Niger

Idrocarburi, incontri ad alto livello a Houston

NIGER - Il presidente della Repubblica del Niger, Mohamed Bazoum, ha partecipato a Houston a un vertice sugli investimenti in petrolio e gas, insieme a dirigenti di aziende energetiche con sede negli Stati Uniti. L’evento era organizzato dall’African Energy Chamber e da EnerGeo Alliance. I partecipanti hanno discusso opportunità, sviluppi e sfide riguardanti il ​​futuro dell’energia africana. “L’obiettivo di questo evento, in linea con le priorità costantemente espresse dal presidente Bazoum, è invitare investitori credibili che possano collaborare con il governo e il nostro settore privato per sfruttare le risorse del Niger a beneficio sia degli investitori che del popolo del Niger”, ha sottolineato  Mahamane Sani Mahamadou, ministro del Petrolio del Niger, presente anche lui. “Il Niger offre attualmente più di 35 blocchi esplorativi ad alto potenziale”, ha precisato il ministro, invitando gli operatori interessati a presentare offerte. Il governo del Niger si impegna a portare energia affidabile e sostenibile nell’intero Paese, sostiene il governo, con l’obiettivo dichiarato di raggiungere l’accesso universale all’elettricità entro il 2035. Il Niger ha stabilito un piano di elettrificazione rurale sviluppando l’“Agenzia nigerina per la promozione dell’elettrificazione rurale”, che ha lanciato uno studio di fattibilità nazionale per lo sviluppo di un mercato di mini-reti in tutto il Paese. Lo sviluppo delle sue enormi riserve di gas giocherà sicuramente un ruolo importante nel raggiungimento di questo obiettivo. Inoltre, il governo della Repubblica del Niger, nel marzo 2022, ha firmato un accordo con la società energetica indipendente Savannah Energy, per la costruzione e la gestione del primo parco eolico del Paese. Destinato a diventare uno dei più grandi parchi eolici del continente, il Parc Eolien de la Tarka avrà una capacità di produzione installata di 250 megawatt. Le fonti governative sostengono che il presidente Bazoum ha reindirizzato l’attenzione sul settore petrolifero in forte espansione, dando la priorità agli sviluppi infrastrutturali come l’oleodotto di 2.000 km e 4,5 miliardi di dollari che collega il promettente bacino del Rift di Agadem in Niger alla costa del Benin. Con una capacità prevista di 90.000 barili al giorno al completamento nel 2023, si prevede che l’oleodotto quintuplicherà la produzione nazionale, rendendo il Paese un importante produttore regionale di petrolio e un concorrente globale. Si tratterà di un collegamento diretto tra le abbondanti risorse del Niger e i mercati internazionali, aumentando le opportunità di esportazione e aumentando la produzione interna. Dimostrerà inoltre la fattibilità della regione del Sahel come importante frontiera della produzione di petrolio e gas. Con due grandi produttori di petrolio attivi nel Paese, la China National Petroleum Corporation (Cnpc) – attualmente il principale operatore dell’oleodotto Niger-Benin – e la Savannah Energy, “il Niger sta guidando l’esplorazione di frontiera e la produzione associata in questa regione”, vantano le fonti governative. “Continuiamo a vedere grandi progressi in Niger, per quanto riguarda il clima degli investimenti nel settore petrolifero e gasiero, in particolare le condizioni fiscali offerte agli investitori, nonché le ragionevoli normative sui contenuti locali in vigore che facilitano il compito degli investitori di investire i propri capitali e raccogliere grandi profitti contribuendo immensamente allo sviluppo del Paese”, ha detto Nj Ayuk, presidente esecutivo della Camera dell’energia africana. “Questo sbloccherà senza dubbio ulteriori miliardi di dollari in investimenti nel settore petrolifero e del gas del Niger e alla fine porterà all’energia sicurezza per il Paese e la regione”, ha proseguito. [CC]© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    Banca Mondiale sostiene progetto forestale

    COSTA D'AVORIO - La seconda fase del progetto di investimento forestale della Costa d’Avorio ha ottenuto un sostegno finanziario di 148 milioni di dollari dalla Banca mondiale. Obiettivo il ripristino della copertura forestale ivoriana. La seconda fase del progetto, che fa seguito alla prima fase lanciata nel 2018, avrà una durata di sette anni. Presentando l’iniziativa per conto del governo ivoriano, il ministro dell’Acqua e delle Foreste, Laurent Tchagba, ha specificato che “la sua attuazione consentirà di preservare e aumentare lo stock forestale grazie al programma agroforestale che copre 300 mila ettari di foreste”. Il progetto mira anche a migliorare le fonti di reddito delle persone, a rafforzare la conservazione della biodiversità in quattro parchi nazionali. [GT]
  • Nigeria Free

    Approvato disegno legge per prestiti a studenti

    NIGERIA - Il parlamento nigeriano ha approvato un disegno di legge che mira a istituire una banca in grado di concedere prestiti agli studenti degli istituti di istruzione superiore, tra cui università e college. Come osserva la stampa locale, il disegno di legge, il primo di questo tipo in Nigeria, è stato approvato martedì dalle due camere dell’Assemblea nazionale e sarà trasmesso al Presidente Muhammadu Buhari per l’approvazione finale. Lo sponsor del progetto di legge e speaker della Camera dei Rappresentanti, Femi Gbajabiamila, ha dichiarato che la Nigerian Education Bank offrirà prestiti senza interessi agli studenti dell’istruzione superiore in Nigeria. Il disegno di legge prevede infatti che la banca “avrà il potere di approvare ed erogare il prestito ai richiedenti qualificati. Inoltre, controllerà il conto/fondo di prestito degli studenti e garantirà il rispetto della normativa in materia di erogazione”. I beneficiari del prestito dovranno iniziare a rimborsarlo non appena avranno trovato un impiego, al termine degli studi e del servizio nazionale obbligatorio. Le banche nigeriane hanno fino ad ora concesso prestiti per gli studi solo ai genitori degli studenti, con condizioni molto rigide, tra cui una durata molto breve. Molti studenti hanno infatti dovuto abbandonare gli studi per fondi insufficienti a pagarli. [VGM]
  • Sierra Leone Free

    Bando per infrastrutture idriche

    SIERRA LEONE - La Guma Valley Water Company di Freetown, in Sierra Leone, invita a presentare offerte per la progettazione e la riparazione della diga Kongo, delle infrastrutture idriche Kongo Weir, Tacuyama Weir, Sugar Loaf Weir e delle relative condutture di trasmissione dell’acqua grezza a Freetown. I candidati interessati hanno fino al 12 gennaio 2023 per presentare le proprie offerte. Il bando originale è stato reso disponibile dalla Banca africana di sviluppo (AfDb): per maggiori informazioni cliccare qui. [CN]
  • Nigeria Free

    Firmato accordo per progetti di energia solare rurale

    NIGERIA - La Nigeria Rural Electrification Agency (Rea) e CarbonAi hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) per sviluppare progetti di energia solare rurale. In base al protocollo d’intesa, CarbonAi identificherà e svilupperà progetti di energia solare su piccola scala nel Paese e i progetti saranno finanziati dai proventi dei crediti di carbonio generati attraverso progetti di cattura del gas in torcia finanziati e sviluppati da CarbonAi. L’ amministratore delegato/Ceo della Rea della Nigeria, Ahmad Salihijo Ahmad, ha dichiarato che “lo spazio off-grid in Nigeria sta vivendo una crescita encomiabile. Con le opportunità che ne derivano, le principali parti interessate devono assumersi la responsabilità di sfruttare queste opportunità per accelerare l’impatto sostenibile, a livello nazionale. Questo è un altro modo strategico e innovativo per finanziare infrastrutture resilienti ai cambiamenti climatici in Nigeria, alleviando al tempo stesso la povertà energetica”. Le parti ritengono che questo protocollo d’intesa sarà un passo importante nella fornitura di energia rinnovabile affidabile alle comunità locali che sono attualmente prive di servizi e scarsamente servite, migliorando al contempo la qualità dell’aria locale associata al gas flaring. [CN]
  • Costa Avorio Free

    Operativa piattaforma formazione online gratuita

    COSTA D'AVORIO - Secondo il ministero ivoriano per la Promozione della Gioventù, l’Inserimento Professionale e il Servizio Civile, il governo della Costa d’Avorio e il Gruppo Trace, specializzato nell’intrattenimento, hanno impegnato la somma di 335,9 milioni di franchi Cfa (528.000 dollari) per rendere operativa in Costa d’Avorio la piattaforma di e-learning gratuita Trace Academia. Attraverso questo strumento, le autorità del Paese mirano a formare 100.000 giovani entro il 2025. Mamadou Touré, ministro per la Promozione della Gioventù, ha dichiarato che l’obiettivo di Trace Academia è quello di garantire che “i giovani beneficino di opportunità di lavoro” nella misura in cui aumenterà la loro occupabilità. Annunciato in Africa nel 2019, Trace Academia è entrato in funzione nel continente due anni dopo. Il Sudafrica è stato il primo Paese a sperimentare la piattaforma. Nel luglio 2021, la Costa d’Avorio ha firmato a sua volta un accordo con il gruppo mediatico. L’accordo triennale consiste nel permettere ai giovani ivoriani di beneficiare dei contenuti accademici della piattaforma di e-learning di Trace. Trace Academia offre un centinaio di corsi in vari campi, tra cui l’imprenditorialità e il digitale e le soft skills. I corsi di formazione, che portano al conseguimento di certificati, sono adattati al contesto locale per consentire ai discenti di integrarsi meglio nel mercato del lavoro. [VGM]
  • Ghana Free

    Sviluppo catene valore agricolo, fondi da Afdb

    GHANA - Il Consiglio di amministrazione del Fondo africano di sviluppo Afdb ha approvato una sovvenzione di 27,9 milioni di dollari a favore del Ghana per lo sviluppo di catene di valore agricolo nella regione di Savannah. Lo si apprende da una nota dell’Afdb nella quale viene specificato che la sovvenzione mira ad aumentare la produzione di mais, riso e soia resistenti al clima, oltre a sostenere la catena del valore del pollame e a generare occupazione per donne e giovani. Dovrebbe quindi aumentare il reddito degli agricoltori. “Questo obiettivo sarà raggiunto facilitando gli investimenti del settore privato in catene di valore sostenibili associate alla produzione commerciale di mais, soia e riso, con una catena di valore integrata per il pollame, che coinvolgerà principalmente donne e giovani”, si legge nel comunicato. Dalla medesima fonte si apprende che il progetto sarà attuato dal ministero dell’Alimentazione e dell’Agricoltura del Ghana dal 2023 al 2027. Afdb prevede che nel complesso, il progetto beneficerà almeno 150.000 persone indirettamente e 50.000 direttamente. Il progetto contribuirà inoltre alla produzione di almeno 8.000 ettari di nuovo riso, mais e soia, che miglioreranno la disponibilità di mangime per l’industria avicola. Afdb precisa che questa sovvenzione è in linea con il quadro di sviluppo a medio termine della Banca per il periodo 2022-2025, che mira a creare le condizioni affinché il settore privato possa stimolare la crescita e creare abbondanti opportunità di lavoro, soprattutto per i giovani, trasformando l’agricoltura e l’industria. È inoltre allineato all’area prioritaria della Banca che si concentra sullo sviluppo delle zone agro-ecologiche e sulla creazione di opportunità per i giovani del continente. “Questo progetto si basa sui precedenti investimenti della Banca nelle aree di savana del Ghana, che hanno portato alla produzione di 20.000 ettari di mais e soia utilizzando pratiche e tecnologie di agricoltura conservativa. Questo progetto arriva in un momento in cui il Ghana cerca di aumentare la produzione interna e ridurre le importazioni. Questi sono gli obiettivi principali della strategia Feed Africa della Banca”, ha dichiarato Martin Fregene, direttore del settore Agricoltura e Industria della Banca. [VGM]