Tunisia

Tunisia, Aiccre Lombardia apre i confini sul Mediterraneo

TUNISIA – Far conoscere e valorizzare località autentiche della Tunisia, dal punto di vista artigianale, culturale e turistico, potrebbe essere il cuore di un prossimo accordo di cooperazione tra l’Aiccre Lombardia (Associazione italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa) e realtà istituzionali tunisini. Lo ha spiegato ad Africa e Affari Milena Bertani, presidente di Aiccre Lombardia, di ritorno dalla una missione in Tunisia, la scorsa settimana, con una delegazione istituzionale.

Il legame con la Tunisia è nato prima della pandemia, attraverso l’inclusione del Paese mediterraneo in un progetto per la valorizzazione di zone paesaggistiche e gastronomiche di alto profilo.  “La nostra missione è stata ricca di visite, incontri e scoperte di eccellenze, sia dal punto di vista associativo che privato”, riferisce Bertani, citando esempi relativi alla produzione di olio, di fichi, o ancora di recupero della Medina di Tunisi.

L’iniziativa, insolita, ha preso il via dalle priorità individuate dalla nuova Agenda del Mediterraneo approvata dalla Commissione Europea nello scorso anno, che ha individuato settori strategici per un rinnovato partenariato euro-mediterraneo, definiti sia dalle priorità specifiche della regione che alcune sfide globali, in primis la lotta al cambiamento climatico e la necessità di modelli di sviluppo sostenibili.

Le parole chiave del nuovo piano sono garanzia di stabilità e prosperità nell’area, miglioramento dei servizi e dell’occupazione in loco con una forte spinta sull’occupazione femminile e giovanile, spiega l’Aiccre in un comunicato.

La missione fa seguito a un primo incontro avvenuto nell’aprile scorso, in occasione della Bit di Milano, con il Ministro del Turismo e dell’Artigianato, Mohamed Moez Ben Hassine, vertici dell’ambasciata tunisina in Italia e Souheil Chaabani, direttore dell’Ente nazionale del turismo tunisino di Milano, durante il quale sono stati definiti i possibili elementi di collaborazione tra le due realtà istituzionali facendo leva sui fattori di competitività tangibili e intangibili per lanciare le destinazioni minori in Tunisia e in Lombardia, attraverso progetti comuni e lo scambio di esperienze nella gestione e sviluppo del turismo sostenibile.

Un momento fondamentale della visita della delegazione lombarda è stata la riunione con il ministro del Turismo e dell’Artigianato, Mohamed Moez Ben Hassine, e i suoi Direttori generali, Nizar Slimane (Ufficio Nazionale del Turismo Tunisino) Faouzi Ben Halima  (Ufficio Nazionale dell’Artigianato)  e Ahmed Jemal (Agenzia di Formazione per le professioni turistiche) durante la quale è stato ha fatto il punto sulla situazione in Tunisia. Accanto alla necessità di individuare nel settore turistico interventi volti a valorizzare e differenziare i prodotti che concorrono allo sviluppo dei territori, all’utilizzo sostenibile delle risorse naturali e del paesaggio, alla destagionalizzazione dei flussi, favorendo un migliore equilibrio tra mete consolidate e aree interne, è emersa la necessità di formare il personale sia pubblico che privato per contribuire a creare opportunità occupazionali ed imprenditoriali qualificate.  [CC]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Verso stop import sementi dal 2023

    ALGERIA - Il primo ministro algerino Aimene Benabderrahmane ha annunciato, nei giorni scorsi ad Algeri, che l’Algeria eliminerà gradualmente l’importazione di sementi da orto a partire dal prossimo anno. Parlando a margine della cerimonia di inaugurazione della Banca nazionale delle sementi, Benabderrahmane ha sottolineato l’importanza di sensibilizzare tutti gli agricoltori e gli operatori agricoli sulla decisione dell’Algeria di abbandonare le importazioni di sementi da orto. “Questa decisione non è motivata da una mancanza di risorse finanziarie, ma piuttosto dalla necessità di porre fine al consumo di energie algerine, soprattutto perché gli istituti e le università formano un gran numero di studenti in diverse specialità agricole”, ha spiegato il premier. È quindi importante, ha proseguito Benabderrahmane, “promuovere le competenze algerine e gli sforzi dello Stato in termini di formazione agricola, in particolare limitando le importazioni”. [MS]
  • Libia Free

    Ricostruzione costerà 100 miliardi di dollari

    LIBIA - Il ministro di Stato libico per gli affari economici, Salama al-Ghwail, ha affermato che la Libia ha bisogno di circa 102,5 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni per potersi ricostruire. In un’intervista a Sky News Arabia, il ministro ha sottolineato che l’entità delle perdite subite dall’economia non può essere stimata con precisione. Ha confermato che “il Paese è stato danneggiato a causa della mancanza di sviluppo interno e dell’assenza di sicurezza, oltre che alla stagnazione economica e al mancato sviluppo degli investimenti del settore privato nel Paese”. Al-Ghwail ha peraltro osservato che “l’assenza di stabilità politica e di sicurezza nel Paese è stato il fattore più importante che ha impedito alla Libia di beneficiare degli alti prezzi del petrolio”. Tuttavia ha spiegato che “la Libia dispone di risorse naturali che possono contribuire allo sviluppo e alla ricostruzione del Paese”. Ha infine affermato che la Libia “impiegherà manodopera egiziana e lavorerà per sviluppare relazioni con i Paesi vicini ed europei come Germania, Italia e Francia, oltre a Cina e Turchia, in concomitanza con il lavoro per attrarre investimenti nel Paese”. [CN]
  • Egitto Free

    Inflazione core oltre il 15 per cento a luglio

    EGITTO - La Banca Centrale d’Egitto ha annunciato che il tasso annuo di inflazione core è salito al 15,6% nel mese di luglio, rispetto al 14,6% del mese precedente. Per quanto riguarda la media mensile, l’indice dei prezzi al consumo core ha segnato un tasso dell’1,5% a luglio 2022, rispetto allo 0,6% registrato nello stesso mese del 2021 e all’1,2% dello scorso giugno. La Banca Centrale ha inoltre indicato che il tasso di inflazione generale annuo è salito al 13,6% a luglio 2022, rispetto al 13,2% del mese precedente, mentre l’indice generale dei prezzi al consumo urbani ha raggiunto l’1,3%, rispetto a una media dello 0,9% per lo stesso mese dell’anno precedente e un tasso mensile negativo dello 0,1% a giugno 2022. L’Agenzia Centrale per la Mobilitazione Pubblica e la Statistica del governo in Egitto ha attribuito l’aumento dell’inflazione “all’aumento dei prezzi del dipartimento alimentare e delle bevande del 23,8%, del pane del 45,9%, del pesce del 34,2%, degli oli del 31,6 %, latticini, formaggio e uova del 27,2%, zucchero del 24,3%, carne del 23,9% e frutta dell’11,6%. Invece i prezzi degli alloggi, dell’elettricità e del gas sono aumentati del 5,8%, i prezzi dei trasporti e delle comunicazioni del 15,4%, dell’assistenza sanitaria del 6,4%, dell’istruzione del 13,9% e dell’intrattenimento del 27%. L’Egitto ha dovuto far fronte a crescenti pressioni finanziarie dall’inizio della guerra russa in Ucraina, poiché le riserve di valuta estera hanno continuato a diminuire per il terzo mese consecutivo alla fine di luglio. Secondo i dati emessi dalla Banca centrale, le riserve sono diminuite durante i primi sette mesi di quest’anno di circa 7,8 miliardi di dollari, per raggiungere 33,14 miliardi di dollari alla fine del mese scorso, rispetto ai 40,93 miliardi di fine dicembre 2021, con una diminuzione di 19 miliardi di dollari.  [CN]
  • Algeria Free

    Fichi secchi, prevista produzione catastrofica

    ALGERIA - In Algeria i produttori di fichi secchi di Beni Maouche prevedono una produzione “catastrofica” per quest’anno a causa delle condizioni meteorologiche avverse. Secondo le stime dell’Associazione dei coltivatori di fichi del comune di Beni Maouche, il calo della produzione potrebbe raggiungere l’80%. ”Prevediamo un calo di circa l’80%”, indica il presidente dell’associazione Youcef Meziane in un dichiarazione raccolta da Maghreb Emergent. La siccità e altri rischi climatici sono la causa di questa situazione “preoccupante”. ”Il terreno è asciutto e le falde freatiche stanno cadendo. Condizioni che minacciano seriamente la filiale del fico”, avverte Youcef Meziane. ”Le precipitazioni sono in calo da 5 anni. I fichi non si possono più produrre in queste condizioni”. Il calo della produzione potrebbe indurre gli organizzatori dell’associazione e le autorità locali a cancellare la festa dei fichi secchi di Beni Maouche che dovrebbe svolgersi in autunno. ”Sarà difficile organizzare la festa dei fichi secchi di Beni Maouche in queste condizioni. I visitatori abituali dell’evento potrebbero non trovare il loro frutto preferito”, ha sottolineato Meziane.  [GT]
  • AfricaTunisia Free

    Evento AfDb su energia verde a margine della Ticad8

    AFRICA - Accelerare l’accesso all’energia pulita con i finanziamenti per il clima: questo sarà il tema dell’evento che organizzeranno il prossimo 22 agosto la Banca africana di sviluppo (AfDb) e l’International Finance Corporation per discutere le sfide relative all’accelerazione della transizione verso l’energia pulita, le opportunità di investimento per il settore privato e il modo in cui le istituzioni di finanziamento dello sviluppo stanno aumentando il loro sostegno per raggiungere questi obiettivi. L’evento, che si svolgerà virtualmente a margine dell’ottava Conferenza internazionale di Tokyo sullo sviluppo africano (Ticad8) prevista il 27 e 28 agosto 2022 a Tunisi, riunirà esperti del settore pubblico e privato in Asia e Africa, nonché istituzioni di finanziamento dello sviluppo con l’obiettivo di dibattere della necessaria transizione equa e giusta verso l’energia pulita che attende il continente africano. La Conferenza internazionale di Tokyo sullo sviluppo africano mira a promuovere la cooperazione e il partenariato tra Giappone e Africa a sostegno dello sviluppo sostenibile del continente. Per informazioni sull'agenda e sulle modalità di partecipazione, cliccare qui. [CN]
  • Libia Free

    Riavviati impianti della compagnia di fertilizzanti

    LIBIA - La Libyan Fertilizer Company (Lifeco) ha annunciato di aver riavviato le operazioni del suo secondo impianto di ammoniaca e del suo secondo impianto di urea con una capacità produttiva dell’80% per ogni impianto. La ripresa delle attività arriva dopo uno stop di due mesi causato dall’embargo sulla produzione e l’esportazione di petrolio. La società riprenderà le operazioni dei due stabilimenti nei prossimi giorni, ha affermato in una nota la National Oil Corporation (Noc), precisando che la ripresa della produzione rientra nel quadro dei suoi sforzi per ristabilire la produzione petrolchimica, in particolare l’urea, per la sua importanza nel campo dell’agricoltura, soprattutto con l’inizio della stagione dell’aratura nel più vasto ambito degli obiettivi da raggiungere per la Libia nel campo della sicurezza alimentare. Secondo la Noc, prima dell’embargo, la produzione giornaliera di urea era di circa 1.400 tonnellate e quella di ammoniaca di circa 800 tonnellate al giorno. [CN]