Egitto

Idrocarburi, Eni si aggiudica cinque licenze esplorative in Egitto

EGITTO – Il gruppo energetico italiano Eni si è aggiudicato dal ministero del Petrolio egiziano cinque nuove licenze esplorative, quattro delle quali in qualità di operatore, nell’offshore e onshore egiziano, a seguito della positiva partecipazione al bando “Egypt International Bid Round for Petroleum Exploration and Exploitation” 2021 precedentemente annunciato dalla Egyptian General Petroleum Corporation e dalla Egyptian Natural Gas Holding Company attraverso l’Egypt Exploration and Production Gateway.

A renderlo noto è stata la stessa Eni, precisando che le licenze si trovano nel Mediterraneo Orientale (Blocco “EGY-MED-E5” in partnership con BP 50%-50% e Blocco “EGY-MED-E6” IEOC 100%), nel Golfo di Suez (Blocco “EGY-GOS-13” IEOC 100%) e nel Deserto Occidentale (Blocchi “Egy-WD- 7” in partnership con APEX 50%-50% e “EGY-WD-9” IEOC 100%) con una superficie totale di circa 8.410 kmq.

Le licenze sono collocate all’interno di bacini prolifici con un contesto geologico petrolifero collaudato in grado di generare idrocarburi liquidi e gassosi, e possono contare anche su impianti di produzione e lavorazione vicini, oltre a un mercato esigente che consentirà una rapida valorizzazione delle potenziali scoperte esplorative.

Secondo quel che viene reso noto, questi risultati sono in linea con la strategia di Eni di continuare a esplorare e produrre gas per sostenere il mercato interno egiziano e contribuire all’esportazione di GNL, grazie al recente riavvio dell’impianto di GNL di Damietta.

Eni è presente in Egitto dal 1954 ed è attualmente il principale produttore del Paese con una produzione equity di idrocarburi pari a circa 350.000 barili di petrolio equivalente al giorno.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Marocco Free

    “MoroccoTech”, marchio per promuovere settore...

    MAROCCO - Il ministro delegato alla transizione digitale e alla riforma amministrativa del Marocco, Ghita Mezzour, ha annunciato il lancio di “MoroccoTech”, un marchio nazionale per promuovere il settore digitale marocchino. Secondo i media, il “MoroccoTech” mira da un lato a posizionare il Marocco come una destinazione digitale a livello internazionale, dall’altro a creare una dinamica globale che andrà a beneficio di tutti gli ecosistemi marocchini nella loro trasformazione digitale. “Questa iniziativa – spiega un comunicato – è il risultato di un approccio di partenariato ‘pubblico-privato’ e di un movimento di mobilitazione e unificazione dei vari attori dell’ecosistema digitale marocchino”. [GT]
  • Egitto Free

    Asfalto, annunciato aumento produzione del 50 per cento

    EGITTO - Il ministro del Petrolio e delle risorse minerarie Tarek al-Molla ha annunciato che la produzione locale di asfalto verrà aumentata del 50% per soddisfare la domanda del National roads project attualmente in fase di attuazione e per ridurre le quantità di importazione. Il programma National roads project è stato lanciato nell’agosto 2014 dal presidente Abdel Fattah al-Sisi e che mira a creare nuove strade per 3.300 km di lunghezza per un costo totale di circa 36 miliardi di lire egiziane. Molla ha visitato il cantiere per la realizzazione di tre magazzini per lo stoccaggio del prodotto bituminoso con una capacità complessiva di 9.000 metri cubi. Il ministro ha sottolineato che questi progetti “sono vitali per lo sviluppo di unità di produzione, pilastri principali del progetto nazionale per trasformare l’Egitto in un centro regionale per il commercio di petrolio e gas naturale”. [GT]
  • Algeria Free

    Covid, vaccino Coronavac aspetta Oms per esportazione

    ALGERIA - Il gruppo farmaceutico Saidal, che produce in Algeria il vaccino Coronavac contro il coronavirus, sta aspettando l’arrivo degli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità per convalidare il prodotto e poterlo esportare. Lo ha detto ieri alla radio nazionale Fatoum Akasem, l’amministratrice delegata del gruppo Saidal. Il vaccino algerino è già stato validato dall’Agenzia nazionale per i medicinali, e sarebbe disponibile per l’esportazione verso altri Paesi africani e arabi. Il 13 gennaio scorso il ministero dell’Industria Farmaceutica ha annunciato l’inizio ufficiale della commercializzazione del vaccino da parte del gruppo Saidal. [CC]
  • Egitto Free

    A giugno appuntamento per il settore della ceramica

    EGITTO - Si svolgerà tra il 9 e il 12 giugno prossimi al Cairo presso l'Egypt International Conventions and Exhibitions Center la decima edizione di Ceramica Market.

    Considerato il maggiore appuntamento di riferimento in Africa e nella regione del Medio Oriente per l'industria ceramica, la manifestazione coinvolgerà i seguenti settori: ceramica e porcellana, sanitari, miscelatori e valvole, produzione di vasche e cabine, materie prime, moderne linee di produzione a risparmio energetico, miscelatori, studi di progettazione e altro.

    Per approfondire, è possibile cliccare qui. [MV]

  • Tunisia Free

    Parigi pronta a sostenere Tunisi presso Fmi

    TUNISIA - L’ambasciatore francese in Tunisia, André Baran, ha detto, durante il suo incontro con il ministro degli Affari esteri, Othmen Jerandi, che il suo Paese sosterrà la Tunisia presso il Fondo monetario internazionale (Fmi) e le istituzioni europee. Questo è quanto emerge da un comunicato stampa reso pubblico dal ministero degli Affari esteri, delle Migrazioni e dei Tunisini all’estero, ritrasmesso nel fine settimana dall’agenzia di stampa Tap. L’ambasciatore ha anche espresso la fiducia della Francia nella capacità della Tunisia di preservare il suo processo democratico. Secondo la medesima fonte, la riunione si è concentrata sui modi per rafforzare le relazioni bilaterali, soprattutto nei settori della cooperazione economica e finanziaria, nonché sulle questioni internazionali di interesse comune, ha detto il comunicato. Jerandi, da parte sua, ha salutato il sostegno della Francia alla Tunisia in questa fase delicata, sottolineando la determinazione del presidente Kais Saied di mettere in atto un processo democratico solido che consolidi lo stato di diritto e promuova i diritti e le libertà, attraverso misure che riflettono le aspirazioni del popolo tunisino in termini di giustizia e lotta contro la corruzione. Il ministro ha anche espresso la speranza che la Francia sostenga la Tunisia nel prossimo periodo nei suoi negoziati con i suoi partner e donatori internazionali, riaffermando l’importanza che il governo attribuisce alla realizzazione delle riforme economiche, il miglioramento del clima imprenditoriale e la crescita nonostante le molte sfide. I media locali ricordano che la Tunisia aveva tenuto discussioni con il Fmi nel 2021 per un nuovo prestito in cambio di riforme socialmente difficili progettate per ripulire le sue finanze. Queste riforme includono la riduzione dei sussidi per i beni di prima necessità, la riduzione della massa salariale dello Stato, che impiega 680.000 persone in un paese di 12 milioni di abitanti, e una ristrutturazione di molte aziende pubbliche. [VGM]
  • Egitto Free

    Agenzia ICE promuove partecipazione a fiera Cafex 2022

    EGITTO - L’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane organizza una partecipazione collettiva di aziende italiane alla Fiera CAFEX, che si svolgerà dal 10 al 12 marzo 2022 presso l’Egypt International Exhibition Center del Cairo in Egitto.

    A renderlo noto è stata la stessa Agenzia, ricordando che CAFEX è tra le principali manifestazioni settoriali relative all'hotellerie, alla ristorazione, catering, caffè, gastronomia e bevande.

    Secondo quel che viene reso noto, la partecipazione collettiva italiana alla CAFEX organizzata dall'ICE-Agenzia intende promuovere l’immagine del Made in Italy sul mercato egiziano facilitando i contatti commerciali tra le aziende italiane espositrici e gli operatori locali.

    Le richieste di adesione saranno accolte fino a venerdì 21 gennaio. Per maggiori informazioni, cliccare qui.