Kenya

Maire Tecnimont al lavoro su impianto fertilizzanti alimentato da energie rinnovabili in Kenya

KENYA – Il gruppo italiano Maire Tecnimont ha reso noto di aver avviato, attraverso le sue controllate MET Development, Stamicarbon e NextChem, i lavori per un impianto di fertilizzanti alimentato da energia rinnovabile in Kenya.

Secondo quel che è stato comunicato da Maire Tecnimont, MET Development ha firmato un accordo con Oserian Development Company per lo sviluppo dell’impianto presso il parco industriale di Oserian Two Lakes, sulle sponde meridionali del Lago Naivasha, 100 chilometri a nord di Nairobi.

L’impianto di fertilizzanti da energia rinnovabile supporterà la crescita inclusiva e a bassa impronta carbonica del Kenya, la produzione agricola, i piccoli coltivatori nonché le comunità locali. In primo luogo, l’impianto sorgerà vicino al più grande complesso di energia geotermica del Paese e sarà in parte alimentato da energia solare prodotta in loco, in sostituzione dei combustibili fossili, eliminando l’impronta carbonica dalla fase di produzione. 

L’impianto ridurrà l’emissione carbonica di circa 100.000 tonnellate di CO2 all’anno rispetto ad un impianto di fertilizzanti alimentato a gas. In secondo luogo, il progetto ridurrà la dipendenza dei fertilizzanti azotati importati per circa il 25%, di cui il totale rappresenta più o meno 800mila tonnellate all’anno. Da ultimo, il progetto renderà il costo dei fertilizzanti più competitivo e garantirà l’approvvigionamento degli stessi al momento opportuno per il loro utilizzo.

La tecnologia per l’impianto sarà fornita da Stamicarbon, società di innovazione e licenze del Gruppo Maire Tecnimont nonché leader mondiale nella progettazione di impianti di fertilizzanti, che fornirà la sua tecnologia Stami Green Ammonia per la produzione di ammoniaca nonché la tecnologia Nitric Acid come soluzione tecnologica integrata per la produzione di fertilizzanti a base di nitrato. La configurazione tecnologica, caratterizzata da un approccio modulare, ideale quindi per impianti di piccola scala, sarà la prima nel suo genere sebbene basata su una tecnologia collaudata.

Il progetto dell’impianto di fertilizzanti alimentato da fonti rinnovabili punta a produrre 550 tonnellate al giorno di nitrato di ammonio di calcio (CAN) e/o fertilizzanti NPK (fertilizzanti a base di azoto, fosforo e potassio) e sarà il primo impianto all’avanguardia, su scala commerciale, di fertilizzanti a base di nitrato da fonti rinnovabili. MET Development è attualmente impegnata con partner locali e internazionali per costituire un consorzio di sviluppo del progetto.

I lavori preliminari di ingegneria sono stati avviati e NextChem punta ad iniziare il Front-End Engineering Design (FEED) entro la fine del 2021. L’obiettivo è avviare la produzione dell’impianto di fertilizzanti da fonti rinnovabili nel 2025, e la stessa sarà destinata all’industria agricola keniota. I fertilizzanti sono prodotti principalmente da CAN e avranno la versatilità di produrre anche fertilizzanti NPK per soddisfare la domanda dei requisiti agricoli locali.

Il progetto utilizzerà circa 70 MW di energia rinnovabile, costituirà il punto di partenza per i fertilizzanti kenioti prodotti localmente e si prevede generi oltre cento posti di lavoro nell’area, sostenendo allo stesso tempo l’economia in generale e gli agricoltori. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • EtiopiaGibuti Free

    Accordo per esportare pesce in Etiopia

    GIBUTI - Djibah Seafoods Company, impianto di Gibuti specializzato nella lavorazione e nel confezionamento di prodotti ittici, e Belayab Foods & Lewis Retails hanno firmato ad Addis Abeba, in Etiopia, un memorandum d’intesa che prevede l’esportazione di prodotti ittici da Gibuti verso il mercato etiope. Il memorandum è stato siglato dall’amministratore delegato di Djbah, Eleyeh Issa Goudi, e da quello di Belayab Foods and Lewis Retails, Admasu Yitagesu. La cerimonia di firma – di cui danno notizia i media gibutini – si è svolta presso l’Ambasciata di Gibuti ad Addis Abeba, alla presenza di un rappresentante della compagnia aerea nazionale Air Djibouti, che trasporterà le merci per via aerea in Etiopia. Inaugurata nel 2019 dal Presidente Ismail Omar Guelleh, Djibah seafoods esporta già i suoi prodotti in Europa, Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita ed Estremo Oriente. Il protocollo d’intesa firmato con Lewis Retails è in linea con una visione strategica che ha l’ambizione di aumentare non solo il volume delle esportazioni dell’azienda, ma anche di sviluppare il marchio “Made in Djibouti”. Secondo stime correnti Gibuti ha un significativo potenziale di pesca stimato in circa 48.000 tonnellate, di cui 9.300 tonnellate sono costituite da specie marine ad alto valore aggiunto. [MS]
  • Etiopia Free

    Gerd, una seconda turbina ha iniziato a produrre...

    ETIOPIA - Il governo di Addis Abeba ha annunciato oggi l’entrata in funzione della seconda turbina della Grand Ethiopian Renaissance Dam (Gerd) per la produzione di energia elettrica. Secondo quanto riportato dai media locali, la seconda turbina, capace di generare 375 megawatt di elettricità, è stata avviata alla presenza del premier Abiy Ahmed e della presidente Sahlework Zewde. La prima turbina della diga era entrata in funzione lo scorso febbraio. La Gerd è al centro da anni di forti tensioni, e di negoziati, tra Etiopia, Egitto e Sudan: Il Cairo teme che il riempimento e il funzionamento della Gerd possa ridurre il suo approvvigionamento di acqua del Nilo, mentre Khartoum teme l’impatto della diga sui flussi di acqua verso le proprie dighe. I due Paesi hanno chiesto un accordo vincolante ad Addis Abeba su riempimento e funzionamento della diga. Da parte loro le autorità etiopiche hanno più volte sottolineato il ruolo essenziale della diga per lo sviluppo del Paese, assicurando che non avrà alcun impatto negativo sui Paesi a valle del Nilo Azzurro. Posizione ribadita anche oggi dal premier durante la cerimonia: “Noi intendiamo solo generare energia e cambiare le condizioni di vita del nostro popolo; abbiamo fatto grande attenzione per non arrecare danno ai nostri fratelli e sorelle a valle, e a valle non si è verificata carenza d’acqua”. [SS]
  • Africa Orientale Free

    Gruppo tedesco scommette su sviluppo agricoltura

    AFR ORIENTALE - Il gruppo tedesco Stihl punta all’Africa orientale e apre suoi uffici a Nairobi, in Kenya. Specializzato nella fornitura di attrezzature per l’agricoltura e il settore delle costruzioni, Stihl punta a trarre profitto dal crescente peso che questi settori stanno avendo nelle economie africane. “Il nostro piano è di distribuire i nostri prodotti attraverso il Kenya in tutta la regione arrivando anche a Rwanda, Uganda, Burundi, Sud Sudan e Paesi del Corno” ha detto Francois Marais, amministratore delegato di Stihl East Africa. Quello di Nairobi sarà il secondo hub continentale per la società tedesca che è già presente in Africa dal 1996 con un ufficio in Sudafrica. [MS]
  • Tanzania Free

    Intesa con Masdar per sviluppare energie rinnovabili

    TANZANIA - La Compagnia per le forniture elettriche della Tanzania (TANESCO) ha siglato un accordo con l'emiratina Masdar per sviluppare in modo congiunto progetti di generazione alimentati con fonti rinnovabili in Tanzania, per una capacità complessiva fino a due gigawatt.

    Secondo le informazioni rese note dai media che riportano la notizia, l'intesa prevede la costituzione di una società di joint venture in comproprietà al 50% tra le due organizzazioni per sostenere e promuovere lo sviluppo dei progetti, in particolare solari fotovoltaici ed eolici.

    “L'accordo porterà una grande rivoluzione nello sviluppo delle energie rinnovabili nel nostro Paese - ha detto Maharage Chande, amministratore delegato di TANESCO -. Attraverso la prima fase della collaborazione, prevediamo di generare circa 600 MW e continueremo con altri progetti fino a raggiungere i 2.000 MW annunciati".

    In qualità di unico fornitore di elettricità del Paese, TANESCO vuole aggiungere più fonti di energia rinnovabile alla rete nazionale per soddisfare la crescente domanda di energia del paese e aumentare l'accesso all'energia. Il governo tanzaniano punta a un tasso di elettrificazione per l'intero paese del 75% entro il 2035. [MV]

  • AfricaRwanda Free

    A Kigali il Vertice continentale su agricoltura e...

    RWANDA - Sono in corso i preparativi per l’organizzazione del 12° vertice annuale per l'alimentazione e l'agricoltura (Agrf) che si svolgerà a Kigali, capitale del Rwanda, dal 5 al 9 settembre. L'Agrf, il principale forum africano per l'alimentazione e l'agricoltura, si terrà sotto il tema "Crescere, nutrire e premiare: azioni coraggiose per sistemi alimentari resilienti". Il presidente dell’Agrf e ex-Primo ministro dell’Etiopia, Hailemariam Dessalegn, afferma che sarà necessaria un'azione collettiva per accelerare il progresso e il vero cambiamento. “Nessun paese è sano a meno che il cibo e i mezzi di sussistenza non siano sani. Fornire per il pianeta, le persone e la prosperità richiederà sforzi collettivi da parte di tutti i settori. Tuttavia, i governi africani dovrebbero guidare questi sforzi dando priorità e integrando politiche che affrontano molteplici obiettivi, compresi quelli che richiedono diete sane e nutrienti, un reddito dignitoso per gli agricoltori e politiche che affrontano il clima e altre fragilità ambientali”, ha dichiarato il presidente dell’Agrf, i cui punti salienti includeranno quest’anno l'Agribusiness Deal Room, una piattaforma per collegare gli innovatori con il capitale necessario, in vertice presidenziale, un forum degli agricoltori e un municipio della gioventù. Per approfondire, cliccare qui. [CN]
  • Sud Sudan Free

    A Juba 5a edizione della conferenza sull’energia

    SUD SUDAN - South Sudan Oil & Power (Ssop), la conferenza nazionale sull’energia, tornerà a Juba, in Sud Sudan, presso il Radisson Blu Hotel, per la sua quinta edizione, il 13 e 14 settembre, per guidare il futuro degli investimenti e dello sviluppo nel Paese. All’evento è prevista la presenza del Presidente Salva Kiir Mayardit e del ministro del Petrolio del Paese, Puot Kang Chol. Organizzato con il sostegno del Ministero del Petrolio, del Ministero dell’Energia e delle Dighe, del Ministero del Commercio e dell’Industria, del Ministero del Lavoro e della Camera africana per l’Energia, Ssop 2022 mira ad aumentare gli investimenti di capitale in idrocarburi, infrastrutture, produzione di energia, tecnologia e settori correlati. Per approfondire, cliccare qui. [CN]