Ghana

Cacao, progetti di rilancio e risultati attesi

GHANA – I programmi finanziati anche da Cdp, fa sapere Cocobod, stanno già dando i loro frutti: hanno consentito un primo sviluppo dell’industria locale per la trasformazione del cacao e stanno effettivamente svolgendo una funzione di stimolo dell’economia nazionale, tanto più importante se calato nel contesto di congiuntura globale determinato dalla pandemia. Secondo l’ultimo rapporto disponibile, Cocobod ha aumentato il numero di impiegati a sua disposizione, passando dai circa ventimila di maggio 2020 a 30.368, la resa media per ettaro è salita da 450 a 500 chilogrammi ed è aumentata anche la capacità di lavorazione di fave di cacao (da 206 a 262.000 tonnellate). Un trend positivo che sarà rafforzato dall’espansione della capacità di stoccaggio (oltre settecentomila tonnellate dalle iniziali seicentomila), necessario per far fronte alla rinnovata capacità produttiva, dall’aumento del consumo locale di cacao con l’obiettivo di arrivare a 1,5 chili per abitante entro un arco di cinque anni; e infine da una capacità di lavorazione del cacao che dovrà arrivare al 50% della produzione nazionale. 

(339 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Nigeria Free

    Nigeria maggiore produttore africano di pesce gatto

    NIGERIA - La Nigeria è il maggior produttore di pesce gatto in Africa, secondo quanto dichiarato da Ime Umoh, direttore della Pesca e dell’acquacoltura del ministero Federale dell’Agricoltura e dello sviluppo rurale. Umoh si è espresso a riguardo a Lagos durante un workshop di due giorni di Fish4Acp volto a presentare un piano decennale per lo sviluppo sostenibile del settore del pesce gatto in Nigeria. Secondo quanto riportato dalla News Agency of Nigeria (Nan), il workshop è un’iniziativa dell’Organizzazione degli Stati dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico (Oacps) attuata dalla Fao. “Il nostro obiettivo è quello di migliorare la produzione nazionale di pesce gatto, non solo in termini di quantità ma anche di qualità, offrendo al contempo migliori posti di lavoro alla nostra popolazione e garantendo che non venga arrecato alcun danno all’ambiente”, ha dichiarato Umoh secondo cui entro il 2032, il piano prevede un aumento del 20% della produzione di pesce gatto che porterebbe a un aumento del 30% dei benefici, in particolare per i produttori di acquacoltura su piccola scala. Allo stesso tempo – ha precisato – ci sarebbe una crescita dell’occupazione del 10% e la salute dei lavoratori migliorerebbe grazie alle misure di riduzione dell’inquinamento atmosferico. [VGM]
  • Guinea Free

    Al via costruzione scuola ferroviaria a Matoto

    GUINEA - Il presidente della transizione in Guinea, il colonnello Mamadi Doumbouya, ha posato la prima pietra per la costruzione della Scuola ferroviaria di Simbaya, nel comune di Matoto. La stampa locale precisa che la concretizzazione di questa iniziativa da parte del ministero dell’Istruzione Tecnica e della Formazione Professionale arriva un mese dopo la firma, tra il ministro Alpha Bacar Barry e Conakry Terminal, una filiale di Bolloré, di un accordo di finanziamento relativo alla costruzione di un nuovo centro di formazione ferroviaria. Il progetto prevede la costruzione di otto aule, due laboratori, cinque uffici amministrativi ciascuno con un bagno interno, una sala insegnanti, un negozio, una sala polivalente, servizi igienici esterni e una recinzione. Si tratta di un vecchio progetto in sospeso da 12 anni, che le attuali autorità del ministero dell’Istruzione Tecnica hanno rinegoziato e aggiornato all’indomani del loro insediamento. [VGM]
  • Burkina Faso Free

    Pmi rappresentano 40 per cento del Pil nazionale

    BURKINA FASO - Le piccole e medie imprese rappresentano il 90% dell’economia del Burkina Faso e contribuiscono a circa il 40% del Pil. Lo ha fatto sapere il primo ministro Albert Ouédraogo intervenendo alla cerimonia di apertura della celebrazione della Giornata mondiale delle micro, piccole e medie imprese (Pmi). Il premier si è inoltre congratulato con le Pmi burkinabé “per il loro dinamismo”. Ha anche sottolineato che il suo governo intende sostenere con forza il settore dell’artigianato, rafforzando i programmi esistenti e avviandone nuovi. [VGM]
  • Ghana Free

    Governo lancia centri di supporto alle imprese

    GHANA - Alan Kyerematen, ministro del Commercio e dell’Industria del Ghana, ha lanciato un centro di supporto alle imprese unico per fornire il servizio di sviluppo aziendale alle micro piccole e medie imprese a ​​livello distrettuale. Con finanziamenti principalmente dalla Banca africana di sviluppo e dal Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo, il ministero nell’ambito del Programma per le imprese rurali ha istituito 67 Centri risorse aziendali. I servizi principali forniti dai Centri  includono l’identificazione di opportunità commerciali, la preparazione di piani aziendali, la facilitazione dell’accesso alla finanza/credito, la diagnostica aziendale e la formazione in gestione e imprenditorialità. Altri servizi sono: consulenza aziendale e servizi di consulenza, programmi di miglioramento della produttività e rafforzamento delle capacità per le istituzioni. Attualmente, ci sono 30 Centri in via di realizzazione e 37 già in funzione in distretti selezionati nel Paese. [GT]
  • Togo Free

    Uk Export finance pronta a investire un mld di dollari

    TOGO - Louis Taylor, direttore esecutivo della Uk Export finance ha annunciato la disponibilità di mobilitare un miliardo di dollari per il Togo per progetti di sviluppo. L’Agenzia potrebbe finanziare progetti relativi all’energia, all’agricoltura e ai trasporti.

    Negli ultimi cinque anni la UK Export finance, agenzia di credito all’esportazione del Regno Unito, ha finanziato contratti di esportazione per un valore di oltre 20 miliardi di dollari in più di 50 Paesi e in una varietà di settori tra cui sanità, ingegneria, aerospaziale, petrolio e gas, edilizia ed energia.

    La UK Export finance  fondata nel 1919, è l’agenzia che supporta le imprese britanniche che desiderano esportare beni e servizi a livello internazionale, fornendo assicurazioni, garanzie e prestiti. [GT]

  • Costa Avorio Free

    Ampliata capacità centrale a gas di Azito

    COSTA D'AVORIO - La Costa d'Avorio ha aggiunto 180 megawatt (MW) di capacità di produzione di energia elettrica alla sua rete nazionale dopo l'ampliamento della centrale termoelettrica alimentata a gas di Azito nell'ambito di uno sforzo per soddisfare la forte domanda locale ed esportare verso i vicini Paesi.

    A segnalarlo sono i media locali, ricordando che l'espansione della centrale elettrica di Azito, gestita da Globeleq, ha consentito di aumentare la sua capacità di generazione a 640 MW dai 460 precedenti, rappresentando circa il 25% della capacità di generazione di energia installata della Costa d'Avorio.

    Secondo le informazioni a disposizione, la Costa d'Avorio sta registrando - grazie soprattutto alla forte crescita economica del Paese - unaumento della domanda di energia elettrica pari a circa il 10% all'anno, mentre cresce anche la domanda dei vicini.

    Il primo ministro Patrick Achi durante una cerimonia presso l'impianto ha dichiarato che la Costa d'Avorio - che esporta elettricità in Ghana, Burkina Faso, Benin, Mail e Togo - mira a rimanere un attore principale nell'hub energetico regionale e aumenterà le esportazioni verso i vicini con l'espansione Azito.

    A sua volta, il ministro delle Miniere, dell'energia e dell'elettrificazione Mamadou Sangafowa Coulibaly ha dichiarato che il Paese intende aumentare la capacità a 4.000 MW entro il 2025 dagli attuali 2.369 MW. [MV]