R.D. Congo

Prodotto il 70% del cobalto mondiale, al via gli acquisti

Accesso Completo, Africa Centrale, R.D. Congo

R.D. CONGO - La Repubblica democratica del Congo nel 2020 ha prodotto circa 100.000 tonnellate di cobalto, ovvero circa il 71% del totale globale.

Lo si apprende dall’ultima analisi del mercato di Darton Commodities, nella quale si precisa che di queste, circa 9.000 tonnellate (il 9%) sono state di produzione artigianale.

Relativamente ai produttori artigianali nel fine settimana lente creato dal governo di Kinshasa per acquistare a nome dello Stato il cobalto dai minatori artigianali attivi nel paese, la Entreprise Generale du Cobalt (EGC), ha fissato a 30.000 dollari a tonnellata il prezzo minimo di acquisto del minerale dai minatori artigianali.

Il cobalto, che viene scambiato a circa $ 50.000 la tonnellata sui mercati internazionali, viene utilizzato nelle batterie che alimentano i veicoli elettrici, le cui vendite dovrebbero aumentare nei prossimi anni con il mondo impegnato a ridurre le emissioni di carbonio.

Il principale produttore mondiale di cobalto, il Congo, ha creato EGC per acquistare tutto il cobalto artigianale prodotto nel paese e cercare di aumentare le entrate del governo dal settore in gran parte informale in cui i minatori lavorano a mano e vendono a intermediari non regolamentati.

Entro la fine di Settembre, l'EGC vuole iniziare l'acquisto di cobalto presso il sito di Kasulo, vicino a Kolwezi, nella provincia meridionale di Lualaba.

EGC sta lavorando con il commerciante internazionale Trafigura, che a novembre ha firmato un accordo di marketing quinquennale con l'ente per fornire un prefinanziamento per un totale di 45.000 tonnellate di cobalto.

In base all'accordo, l'EGC ha un'opzione per commercializzare il 50% della produzione di cobalto direttamente ad acquirenti diversi da Trafigura. Tale opzione può essere esercitata al momento dell'esportazione, ha precisato il direttore generale dell'Entreprise Generale du Cobalt (EGC) Jean-Dominique Takis, in un’intervista all’agenzia di stampa Reuters.

I prezzi del cobalto sono stati volatili negli ultimi anni e hanno raggiunto il loro massimo decennale di quasi $ 100.000 a tonnellata nel 2018, quasi il doppio del prezzo attuale.



© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Camerun Free

    Chiesto prestito a banca austriaca per elettrificazione

    Camerun – Il Camerun intende sottoscrivere in prestito per un importo di 4,46 miliardi di franchi cfa, circa 6,7 milioni di euro dalla banca austriaca Unicredit Bank Austria, per realizzare un progetto pubblico di elettrificazione solare. In base a un decreto presidenziale firmato nei giorni scorsi, il ministro dell'Economia è autorizzato a firmare un accordo con la filiale austriaca del gruppo bancario italiano, per il finanziamento del progetto di elettrificazione rurale mediante sistemi solari fotovoltaici e pubblici illuminazione in nove delle 10 regioni del Camerun.

    Questo progetto è annunciato in un contesto in cui, secondo l'Agenzia per l'elettrificazione rurale il Paese ha un tasso di accesso all'elettricità del 65% complessivo con un tasso del 20% nelle zone rurali centrali. Come punto di svolta, quest'anno è stato lanciato il progetto di elettrificazione rurale e accesso all'energia nelle aree svantaggiate del Camerun. [G T]

  • Camerun Free

    Ok a prestito per accelerare trasformazione digitale

    Camerun – Il presidente della Repubblica del Camerun Paul Biya, ha firmato un decreto che autorizza il ministro dell'Economia a firmare con l'International development association (Ida), filiale della Banca mondiale, un accordo di prestito di 84,1 milioni euro per il finanziamento del progetto per accelerare la trasformazione digitale in Camerun (progetto Patnuc).

    Secondo il ministero delle Poste e Telecomunicazioni, questo progetto, attuato dal 2021, mira a proseguire le riforme e le politiche nel settore ICT, migliorare le competenze digitali dei cittadini, promuovere lo sviluppo di applicazioni e servizi digitali e aumentare la portata e l'uso dei servizi digitali per stimolare l'occupazione e l'imprenditorialità in Camerun.

    Il progetto Patnuc si articola in tre componenti principali. Il primo riguarda la creazione di nuovi quadri istituzionali, legali e normativi favorevoli alla crescita del settore digitale, al rafforzamento della fiducia digitale, alla creazione di piattaforme digitali e l'acquisizione di attrezzature pertinenti per lo sviluppo sicuro e resiliente dei servizi digitali in Camerun; la seconda componente si concentra sullo stimolo del mercato locale facilitando l'accesso a internet e l'uso inclusivo delle telecomunicazioni nel tessuto di sviluppo economico del Paese; la componente finale si concentra sul rafforzamento delle tecnologie agricole dirompenti per migliorare i collegamenti di mercato. [G T]

  • R.D. Congo Free

    Inclusione finanziaria, da Afdb 12 mln dollari

    R.D. Congo – Il Consiglio di amministrazione del Fondo africano di sviluppo, il braccio di credito concessionale del Gruppo della Banca africana di sviluppo (AfDB), ha approvato una sovvenzione di 12 milioni di dollari a favore della Repubblica democratica del Congo (Rdc) per l'attuazione del Progetto di sostegno allo sviluppo e all'inclusione del settore finanziario nel Paese. In una nota dell'Afdb viene precisato che il finanziamento sosterrà le riforme del settore finanziario nel Paese e migliorerà l'inclusione finanziaria per le popolazioni rurali e vulnerabili - soprattutto donne e giovani - e per le micro, piccole e medie imprese. In particolare, il programma contribuirà a mobilitare risorse a lungo termine sostenendo la creazione di una banca di sviluppo nazionale e di una borsa valori, nonché l'espansione del mercato dei titoli di Stato. Incoraggerà inoltre l'inclusione finanziaria sostenendo l'interoperabilità dei servizi di pagamento e migliorando la capacità tecnica e operativa delle istituzioni di microfinanza e di altri emittenti di moneta elettronica. La creazione di un centro per gli incidenti di pagamento e il rafforzamento delle capacità delle autorità di regolamentazione e supervisione dei sistemi di pagamento rafforzeranno la stabilità finanziaria del Paese secondo la Banca. Le attività del progetto saranno realizzate con l'obiettivo di aumentare la resilienza del settore finanziario e ridurre la povertà nella Rdc. Nicolas Kazadi Kadima-Nzuji, ministro delle Finanze della Rdc, ha dichiarato che il governo è "soddisfatto dell'approvazione di questo importante progetto da parte del Consiglio di amministrazione della Banca africana di sviluppo. Questo progetto si rivolge agli obiettivi chiave del nostro programma d'azione, ovvero la creazione di una banca di sviluppo nazionale, il miglioramento dell'inclusione finanziaria e il rafforzamento del mercato dei titoli di Stato nel Paese". "Siamo lieti di sostenere lo sviluppo dei mercati finanziari nella Repubblica Democratica del Congo", ha dichiarato Ahmed Attout, capo della divisione Sviluppo dei mercati dei capitali del Gruppo Banca Africana di Sviluppo. "Questo progetto ha un ruolo centrale nello sviluppo del mercato dei titoli di Stato. Fornirà maggiore liquidità e rivedrà alcuni quadri normativi chiave per mobilitare risorse a lungo termine. Il progetto contribuirà inoltre a diversificare le fonti di finanziamento per le piccole e medie imprese congolesi e ad aumentare l'inclusione finanziaria nella Rdc", ha aggiunto. [V G M]
  • Camerun Free

    Pesano le importazioni di riso e cereali

    CAMERUN - Il Camerun ha importato riso per una cifra pari 5,4% della spesa di importazione del Paese, durante l’anno 2021. Questo dato, rivelato nel rapporto sul “Commercio estero del Camerun”, appena pubblicato dall’Istituto Nazionale di Statistica (Ins), dimostra ancora una volta quanto le massicce importazioni di questo cereale gravino sulla bilancia commerciale del Camerun, commenta il portale economico Invest in Cameroon. Le importazioni di riso non sono sempre state destinate al mercato locale, secondo gli osservatori del portale che parla di rifornimento fraudolento dei Paesi vicini. Oltre al riso, anche il grano e la miscela meslin hanno contribuito ad ampliare il disavanzo della bilancia commerciale del Camerun durante l’anno 2021. Secondo i dati Ins, il paese ha speso 182,7 miliardi di Fcfa nelle importazioni di questi prodotti, ovvero il 4,7% della spesa complessiva per le importazioni del Camerun nel 2021. [CC]
  • Camerun Free

    Cina principale partner export, Italia quarta

    CAMERUN - Secondo i dati dell’Istituto nazionale di statistica, la Cina rimane il principale cliente del Camerun nel 2021 con il 25,8% di quota di mercato. Ciò rappresenta 2700 tonnellate di merci esportate in questo Paese, “guadagnando così quattro punti percentuali rispetto all’anno precedente” indica l’Istituto. La Cina è seguita da Paesi Bassi (12,4%), India (9,6%), Italia (7,1%), Spagna (6,1%) e Ciad (3,8%).

    I prodotti esportati in Cina sono costituiti principalmente da greggi di petrolio (66%), gas naturale liquefatto (19%), legno grezzo (10%) e legno segato (3%). Questi quattro prodotti da soli rappresentano il 98% delle esportazioni verso la Cina nel 2021.

    L’Istituto nazionale di statistica rileva che il peso del commercio del Camerun con i Paesi africani rimane piuttosto basso nelle statistiche doganali. Perché, nel 2021, le esportazioni verso i Paesi africani rappresentano solo il 9,7% del totale dei proventi da esportazione, di cui il 7,3% verso gli altri Paesi Cemac (Camerun, Repubblica Centrafricana, Congo, Gabon, Guinea Equatoriale e Ciad) e lo 0,8% verso la Nigeria. [GT]

  • Guinea EquatorialeR.D. Congo Free

    Costruzione raffinera, accordo con Malabo

    REP DEM CONGO - La Guinea Equatoriale e la Repubblica Democratica del Congo (Rdc) collaboreranno alla costruzione di una raffineria di petrolio. Un memorandum d’intesa che concretizza questo progetto è stato siglato in occasione della conferenza Angola Oil and Gas 2022, svoltasi la scorsa settimana. L’accordo prevede il finanziamento congiunto del progetto, che sarà costruito nella Rdc. I due Paesi hanno in programma anche la creazione di strutture di stoccaggio per i prodotti petroliferi. Come osservano i media di settore, la realizzazione di questi progetti dovrebbe promuovere il trasferimento di competenze tra la Guinea Equatoriale e la Rdc. Non è però stato rivelato alcun calendario per la loro attuazione. Per Didier Budimbu Ntubuanga, ministro congolese degli Idrocarburi, questo accordo migliorerà la sicurezza energetica della Rdc, promuovendo al contempo la produzione di petrolio e gas del Paese. Questa opzione è in linea con la volontà espressa dal governo nelle ultime settimane di stimolare l’esplorazione e lo sfruttamento degli idrocarburi, considerati insufficienti. “Questo memorandum d’intesa, insieme agli accordi precedentemente firmati con Camerun e Nigeria, sostiene la nostra politica nazionale volta a facilitare la produzione e il commercio di prodotti petroliferi africani e a creare industrie ad alto valore aggiunto”, ha dichiarato il ministro delle Miniere e degli Idrocarburi della Guinea Equatoriale, Gabriel Mbaga Obiang Lima. [VGM]