Camerun

Cooperazione tra Camerun ed Emilia-Romagna, ministro della Decentralizzazione a Bologna

CAMERUN – Il ministro della Decentralizzazione e dello sviluppo locale del Camerun, George Elanga Obam, è stato accolto in Regione Emilia-Romagna dalla vicepresidente Elly Schlein. Al centro dell’incontro, la cooperazione con l’Emilia-Romagna e i progetti del Paese africano sulla riorganizzazione statale, secondo un comunicato stampa dell’Agenzia di informazione e comunicazione della giunta regionale ricevuto da InfoAfrica.

Il saldo rapporto di cooperazione saldo tra Emilia-Romagna e Camerun ha portato all’approvazione in tre anni di 12 progetti regionali nel Paese africano, volti alla lotta alla povertà, al miglioramento delle condizioni socioeconomiche dei giovani più vulnerabili, alla formazione delle donne nelle aree rurali. Complessivamente la Regione nel triennio 2018-2021 ha destinato 334mila euro ad iniziative di cooperazione in Camerun, confermato tra le aree prioritarie di intervento anche nel documento di programmazione 2021-2023.

La volontà di proseguire in questa collaborazione è stata confermata nell’incontro di oggi in Regione tra la vicepresidente con delega alla Cooperazione internazionale allo sviluppo,Elly Schlein, e la delegazione camerunense guidata dal ministro Elanga Obam.

“Il legame che c’è tra la Regione Emilia-Romagna e il Camerun ha radici nel tempo- ha spiegato la vicepresidente Schlein-. Siamo ben lieti di poter dare il nostro contributo sia tramite progetti di cooperazione, sia tramite lo scambio di esperienze”.

Un legame consolidato anche sul fronte universitario: gli Atenei emiliano-romagnoli, in particolare l’Università di Bologna, tradizionalmente ospitano molti studenti camerunesi, mentre la vivacità dei rapporti commerciali è testimoniata dal fatto che la regione nel 2020 ha registrato esportazioni verso il Camerun per 17,5 milioni di euro (soprattutto nel settore edile), bilanciate da 18,2 milioni di euro di importazioni, soprattutto legno.

Alla luce dell’esigenza di ripensare l’apparato amministrativo, il governo del Camerun ha deciso di chiedere il supporto di Governi e Regioni partner che possano offrire modelli amministrativi di decentramento efficace: sarà questo il tema di un altro incontro che si svolgerà oggi in viale Aldo Moro con il direttore generale Francesco Raphael Frieri. Sempre in giornata si svolgerà una riunione del Tavolo Paese Camerun convocato periodicamente dalla Regione, che mette insieme tanti soggetti interessati coinvolti in progetti comuni; all’ultima seduta, in maggio 2021, avevano preso parte circa 15 rappresentanti di Associazioni regionali.

Dall’ambasciata del Camerun a Roma apprendiamo che la visita del ministro è iniziata lunedì e che prosegue oggi, sempre a Bologna, in compagnia dell’ambasciatore. [CC]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Camerun Free

    Sicurezza attorno aree aeroporti, affidati contratti

    CAMERUN - Il piano di rafforzamento della sicurezza attorno agli aeroporti di Yaoundé-Nsimalen e Douala, il più importante del Camerun, è stato avviato dall’Autorità per l’Aeronautica civile del Camerun con la pubblicazione del nome delle società che si sono aggiudicate il contratto composto da due lotti.

    Il primo lotto è stato assegnato alla società camerunese Rout D’AF. L’impresa si occuperà dei lavori di sviluppo della strada e il ripristino della barriera di sicurezza dell’aeroporto internazionale di Douala.

    Il secondo lotto è stato aggiudicato alla società M3 Construction Sarl. Questa società specializzata in costruzioni e con sede nella capitale del Camerun si occuperà della costruzione della barriera di sicurezza dell’aeroporto internazionale di Yaoundé-Nsimalen. [GT]

  • R. Centrafricana Free

    Criptovalute, primi dettagli su Sango e prime...

    CENTRAFRICA - Dopo aver adottato il bitcoin come valuta legale, la Repubblica Centrafricana vuole ora creare una zona economica per le criptovalute. L’iniziativa, denominata Sango, è stata avviata dall’Assemblea nazionale con il sostegno del presidente Faustin-Archange Touadéra, secondo un documento di 24 pagine che illustra gli obiettivi del progetto. Sango cerca di “aprire la strada a un futuro digitale di infinite possibilità”, si legge sulla sua pagina web. Oltre a costruire un hub legale per Bitcoin e criptovalute riconosciuto dal Parlamento, Sango mira a portare “l'eredità di Bitcoin al livello successivo” e a istituire una “zona economica di criptovalute” dove gli utenti potranno proporre, visualizzare e contribuire ai suoi sviluppi futuri. Secondo il documento, i piani del Centrafrica includono “la facilitazione dell’acquisizione di terreni in bitcoin per gli investitori di tutto il mondo” e la creazione di una Banca nazionale digitale. Il governo ha dichiarato nel documento che “sosterrà pienamente” l’accesso alle risorse naturali del Paese, come oro, diamanti, uranio, litio e petrolio. Il quadro giuridico di Sango includerà un programma di residenza elettronica, la cittadinanza per investimento, la registrazione online delle imprese e l'assenza di imposte sul reddito o sulle società. Il Centrafrica prevede di elaborare questo quadro giuridico dedicato entro la fine del 2022. Il documento menziona anche la creazione di un portafoglio Bitcoin per inviare, ricevere e conservare Bitcoin che sarà compatibile con la Lightning Network, il protocollo di secondo livello di Bitcoin per pagamenti più economici e veloci. Il portafoglio sarà inoltre compatibile con i punti vendita (PoS) per consentire alle aziende di accettare pagamenti in bitcoin e sarà dotato di un sistema di contabilità integrato. Bangui prevede inoltre di finalizzare l'interconnessione internet Central African Backbone (CAB) entro la fine dell'anno per alimentare la sua "intera trasformazione digitale", si legge nel documento. Sull’iniziativa la Banca mondiale ha espresso perplessità e  preoccupazioni. [MS]
  • Camerun Free

    Agricoltura, accordo su raccolta e analisi dati meteo

    CAMERUN  - Il ministero dell’Agricoltura del Camerun ha firmato un accordo di partnership con l’Osservatorio nazionale sui cambiamenti climatici Onacc. Secondo il dicastero, questa partnership mira a creare un quadro per la collaborazione nella raccolta, analisi e fornitura di dati meteorologici e climatici nel settore agricolo in Camerun.

    In particolare l’obiettivo è di acquisire strumenti per comprendere meglio le variazioni climatiche, nell’ottica di trovare soluzioni per aumentare le rese agricole nel Paese. Tale esperimento era già stato condotto alcuni anni fa nel settore del cacao-caffè  dai ricercatori dell’Istituto di ricerca agricola per lo sviluppo Irad. [GT]

  • Camerun Free

    Cercansi fondi per circonvallazione Yaoundé

    CAMERUN - Una conferenza di raccolta fondi è stata lanciata in Camerun con l’obiettivo di attirare investimenti per la costruzione di un anello stradale intorno alla capitale amministrativa, Yaoundé. L’evento è stato inaugurato martedì dai ministri dell’Economia, Alamine Ousmane Mey e dell’edilizia abitativa e dello sviluppo urbano, Celestine Ketcha Courtes. Il budget ricercato è di 1.264 miliardi di franchi Cfa, pari a quasi due miliardi di euro. l finanziamento consentirà di costruire una strada lunga 92 km e larga 45 m per la circonvallazione della città, di risarcire e ricollocare le popolazioni, e di sviluppare quattro centri urbani. Identificata tra i progetti prioritari relativi al piano di sviluppo dei trasporti nella regione dell’Africa centrale, la tangenziale di Yaoundé è citata tra i progetti che possono beneficiare di finanziamenti combinati tra donazioni e prestiti di donatori dell’Unione Europea (Ue). Secondo la missione di assistenza tecnica affidata al consorzio Cowi/Ecorys, il progetto dovrebbe facilitare gli scambi tra Camerun, Ciad e Repubblica Centrafricana (CAR), consentendo ai veicoli che viaggiano sui corridoi Douala-Ndjamena e Douala-Bangui, senza attraversare Yaoundé. [CC]
  • R. Centrafricana Free

    Criptovalute, a breve il primo hub di investimento

    REP CENTRAFRICANA - La Repubblica centrafricana lancerà il primo hub di investimento legale in criptovaluta del continente africano: lo ha annunciato la presidenza centrafricana, dopo che il mese scorso il Paese è diventato il primo paese africano e il secondo al mondo ad adottare il bitcoin come valuta ufficiale. Lo riporta la Reuters, che ricorda che finora il governo di Bangui ha fornito pochi dettagli sulla sua visione del mercato dei bitcoin. L’iniziativa crittografica sarà denominata Sango e si appoggerà ad un sito web su cui gli investitori interessati potranno iscriversi a una lista d’attesa. “L’economia formale non è più un’opzione”, ha detto ieri pomeriggio il presidente centrafricano Faustin-Arcangelo Touadera in una dichiarazione: “Una burocrazia impenetrabile ci tiene bloccati in sistemi che non danno la possibilità di essere competitivi”. [ASB]
  • Camerun Free

    In netto aumento numero Pmi

    CAMERUN - In quattro anni il Camerun ha visto aumentare di centomila unità il numero totale di piccole e medie imprese. Lo ha detto, Achille Bassilikin, ministro camerunese delle Piccole e Medie Imprese, dell’Economia Sociale e dell’Artigianato (Minpmeesa), in un’intervista concessa alla rivista Échanges internationaux. Secondo i dati resi pubblici dal ministro nel 2020 il suo dicastero ha registrato 330.543 unità imprenditoriali. Questo rappresenta “il 99,8% del totale di imprese in Camerun”, ha affermato Bassilikin. Si tratta anche di un po’ più di 100.000 Pmi create in quattro anni, perché nel 2016 il Paese ne contava 209.000. [MS]