Marocco

Import cereali, prestito da Banca africana sviluppo

MAROCCO - La Banca africana di sviluppo ha dichiarato di aver approvato un prestito di 199 milioni di euro per aiutare il Marocco ad aumentare la produzione di cereali e ridurre le importazioni.

Il prestito – si legge in una nota – fa parte del programma della banca per aiutare a rafforzare la sicurezza alimentare, la nutrizione e l’agricoltura resiliente in tutta l’Africa. La peggiore siccità degli ultimi decenni ha ridotto la produzione di cereali del Marocco del 67% a 3,4 milioni di tonnellate quest’anno. L’organizzazione francese dell’industria del grano Intercereales ha affermato la scorsa settimana che il fabbisogno di importazione di grano tenero del Marocco è stimato a 5 milioni di tonnellate il prossimo anno.

Nei primi sette mesi di quest’anno, il conto delle importazioni di grano tenero del Marocco è raddoppiato a 1,6 miliardi di dollari rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo i dati sui cambi. [GT]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Pesca, presentate nuove linee guida

    ALGERIA - Durante una riunione del governo di questa settimana è stata presentata una tabella di marcia relativa al settore della pesca e della produzione ittica. Lo riporta l’Algerie presse service, che cita il ministro della Pesca e della produzione ittica algerino. La tabella di marcia elenca le principali azioni realizzate dal 2020 e ha presenta una previsione in relazione agli obiettivi del 2023 e del 2024, evidenziando le azioni da intraprendere e gli obiettivi strategici da raggiungere: tali azioni riguardano varie aree di attività del settore della pesca, in particolare la produzione ittica, la costruzione e la riparazione navale e il miglioramento delle condizioni socio-economiche dei professionisti della pesca e dell’acquacoltura. Il piano d’azione del governo mira ad aumentare la produzione entro il 2024 a 166.000 tonnellate, di cui 24.000 tonnellate di pesce da acquacoltura. [ASB]
  • Tunisia Free

    Nuovi bus per aree rurali grazie accordo con Italia

    TUNISIA - Il ministero dell’Istruzione tunisina ha annunciato che 132 nuove linee di autobus per il trasporto scolastico rurale saranno operative nei vari governatorati del Paese nel gennaio 2023, dopo la consegna mercoledì di 95 autobus per il trasporto scolastico rurale. Secondo i media nazionali, questi autobus rafforzeranno la flotta di trasporto rurale che attualmente copre 15 governatorati con più di 200 linee di trasporto scolastico rurale. Le nuove linee consentiranno a quasi 7.617 alunni in più di beneficiare dei servizi di trasporto scolastico rurale. La consegna di questi autobus rientra nel progetto di acquisto di mezzi di trasporto a beneficio delle scuole finanziato nell’ambito di un accordo stipulato tra Tunisia e Italia. [GT]
  • Egitto Free

    Cavo sottomarino 2Africa arriva a Ras Gharib

    EGITTO - Il cavo sottomarino 2Africa sviluppato da Meta è arrivato a Ras Gharib, nel governatorato del Mar Rosso, in Egitto. In un comunicato congiunto, Meta e Telecom Egypt hanno precisato che nei prossimi mesi il cavo arriverà anche a Port Said, sul Mar Mediterraneo, e che le stazioni di atterraggio di Ras Gharib e Port Said saranno collegate da due rotte terrestri adiacenti al Canale di Suez. Annunciato nel 2020, il cavo 2Africa punta a collegare 46 località in Africa, Europa e Asia entro il 2024, con l’obiettivo di rafforzare l’infrastruttura internet e ad aumentare la capacità ad alta velocità, consentendo così agli operatori di rispondere alla crescente domanda nata dall’accelerazione della trasformazione digitale. “L’accesso a Internet più veloce non è più un lusso, ma una necessità assoluta, come è emerso in modo chiaro durante la crisi del Covid-19”, ha sottolineato Fares Akkad, Direttore regionale di Meta per Medio Oriente e Nord Africa. “Investire in cavi sottomarini porta più persone online con internet più veloce e 2Africa è un esempio perfetto del nostro modello di partnership innovativo in cui tutti traggono vantaggio dallo sviluppo di infrastrutture tecnologiche”, ha aggiunto Akkad.  [SS]
  • Algeria Free

    Adottata legge finanziaria 2023

    ALGERIA - I deputati dell’Assemblea nazionale del popolo (Apn) hanno adottato all’unanimità il disegno di legge finanziaria per il 2023, durante una sessione plenaria presieduta da Brahim Boughali, presidente dell’Assemblea, alla presenza del ministro delle finanze Brahim Djamel Kassali e di diversi ministri. Il progetto della legge finanziaria 2023 è stata fatto sulla base di un prezzo di riferimento previsionale del barile di petrolio pari a 60 dollari per il periodo compreso tra il 2023 e il 2025, un tasso di crescita medio del 4,1% nel 2023 e del 4,4% nel 2024 e un livello di inflazione del 5,1% nel 2023, del 4,5% nel 2024 e del 4,0 nel 2025. Il disegno di legge prevede per il prossimo anno un aumento delle entrate di bilancio a circa 13.000 miliardi di dollari di spese, mentre le entrate derivanti dalle esportazioni di beni dovrebbero raggiungere i 46,3 miliardi di dollari nel 2023, rispetto ai 44,4 miliardi di dollari delle previsioni del progetto 2022. Secondo il disegno, i ricavi dovrebbero registrare un “lieve aumento” a 46,4 miliardi di dollari nel 2024 e a 45,8 miliardi di dollari nel 2025. [CN]
  • Tunisia Free

    Olio d’oliva al primo posto delle esportazioni...

    TUNISIA - Mentre la campagna di marketing 2021/2022 per il settore olivicolo volge al termine, è tempo di bilanci in Tunisia, dove le spedizioni di olio d’oliva per il periodo preso in considerazione hanno generato 2,2 miliardi di dinari (707 milioni di dollari) di entrate, secondo i dati diffusi dall’Osservatorio nazionale dell’agricoltura (Onagri) nel suo Bollettino informativo. Un risultato che testimonia un aumento del 35,4% rispetto agli introiti ottenuti durante la campagna precedente nonostante un calo del 2,5% registrato in termini di volumi di spedizione passati a 206.000 tonnellate, contro le 211.000 tonnellate precedenti. La principale destinazione dell’olio d’oliva tunisino rimane l’Unione europea (Ue), che rappresenta oltre il 65% delle spedizioni in valore, seguita dagli Stati Uniti (17%) e dal Canada (7%). Per quanto riguarda la campagna di commercializzazione 2022/2023, iniziata il 30 ottobre, il prezzo massimo di vendita per chilogrammo di olive è stato di 3,3 dinari ($ 1,04), ovvero il 65% in più rispetto alla tariffa di 2 dinari applicata nel 2021/2022, il che dovrebbe compensare il previsto calo del livello del raccolto, dovuto alla mancanza di precipitazioni e alle ondate di caldo osservate nelle principali aree di coltivazione. Il National Oil Office (Onh) stima inoltre che la produzione di olio d’oliva dovrebbe diminuire del 16% a sole 200.000 tonnellate nel 2022/2023. In Tunisia, il settore olivicolo è il principale contribuente ai proventi delle esportazioni agricole.  [CN]
  • Egitto Free

    Accordo per sviluppo tecnologie satellitari

    EGITTO - La National Communications Services Company, affiliata alla National Service Projects Organization delle forze armate egiziane, ha firmato un accordo di cooperazione congiunta con la società egiziana per Nilesat per sviluppare ulteriormente la tecnologia satellitare. L’accordo mira a rafforzare la cooperazione nel campo della fornitura di servizi Internet via satellite a banda larga, scrive Egypt Today. Il capo dell’Autorità per gli armamenti delle forze armate egiziane, Kamal Wafaa Mohamed, ha spiegato che l’accordo mira a unire gli sforzi di tutte le parti interessate per tenere il passo con i successivi sviluppi nel campo dei servizi Internet. Il capo di Nilesat, Ahmed Anis, ha spiegato che il contratto di cooperazione punta a sviluppare il sistema di protezione dei servizi Internet, nonché la loro integrazione, con le ultime novità nel campo. Il presidente del consiglio di amministrazione della società nazionale di servizi di comunicazione Abdel-Hamid Mostafa, ha indicato che questo accordo avrà un impatto positivo nella fornitura di servizi Internet di alta qualità da parte delle due società. [TM]