 6,03 miliardi di dollari. "Nel periodo in esame, i prezzi sono stati influenzati dall'emergere di nuove varianti di covid-19, preoccupazioni per la domanda di petrolio e greggio e la diffusione della pandemia di covid-19 in Europa e in Asia", ha giustificato il direttore dell'Ufficio studi, pianificazione e statistica del ministero delle Risorse minerarie, Petrolio e Gas, Alexandre Garreto, nel presentare i risultati, affermando che le esportazioni nel primo trimestre dell’anno corrispondono a circa 1,87 milioni di barili al giorno. Nei primi mesi dell’anno, il prezzo del greggio angolano ha raggiunto una media trimestrale di 61,68 dollari al barile. Del volume totale esportato, il 25,89% proviene dalla National Oil, Gas and Biofuels Agency, un concessionario angolano, e il 18,20% dalla statale Sonangol. Per quanto riguarda le società internazionali che hanno operato in Angola, spiccano Total (11,81%), Esso (9,71%), Bp (8,66%), Ssi (7,65%) e Chevron (6), 74%). Nel primo trimestre 2021, la Cina è stata la principale destinazione del petrolio angolano, assorbendo il 70,14% delle esportazioni totali, seguita dall'India con l'8,61% e Singapore con il 4,85%. In Europa, la Francia, con l'1,01%, e l'Italia, con lo 0,97%, spiccano come principali destinatari del greggio angolano. [CN]
  • Botswana Free

    Allo studio mega progetti di energia pulita

    BOTSWANA - Promuovere la produzione di energia solare e di idrogeno attraverso le dieci licenze di prospezione in possesso di Tlou Energy che coprono un’area di quasi 10.000 metri quadrati in Botswana: questo l’obiettivo del leader del metano da carbone (Cbm) per garantire un futuro energetico più pulito per il paese e la regione australe del continente. "L'idrogeno, quando viene bruciato in un veicolo, produce zero emissioni di gas serra e consentirà al paese di essere un pioniere regionale in questa forma rivoluzionaria di trasporto di energia pulita", ha detto l’amministratore delegato di Tlou Energy, Tony Gilby, spiegando che la compagnia sta sperimentando lo sviluppo dell'idrogeno come combustibile presso il sito della centrale elettrica di Lesedi, situata vicino a Lephephe, nel distretto centro-orientale di Kweneng , e destinata, secondo i progetti di Tlou Energy, a diventare un hub regionale di produzione e distribuzione di idrogeno a partire da energia solare e acqua.  A Lesedi, Tlou Energy sta anche portando avanti un progetto solare che consentirà alla compagnia di alimentare inizialmente i suoi pozzi e le operazioni sul campo per ridurre la sua dipendenza eccessiva dal diesel ad alta produzione di carbonio per soddisfare i propri 90 MW di elettricità, e successivamente di fornire energia alla rete nazionale. Anche il biodiesel carbon neutral è in fase di studio nel sito di Tlou per compensare la sua dipendenza dagli idrocarburi importati e contribuire ad aumentare le opportunità di lavoro nella regione.  Tlou Energy ha ancora bisogno di raccogliere ulteriori capitali per espandere e sviluppare il progetto di Lesedi e sta finalizzando accordi sia con la Botswana Power Corporation sia con finanziatori. [CN]