Costa Avorio

Eni avvia distribuzione di fornelli migliorati per compensazione carbonio in Costa d’Avorio

COSTA D’AVORIO – Eni ha lanciato a Bouaké, in Costa d’Avorio, la distribuzione di fornelli migliorati a famiglie vulnerabili nell’ambito di un progetto per contribuire alla compensazione complessiva delle emissioni di carbonio del progetto estrattivo di Baleine.

A renderlo noto è stata la stessa Eni attraverso un comunicato in cui precisa che distribuirà 100.000 fornelli migliorati in 6 anni a partire già dal 2022, dalla Regione di Gbêkê, raggiungendo oltre 300.000 persone. I fornelli sono prodotti da un produttore locale, contribuendo allo sviluppo del contenuto locale e alla creazione di valore nel paese, e sono state testate dal Centre d’Études et de Recherches sur les Énergies Renouvelables (CERER) in Senegal.

L’iniziativa mira a sostituire i tradizionali dispositivi di cottura a legno, riducendo l’esposizione a fumo malsano per le persone e diminuendo la pressione sulle risorse forestali, che è una preoccupazione primaria nel Paese. L’iniziativa, in linea con gli impegni del protocollo d’ontesa firmato lo scorso dicembre con il ministero ivoriano dell’Energia e del Petrolio, è attuata in collaborazione con la Onlus AVSI.

Secondo le informazioni rese note, questa attività rafforzerà la strategia di decarbonizzazione di Eni nel Paese, volta a sviluppare la scoperta di Baleine come primo sviluppo a emissioni nette (Scope 1 & 2) in Africa. Il progetto contribuirà alla compensazione complessiva delle emissioni di carbonio del progetto Baleine attraverso la generazione di crediti di carbonio di alta qualità certificati dallo standard internazionale VERRA. 

Pertanto, si legge nel comunicato difuso da Eni, “la distribuzione dei fornelli rappresenta un esempio concreto di allineamento degli obiettivi aziendali con gli obiettivi di sviluppo locale per creare valore sostenibile condiviso, contribuendo ai Piani di sviluppo nazionale del Paese, nonché agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite”. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Senegal Free

    Riforestazione a Dakar, parte ad agosto il progetto

    SENEGAL – Sarà lanciato ad agosto il progetto di un parco su una parte del sito dell’ex aeroporto internazionale Léopold Sedar Senghor, nel dipartimento di Dakar. Lo hanno annunciato il presidente della Repubblica, Macky Sall, e il ministro dell’Ambiente e dello Sviluppo Sostenibile, Abdou Karim Sall, che ha presieduto martedì, un Comitato di Sviluppo Regionale (Crd) preparatorio alla campagna di riforestazione della capitale. Lo spazio mira a offrire alla capitale un’area verde aperta ai cittadini e a integrare i parchi già esistenti. Il ministro precisa che la campagna di riforestazione di Dakar, in preparazione, riguarderà le principali arterie ma anche le singole municipalità. [CC]
  • Costa Avorio Free

    Forum Banca-Pmi per rafforzare collaborazione

    COSTA D’AVORIO – La performance economica della Costa d’Avorio è “il risultato della ferma volontà del Capo di Stato Alassane Ouattara di accelerare lo sviluppo economico e sociale della Costa d’Avorio, concedendo un posto essenziale alle Pmi, fornitrici di occupazione, creatrici di ricchezza e capaci di individuare nuove opportunità di business”. Lo ha dichiarato il Ministro dell’Economia e delle Finanze della Costa d’Avorio, Adama Coulibaly, intervenuto all’apertura del 1° Forum Banca-PMI che terminerà questa sera ad Abidjan-Plateau.  “La Costa d’Avorio è tra i dieci Paesi con il più alto tasso di crescita economica al mondo. Questo risultato è stato raggiunto grazie alla crescita economica stimata in media all’8,9% tra il 2012-2017 e al 6,2% circa tra il 2018-2021”, ha proseguito il Ministro Coulibaly, sottolineando l’ambizione del governo di vedere le Pmi partecipare maggiormente alla crescita economica del Paese. Il Forum Banca-Pmi ha anche visto la partecipazione del Ministro del Commercio, dell’Industria e della Promozione delle PMI, Souleymane Diarrassouba, che si è congratulato con gli attori e i partner che accompagnano lo Stato nella sua politica di crescita e sviluppo in termini di occupazione e promozione della ricchezza. “Porgo i miei più calorosi saluti ai vari attori per la convergenza delle loro visioni per la creazione di questo forum che rafforza la collaborazione tra banche e pmi”, ha detto, ricordando che le Pmi costituiscono oltre il 90% del tessuto economico della Costa d’Avorio nonché il 20% del PIL e il 23% dell’occupazione formale. Questo forum è organizzato dall’Associazione professionale delle banche e delle istituzioni finanziarie della Costa d’Avorio (Apbefci), in collaborazione con la Federazione ivoriana delle piccole e medie imprese (Fipme). [CN]
  • Sierra Leone Free

    Banca centrale aumenta tassi di interesse

    SIERRA LEONE – La Banca centrale della Sierra Leone ha aumentato il tasso d’interesse di riferimento di 100 punti base, portandolo al 16%. La decisione è stata presa per tentare di frenare l’inflazione, in quanto si ritiene che le pressioni sui prezzi rimangano elevate nell’economia nazionale, soprattutto a causa degli effetti della pandemia di Covid-19 e della guerra della Russia in Ucraina.  Con questo ultimi sviluppo diventano nove le banche centrali africane che dall’inizio dell’anno hanno aumentato i tassi di interesse di un intero punto percentuale o più in una sola volta. Tra queste c’è anche lo Zimbabwe, che la scorsa settimana ha effettuato un aumento senza precedenti di 12.000 punti base in un colpo solo. [MS]  
  • Burkina Faso Free

    Il ritorno inaspettato di Blaise Compaoré

    BURKINA FASO – Era totalmente inaspettata ed è stata accolta con un misto di sorpresa, interrogativi e irritazione l’annunciata visita in Burkina Faso, già domani, dell’ex presidente Blaise Compaoré. Così hanno reagito diverse fonti di InfoAfrica molto attente alle dinamiche del Burkina Faso, sceso sempre più in basso nel baratro dell’instabilità, dell’insicurezza e della crisi umanitaria. Solo tre mesi fa l’ex presidente, rovesciato dopo 27 anni al potere da una rivolta popolare alla fine del 2014, è stato condannato in contumacia all’ergastolo per la sua partecipazione all’assassinio del suo predecessore Thomas Sankara – icona del panafricanismo e padre della nazione – ucciso con dodici dei suoi compagni in un colpo di Stato nel 1987, dal Tribunale militare di Ouagadougou. La famiglia di Thomas Sankara ha immediatamente reagito chiedendo l’arresto dell’ex leader, che da otto anni gode di protezione e di asilo in Costa d’Avorio e che non si è mai presentato alla sbarra durante lo storico processo. Il segnale, a detta delle fonti di InfoAfrica, non è positivo ma potrebbe essere stato necessario, agli occhi degli attuali detentori delle redini del Paese, per uscire dal caos instauratosi con la netta avanzata degli attacchi armati degli ultimi anni e mesi, e ancora, per preparare la fine della transizione dopo il golpe militare del 25 gennaio scorso. Un colpo di Stato che ha portato alla presidenza il colonnello Paul-Henri Sandaogo Damiba, un ex del reggimento di protezione presidenziale che guidava il generale Gilbert Diendéré (anche lui condannato all’ergastolo per l’omicidio d Sankara) ed ex capo di operazioni anti terroristiche sul fronte. Le nuove autorità militari non stanno riuscendo a fermare gli attacchi, quasi quotidiani, ed è lì che potrebbe intervenire Compaoré, che sotto il suo regime era riuscito a concordare un certo ‘equilibrio’ con i vari clan e trafficanti attivi soprattutto nel nord, ai confini con il Mali e con il Niger. Clan e contrabbandieri che oggi si sono ‘convertiti’ in quelli che vengono definiti “terroristi”, e che potrebbero aver stretto alleanze di convenienza, con le milizie affiliate alla rete di Al Qaeda che opera nella banda del Sahel e cerca di estendersi verso la costa dell’Africa occidentale. Una rete che, a detta delle stesse fonti, ha già stretto le maglie nel nord del Paese e che sta creando un proprio giro di ‘informatori’ nei pressi della capitale, attraverso gli insediamenti di sfollati. L’anziano Compaoré – è solo un’ipotesi – potrebbe quindi essere utile in una possibile trattativa con queste reti criminali per cercare di ripristinare un minimo di sicurezza nel Paese. Altri osservatori analizzano questo ritorno come la sconfitta dell’immagine dei golpisti ‘panafricanisti’ che non hanno preso il potere per salvare i burkinabè, ma bensì per restaurare (come precisa il nome del consiglio militare) l’ordine precedente, ovvero quello di Compaoré e, nella scia, dell’influenza della Francia. Il giornale burkinabé Le Pays condivide la grande sorpresa di fronte all’imminenza del ritorno in patria di Compaoré e si pone numerose domande. “Cosa può aver accelerato i tempi, tanto che i Burkinabè sono stati colti alla sprovvista? Che dire del suo fascicolo giudiziario, quando sappiamo che è condannato all’ergastolo dalla giustizia militare? Ci stiamo muovendo verso una grazia? Dovrà passare dal carcere? Come sarà accolto dall’opinione pubblica nazionale?” E ancora, che forma assumerà questo ritorno sapendo che i burkinabè sono ancora divisi sull’argomento? Sarà un ritorno sotto i riflettori, o più sobrio possibile per non accendere gli animi dei suoi detrattori? Ufficialmente, Compaoré arriva nel Paese per un incontro, domani a Ouagadougou, tra Damiba e i suoi cinque predecessori: Jean-Baptiste Ouédraogo, Yacouba Isaac Zida, Michel Kafando, Roch Marc Christian Kaboré, e, appunto Blaise Compaoré. [CC]
  • Gambia Free

    Turismo, firmato accordo con la Banca mondiale

    GAMBIA – Il Gambia e la Banca Mondiale hanno firmato ieri una sovvenzione da 68 milioni di dollari per rilanciare il settore turistico del paese dell’Africa occidentale: la sovvenzione ha lo scopo di sostenere la diversificazione e la resilienza climatica del turismo in Gambia, un enclave di circa 2,1 milioni di abitanti circondata dal Senegal e affacciata sull’Atlantico. Lo riporta l’agenzia Reuters. Il settore turistico gambiano è stato duramente colpito dalla pandemia e dalle ricadute economiche della guerra in Ucraina, ha affermato l’amministratore delegato delle operazioni della Banca mondiale Axel Van Trotsenburg alla cerimonia di firma nella capitale del Gambia, Banjul. La sovvenzione ha lo scopo di promuovere il turismo sostenibile, sviluppare diverse esperienze di vacanza e aiutare a proteggere la costa atlantica del Gambia dall’impatto del cambiamento climatico. Secondo la Banca mondiale la pandemia ha causato una contrazione della crescita economica del Gambia dello 0,2% nel 2020: da allora l’economia ha iniziato a riprendersi, raggiungendo una crescita del 5,6% nel 2021, in gran parte guidata dal ritorno dei turisti e dalle rimesse della diaspora. Il turismo rappresenta circa il 20% del prodotto interno lordo del Gambia ed è la principale fonte di valuta estera nel Paese. [ASB]
  • Liberia Free

    Covid, finanziamento aggiuntivo da Banca Mondiale

    LIBERIA – Il governo della Liberia e la Banca mondiale hanno firmato il secondo finanziamento aggiuntivo per il progetto di risposta all’emergenza Covid, per un importo di 9 milioni di dollari, di cui 6,2 milioni di dollari in concessione e 2,8 milioni sotto forma di credito dell’Associazione internazionale per lo sviluppo (Ida), l’agenzia della Banca mondiale che assiste i Paesi più poveri. La ministra della Salute liberiana Wilhelmina Jallah ha dichiarato in una conferenza stampa, citata dal quotidiano Frontpage Africa, che l’accordo di finanziamento punta a rafforzare due componenti specifiche del piano di emergenza liberiano: “Il dispiegamento di vaccini aggiuntivi per aiutare a vaccinare il 70% della popolazione liberiana, comprese tutte le persone di età superiore ai 12 anni, e il rafforzamento dei sistemi di vaccinazione, la preparazione e le attività di risposta”. [ASB]