Etiopia

Azienda calzaturiera comincia a esportare nel mercato italiano

ETIOPIA – La società etiopica Andrea Shoes, specializzata nella produzione di articoli in pelle e basata nel parco industriale di Dire Dawa, ha cominciato a esportare i propri prodotti nel mercato italiano.

A segnalarlo sono i media locali, dai quali si apprende che il primo lotto esportato in Italia consisteva in oltre 18.600 paia di scarpe che hanno generato ricavi per circa 80.000 dollari.

In base alle informazioni rese note, Andrea Shoes ha investito 750 milioni di dollari per realizzare nel parco industriale di Dire Dawa un sito produttivo che è stato inaugurato lo scorso anno. Durante il suo primo ciclo di attività produttiva, l’azienda ha creato occupazione totale per più di 200 dipendenti, ma sta intraprendendo un’ulteriore fase di espansione che mira a creare 450 ulteriori nuovi posti di lavoro.

Andrea Shoes produce scarpe in pelle per donna, borse e altri articoli in pelle e intende espandere il proprio mercato in altri Paesi dell’Europa e del Nord America. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Tanzania Free

    Obiettivo aumentare la produzione di anacardi

    TANZANIA - La Tanzania punta ad aumentare la produzione di anacardi distribuendo circa 15 milioni di piantine del raccolto agli agricoltori.

    A segnalarlo sono i media locali, precisando che l'iniziativa è volta ad aumentare la produzione del raccolto dalle attuali 300.000 tonnellate annue a 700.000 tonnellate all'anno entro il 2030.

    Secondo Francis Alfred, direttore generale ad interim del Cashewnut Board of Tanzania, ha affermato che le piantine saranno distribuite gratuitamente agli agricoltori per incoraggiarli ad aumentare la produzione del raccolto.

    "È possibile aumentare la produzione del raccolto se gli agricoltori migliorano le aree di coltivazione del raccolto", ha sostenuto Alfred, aggiungendo che gli agricoltori saranno anche formati sulle migliori pratiche di coltivazione del raccolto. [MV]

  • Kenya Free

    Azienda di Dubai vuole raddoppiare importazioni di...

    KENYA - Armela Farms, azienda specializzata nella produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari con sede a Dubai, ha annunciato che intende raddoppiare la quantità di frutta e verdura che importa dal Kenya, stipulando nuovi accordi di fornitura con i produttori locali. L’obiettivo è portare il volume degli acquisti a 5 tonnellate a settimana rispetto alle attuali 2,5 tonnellate, aggiungendo anche spinaci, avocado e fragole ai prodotti ortofrutticoli già in vendita nei supermercati e nei ristoranti di Dubai. L’azienda prevede di sfruttare l'Expo in corso a Dubai fino a marzo 2022 per trovare nuovi partner nel Paese africano. [SS]
  • Kenya Free

    Nakuru è diventata la quarta città del Paese

    KENYA - Il presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ha ufficialmente riconosciuto lo status di città a Nakuru, rendendo questo centro urbano della Rift Valley la quarta città del Paese dopo Nairobi, Mombasa e Kisumu. Il Capo dello Stato ha anche lanciato la rinnovata linea ferroviaria Nakuru-Kisumu e un progetto di alloggi a prezzi accessibili. “La città di Nakuru si unirà a Kisumu, Mombasa e Nairobi e con la reputazione di essere la città più pulita dell'Africa orientale, tutto il Kenya non vede l'ora che Nakuru cresca a passi da gigante", ha detto Kenyatta. La città conta oggi 367.183 abitanti. [SS]
  • Etiopia Free

    Bombardata la centrale elettrica di Tekeze

    ETIOPIA - L’aviazione etiope ha bombardato e distrutto la centrale idroelettrica di Tekeze, un impianto strategico  con capacità di produzione di 300 megawatt che serve diverse aree del Tigray, in Etiopia, che, di conseguenza, potrebbero assistere a blackout senza precedenti nei prossimi due mesi. Velivoli etiopi hanno colpito l’infrastruttura nell’ambito delle operazioni di contenimento delle forze di difesa del Tigray. Getachew Reda, il portavoce delle Forze di difesa del Tigray, ha confermato la distruzione della diga di Tekeze, che serve in parte nelle regioni limitrofe di Afar e Amhara. “Il morente regime di Abiy Ahmed nelle prime ore del mattino del 30 novembre ha bombardato la diga idroelettrica di Tekeze – ha detto -. Che il regime di Addis Abeba farà il possibile per distruggere tutto ciò che potrebbe avvantaggiare il popolo del Tigray è ormai chiaro”. La distruzione fa seguito all’interruzione della rete elettrica e di quella delle telecomunicazioni a seguito della distruzione di numerose infrastrutture nel nord dell’Etiopia dall’inizio della guerra nel novembre 2020. Le forze armate federali hanno lanciato un’offensiva contro le milizie tigrine che, nei mesi scorsi, sembravano aver preso l’iniziativa nei combattimenti. Fonti indipendenti hanno confermato la ripresa da parte dei militari di Addis Abeba della storica città di Lalibela. Gli etiopi hanno lanciato un’importante serie di offensive per riconquistare anche Gashena, Arbit, Dubko, Molale, Mezezo, Degolo, Were Ilu, Aketsa e Shewa Robit. L’Aeronautica militare è stata coinvolta in queste operazioni. [EC]
  • Etiopia Free

    Al via sistema nazionale di ricevute di deposito

    ETIOPIA - Il ministero del Commercio e dell'Integrazione Regionale ha lanciato ufficialmente il Sistema nazionale di ricezione dei magazzini (WRS), che stabilisce il quadro normativo legale per l'autorizzazione e la supervisione dei magazzini autorizzati a immagazzinare i prodotti degli agricoltori locali e di altri attori della catena del valore.

    A darne notizia sono i media locali, sottolineando come il sia stato lanciato 18 anni dopo l'entrata in vigore del provvedimento legislativo che ne prevedeva l'istituzione, la Warehouse Receipt System Proclamation del 2003.

    “Modernizzare il sistema di commercializzazione nel settore agricolo, migliorare la qualità dei prodotti e ridurre gli sprechi, nonché migliorare l'accesso ai finanziamenti sono lavori necessari per aumentare la produttività - ha detto il ministro di Stato del Commercio, Endalew Mekommen - A questo proposito, l'esperienza di molti Paesi ha dimostrato che il Warehouse Receipt System è un sistema moderno per ridurre i problemi nel sistema commerciale e per gli agricoltori, nonché per creare una migliore offerta finanziaria per i produttori agricoli".

    L'organismo di regolamentazione del WRS sarà istituito presso il ministero del Commercio e avrà il compito di supervisionare lo sviluppo del sistema di ricevimento di magazzino e rilasciare un certificato di idoneità agli operatori di magazzino, agli ispettori e ai certificatori dei prodotti agricoli.

    Attraverso il sistema WRS, gli agricoltori e altri depositanti potranno preservare i loro prodotti dagli alti livelli di perdita post-raccolta di cui soffre attualmente l'agricoltura etiope. Inoltre, lo schema migliorerà la qualità e la sicurezza dei prodotti immagazzinati e, accedendo al credito bancario garantito dalle garanzie sulle merci immagazzinate, eviterà la vendita in difficoltà subito dopo il raccolto, quando i prezzi tendono a essere più bassi. Inoltre, il WRS aiuterà l'intera catena del valore a superare i vincoli di capitale circolante per accedere in modo più efficiente e aggregare le materie prime, un requisito chiave per aiutare l'Etiopia a realizzare la sua visione di valore aggiunto attraverso l'industrializzazione agricola. [MV]

  • Kenya Free

    Intesa tra Associazione Caffè Trieste e ministero...

    KENYA - Si propone di sviluppare la filiera produttiva del caffè il memorandum d'intesa siglato dall'Associazione Caffè Trieste con il ministero dell'Agricoltura, della fauna, della pesca e della cooperazione del Kenya.

    A renderlo noto è stata la stessa Associazione Caffè Trieste, precisando che l'intesa è stata firmata dal suo presidente Fabrizio Polojaz e del suo vicepresidente Massimiliano Fabian con il ministro dell'Agricoltura keniano Peter Munya.

    Obiettivo principale è favorire la conoscenza del prodotto caffè e sua comunicazione sul mercato italiano, ma anche realizzare missioni in loco per far dialogare gli operatori italiani con i produttori e aprire un canale commerciale per macchinari e attrezzature di settore di produzione italiana. 

    Il dialogo tra le parti è stato favorito e supportato dallo studio legale Bergs&More nella persona della dott.ssa Rita Ricciardi che, insieme ai rappresentanti delle due parti, sarà membro del Comitato di gestione per l’attuazione degli obiettivi condivisi.

    Secondo le informazioni rese note, questo progetto di collaborazione concreta con il Kenya rientra inoltre nelle attività previste per celebrare il 130° anniversario della fondazione dell’Associazione Caffè Trieste.