Libia

Italia pronta a portare proprie competenze per ricostruzione in Libia

LIBIA – L’Italia è pronta a portare il suo miglior know-how in Libia, per la ricostruzione del Paese, e il governo di Unità Nazionale di Tripoli apre le porte a quello che considera il suo primo partner: è l’intesa emersa nell’ambito del business forum ‘La nuova Libia si presenta alle imprese italiane’ che si è tenuto ieri alla Farnesina e al quale hanno partecipato il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, e il premier libico, Abdul Hamid Dbeibah.

“Il Governo di Unità Nazionale (libico, ndr) è per noi oggi un interlocutore rappresentativo di tutto il Paese, con il quale possiamo e vogliamo pianificare i prossimi investimenti in tutto il territorio libico”, ha detto Di Maio intervenendo alla sessione plenaria del forum. “Le nostre imprese – ha aggiunto – possono guardare alla Libia con rinnovata fiducia. Vogliamo che i nostri imprenditori possano costruire interazioni privilegiate con il Governo di Unità Nazionale e accedere alle opportunità che emergono grazie al processo di transizione in atto nel Paese”.

Di Maio ha quindi sottolineato che “l’Italia non ha mai abbandonato la Libia e l’ambasciata ha sempre continuato a operare anche nei momenti più difficili”. Il ministro ha spiegato che sarà presto riattivato il consolato generale d’Italia a Bengasi e che se ne aprirà uno onorario a Sebha, nel Fezzan. Inoltre, “nei prossimi mesi rafforzeremo anche la nostra presenza a Tripoli con un desk promozionale per le imprese italiane e un addetto culturale presso la nostra ambasciata”, ha proseguito Di Maio. Insomma, ha evidenziato il ministro, “vogliamo continuare a mettere al servizio della società civile libica il meglio delle capacità e delle competenze del nostro tessuto industriale. Mi riferisco anzitutto a settori cruciali per la ripresa come le infrastrutture, i trasporti e l’energia, anche da fonti rinnovabili.Italia e Libia – ha continuato – possono inoltre essere partner stretti e strategici in ambiti ad alto contenuto tecnologico, come le telecomunicazioni e la telemedicina”.

Rivolgendosi infine a Dbeibah, il titolare della Farnesina si è detto convinto che “insieme, potremo raggiungere nuovi, importanti traguardi”. Da parte sua, il premier libico ha affermato che “il miglior partner per la ricostruzione del nostro Paese per quanto riguarda l’economia, le infrastrutture e il petrolio è l’Italia”.

“Ci servono gli ospedali, dobbiamo ricostruire le scuole, le infrastrutture nel settore petrolifero e siamo giunti qui auspicando di ricevere la vostra assistenza”, ha aggiunto Dbeibah in quella che è la sua prima visita all’estero. Il premier libico, atteso dal colloquio con il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha ringraziato l’Italia, “Paese fratello”, per aver mantenuto l’ambasciata a Tripoli aperta.

Poi ha osservato: “Gli ultimi dieci anni sono stati molto duri, hanno avuto un impatto forte sul nostro popolo, creando divisioni e distruggendo le nostre istituzioni. E’ stato un periodo molto difficile con le esportazioni di petrolio bloccate, l’economia ferma e i progetti delle aziende italiane che si sono in gran parte fermati. Questa situazione ci dispiace e e vorremmo che cambi. Con l’Italia – ha proseguito il premier – abbiamo una collaborazione storica, a vari livelli. L’Eni è fra i più grandi partner che abbiamo per il petrolio”.

In merito a quest’ultimo argomento Dbeibah ha detto che l’obiettivo della Libia “è tornare a produrre 3-4 milioni di barili al giorno”. “Quanto all’immigrazione illegale – ha infine sottolineato – lavoreremo con tutti. Ad ogni modo riteniamo che il supporto che fornisce l’Italia nell’Ue sia molto importante”. [AGI]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Marocco Free

    Finanza: emissioni marocchine, le migliori d’Africa...

    MAROCCO - Dopo aver occupato il secondo posto nel 2020 nella classifica di Global capital, il Marocco è eletto per la prima volta il miglior emittente africano sul mercato finanziario internazionale per l'anno 2021.

    A riferirlo è una nota diffusa dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, nella quale si precisa che il Marocco ha ottenuto tre riconoscimenti nella classifica "Global Capital Bonds Awards 2021": miglior emittente di obbligazioni internazionali in Africa, 2° miglior emittente nella categoria "Mercati emergenti" e miglior gestore del mercato finanziario internazionale nella regione dell'Africa.

    Global Capital, società con sede a Londra, gode di una reputazione internazionale, in particolare per l'analisi delle transazioni finanziarie nei mercati finanziari internazionali. Conduce annualmente graduatorie, sulla base di indagini di mercato, dei vari attori in base ai loro settori di attività, consentendo loro di monitorare la propria performance rispetto ai loro colleghi.

    Questi riconoscimenti confermano il notevole successo del prestito obbligazionario emesso dal Marocco l'8 dicembre 2020 e che ha segnato il ritorno del Marocco nel comparto del dollaro dopo un'assenza di 7 anni, ricorda il ministero.

    Questa emissione, che ha avuto un volume di 3 miliardi di dollari, ha riscosso un clamoroso successo presso gli investitori internazionali con un portafoglio ordini che ha superato i 13,5 miliardi di dollari, registrando così un tasso di oversubscription di oltre 4 volte.

    Secondo il ministero, il successo del bond e i premi “testimoniano anche la fiducia della comunità internazionale e degli investitori verso il Marocco” e il patrimonio che possiede.

  • Egitto Free

    Aziende saudite pronte a nuovi investimenti

    EGITTO - L’Arabia Saudita, per volontà diretta del principe ereditario Mohammed Bin Salman, ha pronto un piano per incoraggiare le aziende saudite ad espandere i propri investimenti in Egitto. Lo ha dichiarato, ripreso dalla stampa saudita, Bandar bin Mohammed Al-Amri, presidente del Business Council saudita-egiziano, a margine di un incontro con il ministro egiziano degli Alloggi Assem Al-Jazzar, in visita ufficiale a Riad. “Siamo pronti a investire in Egitto, abbiamo aperto un ufficio per il Business Council saudita-egiziano e invitiamo gli investitori sauditi a investire in Egitto”, ha dichiarato Al-Amri: attualmente i sauditi contano 150 investitori pronti a contribuire per garantire “maggiori investimenti nei prossimi 2-3 anni”. Il ministro egiziano dell’Edilizia abitativa e il presidente del Consiglio degli affari saudita-egiziano hanno incontrato un gruppo di investitori sauditi, discusso con loro le opportunità di cooperazione congiunta e presentato le nuove opportunità di investimento disponibili in vari progetti in Egitto. [ASB]
  • Tunisia Free

    Italia concede prestito di 200 milioni alla Tunisia

    TUNISIA - E’ stato firmato un protocollo d'intesa per la cooperazione italo-tunisina in materia di sviluppo per il periodo 2021-2023 tra il ministro degli Esteri, Othman Jerandi e il suo omologo italiano, Luigi Di Maio. A darne notizia è l'ufficio di Tunisi dell'Agenzia ICE, precisando che la firma di questo protocollo d'intesa fa parte della due giorni di visita ufficiale, iniziata mercoledì 16 giugno, del Presidente della Repubblica, Kais Saied, in Italia, su invito del suo omologo italiano, Sergio Mattarella

    Con questo memorandum, l'Italia concederà alla Tunisia un prestito di 200 milioni di euro (50 milioni di euro sotto forma di sovvenzione e 150 milioni di euro sotto forma di prestito a tasso agevolato) per finanziare progetti di sviluppo e di rilancio economico.

    Questi progetti di sviluppo riguarderanno l'agricoltura, l'occupazione, la formazione professionale e l'integrazione dei giovani.

  • Egitto Free

    Annunciati investimenti Usa per la conversione solare

    EGITTO - Gli Stati Uniti stanno pianificando di aumentare i finanziamenti all’Egitto per sostenere la conversione all’energia solare per abbandonare i combustibili fossili. Lo ha dichiarato ieri al Cairo l’inviato speciale degli Stati Uniti per il clima John Kerry, in visita ufficiale in Egitto. Lo riportano i media egiziani. Kerry ha parlato con i giornalisti subito dopo l’incontro con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shukry. L’Egitto continua a dipendere dai combustibili fossili per il suo fabbisogno energetico e una gigantesca nuvola di inquinamento atmosferico spesso aleggia sulla sua capitale, Il Cairo, che ospita circa 20 milioni di persone. Il governo egiziano ha dichiarato di voler soddisfare il 20% del fabbisogno energetico del paese con le energie rinnovabili prima del 2022 e il 43% entro il 2035. Ai giornalisti Kerry ha detto che la conversione alle energie rinnovabili potrebbe aiutare anche l’Egitto a creare posti di lavoro e che il mondo ha ancora molta strada da fare prima di raggiungere gli obiettivi internazionali fissati dall’accordo di Parigi del 2015 sul clima. [ASB]
  • Tunisia Free

    Presidente tunisino Saied in visita in Italia

    TUNISIA - Il presidente tunisino Kais Saied è da oggi, mercoledì 16 giugno, in Italia per una visita di Stato di due giorni accompagnato dal ministro degli Esteri Othman Jerandi. Prima della partenza, all’aeroporto di Tunisi, Saied ha passato in rassegna un drappello militare e salutato il primo ministro Hichem Mechichi, il governatore di Tunisi, Chedhli Bouallegue, e il sindaco di Tunisi, la signora Souad Abderrahim. In Italia, Saied incontrerà questo pomeriggio il presidente del consiglio Mario Draghi, a Palazzo Chigi. La visita di Saied giunge su invito del capo di Stato italiano Sergio Mattarella: era in programma già diversi mesi fa, poi era stata annullata a causa del covid. La Tunisia sta attraversando un forte momento di crisi economica e sta cercando sostegni internazionali per il suo nuovo programma di sviluppo che dovrebbe essere presentato tra luglio e agosto. L’Italia è uno dei principali partner della Tunisia ed è presente nel Paese nordafricano con oltre 850 imprese. [MS]
  • Egitto Free

    Eni firma per accorpamento concessioni nel Deserto...

    EGITTO - Il gruppo energetico Eni ha annunciato di aver firmato con il governo del Cairo, con l'Egyptian General Petroleum Corporation (EGPC) e con la russa Lukoil un accordo per l’unione e l’estensione al 2036, con la possibilità di ulteriore prolungamento al 2041, delle concessioni delle aree contrattuali di Meleiha e Meleiha Deep, nel Deserto Occidentale dell’Egitto.

    Secondo quel che viene comunicato dal gruppo energetico italiano, l'accordo permetterà di valorizzare, attraverso condizioni contrattuali migliorative, le considerevoli risorse dell’area, aggiungendo nuovo potenziale esplorativo grazie ad una campagna di acquisizione sismica 3D ad alta risoluzione e alla perforazione di pozzi esplorativi e di sviluppo.

    La costruzione di un nuovo impianto di trattamento del gas, che sarà connesso al Western Desert Gas Complex di Alessandria d’Egitto, offrirà inoltre la possibilità di valorizzare ulteriormente le riserve di gas della regione, rafforzando il ruolo di Eni come maggior produttore di gas in Egitto.

    La società farà leva sulle competenze di contrattisti locali già impegnati nella realizzazione di importanti progetti in Egitto, tra cui lo sviluppo fast-track del giacimento di gas di Zohr.

    L’operatore delle concessioni è Agiba, una joint-venture paritetica tra EGPC ed Eni, attraverso la sua controllata IEOC Production. IEOC detiene una quota del 76% nella concessione mentre l’altro partner, Lukoil, detiene il restante 24%.