Egitto

Inflazione core oltre il 15 per cento a luglio

EGITTO - La Banca Centrale d’Egitto ha annunciato che il tasso annuo di inflazione core è salito al 15,6% nel mese di luglio, rispetto al 14,6% del mese precedente. Per quanto riguarda la media mensile, l’indice dei prezzi al consumo core ha segnato un tasso dell’1,5% a luglio 2022, rispetto allo 0,6% registrato nello stesso mese del 2021 e all’1,2% dello scorso giugno. La Banca Centrale ha inoltre indicato che il tasso di inflazione generale annuo è salito al 13,6% a luglio 2022, rispetto al 13,2% del mese precedente, mentre l’indice generale dei prezzi al consumo urbani ha raggiunto l’1,3%, rispetto a una media dello 0,9% per lo stesso mese dell’anno precedente e un tasso mensile negativo dello 0,1% a giugno 2022. L’Agenzia Centrale per la Mobilitazione Pubblica e la Statistica del governo in Egitto ha attribuito l’aumento dell’inflazione “all’aumento dei prezzi del dipartimento alimentare e delle bevande del 23,8%, del pane del 45,9%, del pesce del 34,2%, degli oli del 31,6 %, latticini, formaggio e uova del 27,2%, zucchero del 24,3%, carne del 23,9% e frutta dell’11,6%. Invece i prezzi degli alloggi, dell’elettricità e del gas sono aumentati del 5,8%, i prezzi dei trasporti e delle comunicazioni del 15,4%, dell’assistenza sanitaria del 6,4%, dell’istruzione del 13,9% e dell’intrattenimento del 27%. L’Egitto ha dovuto far fronte a crescenti pressioni finanziarie dall’inizio della guerra russa in Ucraina, poiché le riserve di valuta estera hanno continuato a diminuire per il terzo mese consecutivo alla fine di luglio. Secondo i dati emessi dalla Banca centrale, le riserve sono diminuite durante i primi sette mesi di quest’anno di circa 7,8 miliardi di dollari, per raggiungere 33,14 miliardi di dollari alla fine del mese scorso, rispetto ai 40,93 miliardi di fine dicembre 2021, con una diminuzione di 19 miliardi di dollari.  [CN]© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Marocco Free

    Import cereali, prestito da Banca africana sviluppo

    MAROCCO - La Banca africana di sviluppo ha dichiarato di aver approvato un prestito di 199 milioni di euro per aiutare il Marocco ad aumentare la produzione di cereali e ridurre le importazioni.

    Il prestito – si legge in una nota – fa parte del programma della banca per aiutare a rafforzare la sicurezza alimentare, la nutrizione e l’agricoltura resiliente in tutta l’Africa. La peggiore siccità degli ultimi decenni ha ridotto la produzione di cereali del Marocco del 67% a 3,4 milioni di tonnellate quest’anno. L’organizzazione francese dell’industria del grano Intercereales ha affermato la scorsa settimana che il fabbisogno di importazione di grano tenero del Marocco è stimato a 5 milioni di tonnellate il prossimo anno.

    Nei primi sette mesi di quest’anno, il conto delle importazioni di grano tenero del Marocco è raddoppiato a 1,6 miliardi di dollari rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo i dati sui cambi. [GT]

  • Egitto Free

    Cop27, per Shoukry serve agire subito e in modo...

    EGITTO - L’Egitto ha definito una visione per la 27a sessione della Conferenza delle Parti (Cop27) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che mira a farne una “Cop di attuazione” spingendo per azioni concrete attraverso accordi precedenti. “Dobbiamo accelerare l’azione per il clima su tutti i fronti, compresi mitigazione, adattamento e finanziamento, oltre ad adottare misure di mitigazione più ambiziose”, ha affermato il ministro degli Esteri egiziano e presidente designato della Cop27, Sameh Shoukry, in un comunicato stampa. L’Egitto ospiterà la Cop27 dal 7 al 18 a Sharm El-Sheikh. “Non c’è spazio per ritardi nell’adempimento degli impegni sul clima o per fare marcia indietro sugli obiettivi duramente raggiunti nella lotta globale contro il cambiamento climatico”, ha affermato Shoukry. “Dobbiamo lavorare insieme per l’attuazione. Dobbiamo agire, e agire ora, per salvare vite e mezzi di sussistenza”, ha aggiunto. [TM]
  • Egitto Free

    Accordo con Coca-Cola, sponsor della Cop27

    EGITTO - Il ministero degli Esteri egiziano e la Coca-Cola hanno firmato un protocollo di cooperazione, per cui l’azienda americana sarà sponsor e fornitore della 27esima Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop27), in programma a Sharm El-Sheikh dal 6 al 18 novembre. Lo riportano i media egiziani. I media ricordano che nelle scorse settimane l’azienda statunitense Ibm è stata nominata partner tecnologico della Cop27, mentre ad agosto l’Egitto ha firmato un memorandum di intesa con il Boston Consulting Group, nominando la società americana di consulenza manageriale partner esclusivo della conferenza. Sempre il mese scorso Il Cairo ha firmato un altro memorandum di intesa con Vodafone, in base al quale la multinazionale britannica di telecomunicazioni sarà il principale partner per le comunicazioni durante la conferenza. [SS]
  • Algeria Free

    Sonatrach rivede prezzi del gas con sei partner

    ALGERIA - L’amministratore delegato del gruppo algerino Sonatrach, Toufik Hakkar, ha detto ieri ad Algeri, ripreso dall’agenzia stampa Aps, che è stato concordato con sei partner su undici di rivedere i prezzi del gas naturale algerino che viene loro esportato. Le dichiarazioni di Hakkar sono arrivate a margine della cerimonia di firma dei nuovi prezzi e volumi di acquisto con il gruppo italiano Enel. L’amministratore delegato di Sonatrach ha annunciato la fine delle trattative con il partner spagnolo Naturgy sul nuovo pricing, indicando che un accordo sarà concluso “nei prossimi giorni”. In merito agli accordi siglati mercoledì con il gruppo italiano Enel e la sua controllata in Spagna Endesa, Hakkar ha spiegato che si trattava di rivedere i prezzi del gas naturale esportato sia in Italia che in Spagna, “oggi che il mercato internazionale del gas sta vivendo un sorprendente aumento dei prezzi”. Gli accordi, ha detto, sono il culmine di oltre sei mesi di trattative: nuovi prezzi e volumi aggiuntivi “rimangono riservati”. [ASB]
  • Algeria Free

    Via libera da Pechino per l’adesione di Algeri ai...

    ALGERIA - La Cina ha accolto con favore l’intenzione dell’Algeria di entrare a far parte del gruppo Brics (Brasile, Russia, Cina e Sudafrica): lo si apprende dall’agenzia di stampa cinese Xinhua, che cita il ministro degli Esteri di Pechino Wang Yi. A luglio il presidente algerino aveva manifestato il suo interesse ad entrare nei Brics “per rafforzare la posizione” di paese non allineato e per “proteggersi dalle tensioni tra i due poli”. Una posizione accolta con favore da Pechino: “La Cina sostiene l’Algeria, che attualmente detiene la presidenza di turno della Lega araba, e accoglie con favore la sua volontà di entrare a far parte della famiglia Brics”, ha detto Wang Yi dopo un incontro con il ministro degli Affari esteri algerino Ramtane Lamamra, a margine della 77esima sessione dell’assemblea generale delle Nazioni unite. Pechino apprezza gli sforzi di Algeri e il suo sostegno all’Iniziativa per lo sviluppo globale (Idm) proposta dal presidente cinese Xi Jinping nel settembre 2021. Oggi il gruppo Brics rappresenta il 42% della popolazione del pianeta (3,2 miliardi di persone) e circa il 25% del prodotto interno lordo (Pil) mondiale. A maggio il ministero degli Esteri cinese aveva annunciato l’avvio di un processo di allargamento del gruppo e i ministri degli esteri di Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Egitto, Kazakistan, Indonesia, Argentina, Nigeria, Senegal e Thailandia hanno tutti partecipato, pochi giorni dopo, a una conferenza online sul processo di allargamento dei Brics, definito “Brics plus” da Pechino. A fine giugno Argentina e Iran hanno presentato ufficialmente domanda di adesione. [ASB]
  • Egitto Free

    Piano per porto turistico con energia rinnovabile

    EGITTO - L’Egitto punta a costruire nel Golfo di Suez il suo primo porto turistico alimentato da energia rinnovabile, su un’area di circa 25mila metri quadrati e con una capacità di circa 65 yacht. Lo ha annunciato il presidente dell’Autorità del Canale di Suez, Osama Rabie, nel corso di un incontro avuto nei giorni scorsi con il premier Mostafa Madbouly e il ministro dei Trasporti, Kamel Al-Wazir, per discutere di turismo nautico. Secondo quanto riportato dai media egiziani, Rabie ha spiegato che il progetto prevede anche la realizzazione di un hotel e di un’area commerciale, così come di un percorso pedonale per i turisti lungo 850 metri. [SS]