Africa AustraleNamibiaSudafricaZambia

Andersen apre il ‘ponte’ tra Europa e Africa Australe con un webinar sulle Rinnovabili  

AFRICA – Il 2021 è un anno chiave per le energie rinnovabili in Africa Australe. Quest’anno, per la prima volta dal 2015, il governo del Sudafrica riaprirà una nuova finestra di gare internazionali per l’acquisto di energia da produttori indipendenti, oltre ad aver annunciato una serie di modifiche al quadro normativo di settore che dovrebbero dare al mondo delle rinnovabili (sia la produzione che i servizi) un nuovo impulso destinato a durare per anni. Anche lo Zambia e la Namibia, recentemente, hanno rilanciato il proprio piano di sviluppo di energia da fonti rinnovabili.

E’ proprio per questo che lo studio legale Andersen ha deciso di organizzare un webinar  dedicato al mondo delle rinnovabili in Africa Australe. L’incontro che si terrà giovedì 20 maggio dalle 10:00 alle 12:30 prevede gli interventi di istituzioni (aprirà il webinar una tavola rotonda con gli ambasciatori di Namibia, Sudafrica e Zambia in Italia e con gli ambasciatori italiani nei tre paesi dell’Africa Australe) aziende del settore, fondi di investimento.

L’incontro è rivolto alle aziende africane ed europee che operano nel settore e agli investitori e prevede la presentazione di progetti concreti e idee strategiche, nonchè opportunità per espandersi ed essere attivi nei mercati dell’area. La conferenza – a cui parteciperanno in qualità di relatori o discussant Enel Green Power, BEI, NeOn Energy L-investment, E4Impact Foundation, Cassa Depositi e Prestiti (CDP),  Empower New Energy, ReSkill Consulting, NatPower, OICE, Talisman Fund,  Moshes Partner Fund Management, Enertronica Santerno – rientra nell’ambito del progetto The Bridge Africa-Europe, il programma che riunisce le professionalità Andersen (saranno coinvolti gli studi di Italia, Sudafrica, Namibia, Zambia e quelli europei) impegnate ad assicurare un servizio omogeneo in tutti i Paesi e una consulenza di prim’ordine per l’avviamento e l’espansione del business nei due continenti.

Una mediazione, quella dei professionisti di Andersen, che sarà pratica e visibile nelle sessioni B2B (dal pomeriggio del 20 maggio al 28 maggio) che i vari studi coinvolti metteranno a punto. Questi appuntamenti – organizzati su specifica richiesta dei partecipanti e coordinati dall’organizzazione – daranno la possibilità ai partecipanti di incontrare altre aziende. Se necessario, i professionisti di Andersen sosterranno il dialogo, offrendo la loro esperienza in ambito fiscale e legale.

“I professionisti Andersen sia in Africa che in Europa promuovono le relazioni tra le aziende e la cooperazione internazionale, migliorando lo sviluppo del business sostenibile. E i contatti su cui Andersen può far leva con le istituzioni e altri consulenti possono supportare le imprese, implementando strategie trasversali alle organizzazioni per promuovere la crescita e aumentare gli utili” scrivono gli organizzatori della conferenza in una nota.

L’incontro è gratuito e per iscriversi basta cliccare sul seguente link: https://www.surveymonkey.com/r/crossingthebridge

Qui invece il programma

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    La mobilità al cuore dei piani del governo del Gauteng

    SUDAFRICA - Fare del Gauteng un hub di trasporto merci e logistica: questo l’obiettivo del programma “Growing Gauteng Together Through Smart Mobility:2030” del governo di questa provincia nord-orientale del Sudafrica, che si è impegnato a ristrutturare o costruire a breve termine 18 arterie stradali identificate come leva per sostenere i piani per lo sviluppo della zona economica speciale (Sez). Lo ha riferito qualche giorno fa il rappresentante del Consiglio esecutivo dei Trasporti, Jacob Mamabolo, affermando che l'infrastruttura stradale è al centro delle Sez. “Sveleremo formalmente questo programma e ne dimostreremo i risultati a luglio", ha affermato Mamabolo, precisando che il dipartimento dei Trasporti del Gauteng sta lavorando con 12 sviluppatori privati per supportare i progetti previsti. A tal fine, il dipartimento ha creato la Transport Infrastructure House come unica entità di riferimento per fornitori di servizi, parti interessate e amministrazione nella gestione dei progetti. Inoltre, il dipartimento sta costruendo strade per supportare il programma Aerotropolis della Airports Company South Africa, nonché finalizzando il processo di appalto per la nomina di un appaltatore per i lavori sulla strada William Nicol e il miglioramento della mobilità intelligente lungo l'area di Diepsloot e Steyn City. L'appaltatore entrerà in cantiere a metà luglio. Come parte della sua strategia di mobilità, il Gauteng ha nominato un consiglio per l'Autorità dei trasporti di Gauteng per guidare la pianificazione dei trasporti integrata in collaborazione con i comuni, e prevede anche di estendere presto il sistema ferroviario Gautrain per i pendolari delle periferie. Il dipartimento dei Trasporti sta peraltro costruendo un data center per la mobilità intelligente, che fornirà un sistema di biglietteria elettronica per pendolari che integrerà tutte le modalità di trasporto pubblico. [CN]
  • Zambia Free

    Spinta dal governo per lo sviluppo di zone economiche...

    ZAMBIA - Il governo rimane impegnato nell'industrializzazione del paese attraverso lo sviluppo di zone economiche multisettoriali (Mfez). Lo ha affermato la vicepresidente dello Zambia, Inonge Wina, all’esito di una visita nella zona economica di Jiangxi, nel distretto di Chibombo, precisando che il sito svolgerà un ruolo fondamentale nell'attuazione del programma di industrializzazione nazionale. “La zona economica di Jiangxi promuoverà tra le altre industrie impianti di produzione, industrie di trasformazione agricola e attività di ricerca scientifica”, ha dichiarato la Wina, osservando che una volta pienamente operativa, il sito potrà stimolare “la creazione di oltre 20.000 posti di lavoro come effetto di ricaduta su altri settori economici”. Secondo i dirigenti della Mfez di Jiangxi, finora sono stati investiti 40 milioni di dollari nello sviluppo delle infrastrutture locali, mentre verranno spesi ulteriori 60 milioni di dollari tra il 2021 e il 2023 e saranno creati 1800 posti di lavoro presso la struttura. Inoltre, sono in corso piani per costruire una centrale elettrica da 20 megawatt per mitigare le sfide di un'alimentazione irregolare. La Mfez di Jiangxi ha finora firmato sei accordi con investitori stranieri per creare, tra le altre, industrie agroalimentari, siderurgiche ed elettriche. [CN]
  • Mozambico Free

    Avviati i voli tra Parigi e Maputo

    MOZAMBICO - Maputo è stata inserita tra le destinazioni di Air France. La nuova rotta, che costituisce un'estensione del volo tra Johannesburg e Parigi, è stata avviata domenica dalla compagnia francese, che giustifica l'operazione sulla base del turismo e degli affari legati alle riserve naturali di energia in Mozambico. “Il Mozambico è emerso come un'importante destinazione commerciale grazie alle sue ricche riserve naturali di energia”, aveva dichiarato a metà aprile il direttore generale di Air France-Klm per l'Africa meridionale, Wouter Vermeulen, quando la compagnia aerea aveva annunciato per la prima volta il collegamento per Maputo. La compagnia aerea afferma anche che il turismo “è una risorsa importante in Mozambico di cui Air France dovrebbe trarre vantaggio”. La compagnia petrolifera francese Total è operativa nel progetto di gas naturale liquefatto nel nord del Mozambico, attualmente sospeso per un recente deterioramento delle condizioni di sicurezza nella regione.  I voli partiranno dall'aeroporto parigino Charles de Gaulle la domenica e il giovedì, con ritorno il lunedì e il venerdì. [CN]
  • Angola Free

    Avanti con la privatizzazione nella Zee di Luanda-Bengo

    ANGOLA - È iniziata la terza fase della privatizzazione delle unità industriali situate nella Zona Economica Speciale di Luanda-Bengo (Zee) nell’ambito del Programma governativo di privatizzazione (ProPriv). Lo ha annunciato il presidente del consiglio di amministrazione dell’Istituto per la gestione dei beni e delle partecipazioni dello Stato (Igape), Patricio Vilar, riferendo di una recente ordinanza del presidente dell’Angola, Joao Lourenço, che autorizza mediante gara pubblica la privatizzazione di 16 unità industriali presenti nella Zee. Sono incluse nell’ordinanza presidenziale le aziende AngolaCabos (cavi di fibra ottica), Angtor (rubinetteria), Infer (serrature e cilindri), Indugalv (cromatura, nichelature e zincatura), Bombagua (pompe per l’irrigazione), Induplastic (prodotti plastici), Indumassas (pasta alimentare), Ninhoflex (materassi), Indupame (navi industriali in struttura metallica), Btmt (quadri elettrici), Betonar (prefabbricati), Inducabos (cavi elettrici), Mateeletrica (quadri elettrici), Indulouças (servizi igienici), Indutubos (tubi ed accessori) e Fundinar (metalli). Nell’ambito di un altro decreto presidenziale approvato dal governo, è stata autorizzata l'apertura di una gara pubblica per la gestione privata di beni ora detenuti dallo Stato al 90% del capitale, tra cui la rete di ipermercati e supermercati Kero. Il programma ProPriv del governo prevede la privatizzazione di oltre 190 aziende e beni dello Stato entro il 2022 nei settori bancari, alberghiero e turistico, finanza, assicurazioni, agricoltura, telecomunicazioni, industria, petrolio, tra gli altri. [CN]
  • Namibia Free

    Cercanosi sviluppatori per un impianto solare...

    NAMIBIA - La Namibia sta cercando sviluppatori per costruire un impianto di energia solare da 25 megawatt per fornire energia alla sua capitale, Windhoek, e aiutare a contrastare la carenza di elettricità. Il partenariato pubblico-privato (Ppp) includerà la costruzione, il finanziamento e il funzionamento della struttura, ha affermato l’amministrazione della città in un avviso pubblicato sui giornali locali. Il progetto ha un valore stimato di 29 milioni di dollari. Entro il 2030, la Namibia punta ad aumentare fino al 70% la quota delle fonti rinnovabili nella sua capacità elettrica installata. [CN]
  • Zimbabwe Free

    In crescita vendite di tabacco sui mercati...

    ZIMBABWE - Sembra essere una stagione record quella di quest’anno per i produttori di tabacco dello Zimbabwe.

    Lo riferisce il quotidiano governativo Herald, sottolineando come i coltivatori di tabacco hanno finora venduto oltre 150 milioni di kg di foglie per un valore di circa 415 milioni di dollari, a soli due mesi dal l'inizio della stagione di commercializzazione del tabacco.

    Il dato rappresenta già un aumento del 40% del volume di tabacco venduto rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

    Finora un totale di 136.218 balle di tabacco sono state vendute tramite le aste, mentre 1.880.326 balle sono state vendute tramite contratti, secondo quanto riportato dall’Herald.

    La stagione della commercializzazione del tabacco inizia normalmente a marzo e termina ad agosto.

    Secondo le stime, in questa stagione verranno venduti circa 200 milioni di kg di tabacco.

    Il tabacco è il secondo fornitore di valuta estera dello Zimbabwe dopo l'oro, con Cina e Sud Africa che sono i principali acquirenti della foglia.

    Il raccolto viene principalmente prodotto attraverso il sistema contrattuale in cui gli acquirenti forniscono agli agricoltori gli input per la coltivazione del tabacco, riducendo così il capitale necessario per gestire un'attività di coltivazione del tabacco.