Libia

Piovono critiche per accordo di esplorazione con Turchia

Accesso Completo, Africa Nord, Libia LIBIA - Non si fermano le accuse all’accordo preliminare siglato lunedì tra Libia e Turchia sulla ricerca di idrocarburi sul suolo libico e nella zona economica esclusiva marittima (Zee) del Paese. Il memorandum era stato criticato ieri internamente al Paese dal presidente del parlamento libico Aguila Saleh e da Fathi Bashagha, primo ministro del governo rivale a quello di unità nazionale con sede a Tripoli, guidato da Abdel Hamid Dbeibah. Queste critiche vertevano sul fatto che secondo le istituzioni dell’est del Paese il governo Dbeibah, sostenuto dalle Nazioni Unite ma che ha fallito nel portare la Libia al voto a dicembre 2021, non avesse più la legittimità per firmare questo tipo di accordi internazionali. Saleh ha definito l’accordo “illegale e inaccettabile”, mentre l’ex ministro degli interni Bashagha ha minacciato di ricorrere ai tribunali per annullarlo. Le condanne all’accordo sono arrivate però anche dai partner internazionali, e riguardano in particolar modo l’esplorazione marittima degli idrocarburi. L’Unione Europea ha lanciato l’allarme, sostenendo che l’accordo appena firmato tra Tripoli e Ankara potrebbe “potenzialmente minare la stabilità regionale”. La partnership si basa sul memorandum d’intesa Turchia-Libia del 2019 che definisce le aree di giurisdizione marittima nel Mediterraneo e che era già stato denunciato da Grecia ed Egitto. L’accordo sugli idrocarburi “richiede ulteriori chiarimenti poiché si basa su un memorandum in contrasto con il diritto del mare e che viola i diritti di Stati terzi” ha affermato il portavoce dell’Ue per gli affari esteri, Peter Stano, in un comunicato. Queste azioni “potrebbero minare la stabilità regionale e dovrebbero essere evitate” ha aggiunto. Allo stesso modo, la Grecia, che ha avuto una lunga disputa con la Turchia sui confini marittimi, si è opposta all’accordo. Il ministro degli Esteri greco Nikos Dendias ha detto di aver parlato con il suo omologo in Egitto, Sameh Shoukry, e che “entrambi hanno contestato la legittimità” dell’accordo. Dendias ha detto che visiterà il Cairo domenica per “consultazioni” sulla questione. Ankara sta cercando di “fabbricare una realtà attorno a qualcosa di illegale” e “ignora il contesto internazionale”, ha aggiunto oggi il portavoce del governo greco Giannis Oikonomou parlando con l’emittente statale greca Ert. “Il nostro Paese reagirà come ha diritto in base al diritto internazionale”, ha detto. “Ciò che la Turchia sta cercando di fare viola i diritti sovrani anche di altri Paesi e non sarà certamente approvato dalla comunità internazionale. Non sarà consentito dal nostro Paese, né dai nostri alleati”, ha detto Oikonomou. Le relazioni tra la Grecia e la Turchia sono ai minimi da anni, con la Turchia che lancia velate minacce di invadere le isole greche del Mar Egeo, e i diritti di esplorazione sottomarina di gas e petrolio sono una parte fondamentale della controversia. [TM]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Via libera a Ita per aumentare numero voli

    ALGERIA - Ita Airways ha ottenuto il via libera dalle autorità algerine per aumentare il numero dei suoi voli da e per l’Algeria. La compagnia italiana potrà così operare un volo giornaliero in più dal 19 dicembre. Il numero di voli da e per l’Algeria passerà da 6 a 7 voli giornalieri. “Il settimo volo della compagnia sarà operativo dal 19 dicembre dall’aeroporto di Roma Fiumicino all’aeroporto di Algeri Houari Boumediene”, ha dichiarato il direttore dell’ufficio della compagnia italiana in Algeria, in una nota inviata ai media. Secondo il rappresentante della compagnia italiana in Algeria, l’aggiunta di un nuovo volo “porterà i viaggiatori algerini verso varie destinazioni mondiali, attraverso l’aeroporto di Roma, compresi gli Stati Uniti, il Giappone e persino l’India e presto le Maldive”. [GT]
  • Algeria Free

    Via libera per tram e funivia nella città di Bejaia

    ALGERIA - Fermi a causa della crisi finanziaria che ha colpito il Paese tra il 2014 e il 2021, sono stati nuovamente rilanciati i progetti per dotare la città di Bejaia, in Algeria, di un tram e di una funivia. La notizia è stata annunciata dal direttore generale della Società metropolitana di Algeri Arezki Ali sulla radio nazionale. Precisando i dettagli del progetto, ha spiegato che la città di Bejaia avrà il suo tram e la sua funivia. La realizzazione di questi due mezzi di trasporto rientra nei progetti futuri della società metropolitana di Algeri. Gli studi di fattibilità sono pronti, rassicura Arezki Ali che ha precisato che la funivia di Bejaia avrà una vocazione turistica. ”Abbiamo fatto uno studio di fattibilità per la realizzazione del trasporto in gondola a Bejaia per uso turistico”, ha detto. Per la cronaca questi due progetti fanno parte della strategia dello Stato per sviluppare il trasporto pubblico. [GT]
  • Marocco Free

    Lekela Power investe nel Paese

    MAROCCO - La società olandese di energia rinnovabile focalizzata sull’Africa, Lekela Power, ha annunciato la sua intenzione di entrare nel crescente mercato dell’energia pulita del Marocco, nell’ambito della più ampia strategia di espansione africana. “La scelta di mercato è in gran parte attribuita alle significative opportunità presenti nel panorama delle energie rinnovabili del Marocco”, Paese che offre abbondanti risorse solari ed eoliche che gettano le basi per una robusta crescita nei settori dell’energia verde e dell’idrogeno verde. Il potenziale di risorse rinnovabili del Paese offrono all’azienda “l’opportunità di raggiungere l’obiettivo di triplicare le dimensioni della sua attività nei prossimi tre o quattro anni, contribuendo allo stesso tempo a l’agenda di sviluppo più ampia del Marocco. L’idea di entrare nel mercato segue la recente acquisizione di Lekela Power da parte del gruppo egiziano Infinity e della società nigeriana Africa Finance Corporation. [CC]
  • Egitto Free

    Presidente inaugura prima fase smart city New Mansoura

    EGITTO - Il presidente egiziano Abdel-Fattah El-Sisi ha partecipato all’inaugurazione della prima fase della smart city New Mansoura, situata sul Mar Mediterraneo, che dovrebbe ospitare oltre 1,5 milioni di persone. La realizzazione della nuova città di Mansoura avverrà in quattro fasi, ma la prima fase riguarda circa il 40% dell’area totale e comprende circa 15.000 unità abitative, oltre a progetti abitativi e a un impianto di desalinizzazione. Il portavoce della presidenza, Bassam Rady, ha ricordato in un comunicato che  la costruzione della città rientra in un progetto nazionale di realizzazione di smart cities, ed è considerata una delle arterie di sviluppo sulla costa settentrionale dell’Egitto. [SS]
  • AfricaEgittoKenyaMalawiMozambicoNamibiaTanzaniaZambia Free

    Sette Paesi nella prima piattaforma Nature, People and...

    AFRICA - Egitto, Kenya, Zambia, Malawi, Mozambico, Namibia e Tanzania sono tra i nove Paesi che parteciperanno alla prima piattaforma Nature, People and Climate. Lo ha annunciato il Climate Investment Funds (CIF), precisando che su 55 candidature, anche la Repubblica Dominicana e le Fiji sono state selezionate nel programma, che beneficerà di 350 milioni di dollari in finanziamenti e altro supporto per soluzioni basate sulla natura. “Estendo la nostra gratitudine all'Italia, al Regno Unito e alla Svezia per l'incredibile partnership. Congratulazioni a questi Paesi. Non vediamo l'ora di iniziare e questo è solo l'inizio. Sosterremo anche l'Etiopia, il Rwanda, la Namibia e il Brasile per la preparazione del piano di investimento, in previsione di ricevere ulteriori contributi", ha affermato l'amministratore delegato di The Funds, Mafalda Duarte. Nei nove Paesi suddetti, la piattaforma Nature, People and Climate implementa soluzioni basate sulla natura che riconoscano i collegamenti tra l'uso del suolo, la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici e il miglioramento delle fonti di sostentamento delle comunità rurali e delle popolazioni indigene. Copre l'agricoltura sostenibile, l'approvvigionamento alimentare, le foreste, i sistemi costieri resilienti e gli sforzi per responsabilizzare le popolazioni indigene e le comunità locali. Come passo successivo, i Paesi partecipanti svilupperanno piani di investimento in collaborazione con una serie di banche multilaterali di sviluppo partner. La piattaforma collabora anche con le banche di sviluppo multilaterali per ridurre i rischi e ridimensionare gli investimenti sulla base di un approccio a livello di sistema piuttosto che a livello di progetto.  Secondo il  Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, gli investimenti annuali in soluzioni rispettose dell’ambiente delle sole nazioni del G20 devono aumentare di ulteriori 165 miliardi di dollari all'anno - un aumento del 140% rispetto ai livelli esistenti - per raggiungere la biodiversità, il ripristino del territorio e gli obiettivi climatici entro il 2050. [CN]  
  • LibiaTunisia Free

    Tripoli salderà debiti e allargherà il partenariato

    TUNISIA - Il capo del governo libico di unità nazionale, Abdul Hamid Dbeibah, ha dichiarato che il suo Paese intende saldare i debiti insoluti con la Tunisia questo mese, oltre a unificare il valico doganale di confine tra i due Paesi. Lo ha fatto durante l’incontro a Tunisi con il capo dell’Unione tunisina dell’industria, del commercio e dell’artigianato (Utica), Samir Majoul, e membri del sindacato. “Il governo libico pagherà alla Tunisia un debito di 250 milioni di dollari entro la fine di quest’anno, e l’importo è legato ai debiti medici per i pazienti libici e alle quote per l’elettricità”, ha detto Dbeibah. Gli ospedali tunisini hanno accolto libici feriti durante le guerre che la Libia ha visto negli ultimi anni. La Libia ha inoltre collegato la propria rete elettrica nell’ovest del Paese con la Tunisia per compensare la carenza di produzione dovuta ai danni alle torri di trasmissione elettrica. Il capo del governo ha aggiunto che i funzionari doganali in Libia e Tunisia hanno concordato di unificare il passaggio  al valico di frontiera di Ras Ajdir e, nel prossimo periodo, verranno lanciati progetti per svilupparlo. Mercoledì Dbeibah e la sua omologa tunisina, Najila Bouden, hanno curato la firma di un accordo che prevede l’aumento del numero di voli tra Libia e Tunisia, il collegamento degli aeroporti libici e tunisini e l’avvio di una linea marittima tra i due Paesi. Dbeibah ha iniziato mercoledì una visita in Tunisia insieme a una delegazione della Banca centrale della Libia, dell’Ufficio di controllo, del vice primo ministro Adel Jumaa e di molti altri ministri e capi delle agenzie di sicurezza e di servizio. Dbeibah ha incontrato il presidente tunisino Kais Saied al Palazzo di Cartagine. I due hanno concordato di aprire completamente la porta alla cooperazione e affrontare eventuali problemi  nell’ambito dello “storico partenariato” tra i due Paesi vicini, secondo una dichiarazione rilasciata mercoledì dalla Presidenza del Governo libico di unità nazionale. [CC]