Africa

Co-opera, a Roma le sfide della cooperazione per un mondo giusto

AFRICA – Da domani, per due giorni, all’Auditorium della Conciliazione di Roma, le istituzioni e la società civile si riuniranno per confrontarsi e tracciare un bilancio della cooperazione allo sviluppo italiana nel mondo.

Giovedì 23 giugno e venerdì 24 giugno si terrà infatti Coopera, la seconda Conferenza Nazionale della Cooperazione allo Sviluppo, che quest’anno ruoterà intorno ai cinque pilastri dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Le P di Pace, Persone, Prosperità, Pianeta e Partnership aiuteranno a dare la misura dello stato della cooperazione e delle sfide che ci attendono soprattutto alla luce della pandemia e del conflitto in Ucraina. Per questo la Pace avrà un particolare focus.

L’evento, organizzato dal ministero degli Affari esteri e dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (Aics), sarà inaugurato dal capo dello Stato Sergio Mattarella, che aprirà i lavori dei panel e dei numerosi eventi collaterali. L’evento, visibile anche in streaming sul sito ufficiale, vedrà la presenza del ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi Di Maio e gli interventi del Cardinale Segretario di Stato, Pietro Parolin, della Commissaria Europea per le Partnership Internazionali, Jutta Urpilainen, oltre ai rappresentanti dell’Unicef e di organizzazioni della società civile italiana del Burkina Faso.

Tra gli altri partecipanti istituzionali di spicco, nei panel seguenti ci saranno la vice ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Marina Sereni, la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, e il ministro dell’Economia e delle finanze, Daniele Franco. Alla due giorni di incontri parteciperanno poi diversi relatori rappresentativi del sistema della cooperazione italiana allo sviluppo, rappresentanti della società civile dei Paesi partner, figure apicali di alcune organizzazioni internazionali e think-tank.

Insieme alle conferenze, Coopera sarà caratterizzata dai Coopera talk, veloci interventi individuali che apriranno e chiuderanno i panel principali, focalizzandosi su esperienze, idee e protagonisti più specifici. Diversi poi i side events che spazieranno dal ruolo delle religioni nel raggiungimento dell’Agenda 2030 alla finanza sostenibile, passando per la coerenza delle politiche di sviluppo e il ruolo del settore privato nei progetti di cooperazione.

Sereni, in sede di presentazione dell’evento, ha sottolineato che la cooperazione italiana allo sviluppo “è una componente essenziale della proiezione internazionale del nostro Paese, soprattutto nelle aree più difficili del mondo”, ricordando che ci sono migliaia di nostri connazionali che mettono a disposizione le proprie competenze in progetti in tutto il mondo. Di fronte alle sfide del mondo in cui viviamo, secondo Sereni, siamo però chiamati “a raddoppiare i nostri sforzi, aumentando le risorse per la cooperazione allo sviluppo per raggiungere l’impegno internazionale dello 0,7% del Pil da destinare all’aiuto pubblico allo sviluppo”.

Nel corso del 2021 l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo sviluppo ha erogato un totale di 555 milioni di euro, oltre a stanziare 598 milioni in investimenti per nuovi progetti, 163 milioni per iniziative legate ad emergenze e 200 milioni per azioni di contrasto della pandemia. Il settore in cui l’Agenzia ha maggiormente investito nell’ultimo anno è quello legato alla sicurezza alimentare con 46 milioni di euro, seguono per entità degli stanziamenti gli interventi a favore del buon governo e della società civile (42,9 milioni), dell’equilibrio di genere (40,2 milioni), della salute (36,2 milioni), dell’ambiente e contro la crisi climatica (29,8 milioni), dell’educazione (25 milioni), delle persone con disabilità (18,8 milioni).

Partendo da questi numeri, il direttore di Aics, Luca Maestripieri, ha affermato nell’ultimo Annual Report dell’Agenzia che il lavoro della cooperazione è “necessario e indispensabile” perché “mai come oggi si sente il bisogno di costruire e ricostruire ponti di dialogo, strade di collegamento, per tramutare in realtà concreta l’Agenda 2030 con cui il mondo intero si è dato un comune percorso da seguire”. Il valore della cooperazione, secondo Maestripieri, “sta nel lavorare con i Paesi partner, costruendo insieme un futuro migliore all’interno di un pianeta che è condiviso e che non è proprietà esclusiva di una sola parte”.

Con questi obiettivi davanti, Coopera sarà l’occasione “per confrontarci sul futuro, sulle criticità da superare e sui miglioramenti che possiamo, tutti insieme, realizzare”, ha sintetizzato in un messaggio la vice ministra Sereni, a cui sarà anche affidata la conclusione dei lavori nella giornata del 24 giugno.

Per maggiori informazioni, cliccare qui. (AGI)

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    AfDB, il continente ha bisogno di 424 mld dollari

    AFRICA – L’Africa ha bisogno di 424 miliardi di dollari per riprendersi dalle conseguenze del Covid-19. Il dato è stato fornito dal presidente della Banca africana di sviluppo (AfDB), Akinwumi Adesina, secondo cui la pandemia ha lasciato 30 milioni di africani in “estrema povertà” . Intervistato da Bloomberg, Adesina ha aggiunto che la cifra di 424 miliardi di dollari si riferisce solo a quest’anno. “Non dobbiamo minimizzare l’impatto del Covid-19 sulle economie africane”, ha detto Adesina. “Dobbiamo ampliare lo spazio fiscale per i Paesi africani. Dobbiamo affrontare l’intera questione del debito; non si può correre su una collina portando uno zaino di sabbia sulla schiena”. Nel frattempo, la guerra della Russia contro l’Ucraina ha alimentato l’inflazione e approfondito ulteriormente i problemi. L’impennata dei prezzi e il rallentamento della crescita economica stanno inoltre aumentando l’indebitamento della regione.  L’Africa dipende dalla Russia e dall’Ucraina per circa il 41% del suo grano e mais, ha dichiarato Adesina. Il piano dell’AfDB da 1,5 miliardi di dollari per incrementare la produzione aiuterà gli agricoltori del continente a produrre 30 milioni di tonnellate di cibo, ha affermato Adesina, aggiungendo che gli ostacoli all’importazione di fertilizzanti possono però compromettere la produttività fino al 50%. [MS]
  • Africa Free

    Al via Ymed, tirocini in Italia per giovani africani

    AFRICA  – Si apre oggi, con un evento online previsto dalle 15 alle 16, l’inizio del programma di 32 tirocini di giovani africani presso aziende italiane (per la precisione in Veneto e Lazio) nell’ambito del programma Ymed. Ymed  è un programma di Migrazione e Sviluppo organizzato dall’Oim (l’agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni), finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, e punta a sostenere e incentivare schemi di migrazione circolare. Questo programma offre l’opportunità a giovani laureati e laureandi provenienti da Paesi della sponda sud del Mediterraneo (Egitto, Libia e Tunisia) di svolgere un tirocinio di sei mesi presso aziende italiane. L’Oim accompagna i giovani selezionati sin dai mesi precedenti la partenza per l’Italia con un corso intensivo di italiano e una formazione su temi quali l’interculturalità e l’adattamento a un nuovo contesto culturale. Anche le aziende italiane partecipanti, che sostengono solo i costi di un normale tirocinante, ricevono delle sessioni di orientamento sul management della diversità culturale in impresa. A conclusione del tirocinio i e le giovani partecipanti sono assistiti dall’Oim nei rispettivi paesi di provenienza per l’inserimento lavorativo presso aziende locali. Anche se può capitare che i giovani finiscano per diventare rappresentanti nel paese di provenienza dell’azienda in cui hanno svolto il tirocinio. Le Regioni nelle quali si svolgeranno quest’anno i tirocini sono Veneto e Lazio, i tirocinanti sostenuti dal programma Y-med sono 32 (di cui 16 ragazze e 16 ragazzi). I canali regolari di migrazione in supporto di schemi di migrazione circolare, spiegano dall’Iom,  sono importanti per: lo sviluppo e il trasferimento delle competenze, l’allineamento tra la formazione e il mondo del lavoro, le opportunità di internazionalizzazione delle aziende coinvolte e l’empowerment dei migranti come agenti di sviluppo. “In queste iniziative – sottolineano gli organizzatori – è fondamentale l’approccio multi-stakeholder, in particolare la partecipazione di istituzioni private e pubbliche a livello centrale e locale, del mondo accademico e di quello professionale”. Y-med è un programma trasversale che comprende non solo la formazione e il mondo del lavoro, ma anche e soprattutto le relazioni internazionali e la cooperazione tra Stati. Y-med è un programma strategico che OIM spera possa crescere in futuro, sia in termini di beneficiari e partner che di Paesi coinvolti. “Riteniamo sia importante considerare il Mediterraneo come uno spazio di scambi e incontri, dai quali possono beneficiare tutti/e, e non invece come un confine di cui aver paura” sottolineano dall’OIM. Per seguire l’apertura del programma e l’evento di presentazione, che si terrà online, è sufficiente collegarsi via Zoom al seguente link https://bit.ly/3OxAr6D . All’incontro di domani interverranno Laurence Hart, Direttore dell’Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), Filippo Lonardo, Capo Sezione III Unità per le strategie e i processi globali multilaterali della cooperazione allo sviluppo, Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Claudio Di Berardino, Assessore Scuola e Formazione della Regione Lazio, Tiziano Barone, Direttore Agenzia Veneto Lavoro, Regione Veneto. Ludovica Barbato dell’Oim entrerà poi nel vivo del progetto prima di lasciare spazio a due testimonianze di aziende che hanno ospitato i tirocinanti e di due giovani che hanno già partecipato al progetto. 
  • AfricaAfrica Occidentale Free

    Kassi Brou nominato governatore Bceao

    AFRICA OCC – I capi di Stato e di governo della Comunità economica degli Stati dell’Africa Occidentale (Ecowas), riuniti ieri in sessione ordinaria ad Accra, hanno nominato l’ivoriano Jean-Claude Kassi Brou, fino a ieri presidente della Commissione Ecowas, alla carica di governatore della Banca centrale degli stati dell’Africa occidentale (Bceao). La nomina di Jean Claude Brou è stata approvata anche dall’Unione economica e monetaria dell’Africa occidentale (Uemoa). Kassi Brou prende il posto di Tiemoko Meyliet Kone, designato alcune settimane fa vicepresidente della Costa d’Avorio. L’ex ministro ivoriano dell’Industria e delle miniere Jean-Claude Kassi Brou, 69 anni, conosce bene l’istituto bancario di cui prenderà il controllo: vi ha lavorato per otto anni ricoprendo vari incarichi, tra cui quelli di direttore delle relazioni internazionali, responsabile delle politiche di integrazione economica, direttore del dipartimento di studi economici e valutari e controllore generale. Creata nel 1959, la Banca centrale degli Stati dell’Africa occidentale (Bceao) è un’istituzione pubblica internazionale che riunisce otto paesi dell’Africa occidentale. Il suo ruolo, tra le altre cose, è quello di promuovere il corretto funzionamento e garantire la supervisione e la sicurezza dei sistemi di pagamento nell’area e gestire le riserve ufficiali di valuta estera dei Paesi membri di Ecowas. [ASB]
  • AfricaGhana Free

    Sistemi pagamento africani aiuteranno valute continente

    GHANA – Il governatore della Banca centrale del Ghana Ernest Addison, ha affermato che l’implementazione dei sistemi di pagamento panafricani Papss nell’area di libero scambio continentale africana aiuterà a ridurre la domanda del dollaro per il commercio. Parlando al terzo e ultimo giorno del Ghana Trade Roadshow ad Accra, Addison si è detto certo che “attraverso i sistemi di pagamento previsti dal patto commerciale, il dollaro Usa dovrebbe ridurre significativamente, dovrebbero migliorare i tassi di interesse e di cambio e quindi rafforzare le valute africane”.  Addison ha sottolineato che la banca centrale “ha avviato riforme che miglioreranno le transazioni finanziarie con il Ghana e i paesi vicini per aumentare il commercio”, aggiungendo che la Banca del Ghana “ha messo in atto un solido quadro per aiutare le banche locali ad affrontare il tema delle importazioni commerciali senza stress”. [GT]
  • Africa Free

    Abbigliamento usato, primi per importazioni

    AFRICA - Con il 34% delle importazioni mondiali totali, l’Africa subsahariana è la destinazione numero uno per l’abbigliamento usato a livello mondiale. Il settore genera diversi milioni di posti di lavoro nel continente, lungo tutta la sua catena del valore e le importazioni africane di abbigliamento di seconda mano hanno registrato un aumento del 28,84% nel 2021 per raggiungere 1,84 miliardi di dollari. Lo riferisce l’agenzia Ecofin basandosi sul rapporto dalla piattaforma specializzata in tessile-abbigliamento Fibre2Fashion, intitolato Abbigliamento di seconda mano in Africa: opportunità e sfide. Il rapporto indica che i principali esportatori di abbigliamento usato nel continente sono, nell’ordine, Cina, Unione Europea, Regno Unito, Stati Uniti e Sud Corea. Le esportazioni cinesi di abbigliamento di seconda mano in Africa sono cresciute di oltre il 131% nel 2021, raggiungendo i 624 milioni di dollari. Ciò rende Pechino il più grande esportatore di questo tipo di abbigliamento nel continente. In Nord Africa le importazioni di abbigliamento usato sono stimate in 107 milioni di dollari. Nell’ultimo anno, il Kenya è stato il più grande importatore di abbigliamento di seconda mano dell’Africa, con 183.500 tonnellate acquisite. [CC]
  • Africa Free

    Da Bic un concorso per premiare l’arte africana

    AFRICA - Bic, leader mondiale nella produzione di cancelleria, accendini e rasoi, ha annunciato l’inizio del suo concorso artistico di punta, Art Master Africa arrivato oramai alla sua quinta edizione.
    Il concorso invita i talenti di tutta l’Africa e del Medio Oriente a esprimere la propria creatività producendo opere d’arte utilizzando la nota penna a sfera Bic. Il tema del concorso di quest’anno è “Celebrare l’Africa”, con l’invito agli artisti a presentare le proprie percezioni del continente e delle culture africane.
    Gli artisti possono partecipare al concorso presentando fino a tre opere d’arte originali di cosa significhi per loro “Celebrare l’Africa”. Le candidature verranno quindi esaminate e selezionate da una giuria che include artisti, professori d’arte, collezionisti, nonché i vincitori del concorso 2019 e 2021  Gayi Eric e Oscar Ukonu. La fase di invio delle candidature si chiuderà il 31 agosto prossimo. Una volta completata la fase di valutazione, i vincitori saranno annunciati entro il 15 ottobre.
    I primi, secondi e terzi classificati regionali saranno nominati Maestri d’arte africani, saranno celebrati nei rispettivi Paesi e riceveranno premi in denaro. Il primo classificato regionale riceverà anche la sua galleria personale online e l’opportunità di entrare a far parte della Bic Art Collection esposta a Parigi, in Francia.
    Il legame di Bic con l’arte dura da più di 60 anni. Il marchio celebra regolarmente la creatività e l’originalità degli artisti che trovano grande ispirazione nella creazione di capolavori utilizzando i prodotti Bic. La collezione d’arte di Bic comprende oltre 250 opere d’arte di 80 artisti internazionali. Bic mantiene numerose collaborazioni consolidate con istituti d’arte di tutto il mondo e espone i suoi prodotti in rinomati musei in tutto il mondo. Per maggiori informazioni, cliccare qui. [GT]