Mozambico

Msf, al via stagione cicloni in contesto di crisi

Accesso Completo, Africa Australe, Mozambico MOZAMBICO - In Mozambico è iniziata la stagione dei cicloni, mentre una parte significativa della popolazione della provincia di Cabo Delgado è oggi particolarmente vulnerabile a causa delle violenze e della mancanza di accesso alle cure mediche. A puntare i riflettori sulla crisi in corso nella zona, che potrebbe essere esasperata dall’arrivo dei cicloni, è Medici Senza Frontiere (Msf) tramite una nota nella quale viene ricordato che attacchi ricorrenti e una recente recrudescenza del conflitto, in corso da cinque anni, hanno causato lo sfollamento di migliaia di persone. Msf ricorda che crisi è concentrata nel centro della provincia, in particolare nei distretti di Meluco e Macomia meridionale, dove le autorità locali hanno riportato, nelle ultime settimane, oltre 20 attacchi in 4 villaggi, con 2.800 case danneggiate o distrutte dal fuoco. Dalla fine di gennaio, più di 14.000 persone sono state costrette a lasciare le proprie abitazioni a causa dell’inasprirsi del conflitto e ancora oggi sono alla ricerca di sicurezza e beni di prima necessità. Si tratta del più grande sfollamento degli ultimi mesi secondo l’organizzazione medica. “Gli attacchi violenti e la costante insicurezza in diversi distretti nella parte centrale della provincia di Cabo Delgado hanno spinto migliaia di persone ad abbandonare le proprie abitazioni con le poche cose che riuscivano a portare con sé. Nel frattempo, è iniziata la stagione delle piogge con l’arrivo di un ciclone” dichiara Raphael Veicht, responsabile dell’unità di emergenza di Msf. “Una combinazione molto pericolosa. Le nostre équipe stanno rispondendo a questi nuovi sfollamenti forzati fornendo cure mediche di base e beni di prima necessità. Siamo estremamente preoccupati per la protezione dei civili in questo conflitto acuto e in crescita”, ha aggiunto. Nei giorni scorsi, la tempesta tropicale Ana – la prima della stagione – ha colpito le province mozambicane di Nampula e Tete. La popolazione sfollata a Cabo Delgado sarà estremamente vulnerabile alle future tempeste tropicali perché vivono senza un riparo, acqua pulita o servizi igienici. Le tempeste causano spesso inondazioni, aumentando significativamente il rischio di focolai di malattie trasmissibili e mortali come la malaria o malattie diarroiche. Al centro della provincia di Cabo Delgado, molti sfollati si sono riuniti in piccoli villaggi e città, come Mitambo, Ancuabe e Nanjua, dove le équipe di Msf gestiscono cliniche mobili e hanno distribuito cibo, rifugi e kit igienici a circa 800 famiglie alla fine di gennaio. Tuttavia – precisa Msf – in questi villaggi mancano le infrastrutture di base per sostenere così tante persone, dalla fornitura di acqua pulita e di rifugi, oltre alle difficoltà di accesso alle cure mediche. “A Mitambo, dove gestiamo cliniche mobili e distribuiamo cibo, la situazione si è fatta molto tesa con il continuo arrivo di sfollati”, ha dichiarato Jean-Jacques Mandagot, coordinatore del progetto di Msf, che ha aggiunto che “alcune persone dormono nei campi mentre altre si rifugiano in case con il tetto di paglia abbandonate da chi è fuggito in cerca di un luogo più sicuro. Qualcuno è rimasto solo una notte per poi rimettersi in viaggio verso zone più sicure, altri sono rimasti più a lungo perché non avevano i mezzi per proseguire”. Msf fa sapere che non c’è un centro sanitario fisso nel villaggio di Mitambo, dove mancano infrastrutture di base, come quelle per la distribuzione di acqua potabile, in grado di sostenere una popolazione così grande. Prima i residenti si recavano nel centro di salute di un villaggio vicino, ma con l’attuale insicurezza le persone sono costrette ad andare sempre più lontano, correndo maggiori rischi. Chi non può permettersi gli spostamenti, o non è disposto a correre pericoli, non accede più all’assistenza sanitaria. Di conseguenza, a fine gennaio, le cliniche mobili di Msf a Mitambo erano molto affollate, si apprende dal comunicato. Il 26 gennaio, un villaggio è stato attaccato e si sono sentiti colpi di arma da fuoco da Mitambo, costringendo le persone a spostarsi più a sud, nel villaggio di Maua. Sono centinaia di migliaia le persone colpite dalle violenze nella provincia di Cabo Delgado, aumentate negli ultimi cinque anni. Con l’inizio della stagione delle piogge e dei cicloni, l’impatto di anni di conflitto e l’aggravarsi dell’emergenza umanitaria rendono più importante che mai un accesso sicuro e ampio delle équipe di Msf nell’area per fornire cure mediche a chi ne ha bisogno. “È assolutamente fondamentale che i medicinali e le forniture mediche possano essere importati rapidamente, senza ritardi burocratici, in modo che Msf possa aumentare la sua azione salvavita nella provincia di Cabo Delgado”, avverte Veicht di Msf. [VGM]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Ripartono progetti stradali cruciali

    SUDAFRICA - L’entità stradale South African National Roads Agency Limited (Sanral) ha annunciato un investimento milionario per la ristrutturazione della strada R56 che collega l'Eastern Cape e il KwaZulu-Natal. Questo progetto fa parte dei quattro su cinque contratti di costruzione stradale annullati nel giugno 2022 che sono stati nuovamente assegnati. Secondo Sanral, 65 milioni di dollari saranno investiti nell’ammodernamento della R56, per il quale la società sudafricana Down Touch Investment si è aggiudicata il contratto. Il progetto prevede la riabilitazione, il potenziamento e l'ampliamento della strada da Matatiele al confine del KwaZulu-Natal con l'Eastern Cape, per un totale di circa 38 km. I lavori sul progetto dovrebbero iniziare a marzo e dureranno tre anni e sette mesi, mentre si stima che creeranno più di 500 posti di lavoro e più di 100 piccoli e medi appaltatori locali beneficeranno del progetto. “Questa è una delle strade più critiche del Paese e comprendiamo l'urgenza di prepararci e rispettare gli standard in tempo in modo da ridurre al minimo le interruzioni del traffico. Procureremo la maggior parte dei lavoratori dalle comunità locali. Sono solo le competenze specialistiche che recupereremo altrove", ha affermato l'amministratore delegato di Down Touch Investment Michael Welsh. Nel frattempo, oltre alla R56, Sanral ha riaggiudicato altri tre contratti annullati nel giugno 2022 a seguito di una valutazione della Development Bank of Southern Africa (DBSA). I progetti sono: il ponte Mtentu da quasi 200.000 euro sulla N2 Wild Coast Road, che è stato assegnato alla joint venture CCCC Mecsa; l'interscambio N3 Ashburton da circa 100 milinoi di euro nel KwaZulu-Natal, che è stato assegnato a Base Major / CSCEC JV; e il progetto di miglioramento dell'interscambio EB Cloete, che è stato assegnato a Base Major / CSCEC  JV. L'annullamento dei contratti aveva creato preoccupazioni per l'impatto che avrebbe avuto sull'agenda di sviluppo infrastrutturale del Sudafrica. La direzione di Sanral è stata incaricata dal consiglio di amministrazione di ripubblicare e assegnare circa un miliardi di euro di contratti annullati a maggio entro quattro mesi. “Ci siamo impegnati sia con il presidente Cyril Ramaphosa che con il ministro dei trasporti Fikile Mbalula a fare tutto il possibile per garantire di mitigare l'impatto sull'industria delle costruzioni e sull'economia. E ciò significava ripubblicare, valutare e aggiudicare le gare entro quattro mesi dall'annullamento. Abbiamo imparato lezioni preziose su come gestire le gare d'appalto con rapidità per mantenere in ebollizione lo sviluppo economico del Paese”, ha affermato Mhambi. Sanral prevede di continuare a dare la priorità allo sviluppo delle infrastrutture nel guidare la ripresa economica del Sudafrica. [CN]
  • Angola Free

    Sonangol inizia la costruzione della seconda petroliera...

    ANGOLA - È in Corea del Sud, nella città di Mokpo, che è stato formalizzata negli scorsi giorni l'inizio della costruzione della seconda petroliera del progetto Suezmax, avviato dalla compagnia petrolifera angolana Sonangol. La nave sarà costruita da Hyundai Samho Heavy Industries (HSHI), secondo il rapporto mandato alla stampa locale dalla società nazionale angolana degli idrocarburi. La nave, con una capacità di trasporto di 1 milione di barili di petrolio, ha dimensioni tecniche di 274 metri di lunghezza, 48 metri di larghezza e 23 metri di altezza. Secondo la dichiarazione, il completamento e la consegna della seconda nave sono previsti per settembre 2023. Il progetto per la costruzione delle navi è affidato alla società Hyundai Samho Heavy Industries (HSHI) e alla supervisione della società SeaQuest Marine, sotto la direzione e la supervisione tecnica di un team composto da personale angolano della compagnia petrolifera nazionale. [CN]
  • Angola Free

    Presa in consegna dalla marina la motovedetta francese...

    ANGOLA - La marina angolana ha preso in consegna il primo dei tre trimarani da pattugliamento Ocean Eagle del costruttore navale francese CMN (Construction Mécanique de Normandie). Il pattugliatore di tipo trimarano lungo 43,6 metri e largo 15,2 metri è stato progettato da Nigel Irens Design, e realizzato in materiali compositi presso il cantiere iXblue di La Ciotat. La nave da pattuglia oceanica trimarano Ocean Eagle è destinata a soddisfare le esigenze di sorveglianza marittima delle organizzazioni governative e delle agenzie di ricerca. La Marina dell'Angola, che ha il compito di proteggere i suoi 1.600 km di costa, utilizzerà la nave Ocean Eagle 43 per ricerca e salvataggio, polizia marittima, sorveglianza di zone economiche e di pesca esclusive, pattugliamento, azione statale e sicurezza in mare, protezione delle navi vulnerabili e installazioni offshore, nonché scorta, antipirateria e monitoraggio dell'ambiente marino. La nave può anche essere impiegata per combattere la tratta, il contrabbando e l'immigrazione clandestina e per contrastare motoscafi, minacce asimmetriche e abbordaggio di terroristi. La marina angolana ha acquistato la motovedetta nell'ambito di un accordo da 495 milioni di euro del settembre 2016 con il costruttore navale Privinvest con sede negli Emirati Arabi Uniti, che ha visto la società stabilire un cantiere navale in Angola e fornire diverse navi militari tra cui tre motovedette HSI 32, un Vigilante-400 pattugliatore d'altura a lungo raggio e un pattugliatore a corto raggio Vigilante-400 dalla Francia.  Anche il Mozambico utilizza navi CMN, tra cui tre motovedette trimarani Ocean Eagle 43 , tre intercettori HSI 32 e 18 pescherecci di Constructions Mécaniques de Normandie acquisiti nell’ambito di un contratto da 200 milioni di euro. Gli insorti  hanno affondato  una nave intercettore ad alta velocità HSI32 di fabbricazione francese durante la battaglia per Mocímboa da Praia ad agosto del 2020. [CN]
  • Africa Australe Free

    Fondi dalla Banca africana per stabilizzare l...

    AFRICA AUSTRALE - La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha approvato un prestito di 129 milioni di dollari per Hidroeléctrica de Cahora Bassa (HCB), il più grande produttore di energia indipendente (IPP) dell'Africa meridionale, per modernizzare il suo sistema di produzione. HCB fornisce energia idroelettrica al Mozambico e alla Comunità per lo sviluppo dell'Africa australe (SADC). Il pacchetto comprende fino a 103 milioni di dollari dalla Banca africana di sviluppo e fino a 25,9 milioni di dollari dall'Africa Growing Together Fund. “La maggiore capacità di HCB, la maggiore affidabilità e la capacità di fornire servizi ausiliari faciliteranno una maggiore integrazione di fonti energetiche rinnovabili variabili come il solare fotovoltaico e l'eolico nella regione più ampia”, ha dichiarato Kevin Kariuki, vicepresidente del Power, Energy, Climate Change and Green Growth Complex dell'AfDB. Anche Wale Shonibare, direttore per le soluzioni finanziarie per l'energia, le politiche e i regolamenti della banca, ha dichiarato: "Il supporto della banca a HCB è ben allineato con la sua visione di integrare i mercati elettrici africani per promuovere la fornitura di elettricità affidabile e conveniente ai consumatori nel regione." L'ammodernamento consentirà alla società di adempiere ai propri obblighi contrattuali nei confronti degli acquirenti e di migliorare l'integrazione regionale del settore elettrico nella SADC. Garantirà inoltre la sostenibilità della sicurezza energetica della comunità, in particolare del Sudafrica, del Mozambico e dello Zimbabwe. Il prestito approvato è in linea con uno degli obiettivi "High Fives" della Banca di "Illuminare e alimentare l'Africa" ​​nell'ambito del suo New Deal sull'energia per l'Africa. [CN]
  • Mozambico Free

    Approvato il disegno di legge che istituisce il Fondo...

    MOZAMBICO - Il consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge che crea il fondo sovrano. Il portavoce del governo, Filimão Suazi, ha affermato che lo strumento mira a garantire che i proventi dello sfruttamento delle risorse minerarie stimolino lo sviluppo sociale ed economico del Mozambico. L'approvazione di questo disegno di legge avviene a pochi giorni dalla prima esportazione di gas naturale liquefatto, prodotto nel bacino di Rovuma, dal progetto Coral Sul. [CN]  
  • Mozambico Free

    Business Conference sulle rinnovabili a Maputo

    MOZAMBICO - Si svolgerà i prossimi 6 e 7 dicembre a Maputo la Business Conference sulle Rinnovabili 2022. L’evento è organizzato dall’Associazione lusofona delle Energie Rinnovabili (ALER), insieme all’Associazione mozambicana delle Energie rinnovabili (AMER) e all'Alleanza per l’Elettrificazione rurale (ARE), con il supporto di GET.invest Mozambique, programma finanziato dall'Unione Europea e dalla Germania nell’ambito di GET.invest. Durante i due giorni della Conferenza, si riuniranno aziende del settore delle rinnovabili mozambicane e internazionali, insieme a istituzioni governative, organizzazioni internazionali per lo sviluppo, enti accademici e finanziatori per dibattere del potenziale delle fonti energetiche rinnovabili disponibili che possono essere utilizzate per accelerare il tasso di elettrificazione del Mozambico, fornendo energia pulita e conveniente a tutti entro il 2030. L'obiettivo di questo evento è anche quello di evidenziare gli ultimi progressi tecnologici e il quadro normativo e normativo recentemente modificato in Mozambico. La conferenza - che prevede di riunire oltre 300 partecipanti - offrirà opportunità parallele di matchmaking B2B per sviluppatori di progetti, investitori e finanziatori, un'area espositiva e il rilascio di documenti di mercato rilevanti.  Per iscriversi, clicca qui