Angola

Verso elezioni, Amnesty denuncia aumento repressione

ANGOLA - A otto giorni dalle elezioni generali in Angola, Amnesty International denuncia, in un documento pubblicato ieri, “una repressione senza precedenti dei diritti umani, compresi omicidi illegali e arresti arbitrari, in vista delle elezioni del 24 agosto”. Negli ultimi anni, sostiene Amnesty, l’Angola è stata caratterizzata da un aumento della brutale repressione dei diritti umani, compresa la repressione di qualsiasi forma di dissenso. Nel suo nuovo briefing, Deprose Muchena, direttore di Amnesty International per l’Africa orientale e meridionale, descrive in dettaglio come le autorità angolane hanno intensificato la loro repressione dei diritti umani in un contesto di deterioramento della situazione umanitaria aggravato dalla siccità e dalla fame indotta nella regione meridionale del Paese. “I manifestanti, compresi i giovani che chiedono responsabilità e i loro diritti socioeconomici, non sono stati risparmiati”, ha affermato Muchena, invitando le autorità a collaborare con la comunità internazionale per portare aiuti umanitari alle vittime della siccità e della fame nella regione meridionale. Amnesty ricorda che al culmine della pandemia di Covid-19 nel 2020, le forze di sicurezza responsabili dell’attuazione delle restrizioni hanno ucciso almeno sette ragazzi e giovani con un uso eccessivo della forza. Nel gennaio 2021, la polizia ha sparato e ucciso decine di attivisti che protestavano pacificamente contro l’alto costo della vita nella città mineraria di Cafunfo, nella provincia di Lunda Norte. Le forze di sicurezza hanno anche inseguito i manifestanti nei quartieri e nelle foreste circostanti. Mentre il numero esatto delle vittime e dei feriti rimane sconosciuto, i corpi abbandonati sono stati trovati nel vicino fiume Cuango. A seguito della violenta repressione di una protesta pacifica dell’8 febbraio 2021, il Servizio investigativo criminale del paese ha arrestato José Mateus Zecamutchima del Movimento protettorato di Lunda Tchokwe, che sostiene l’autonomia e l’autodeterminazione della metà orientale dell’Angola. Accusato di “associazione a delinquere e ribellione armata” e di “aver condotto la ribellione a rovesciare il governo”, José Mateus è stato sottoposto a un processo iniquo e alla reclusione. Gli è stato spesso negato il contatto con il suo avvocato e la sua famiglia, denuncia ancora Amnesty. Il 30 maggio 2021, la polizia di Cabinda ha arrestato e arrestato diversi manifestanti dopo aver interrotto violentemente la loro processione e sequestrato i loro oggetti personali. La manifestazione faceva parte di una più ampia protesta di cinque province contro la fame indotta dalla siccità, la disoccupazione e l’insostenibile costo della vita. Mentre l’accaparramento di terre dei pascoli comunali da parte di allevamenti commerciali di bestiame ha progressivamente eroso la resilienza economica e sociale delle comunità di pastori dalla fine della guerra civile nel 2002, milioni di persone nel sud dell’Angola stanno ora affrontando ulteriori minacce a causa del cambiamento climatico la siccità continua. Il cibo e l’acqua stanno diventando sempre più scarsi, il che ha portato migliaia di persone a fuggire dalle proprie case e a cercare rifugio nella vicina Namibia. Il 24 agosto 2022 in Angola si terranno le quinte elezioni generali dalla fine della guerra civile. Il voto consentirà agli angolani di eleggere il proprio presidente e i rappresentanti parlamentari. Si tratterà di un’elezione altamente competitiva, con il presidente in carica João Lourenço, leader dell’Mpla, detentore del potere esecutivo e comandante in capo delle forze armate, in gara per un secondo mandato, e il suo principale avversario, Adalberto da Costa Júnior, leader dell’Unita in corsa per la Presidenza per la prima volta. Voci di brogli elettorali sono all’ordine del giorno. [CC]© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Firmato accordo di cooperazione con Agenzia brasiliana...

    ANGOLA - La compagnia statale per il petrolio e il gas dell’Angola (ANPG) ha firmato un accordo di cooperazione con la sua controparte brasiliana nei settori della promozione tecnica per rafforzare l’industria degli idrocarburi. L’intesa è stata firmata a margine del recente vertice Rio Oil & Gas, svoltosi a Rio de Janeiro tra il Direttore Generale dell’Agenzia Nazionale del Petrolio (ANP) del Brasile, Rodolfo Saboia, e il Presidente del Consiglio di Amministrazione di ANPG, Paulino Jeronimo.  Con l'accordo, le due agenzie intendono stabilire basi che consentano lo sviluppo dello scambio di informazioni ed esperienze, ricerche congiunte, iniziative, tecnologie, procedure, lavori di indagine, sulla base dei principi di reciprocità, uguaglianza e mutuo vantaggio. L’accordo di cooperazione per “programmi di regolamentazione e supervisione delle attività di esplorazione, sviluppo e produzione” potrà applicarsi ai seguenti ambiti di attività: regolamentazione e ispezione delle attività esplorative; regolazione e controllo delle attività di sviluppo e produzione; regolazione e controllo dei contenuti nazionali; formazione e sviluppo delle competenze; stage professionali; preparazione della documentazione e delle informazioni; e altre aree relative al settore petrolifero e del gas individuate dalle parti. [CN]
  • Mozambico Free

    Maputo, mancano autobus per rispondere alla domanda di...

    MOZAMBICO - La Maputo Municipal Transport Company (EMTPM) ha rivelato che ha bisogno di circa 300 autobus per soddisfare l'attuale domanda di passeggeri mentre, al momento, la compagnia opera con solo 65 autobus. L'informazione è stata diffusa ieri dai dirigenti dell'Azienda Municipale di Trasporto di Maputo, nel corso di un incontro organizzato per discutere l'attuale situazione del settore, valutare le performance e pianificare le prossime azioni. Nell'occasione è stata sollevata l’urgenza di aumentare la flotta nel medio e lungo termine. Anche di fronte a questo vincolo, l'azienda rivela di essere cresciuta del 16% rispetto ai primi otto mesi dello scorso anno, avendo raccolto oltre 1,5 milioni di euro di ricavi. Nella vasta area metropolitana della capitale, Empresa Municipal de Transportes de Maputo opera su 36 rotte e addebita prezzi compresi tra 0,19 e 0,24 euro. [CN].
  • Namibia Free

    TotalEnergies, la scoperta di petrolio potrebbe essere ...

    NAMIBIA - Aumenta la speculazione secondo cui la Namibia ospita un nuovo prolifico bacino di idrocarburi la dichiarazione fatta da TotalEnergies SE secondo la quale la scoperta petrolifera al largo del Paese potrebbe essere "gigante". L'amministratore delegato di TotalEnergies Patrick Pouyanne ha infatti affermato durante una presentazione agli investitori a New York, che la scoperta in Namibia "sembra essere molto grande" o addirittura "gigante", sulla base dei risultati di un singolo pozzo. La major francese ha annunciato una prima scoperta in Namibia a febbraio, dopo poche settimane che anche Shell Plc aveva perforato con successo un pozzo offshore nel Paese.  Citato da Bloomberg, il consulente Wood Mackenzie Ltd. stima che le scoperte in Namibia potrebbero contenere circa 6,5 ​​miliardi di barili di petrolio equivalenti di riserve recuperabili. Il Paese nutre grandi speranze per la sua nascente industria petrolifera, prevedendo che potrebbe raddoppiare il PIL entro il 2040. [CN]
  • Malawi Free

    Infrastrutture stradali, firmato accordo con US...

    MALAWI - Trecento chilometri di strade in Malawi saranno costruiti nell’ambito del contratto firmato dal Malawi con la Millennium Challenge Corporation (MCC) per un valore di 350 milioni di dollari. La cerimonia di firma è stata presieduta dal presidente del Malawi Lazarus Chakwera e dal Segretario di Stato degli Stati Uniti Antony Blinken. MCC era rappresentata dalla sua amministratrice delegata Alice Albright mentre il governo del Malawi era rappresentato da Sosten Gwengwe, ministro delle Finanze e degli Affari economici. Scrivendo sulla sua pagina Facebook dopo l'evento, Chakwera ha affermato che il Malawi Transport and Land Compact sarà implementato per ridurre i costi di trasporto e rafforzare l'amministrazione del territorio in Malawi. “Tra i risultati attesi c'è la costruzione della rete di 300 chilometri di quattro corridoi stradali in tutto il Paese per facilitare un maggiore flusso di prodotti agricoli dalle fattorie ai mercati urbani. Inoltre, le agenzie statali con il mandato di supervisionare l'infrastruttura stradale riceveranno anche assistenza tecnica per migliorare l'usabilità dell'infrastruttura attraverso una manutenzione tempestiva", ha affermato il capo dello Stato. Ha aggiunto che il patto rafforzerà la capacità del Malawi nelle riforme della gestione della terra per massimizzare le entrate fondiarie sia per gli agricoltori rurali che complessivamente per il Paese. Le strade che saranno costruite nell'ambito dell'accordo con la MCC includono la strada Chikwawa, a Rumphi, fino a Euthini, a Mzimba (67 km); da Mkanda, a Mchinji, a Mwase/Linga, a Kasungu (88 km); da Chileka, a Lilongwe, a Chigwirizano, a Lilongwe (53 km); e da Chamtulo, a Mangochi (da Golomoti a Monkey Bay Road) a Mkutumula vicino al mercato di Balaka, a Ntcheu (79 km). [CN]
  • Mozambico Free

    Preselezionate aziende per la diga idroelettrica di...

    MOZAMBICO - Il direttore generale del progetto della diga idroelettrica di Mphanda Nkuwa ha annunciato che sette investitori strategici - due singole società e cinque consorzi internazionali - erano già stati preselezionati per il finanziamento e l'attuazione del progetto da 4,5 miliardi di dollari nel centro del Mozambico. Il processo di selezione dei sette potenziali investitori è stato effettuato al termine di una conferenza svoltasi negli scorsi giorni a Maputo, durante la quale il direttore del progetto, Carlos Yum, ha affermato che gli investitori visiteranno questa settimana il sito della diga nella provincia di Tete per comprendere le condizioni naturali del territorio e valutare dati fondamentali per elaborare le proposte dal punto di vista tecnico, economico e finanziario.  Dei sette concorrenti prequalificati, TotalEnergies compete in un consorzio composto da se stessa e da EDF SA, entrambi francesi. Sono incluse anche ETC Holdings Mauritius Limited con sede a Mauritius e Zambia, Longyuan Power Overseas Investment Co. Ltd e PowerChina Resources Limited in Cina, WeBuild Group in Italia e Zimbabwe, Scatec in Norvegia, Sumitomo Corporation e Kansai Electric Power Co. Inc. dal Giappone.  Da parte loro, le istituzioni finanziarie internazionali che sono partner del progetto, come la Banca Mondiale e la Banca Africana di Sviluppo, presenteranno le linee guida per il loro ruolo nel progetto idroelettrico e affronteranno questioni di finanziamento e garanzie per il progetto. Si stima che l'infrastruttura abbia un costo compreso tra 4,5 e 5 miliardi di dollari, con una capacità di produrre 1.500 megawatt, rendendo Mphanda Nkuwa la seconda centrale idroelettrica più grande del Paese, dopo la centrale idroelettrica di Cahora Bassa (HCB), che genera 2070 megawatt. Ad aprile, una fonte governativa citata dalla stampa internazionale aveva indicato che c'erano otto consorzi internazionali interessati ad essere partner strategici con il Mozambico nella costruzione della diga di Mphanda Nkuwa, ovvero: ETC Holdings Mauritius, Longyuan Power Overseas Investment, PowerChina Risorse, WeBuild Group, Scatec, Sumitomo Corporation, EDF e Kansai Electric Power. [CN]
  • Zimbabwe Free

    Previsti livelli record per i guadagni delle...

    ZIMBABWE - Oltre 7 miliardi di dollari: questo l’importo che i proventi delle esportazioni dello Zimbabwe dovrebbero raggiungere quest’anno - il più alto nella storia del Paese - rispetto ai 6,03 miliardi registrati l’anno scorso. Secondo i dati resi pubblici dal Sunday Mail, i proventi delle esportazioni semestrali sono stati di 3,4 miliardi di dollari rispetto ai 2,3 miliardi di dollari registrati nello stesso periodo del 2021, con una crescita del 47,3%. “Attraverso l’agenda della diplomazia economica attuata dal ministero degli Affari Esteri e del Commercio Internazionale, il governo sta spingendo affinché le nostre relazioni politiche con le nazioni straniere lavorino per migliorare le nostre esportazioni in quei Paesi”, ha affermato l’amministratore delegato di ZimTrade (l’agenzia di promozione degli investimenti in Zimbabwe), Allan Majuru, che indica che l’agenzia ha intrapreso un’offensiva per aumentare la visibilità internazionale dei prodotti locali attraverso eventi di promozione delle esportazioni. “ZimTrade ha anche coinvolto aziende locali per eventi di promozione commerciale in Zambia, Repubblica Democratica del Congo, Dubai, Regno Unito e Italia”, ha aggiunto. La performance delle esportazioni di quest’anno eleverà lo Zimbabwe al primo posto tra i principali esportatori della Comunità di Sviluppo dell’Africa Australe (SADC), dietro il Sudafrica e l’Angola. [CN]