Tunisia

Al via progetto di cooperazione italo-tunisino su sistemi acquaponici

TUNISIA – E’ stato ufficialmente dato il via al progetto di cooperazione transfrontaliera Italia-Tunisia “Celavie” per sviluppare sistemi acquaponici, promuovendo in questo modo l’acquacoltura e le coltivazioni idroponiche.

A segnalarlo sono l’agenzia di stampa tunisina Tap, precisando che il progetto di cui è capofila il Consorzio regionale siciliano per la ricerca applicata e la sperimentazione (Coreras) ha una durata prevista di 30 mesi e sarà portato avanti a Palermo e Trapani in Italia e nei governatorati tunisini di Kairouan e Sfax.

L’iniziativa, finanziata dall’Unione europea con 900.000 euro, si propone di contribuire all’agricoltura e all’acquacoltura, in particolare nelle aree interne dei territori siciliani e tunisini, fornendo sostegna nella realizzazione di ecosistemi acquaponici, in cui l’acqua delle vasche per l’acquacoltura viene pompata in quelle idroponiche in modo tale che le piante che vi si trovano possano filtrarla sottraendo diverse sostanze di scarto dei pesci, traendone contemporaneamente nutrimento: l’acqua così filtrata potrà quindi essere reimmessa nelle vasche per acquacoltura e riprendere il suo ciclo riducendo l’impatto ambientale di produzione e consumo. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Fondi europei per progetto interporto

    EGITTO - La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) ha approvato un prestito di 25 milioni di euro a favore della compagnia egiziana October Dry Port, società per azioni costituita per costruire il primo porto a secco dell’Egitto situato a Città del 6 ottobre. La Bers ha affermato che il prestito fa parte di un pacchetto di investimenti totali del valore di 60 milioni di dollari per finanziare la progettazione, lo sviluppo, la costruzione e il funzionamento, nonché la manutenzione del porto. Il progetto costituirà l’incentivo all’investimento egiziano nell’ambito del Green Cities Framework della Bers. L’interporto fungerà da gateway esteso per i porti d’alto mare situati nelle regioni settentrionali e orientali dell’Egitto e progettati per essere la destinazione finale del carico. Ci si aspetta che fornisca ispezioni doganali e procedure di sdoganamento efficienti, riduca la congestione nei porti marittimi, crei economie di scala utilizzando servizi ferroviari intermodali da e per i porti marittimi e migliori l’affidabilità complessiva e l’efficienza in termini di costi dei processi logistici del secco futuri clienti del porto, secondo la Bers. [GT]
  • Libia Free

    Tlc, accordo per potenziamento rete in fibra ottica

    LIBIA - Il primo ministro libico Abd Alhamid Aldabaiba ha siglato per conto del governo di Tripoli un accordo tra la compagnia telefonica statale Hatif Libya e la compagnia americana Infinera per il potenziamento della rete in fibra ottica del Paese. Secondo una dichiarazione ufficiale del governo libico, l’obiettivo dell’accordo è aiutare a fornire servizi mobili e internet in aree non raggiunte e migliorare la qualità dei servizi ai clienti in modo che possano fare affidamento su una rete sempre più efficiente. Alla firma erano presenti anche l’inviato speciale e ambasciatore degli Stati Uniti in Libia Richard Norland e l’assistente sottosegretario al Tesoro degli Stati Uniti Eric Mayer. [GT]
  • Algeria Free

    Esportazioni non petrolifere in crescita nel primo...

    ALGERIA - Il valore delle esportazioni non petrolifere algerine è quasi raddoppiato nel primo semestre 2021 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, caratterizzato dalle restrizioni imposte dalla pandemia di Covid-19, superando quota due miliardi di dollari.

    A segnalarlo è stato il ministero del Commercio algerino, precisando che nel periodo preso in esame le esportazioni non petrolifere hanno pesato per il 12,38% sul volume complessivo delle esportazioni algerine.

    Tra i prodotti maggiormente esportati, figurano fertilizzanti azotati minerali e chimici per 618 milioni di dollari, con un incremento del 52,4% rispetto allo stesso periodo del 2020.

    Il valore delle esportazioni siderurgiche è stato pari a 370 milioni di dollari per il periodo gennaio-giugno 2021, rispetto ai 21,59 milioni di dollari dello stesso periodo dello scorso anno, con un incremento del 1614%.

    Per quanto riguarda i prodotti chimici inorganici, anche in questo caso si è osservato un significativo aumento del 200% nella prima metà del 2021, raggiungendo i 343 milioni di dollari, rispetto ai 114,23 milioni di dollari dello stesso periodo dello scorso anno.

    Le esportazioni alimentari sono invece aumentate del 37%, raggiungendo quota 287 milioni di dollari, mentre quelle di zucchero sono cresciute del 55,5% a 206 milioni. [MV]

  • Marocco Free

    In preparazione piano nazionale per mobilità elettrica

    MAROCCO - Sono stati avviati in Marocco gli studi per redigere un piano nazionale di indirizzo sulla mobilità elettrica. A darne notizia è l’Ufficio nazionale per l’elettricità e l’acqua potabile (Onee), precisando di aver assegnato a un consorzio di imprese locali l’appalto per lo sviluppo del piano. Secondo quel che è stato reso noto, il piano deve “integrare e tenere conto in particolare, del sistema di produzione e trasmissione dell’elettricità, del quadro normativo e delle infrastrutture di ricarica necessarie per promuovere e sviluppare la mobilità elettrica in Marocco, nell’ottica di garantire la massima accessibilità e interoperabilità”. Il piano dovrebbe essere consegnato nel terzo trimestre del 2022. [MV]
  • Algeria Free

    Revocata quarantena obbligatoria per i viaggiatori

    ALGERIA - Le autorità algerine hanno revocato a partire da ieri l’obbligo per i viaggiatori della quarantena in albergo per cinque giorni all’arrivo nel Paese, nonostante l’impennata dei casi di contaminazione da Covid-19.

    A segnalarlo sono i principali media locali, citando una nota firmata dal primo ministro Aïmene Benabderrahmane. La nota specifica che i viaggiatori devono comunque presentare al loro arrivo in Algeria un test PCR realizzato meno di 36 ore prima e a sottoporsi a un test antigenico.

    Dallo scorso 1° giugno, tutti i viaggiatori che si recavano in Algeria dovevano accettare di essere posti in isolamento in un albergo a loro spese: questa misura aveva scatenato le ire degli algerini che vivono all’estero e diverse testimonianze pubblicate sui media locali avevano riportato le cattive condizioni di accoglienza negli alberghi destinati a ospitare i viaggiatori. [MV]

  • AfricaEgitto Free

    Al Cairo la sede africana delle cooperative abitative

    EGITTO - Il Cairo ospiterà la sede permanente dell’Organizzazione africana per le cooperative abitative. A renderlo noto l’Autorità generale egiziana per le cooperative edilizie e abitative (Gachc), precisando che la struttura ospiterà anche l’ufficio regionale dell’Alleanza cooperativa internazionale per il Nord Africa. Secondo l’Alleanza Cooperativa Internazionale, il movimento cooperativo in Egitto consiste attualmente di cinque settori: consumo, agricoltura, pesca, edilizia abitativa e produzione. Copre 18.000 organizzazioni cooperative, con 25 milioni di cittadini che beneficiano dei suoi servizi [ASB]