Tunisia

Porta dell’Africa, la Tunisia si presenta a Milano

TUNISIA – “L’Italia è uno dei principali partner della Tunisia: sono più di 900 le imprese italiane presenti che impiegano oltre 70.000 persone, principalmente nel settore tessile, nell’industria elettrica, elettronica e meccanica, ma anche nell’agroalimentare e nell’industria calzaturiera”. Gli ultimi numeri di questa collaborazione tra Italia e Tunisia lì dà ad Africa e Affari, Abdelbasset Ghanmi, Direttore generale di Fipa, l’Agenzia per la promozione degli investimenti esteri. Dati che arrivano a pochi giorni dall’organizzazione a Milano di un evento dal titolo “Tunisia: la porta per l’Africa” promosso dalla stessa Fipa in collaborazione con l’Ambasciata di Tunisia a Roma, Promos Italia e la Camera di commercio italo-tunisina (Ctici).

“Al di là di questa presenza già significativa – aggiunge il Direttore di Fipa facendo riferimento a uno dei motivi alla base dell’iniziativa milanese – vogliamo sottolineare come la Tunisia rappresenti oggi anche un punto di snodo verso altri mercati europei, verso il Medio oriente e verso i mercati africani, in particolare grazie a Comesa, il Mercato comune dell’Africa orientale e australe di cui Tunisi fa parte e che comprende Paesi per una popolazione totale di 625 milioni di persone”. Un fattore a cui si aggiunge l’implementazione progressiva dell’Area di libero scambio continentale cui la Tunisia ha aderito: “Anche in considerazione delle relazioni esistenti tra i nostri due Paesi, la Tunisia è oggi il luogo privilegiato per le imprese italiane che cercano operatività nel resto del continente africano”.

“La paralisi dell’economia mondiale dovuta alla pandemia – dice a sua volta ad Africa e Affari Moez Sinaoui, Ambasciatore di Tunisia a Roma – ci ha dimostrato la rilevanza della nozione di prossimità tra produzione e sbocco commerciale. In questa prospettiva, il Mediterraneo e la Tunisia in particolare – quale ponte fra Europa e Africa – hanno riconquistato la loro importanza strategica per le aziende europee”. Questi alcuni dei motivi che rendono la Tunisia un partner ideale per le imprese italiane. “In questa ottica – prosegue l’Ambasciatore – la Tunisia costituisce una scelta che offre molti vantaggi comparati: è un Paese in transizione democratica, vicino geograficamente, forte di un elevato grado di professionalità delle maestranze, di una economia liberale, che ha bisogno dei suoi partner per riprendere la sua corsa verso la crescita economica, in un’ottica di partenariato win-win, vantaggioso per tutti”.

L’incontro di Milano, ricorda infine l’Ambasciatore Sinaoui, è il primo faccia a faccia dopo il lockdown, il segnale “che l’attività economica e commerciale tra Italia e Tunisia non si è mai interrotta, che sta riprendendo con forza e rappresenta un’occasione per fare il punto sui nuovi spazi di collaborazione tra i nostri due Paesi”.

L’evento di Milano è in programma nella mattina di giovedì 9 dicembre al Palazzo delle Stelline, Corso Magenta, 61. Saranno presenti sia il Direttore di Fipa, Ghanmi, sia l’Ambasciatore Sinaoui. Interverranno anche Alan Christian Rizzi, Sottosegretario con delega ai rapporti con le delegazioni internazionali della Regione Lombardia; Federico Bega, Chief strategy officer di Promos Italia; Carlo Napoleoni, Responsabile divisione imprese di Banca Iccrea; Mourad Fradi, Presidente della Camera di Commercio e dell’industria tuniso-italiana; Francesco Tilli, Chief international relations officer di Simest Italia. Seguiranno gli interventi dei responsabili di imprese italiane e tunisine. A moderare l’incontro Gianfranco Belgrano, direttore editoriale di Africa e Affari.

Per maggiori informazioni, cliccare qui.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Marocco Free

    Veicoli elettrici, Greenland si insedia nel mercato...

    MAROCCO - Il gruppo cinese Greenland Technologies Holding Corporation, che sviluppa e produce veicoli industriali completamente elettrici, ha scelto il Marocco come primo passo della sua strategia di insediamento in Africa. È stato firmato un accordo di distribuzione in Marocco del valore di mercato potenziale compreso tra  5 e 8,4 milioni di dollari. Elive Maroc detiene il diritto esclusivo di commercializzare e vendere i veicoli industriali elettrici del gruppo cinese in Marocco. “Questo accordo pianta la bandiera di Greenland Technologies in Africa, un continente in cui prevediamo di espanderci man mano che ampliamo la nostra gamma di veicoli industriali elettrici”, ha affermato Raymond Wang, Ceo della Greenland. Ha giustificato la scelta del Marocco come prima tappa della costituzione del gruppo specificando che il mercato marocchino è “vantaggioso” e pronto per l’elettrificazione dei veicoli commerciali grazie ai bassi costi dell’energia elettrica, mantenuti a 0,116 dollari al kWh, bene inferiori a quelli del diesel. “Non avremmo potuto strutturare un accordo migliore e speriamo che serva da modello per accelerare la nostra crescita delle vendite globali”, ha concluso, secondo un comunicato dell’azienda. [CC]
  • Marocco Free

    Allo studio due nuove linee ferroviarie ad alta velocit...

    MAROCCO - Il governo di Rabat intende costruire due nuove linee ad alta velocità in modo da estendere la rete ferroviaria ad altre 20 località in Marocco entro il 2040.

    A segnalarlo sono i media locali, dai quali si apprende che l'Ufficio nazionale delle ferrovie del Marocco (ONCF) ha reso noto un piano di sviluppo che prevede la realizzazione di una linea tra Marrakech ad Agadir, mentre la seconda tratta prevista riguarda l'estensione fino a Marrakech dell'attuale linea ad alta velocità tra Tangeri e Casablanca, inaugurata a novembre 2018.

    Il ministro dei Trasporti marocchino Mohamed Abdeljalil, in un'audizione parlamentare, ha indicato che lo sviluppo di queste due infrastrutture è attualmente una priorità per il governo di cui fa parte, aggiungendo che i progetti richiederanno un investimento di circa 10 miliardi di dollari che sono attualmente in fase di mobilitazione.

    Il "Piano di sviluppo delle infrastrutture ferroviarie nazionali" dell'ONCF, secondo quel che viene riportato dai media marocchini, fissa una tabella di marcia entro il 2040 per la realizzazione di 1.300 km di linea ad alta velocità e 3.800 km di ferrovia convenzionale. 

    Secondo le autorità marocchine, questi progetti permetteranno di stabilire una migliore interconnessione tra il nord e il sud del Paese per aprire le regioni meridionali e rivitalizzare l'economia e il turismo. [MV]

  • Algeria Free

    Banca centrale conferma agricoltura unico settore in...

    ALGERIA - La Banca centrale d'Algeria ha confermato che nel 2021 l'agricoltura ha registrato un calo della crescita  rispetto a tutti gli altri settori economici che hanno già iniziato la loro ripresa rispetto al 2020, anno in cui la pandemia di COVID-19 ha causato la paralisi nazionale per le conseguenze della crisi sanitaria sulla situazione economica e finanziaria del Paese .

    A segnalarlo sono i media locali, citando una nota sulla situazione economica prodotta dalla Banca d'Algeria per studiare l'evoluzione dell'andamento finanziario e monetario del Paese durante i primi sei mesi dell'anno scorso.

    Secondo la Banca centrale, "la ripresa dell'attività economica nazionale, iniziata nel primo trimestre 2021 (+2,0%), è proseguita nel secondo trimestre 2021 raggiungendo così una crescita apprezzabile del 6,4% a fronte di una forte contrazione del 10,3% nel secondo trimestre 2020”.

    Il documento rileva inoltre che questa "crescita del PIL reale è correlata all'aumento di quasi tutti i principali settori dell'economia nazionale tranne quello dell'agricolturaa che ha mostrato una leggera flessione dello 0,3% nel secondo trimestre del 2021 rispetto a una crescita dell'1,4% nello stesso periodo dell'anno precedente”.

    La Banca centrale algerina ha sottolineato che “questo calo è stato causato da condizioni climatiche sfavorevoli”. La stessa fonte riporta infine che "escludendo gli idrocarburi, la crescita del Pil ha raggiunto il 6,1% nel secondo trimestre del 2021 contro un forte calo dell'11,5% nel secondo trimestre dell'anno precedente". [MV]

  • Tunisia Free

    Fondi dalla Germania per riforme nel settore bancario

    TUNISIA - Un prestito di 100 milioni di euro (circa 287 milioni di dinari tunisini) sarà erogato dalla Germania nei prossimi giorni per sostenere le riforme nel settore bancario e finanziario in Tunisia. Come riferisce la stampa locale, lo ha annunciato l’ambasciatore tedesco a Tunisi, Peter Prüge, durante un incontro con la ministra delle finanze tunisina Sihem Nemsia. Le medesime fonti precisano che questo esborso fa parte di un accordo di prestito firmato nel 2020 tra la Tunisia e la Banca tedesca di sviluppo (KfW) al fine di migliorare l’accesso al finanziamento per le piccolissime, piccole e medie imprese. [VGM]
  • Algeria Free

    Incontro con inviato britannico per rilanciare...

    ALGERIA - Il ministro dell’Energia e delle Miniere dell’Algeria Mohamed Arkab, ha ricevuto ad Algeri l’inviato speciale del primo ministro britannico incaricato di promuovere la partnership economica con l’Algeria, Richard Risby, con il quale ha discusso della cooperazione e del partenariato tra i due Paesi nel settore degli idrocarburi e in quello minerario. Nel corso dell’incontro le due parti hanno discusso dei rapporti di cooperazione e partnership tra i due Paesi nel campo degli idrocarburi, definiti “molto buoni”, nonché delle prospettive offerte dal settore minerario. Secondo il racconto dei media, Arkab ha fornito una panoramica generale della politica energetica algerina e del nuovo quadro normativo che disciplina le attività degli idrocarburi, che presenta numerose agevolazioni e vantaggi per gli investitori, ponendo particolare enfasi sulle opportunità offerte. [GT]
  • Marocco Free

    Passi avanti nella digitalizzazione dell’anagrafe

    MAROCCO - Il ministero dell’Interno del Marocco ha appena indetto un bando per la digitalizzazione di oltre dieci milioni di atti d’anagrafe negli uffici di stato civile di 21 prefetture e province. Si tratta di un passo avanti nel processo di digitalizzazione dell’amministrazione del Paese. Il primo lotto riguarda oltre 2,68 milioni di atti nelle prefetture e distretti di Casablanca, Casablanca-Anfa, El Fida-Mers Sultan, Ain Sebaa, Hay Mohammadi, Hay Hassani, Ain Chock, Sidi Bernoussi, Ben M’sick, Moulay Rachid, Mohammedia, Nouaceur, Mediouna, Benslimane, Berrechid e Sidi Bennour. Il secondo lotto copre le prefetture di Settat e El Jadida con oltre 2,63 milioni di documenti di stato civile, mentre il terzo lotto comprende oltre 2,79 milioni di documenti amministrativi di stato civile a Fez e Meknes. Il quarto lotto ha più di 2,68 milioni di atti a Taounate e Taza. I quattro lotti riguardano perciò un totale di oltre 10,79 milioni di atti civili da digitalizzare. L’obiettivo è la costituzione di banche dati elettroniche centralizzate dello stato civile. [CC]