Africa

Guida Fao-Ua per prodotti agricoli con area di libero scambio

AFRICA – L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) e il Dipartimento per l’agricoltura, lo sviluppo rurale, l’economia blu e lo sviluppo sostenibile della Commissione dell’Unione africana hanno lanciato una guida per promuovere il commercio intra-africano di prodotti agricoli nell’ambito del nuovo accordo dell’Africa continentale di libero scambio (AfCFTA).

(173 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Finanziamento economie africane, domani vertice a...

    AFRICA - Si terrà domani, martedì 18 maggio, l’annunciato mini vertice sul finanziamento delle economie africane promosso dal presidente francese Emmanuel Macron che riceverà una quindicina di leader africani, diversi leader europei e una dozzina di capi di organizzazioni internazionali. L’obiettivo dell’incontro è cercare nuove fonti di finanziamento per l’Africa sub-sahariana duramente colpita dalle conseguenze della crisi del covid-19, ma anche dal peso del debito. I temi che verranno affrontati riguardano i finanziamenti esterni, i potenziamento dell’attrattività delle economie africane, il rafforzamento del settore privato e il finanziamento di grandi progetti. [VGM]
  • AfricaNigeria Free

    Rimesse (2), flussi in positivo esclusa eccezione...

    AFRICA - La lettura sui dati della Banca Mondiale relativa al trasferimento di rimesse verso l’Africa deve tener conto della significativa eccezione nigeriana: se infatti il dato generale sull’Africa subsahariana parla di un calo delle rimesse del 12,5% per il 2020, escludendo i flussi verso la Nigeria il dato medio diventa positivo (+2,3%). Di fatto, la Nigeria ha registrato da sola un calo delle rimesse del 28% che falsa un quadro tutto sommato resiliente secondo la Banca Mondiale. La crescita delle rimesse è stata tra gli altri Paesi positiva in Zambia (37%), Mozambico (16%), Kenya (9%) e Ghana (5%). Nel 2021, si prevede che i flussi di rimesse nella regione aumenteranno del 2,6%, supportati da migliori prospettive di crescita nei paesi ad alto reddito. L’Africa subsahariana rimane invece la regione più costosa in cui inviare denaro: l’invio di 200 dollari è costato in media l’8,2% nel quarto trimestre del 2020. [MS]
  • Africa Free

    Rimesse, flussi resilienti nonostante il covid secondo...

    Nonostante il covid-19, i flussi delle rimesse dei migranti sono rimasti resilienti nel 2020, facendo registrare un calo inferiore a quanto previsto: lo riferisce Banca Mondiale presentando un rapporto aggiornato secondo cui nel 2020 le rimesse dirette a Paesi a basso e medio reddito hanno ammontato a 540 miliardi di dollari nel 2020, ovvero l’1,6% in meno rispetto all’anno precedente. Le stime che erano state fatte avevano fatto temere un calo più drastico vicino al 4,8% che fu registrato nel 2009 quando a pesare era stata la crisi finanziaria globale. Il calo delle rimesse, si legge in una nota di Banca Mondiale, è stato di gran lunga meno significativo di quello registrato dagli investimenti diretti esteri (Ide) diminuiti del 30% nel 2020 e hanno contato di più rispetto alla somma di questi ultimi (pari a 259 miliardi di dollari) e degli aiuti allo sviluppo (179 miliardi di dollari). In altre parole, il circuito delle rimesse non è mai fermato nonostante la pandemia e i riflessi di quest’ultima sull’economia globale. “Le rimesse continuano a fornire un’ancora di salvezza fondamentale per i poveri e i vulnerabili”, ha affermato Michal Rutkowski, direttore globale della Protezione sociale e delle pratiche globali di lavoro presso la Banca Mondiale. Gli afflussi di rimesse sono aumentati in America Latina e Caraibi (6,5%), Asia meridionale (5,2%) e Medio Oriente e Nord Africa (2,3%). Al contrario, i flussi sono diminuiti per l’Asia orientale e il Pacifico (7,9%), per l’Europa e l’Asia centrale (9,7%) e per l’Africa subsahariana (12,5%). Quest’ultima avrebbe quindi fatto registrare il risultato peggiore. In realtà il calo dei flussi verso l’Africa subsahariana è stato quasi interamente dovuto a un calo del 28% nei flussi di rimesse verso la Nigeria. Escludendo i flussi verso la Nigeria, le rimesse dirette all’Africa subsahariana sono aumentate del 2,3%, dimostrando nel complesso resilienza. Secondo Banca Mondiale, la performance relativamente forte dei flussi di rimesse durante la crisi pandemica ha anche evidenziato l’importanza della tempestiva disponibilità dei dati: “Data la sua crescente importanza come fonte di finanziamento esterno per i Paesi a basso e medio reddito, è necessaria una migliore raccolta di dati sulle rimesse, in termini di frequenza, rendicontazione tempestiva e provenienza per corridoio e canale”. Con la crescita globale che dovrebbe riprendersi nel 2021 e nel 2022, si prevede che le rimesse aumenteranno del 2,6% fino a 553 miliardi di dollari nel 2021 e del 2,2% fino a 565 miliardi nel 2022. Resta la nota dolente delle commissioni che gravano sui trasferimenti di denaro e che vedono generalmente l’Africa fanalino di coda. Il costo medio globale per l’invio di 200 dollari è rimasto elevato al 6,5% nel quarto trimestre del 2020, più del doppio dell’obiettivo di sviluppo sostenibile del 3%. I costi medi delle rimesse sono stati i più bassi in Asia meridionale (4,9%), mentre l’Africa subsahariana ha continuato ad avere il costo medio più alto (8,2%). Supportare l’infrastruttura delle rimesse e mantenere il flusso delle rimesse, sottolinea Banca Mondiale, include gli sforzi per ridurre le commissioni. [MS]
  • Africa Free

    Asse Africa-Ue passa dal ritorno dell’industria, un...

    AFRICA - Nuovi vertici Africa-Francia e Africa-Ue si terranno nel 2021, ma le proposte generalmente presentate in occasione di questi appuntamenti si rivelano inadatte alle sfide del continente, persino controproducenti: lo ha detto Francis Journot, consulente e imprenditore, a capo del piano di regionalizzazione della produzione Europa Africa / Africa Atlantic Axis, in una riflessione pubblicata su La Tribune Afrique. Secondo Journot, una soluzione possibile potrebbe provenire dallo spostamento in Africa e nell’Unione Europea di una parte dei beni e prodotti finora fabbricati in Cina. In un momento in cui la lotta alla povertà estrema sta conoscendo una battuta d’arresto, con oltre 250 milioni di abitanti che soffrono di malnutrizione in un’Africa quasi priva di industria e che emette pochissime emissioni inquinanti, “le raccomandazioni francesi, europee o internazionali appaiono inadatte: la trasformazione digitale e la transizione verde, poste in cima delle priorità, vanno certamente incluse, ma non sono soluzioni a sé stanti. Si teme che questa focalizzazione sulla superficie impedisca un rapido sviluppo in Africa e non consenta una riduzione effettiva della povertà”, ritiene l’analista francese, che è anche membro dell’associazione “Ridateci la nostra industria”. Secondo Journot, è necessario concentrarsi sulla creazione di industrie, di aziende locali, di infrastrutture, per generare nell’Africa sub-sahariana decine di milioni di posti di lavoro più remunerativi di quelli del settore informale, attraverso un’integrazione industriale concertata per preservare al meglio l’ambiente. “Molti Paesi in tutto il mondo devono ora capire che la Cina non sarà il loro motore di crescita” sostiene Journot, convinto che nella maggior parte dei Paesi sviluppati, i consumi interni e i piani di ripresa attuati durante la pandemia di covid-19 non permetteranno di aumentare in modo sostenibile la crescita stata ridotta al ritmo dalla deindustrializzazione e dal ricollocamento all’estero. “Certamente, alcune aziende occidentali che producono prodotti ad alto valore aggiunto (auto tedesche o beni di lusso francesi) stanno andando bene, ma la Cina produce la maggior parte dei propri beni di consumo e non sarà il motore di crescita che gli occidentali aspettavano invano. Inoltre, dati i loro costi salariali non competitivi nella globalizzazione, i Paesi occidentali non assisteranno a una massiccia reindustrializzazione e i lavori andati in Cina raramente torneranno a casa”. Journot ipotizza un piano di regionalizzazione della produzione che leghi l’Africa e l’Europa, concreto e strutturante, ma che tenga anche conto dei nuovi parametri geoeconomici e geopolitici regionali, con un coinvolgimento finanziario dei Paesi interessati. Onde evitare danni ambientali irreversibili sarebbe opportuno evitare la costruzione disordinata di una moltitudine di zone industriali prive di coerenza complessiva. Africa Atlantic Axis promosso da Journot è un programma per lo sviluppo dell’industria africana d Paesi situati sulla costa atlantica o con accesso ravvicinato ai porti, come la Repubblica Democratica del Congo, anche se situati più all’interno. Una posizione geografica che faciliterebbe il commercio con i mercati di consumo dell’Unione Europea e degli Stati Uniti. [CC]
  • Africa Free

    Rinviato ad ottobre vertice Francia-Africa di...

    AFRICA - Rinviato a ottobre il vertice di Montpellier tra Francia e Paesi dell'Africa: l'Eliseo ha infatti deciso di posticipare l'evento in programma dall'8 al 10 luglio. Secondo le notizie di stampa, il vertice si terrà dal 7 al 9 ottobre "a causa - ha spiegato l'Eliseo - di vincoli sanitari troppo pesanti" . Gli organizzatori temono che le varie misure sanitarie che saranno ancora in vigore il prossimo luglio interromperanno il regolare svolgimento della manifestazione e complicheranno l'arrivo dei 1.000 partecipanti attesi da tutto il continente, in rappresentanza di diversi settori quali imprenditoria, cultura, sport, istruzione. [GT]
  • Africa Free

    Fondi britannici per contrastare criminalità...

    AFRICA - Il governo britannico ha annunciato uno stanziamento di tre milioni di sterline per aiutare l'Interpol a creare una nuova squadra specificatamente dedicata al contrasto della criminalità informatica in Africa. 

    A dirlo è stato il Segretario di Stato per gli affari esteri Dominic Raab, precisando che le attività della nuova squadra dell'Interpol si concentreranno in particolare su Etiopia, Ghana, Kenya, Nigeria e Rwanda, lavorando all'elaborazione di una strategia regionale per supportare operazioni congiunte contro la criminalità informatica e rafforzare la capacità degli stati africani di combattere tali attività.

    Raab ha inoltre dichiarato che la Gran Bretagna intende mettere a disposizione ulteriori fondi per circa 22 milioni di sterline in nuovi investimenti per supportare il rafforzamento delle capacità nella sicurezza informatica.

    “Il nostro obiettivo è quello di creare un cyberspazio libero, aperto, pacifico e sicuro, a vantaggio di tutti i paesi e di tutte le persone -ha detto Raab - Vogliamo vedere il diritto internazionale rispettato nel cyberspazio, proprio come in qualsiasi altro luogo. E dobbiamo mostrare come le regole si applicano a questi cambiamenti nella tecnologia, i cambiamenti nelle minacce e i tentativi sistemici di rendere Internet uno spazio senza legge". [MV]