Camerun

Aumentano importazioni riso nel primo semestre

CAMERUN – Nei primi sei mesi del 2021, il Camerun ha importato nel suo territorio un totale di 319.330 tonnellate di riso.

(119 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Gabon Free

    L’obiettivo è diventare un gigante africano del gas...

    GABON - L'ambizione del Gabon è di elevarsi al rango di gigante africano e addirittura mondiale del gas attraverso l’integrazione del local content dalle multinazionali per garantire la continuità dello sfruttamento energetico. Lo ha affermato mercoledì il ministro del Petrolio del paese dell’Africa centrale, Vincent de Paul Massassa, aprendo i lavori della prima edizione del Summit su petrolio, gas e transizione energetica. "Attraverso la transizione energetica e la monetizzazione del gas, l'obiettivo è ridurre la nostra dipendenza dall'importazione di prodotti finiti e avviare il passaggio verso l'energia pulita", ha dichiarato il ministro, aggiungendo che l'obiettivo finale di questo vertice è ridurre il gas flaring per farne una fonte di sviluppo economico ed energetico. Con la revisione della legge sul petrolio promulgata nel 2019 e che impone di riservare ai gabonesi alcune attività nel settore degli idrocarburi, "gli operatori devono comprendere l'esigenza e l'obbligo che le aziende locali devono partecipare alla catena del valore e deve essere dato loro il supporto necessario", ha proseguito il ministro, prima di precisare che “attraverso il contenuto locale, stiamo cercando soprattutto la presa in mano delle competenze che devono essere sviluppate dai nativi per garantire la continuità dello sfruttamento degli idrocarburi, anche se sono idrocarburi meno inquinanti, in particolare quelli naturali gas”. Durante il Vertice, la rappresentante della Banca mondiale in Gabon, Alice Ouedraogo, ha ribadito il sostegno dell’istituzione al Gabon nei suoi sforzi per la transizione energetica. Secondo un recente studio commissionato dalle autorità del Gabon, il paese ha riserve di gas di circa 100 miliardi di metri cubi. Questo interesse per il gas arriva mentre la produzione di petrolio continua a diminuire in Gabon senza una grande scoperta di giacimenti petroliferi da oltre due decenni, con un produzione annua ormai scesa tra i 10 e gli 11 milioni di tonnellate di petrolio. Il Vertice, organizzato sul tema "Rivelare, valorizzare e sfruttare il potenziale del gas del Gabon", terminerà oggi 22 ottobre. [CN]
  • R.D. Congo Free

    Alleanza per rigenerare la produzione di caffè nel Sud...

    REP DEM CONGO - Circa 8500 agricoltori di caffè della provincia del Sud-Kivu, in Repubblica Democratica del Congo, saranno sostenuti per massimizzare la produzione e le vendite entro il 2026 attraverso il programma di formazione stabilito da una partnership tra la Gorilla Coffee Alliance istituita dall'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) in collaborazione, tra gli altri, con Nespresso e Olam Food Ingredients (OFI), e che prevede di raddoppiare la capacità di produzione dei coltivatori aderenti nei prossimi cinque anni.  "Una pietra miliare fondamentale" per la partnership del governo degli Stati Uniti con il popolo congolese: così ha definito il lancio dell’iniziativa Paul Sabatine, direttore della missione USAID nel paese africano.  Attraverso la Gorilla Coffee Alliance, che comprende anche TechnoServe, Wildlife Conservation Society e Asili, gli agricoltori della regione riceveranno una formazione nell'agricoltura rigenerativa, assistenza tecnica e sostegno per l’accesso ai finanziamenti. Gli agronomi forniranno sul campo formazione su una buona gestione delle colture e metodi di raccolta ai coltivatori di caffè attraverso il programma Nespresso AAA Sustainable Quality, mentre l'Alleanza garantirà materiale di semina sano. L'iniziativa si concentrerà sullo sviluppo della capacità dei coltivatori di caffè per soddisfare i requisiti di qualità dell'acquirente. Devastato da lunghi decenni di conflitti, il Sud-Kivu offre condizioni naturali ottimali per la produzione del caffè, in particolare di qualità Arabica. La gamma Kahawa ya Congo di Nespresso proviene da terreni vulcanici ricchi di pioggia lungo le rive del Lago Kivu.  [CN]
  • Repubblica Congo Free

    Abu Dhabi annuncia investimenti nel petrolio

    REP CONGO - Abu Dhabi oil company, la compagnia petrolifera nazionale dell’emirato, investirà nello sviluppo del petrolio in Repubblica del Congo, ha detto ai giornalisti una fonte presidenziale. Le prime discussioni sul tema si sono svolte all’inizio di questa settimana durante la visita del presidente Denis Sassou Nguesso ad Abu Dhabi. La Repubblica del Congo, che assumerà la presidenza dell’Organizzazione dei Paesi produttori ed esportatori di petrolio (Opec) nel 2022, possiede riserve petrolifere stimate in 2,9 miliardi di barili e deve gran parte della sua economia a questo settore. [TM]
  • Camerun Free

    Verso un calo della produzione di cacao

    CAMERUN - La produzione di cacao del Camerun potrebbe diminuire durante la stagione 2021-2022. Lo si apprende dal test di previsione economica, documento trimestrale di carattere prospettico sulla zona di Cemac (Camerun, Repubblica Centrafricana, Congo, Gabon, Guinea Equatoriale e Ciad), della Banca degli Stati dell’Africa Centrale (Beac). “L’aumento della produzione di cacao del 12% nel 2020/2021 (292.471 tonnellate) rispetto al 2019/2020 (257.374 t) è una performance che potrebbe non essere eguagliata nel 2021/2022”, indica la Banca regionale. Tra le motivazioni, il  “fenomeno del riposo vegetativo”, ma anche il persistere dell’insicurezza nel Sud-Ovest, una delle principali aree di produzione del Camerun. Assieme al Nord-Ovest, il Sud-Ovest è teatro di un conflitto tra i ribelli separatisti anglofoni e il governo centrale. Secondo il piano di rilancio del settore, il Camerun mirava a raggiungere le 600.000 tonnellate all’anno entro il 2020. Ma il Paese fatica ancora a raggiungere anche solo la metà di questa proiezione. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Frutto di una partnership con Ethiopian Airlines, nasce...

    REP DEM CONGO - Si chiamerà Air Congo, la nuova compagnia aerea nazionale che la Repubblica Democratica del Congo (RDC) si sta preparando a costituire "nei prossimi giorni", ha rivelato il ministero dei Trasporti sul proprio account Twitter. Il nuovo vettore aereo è il risultato di un memorandum d'intesa firmato nel settembre 2021 ad Addis Abeba tra la Repubblica Democratica del Congo e la compagnia etiope Ethiopian Airlines, dando luce a una joint venture in cui la prima deterrebbe il 51% delle quote di partecipazione. "Air Congo dovrà nascere nei prossimi giorni in RDC con velivoli di qualità", si legge sull’account Twitter del ministero congolese, secondo il quale, sempre nell’ambito della partnership con Ethiopian Airlines, quest’ultima consegnerà "almeno sette aerei come parte della joint venture". "L'apertura del territorio nazionale è la base essenziale per lo sviluppo economico e sociale, in particolare attraverso il potenziamento del trasporto aereo in condizioni ottimali di sicurezza e protezione. È in questo contesto che colloco la mia strategia di partnership con Ethiopian Airlines", aveva dichiarato a settembre il ministro dei Trasporti congolese, Cherubin Okende Senga, firmando il memorandum d’intesa ad Addis Abeba. Forte di una flotta di quattro aerei, Congo Airways era finora la compagnia di bandiera statale della RDC e offriva anche voli regionali per Johannesburg, Douala e Cotonou. [CN]
  • Camerun Free

    Fondi a dono dal Giappone per la conservazione del...

    CAMERUN - Il governo di Tokyo ha annunciato di voler offrire sette miliardi di franchi Cfa, più di 10 milioni di euro, ai pescatori di Kribi e Youpwé per aiutarli a risolvere le difficoltà legate alla conservazione del pesce fresco e alla mancanza di attrezzature adeguate. L’annuncio è stato dato dall’ambasciatore giapponese in Camerun Tsutomu Osawa durante un incontro con il ministro dell’Allevamento, della pesca e delle industrie animali, il dottor Taiga. “Il Giappone attribuisce grande importanza alla cooperazione nel settore della pesca e ha deciso di finanziare due progetti a Kribi e Douala. Speriamo che questo supporto sia molto vantaggioso per le popolazioni", ha rivelato il diplomatico giapponese. Nel 2017 è stato firmato un accordo tra Camerun e Giappone per l’ammodernamento del mercato ittico Youpwè di Douala. [CC]