Mozambico

Ue assicura sostegno nella lotta al terrorismo

MOZAMBICO – L’Unione europea (Ue) invierà presto “attrezzature” nella regione di Cabo Delgado, nell’ambito del suo impegno a sostenere il Mozambico nella lotta al terrorismo.

(214 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Intesa con Eni su rafforzamento capacità operatori...

    ANGOLA - Il ministero della Sanità angolano ha siglato un memorandum d'intesa con la compagnia energetica italiana Eni finalizzato al rafforzamento delle capacità degli operatori sanitari nel Paese africano.

    A darne notizia è la stessa Eni attraverso una nota inviata alla stampa, in cui si precisa che - nell'ambito del memorandum d'intesa firmato ieri - il gruppo italiano rafforzerà i servizi cardiovascolari del Complesso Ospedaliero Dom Alexandre do Nascimento, rafforzando la capacità di chirurgia cardiovascolare attraverso la creazione di un programma di formazione per creare un servizio di cardiochirurgia sostenibile per la regione attraverso la formazione on the job in Angola , telemedicina e sessioni di 2a opinione. L'azienda supporterà inoltre il servizio cardiovascolare dell'ospedale attraverso la fornitura di interventi cardiochirurgici (sia medici che chirurgici) e fornirà supporto tecnico per la gestione dell'ospedale, concentrandosi sull'amministrazione ospedaliera, sulla gestione delle risorse umane e sull'ingegneria medica.

    Il protocollo d'intesa consentirà la formazione di 100 professionisti di cardiochirurgia a beneficio di un numero stimato di 250 pazienti di cardiochirurgia all'anno. [MV]

  • Zimbabwe Free

    Harare punta a raddoppiare il tasso di interesse

    ZIMBABWE - La Banca centrale dello Zimbabwe intende più che raddoppiare il tasso di interesse di riferimento, già ora il più alto al mondo, fino al 190%, nel tentativo di porre un freno all'impennata dell'inflazione nel Paese.

    Ad annunciarlo è stato Persistence Gwanyanya del Comitato di politica monetaria della Banca centrale, secondo il quale l'intenzione era quella di raggiungere un tasso di interesse reale positivo per scoraggiare l'indebitamento speculativo che mina la valuta locale.

    In base ai dati a disposizione, infatti, l'inflazione annuale in Zimbabwe è salita al 191,6% a giugno.

    Il piano per un aumento record dei tassi di interesse è tra le misure che il governo dovrebbe annunciare durante il prossimo fine settimana.

    "In un momento in cui le banche stavano ancora adeguando i loro tassi di interesse, dovranno confrontarsi con tassi elevati", ha affermato Gwanyanya. Il 17 giugno, la banca centrale ha vietato alle banche di concedere prestiti al di sotto del tasso ufficiale, attualmente all'80%, con effetto dal 1° luglio.

    Per proteggere la produzione agricola, il settore agricolo chiave potrà beneficiare di "un tasso di interesse agevolato", ha precisato Gwanyanya. Il tasso di deposito sarà inoltre aumentato per garantire che le banche compensino i depositanti per i loro risparmi.

    Le prospettive di inflazione della banca centrale sono state riviste al rialzo al 160% entro fine anno rispetto a una previsione iniziale compresa tra il 25% e il 35%. "Sarà sicuramente superiore al 100%, riflettendo principalmente gli shock esterni che abbiamo vissuto come economia", ha concluso Gwanyanya. La banca ha tagliato la sua previsione di crescita economica al 3,5% dal 5,5%. [MV]

  • Mozambico Free

    Approvata norma per imporre resilienza climatica degli...

    MOZAMBICO - Il governo di Maputo ha emesso un decreto che garantirà che tutte le scuole nel Paese, già esistenti o che siano costruite ex-novo, rispettino gli standard di resilienza di sicurezza infrastrutturale per far fronte alle minacce estreme delle conseguenze del cambiamento climatico.

    A renderlo noto è stato l'ufficio di UN-Habitat in Mozambico, che ha collaborato con il ministero dell'Istruzione e dello sviluppo umano e con il ministero dei Lavori pubblici, dell'abitazione e delle risorse idriche nella definizione del “Decreto per gli standard edilizi resilienti delle scuole”.

    L'iniziativa, che ha ricevuto il sostegno finanziario della Banca Mondiale, è stata lanciata insieme all'Istituto nazionale per la riduzione e la gestione del rischio di catastrofi (INGD), nonché al ministero dell'Istruzione e al ministero dei Lavori pubblici.

    “Questo decreto è integrato nei quadri normativi nazionali per le infrastrutture sociali pubbliche e imporrà il rispetto delle tutele ambientali e sociali nella costruzione di edifici scolastici”, ha sottolineato Manuel Bazo, vice-ministro dell'Istruzione. [MV]

  • Madagascar Free

    Sostegno da Banca mondiale per progetto idrico

    MADAGASCAR - Il Progetto idrico nazionale, concordato tra il governo di Antananarivo e la Banca mondiale per migliorare i servizi e l'approvvigionamento idrico e sanitario di base nel Paese, è stato approvato ricevendo un sostegno finanziario di 220 milioni di dollari da parte della Banca mondiale.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che il progetto ha lo scopo di aumentare l'accesso ai servizi idrici nell'area della Grande Antananarivo e in alcune città secondarie selezionate e di migliorare le prestazioni della compagnia responsabile del servizio idrico ed energetico (JIRAMA).

    Secondo i dati a disposizione, l'accesso ai servizi idrici e sanitari di base in Madagascar soffre di gravi disuguaglianze e servizi di bassa qualità. Solo il 54,4% della popolazione ha accesso ai servizi idrici di base e solo il 12,3% della popolazione ha accesso ai servizi igienici di base. Il Madagascar è in fondo alla lista dei 76 Paesi in via di sviluppo con il più basso accesso ai servizi igienici di base.

    Il Progetto idrico nazionale consentirà di combinare investimenti infrastrutturali e sviluppo istituzionale per affrontare le sfide del settore relative alle risorse idriche e ai servizi idrici, affrontando nel contempo le esigenze di recupero resiliente che emergono dall'impatto dei cicloni, da cui il Madagascar è stato ripetutamente colpito all'inizio dell'anno.

    Il progetto cercherà quindi di migliorare e garantire la produzione idrica nella Grande Antananarivo attraverso il sostegno a JIRAMA per colmare il crescente divario di produzione di acqua di fronte alla crescente domanda. La produzione di acqua grezza per la Grande Antananarivo sarà aumentata di 40.800 m3/giorno (un aumento del 20%) e le perdite d'acqua saranno ridotte attraverso un programma di rinnovamento della rete di distribuzione.

    Il progetto mirerà anche a migliorare i servizi di approvvigionamento idrico nella Grande Antananarivo e nelle città secondarie (Antsiranana, Mahajanga, Antsirabe, Fianarantsoa e Manakara) sostenendo JIRAMA e il Ministero dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari (MEAH) per migliorare ed estendere i servizi di approvvigionamento idrico. Il progetto fornirà direttamente servizi idrici migliorati a 625.000 persone. Più in generale, l'intera popolazione della Grande Antananarivo e le città secondarie interessate, composte da circa 3,4 milioni di persone, beneficeranno di servizi idrici più resilienti, una migliore disponibilità di questi servizi e una migliore protezione contro eventi meteorologici estremi (siccità o inondazioni). Ciò include 425.000 persone provenienti dalle regioni più colpite dai cicloni. [MV]

  • Angola Free

    Intesa per realizzare impianto produzione di...

    ANGOLA - Un consorzio costituito dal gruppo industriale locale Opaia e da Sonagas, una sussidiaria della compagnia petrolifera statale Sonangol, ha annunciato investimenti per un valore pari a 2,2 miliardi di dollari per realizzare un complesso dove produrre fertilizzanti a Soyo.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che i lavori per la costruzione del complesso industriale cominceranno domani 28 giugno. Secondo le informazioni rese note, si tratta della la prima unità del suo genere costruita in Angola e nell'Africa meridionale e centrale, progettata per la produzione di urea granulata.

    La fabbrica avrà la capacità di produrre 3.500 tonnellate di urea al giorno, consentendole di soddisfare le esigenze del mercato interno. Parte della produzione sarà destinata ai mercati esteri preferenziali, principalmente nella regione africana, ma potrebbe raggiungere anche altre aree del globo come l'America Latina. [MV]

  • Sudafrica Free

    Energia, selezionate aziende per progetti connessi alla...

    SUDAFRICA - La compagnia statale sudafricana Eskom ha individuato 18 società che sono state selezionate tra le richieste per ottenere in affitto terreni nella provincia nord-orientale di Mpumalanga dove realizzare progetti di energia rinnovabile da collegare alla rete elettrica nazionale.

    A darne notizia sono i media locali, ricordando che i terreni in affitto sono di proprietà di Eskom e sono situati intorno a centrali elettriche a carbone. Eskom possiede circa 36.000 ettari di terreno a Mpumalanga e questa prima gara ha reso disponibili 4.000 ettari nell'ambito del nuovo programma.

    La compagnia ha precisato che non sono stati ancora firmati i relativi contratti poiché le società dovrebbero prima ottenere l'autorizzazione per la valutazione dell'impatto ambientale.

    “Le società non possono essere nominate in quanto non sono stati ancora firmati contratti. Eskom farà un annuncio delle aziende di successo una volta che tutti i processi saranno stati finalizzati", ha spiegato l'amministratore delegato di Eskom, Andrè de Ruyter. [MV]