Angola

Luanda aspira a diventare il secondo produttore di diamanti al mondo

ANGOLA – I diamanti come seconda fonte di esportazione e di valuta estera dell’Angola contribuiranno alla ripresa e allo sviluppo economico, sia come fattore di occupabilità che per la riscossione delle entrate fiscali.

(182 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Fitch rivede al rialzo il rating, prospettive stabili

    ANGOLA - L'agenzia di rating internazionale Fitch ha aggiornato il suo giudiziodi lungo termine sulle emissioni in valuta estera dell'Angola da CCC a B- con prospettive stabili.

    A segnalarlo sono i media locali, precisando che Fitch prevede un'espansione del 2,1% per l'economia angolana quest'anno dopo lo 0,1% registrato nel 2021.

    "C'è stato un sostanziale miglioramento delle metriche esterne e fiscali, supportato da un ritorno a una crescita economica positiva, una buona gestione fiscale e un aumento del prezzo del petrolio", scrivono gli analisti di Fitch. 

    "I prezzi del petrolio si sono ripresi in modo significativo dall'inizio della pandemia covid-19 e la probabilità di scenari negativi legati ai mercati petroliferi è diminuita rispetto a settembre 2020, quando abbiamo abbassato il rating a CCC, o rispetto a settembre 2021, quando abbiamo mantenuto il rating CCC", prosegue ancora la nota diffusa da Fitch Ratings. 

    Secondo i calcoli degli analisti, il rapporto tra debito pubblico e prodotto interno lordo sarebbe dovuto scendere al 78,5 per cento a fine 2021, il che rappresenta, ammettono, "un miglioramento significativo rispetto alla previsione di 126,9 percentuale realizzata a settembre 2020 e ben al di sotto del 123,8 per cento del PIL nel 2020". 

    Il rapporto debito/PIL, uno degli indicatori più seguiti dagli investitori internazionali per misurare la capacità del Paese di onorare gli impegni finanziari, dovrebbe scendere ulteriormente, al 74,8% del PIL nel 2022 e al 73% nel prossimo anno, "a seguito dell'aumento nominale del PIL (che è aumentato del 32,4 per cento nel 2021, riflettendo in parte i prezzi del petrolio), una stabilizzazione della valuta locale, con il precedente deprezzamento che è stato un motivo importante per l'aumento del debito negli anni precedenti , a causa del debito in valuta estera pari al 70% del totale e del continuo impegno per il risanamento fiscale. Nonostante la forte riduzione del rapporto debito/PIL, l'Angola rimane al di sopra dei paesi che Fitch classifica nella scala B degli investimenti, che hanno una media del 68 per cento del PIL, avvertono anche gli analisti nella nota, che conclude che la spesa sarà rimangono relativamente stabili in relazione al PIL, anche se il governo "eviterà un ulteriore consolidamento fiscale alla vigilia delle elezioni del 2022". 

    Il rating di B-, che rappresenta un incremento di due livelli rispetto al CCC precedentemente assegnato da Fitch Ratings, significa che gli analisti ritengono che, nonostante il credito sia altamente speculativo, il Paese ha la capacità di far fronte ai propri impegni finanziari, ed è cinque investimenti gradi (da BBB-). [MV]

  • Sudafrica Free

    Ramaphosa assicura una transizione energetica giusta

    SUDAFRICA - Il Sudafrica deve avviare una "transizione energetica giusta" per stimolare maggiori investimenti e superare le dannose carenze di elettricità: lo ha detto il presidente Cyril Ramaphosa nel corso del Comitato esecutivo nazionale dell'African National Congress (Anc). "Continueremo a perseguire un mix energetico che includa energie rinnovabili, il gas come fattore di transizione, il nucleare a un ritmo che il nostro Paese può permettersi, oltre a esplorare la cattura del carbonio e l'utilizzo di tecnologie", ha precisato il presidente. Ramaphosa ha quindi ribadito l’impegno del governo per ristrutturare l’agenzia statale Eskom e garantire la sicurezza energetica, a fronte delle continue interruzioni registrate lo scorso anno che danneggiano l'economia più industrializzata dell'Africa: “I piani in atto per ristrutturare Eskom e far fronte al suo debito insostenibile devono essere attuati nei tempi previsti in modo da aiutare a rafforzare la gestione pubblica della rete elettrica nazionale e a sbloccare gli investimenti pubblici e privati ​​tanto necessari per la capacità di generazione di elettricità".  [SS]
  • Malawi Free

    Sciolto il governo per accuse di corruzione

    MALAWI – Il presidente Lazarus Chakwera ha annunciato di aver sciolto tutto il governo per consentire a tre ministri e ad altri funzionari sospettati di corruzione di rispondere alle accuse. In un discorso alla nazione, il capo dello Stato ha assicurato che un nuovo esecutivo verrà nominato nei prossimi giorni. I ministri coinvolti sono quelli del Territorio, Kezzie Msukwa, sospettato di aver beneficiato di accordi fondiari che vedono coinvolto un uomo d'affari malawiano con sede nel Regno Unito; quello del Lavoro, Ken Kandodo, a cui è stata contestata l’accusa di aver dirottato fondi stanziati per la lotta al Covid-19; e quello dell'Energia, Newton Kambala accusato di ingerenze nell’assegnazione degli accordi sull’importazione di carburante. Il Malawi è uno dei Paesi più poveri al mondo, con quasi tre quarti della popolazione che vive con meno di due dollari al giorno. [SS]
  • Mozambico Free

    Tempesta tropicale Ana tocca terra

    MOZAMBICO - La prima tempesta tropicale della stagione degli uragani dell'Oceano Indiano sudoccidentale 2021/2022 ha toccato terra stanotte avendo raggiunto le cose del Mozambico.

    Denominata 'Ana' dai meteorologi, la tempesta ha già attraversato il Madagascar dove ha causato importanti inondazioni e smottamenti e sono state registrate almeno tre vittime.

    Le immagini satellitari al momento della stesura di questo articolo mostrano un sistema in intensificazione. L'approdo della tempesta è avvenuto non ontano da Angoche, dove si segnalano raffiche fino a 120 km/h. Sono previste precipitazioni significative nelle province mozambicane di Nampula, Quelimane settentrionale e Sofala, incluso anche il Malawi meridionale. [MV]

  • Angola Free

    Aziende emiratine interessate a investire nel settore...

    ANGOLA - Due aziende emiratine che operano nel settore alberghiero, il gruppo Rotana e Deutsche Hospitality, hanno reso noto di essere interessate a investire in Angola.

    A darne notizia sono i media angolani, che riportano la notizia di una serie di incontri avuti dall'ambasciatore del governo di Luanda ad Abu Dhabi, Albino Mualungo, con i rappresentanti delle due aziende.

    Secondo una nota diffusa dall'Ambasciata angolana negli Emirti Arabi Uniti, Mualungo ha garantito di avviar avviato "contatti con gli enti nazionali preposti affinché si concretizzi l'intenzione espressa da uomini d'affari legati al settore alberghiero negli Emirati di stabilire partenariati e investimenti nel mercato angolano". 

    Il gruppo Rotana è stato creato nel 1992 da una partnership tra gli imprenditori Nasser Al Nowis e Selim El Zyr. Attualmente è una delle principali società di gestione alberghiera in Africa, Medio Oriente, Europa orientale e Turchia.

    Deutsche Hospitality è "il marchio generale della società alberghiera tedesca Steigenberger Hotels AG, membro del Gruppo Huazhu dal 2020. Il gruppo è stato fondato da Albert Steigenberger nel 1930 ed è stato gestito come azienda familiare dai discendenti del fondatore, morto a 1958", si legge nella nota, aggiungendo che nel gennaio dello scorso anno il portafoglio del gruppo comprendeva "un totale di circa 150 hotel in tre continenti, di cui oltre 30 in costruzione o pianificazione". [MV]

  • Angola Free

    Business forum Ue-Angola il 24 marzo a Bruxelles

    ANGOLA – Si terrà il prossimo 24 marzo a Bruxelles, in formato misto, il business forum tra Unione europea e Angola. L’annuncio è arrivato al termine dell’incontro tra l’ambasciatore dell’Ue a Luanda, Jeannette Seppen, e il presidente del Consiglio di amministrazione dell'Agenzia per gli investimenti privati e la promozione delle esportazioni (Aipex), António Henriques, dopo che già nei mesi scorsi era stata annunciata l'intenzione di tenere a marzo l'incontro. “Questo business forum è una prova inequivocabile che la comunità europea crede nelle politiche, nella crescita e nel futuro dell'Angola”, ha detto Seppen, precisando che all'incontro, volto ad attrarre e a rafforzare gli investimenti in Angola, saranno presenti imprenditori dei 27 Stati membri dell’Ue. Il vicedirettore dell'Ufficio di cooperazione dell'Ue, Isabel Emerson, ha aggiunto che l’Ue sta negoziando con il governo angolano un accordo per facilitare gli investimenti sostenibili, “semplificando le regole per attrarre investimenti nel Paese”. Sarà il primo accordo del suo genere ad essere firmato tra un Paese e l’Ue, poiché normalmente accordi di questa natura sono sottoscritti a livello regionale. A sua volta, Henriques ha rimarcato come il rapporto tra Ue e Angola sia "positivo e in crescita", a fronte di oltre 680 milioni di dollari investiti negli ultimi tre anni dall’Ue in 89 progetti. Una cifra, ha aggiunto, che non rispecchia “il potenziale economico e finanziario della comunità europea”. Per questo, ha concluso Henriques, il business forum di marzo sarà “un'ottima opportunità per attrarre investimenti, finanziamenti e formare partenariati. Ci stiamo organizzando insieme ai nostri imprenditori per sfruttare al meglio questo forum”. [SS]